NOTIZIE FLASH:

di Andrea Loiacono

 

Il Taranto assapora per la prima volta in questo precampionato il sapore della sconfitta. I ragazzi allenati da mister Francesco Cozza hanno affrontato nel pomeriggio allo stadio Giovanni Paolo II di Nardò la formazione salentina allenata dall'ex calciatore e allenatore in seconda della Virtus Francavilla Roberto Taurino. Nel complesso, non si è trattato di una prestazione entusiasmante per gli ionici i quali hanno messo in mostra una manovra più macchinosa rispetto ai precedenti incontri amichevoli disputati contro Avellino e Fermana su tutte. Positiva nel complesso la prestazione della retroguardia ionica, falcidiata da tre assenze importanti come quelle di Scoppetta, Miale e Corso. In chiaroscuro la prestazione di bomber Pera e di tutto il tridente offensivo.

 

A fine gara, a parlare in sala stampa sono solo i tesserati della formazione granata. Il primo ad esprimere la sua soddisfazione è proprio il tecnico Taurino: “Questa è una squadra che lavora da poco tempo insieme. Speravo di assistere ad una prestazione simile da parte dei miei calciatori e sono stato accontentato. Devo fare un plauso alla squadra per come abbiamo attaccato gli spazi mettendo in atto il desiderio di raggiungere la via della rete.” Il tecnico loda dunque l'abnegazione ma ci tiene a tenere alta la concentrazione: “Si è trattato di una partita più che positiva, è vero, ma questo non deve essere un punto di arrivo bensì di partenza. Questo risultato, ottenuto contro un Taranto molto competitivo, dovrà darci la giusta carica per l'inizio del campionato.”

 

Artefice indiscusso del passaggio del turno per la sua squadra è stato senza dubbio l'estremo difensore Alessanro Mirarco, il quale proprio con la maglia rossoblù ha collezionato 30 presenze in serie D nella stagione 2014-2015: “Pur essendo cambiate molte cose da quando ho giocato in riva allo Ionio, affrontare il Taranto trasmette sempre un'emozione particolare. Per quanto riguarda i rigori, in quel momento stavo solo pensando a passare il turno. Per noi è importante iniziare la stagione con un'iniezione di fiducia.”

 

La concorrenza non preoccupa Mirarco il quale esalta le qualità del gruppo: “Siamo una rosa ampia che concorre per un obiettivo. Il reparto dei portieri è composto da compagni validi e desiderosi di far bene. Io sono a disposizione dell'allenatore. Spetterà poi allo staff tecnico decidere chi scenderà in campo.”

 

Migliore in campo dei suoi è stato l'esterno Alessandro Caporale. L'esterno classe '88 si presenta ai microfoni di Canale 85 con la gioia stampata sul volto: “Il mister mi ha chiesto di giocare con naturalezza. La difesa a tre la prediligo poiché posso spingere in avanti senza il timore di perdere palla e rimanere scoperti. Siamo partiti bene con questa vittoria, adesso speriamo di continuare su questa strada. Questo successo lo dedichiamo ai nostri sostenitori. Credo che se seguiremo le indicazioni del mister potremo toglierci delle belle soddisfazioni.”

 

di Andrea Loiacono

Termina con un netto successo ai danni del Cannara, formazione umbra militante nel girone B di Promozione, il ritiro del Taranto, dopo la vittoria per 1-0 contro l’Avellino e il pari ottenuto con la Fermana e la Trestina. Ad una prima frazione, nel corso della quale il divario di categoria non è parso così evidente, ha fatto seguito un secondo tempo in cui il Taranto ha confermato i progressi messi in mostra nelle precedenti apparizioni. Alla fine il risultato è un 6-0 tennistico con l’under ’98 Tandara autore di una tripletta.

Passiamo alla cronaca. I rossoblù sono scesi in campo con: Pellegrino; Cacciola, Scoppetta, D’Aiello, Pantò; Di Lollo, Corso, Pellegrini; Aleksic, Ancora, Pera.

Il primo quarto d’ora scorre via senza particolari sussulti, con le due compagini impegnate a fronteggiare il gran caldo che in questi giorni sta attanagliando tutta l’Italia.

Al 18’ D’Aiello è bravo ad anticipare un attaccante del Cannara sventando la minaccia per la difesa rossoblù.

Il Taranto replica subito con Corso il quale al 21’ prova la conclusione dalla distanza ma il suo tiro è murato. Mister Cozza dalla panchina incita i suoi ragazzi e Di Lollo con un lancio serve Ancora che calcia di prima intenzione ma la conclusione dell’ex Nardò termina a lato.

Al 30’ Aleksic e Pantò lasciano il terreno di gioco, al loro posto entrano Miale e Giorgio.

Il gioco si sviluppa maggiormente sugli esterni dove Cacciola mette in mostra una buona corsa e tanta grinta. Il terzino siciliano ex Sicula Leonzio impensierisce l’estremo difensore Battistelli con un tiro-cross.

Al 34’ il Taranto sblocca la gara. Corso trova Ancora con un passaggio preciso dalla metà campo; l’esterno rossoblù trafigge Battistelli per il vantaggio del Taranto.

Sempre Ancora, galvanizzato dalla rete, nell’azione seguente raccoglie una respinta della difesa umbra ma la sua conclusione di prima è imprecisa.

Al 40’ il primo acuto del Cannara. Di Giuseppe, il migliore dei suoi, scende sulla corsia destra e crossa al centro per La Cava che manca di un soffio l’impatto con la sfera.

Con il passare dei minuti la manovra degli ionici diventa più fluida. Pera e Ancora si scambiano rapidamente palla al limite dell’area avversaria ma vengono fermati proprio al momento della conclusione.

47’: Il Cannara nell’ultimo dei due minuti di recupero concessi si affaccia nuovamente dalla parti di Pellegrino. L’estremo difensore rossoblù però è bravo a neutralizzare un tiro del solito Di Giuseppe.

Termina il primo tempo con il risultato di 1-0 in favore del Taranto grazie alla rete messa a segno da Cristiano Ancora.

La ripresa  parte con gli ingressi di Giovannini e Tandara al posto di Pellegrini e Di Lollo. Nel Cannara Ricci prende il posto di Ceccarelli.

I cambi sono il preludio al raddoppio. Al 4’ Tandara raccoglie un cross dalle retrovie, fa la sponda di petto per Giovannini che insacca da due passi. Per l’ex Monticelli prima gioia in maglia rossoblù. Decisivo l’ingresso del giovane attaccante che qualche minuto più tardi serve una palla molto invitante ad Ancora, il quale dribbla un avversario e calcia in porta. Il portiere è bravo e gli nega il bis.

Il Cannara prova a scuotersi con un cambio. Al 16’ uno stremato Di Giuseppe lascia il posto a Belgiorno.

Al 20’ giunge il tris del Taranto. Ancora si inserisce nello spazio e scambia con Pera che brucia sul tempo la difesa del Cannara e, dopo una prima conclusione sul palo, ribadisce in rete. Dopo questa azione, Ancora lascia il posto a Savanarola. Mister Cozza inserisce anche Boccadamo al posto di un ottimo Corso e il portiere Oliva per Pellegrino.

Al 35’ i ragazzi di Cozza calano il poker. Ancora una volta è Tandara che finalizza un bella iniziativa personale di Boccadamo.

A questo punto la partita ha poco altro da dire ma il Taranto non sembra sazio e al 37’ arriva la quinta rete. Savanarola assiste in profondità un super Tandara che scavalca il portiere con un pallonetto preciso.

Il match si conclude con il classe ’98 rumeno ancora sugli scudi. Questa volta a fornirgli la palla per la personale tripletta è Manuel Pera. L’ex punta del Vultur Rionero fissa così il risultato sul 6-0 finale.

Al termine dell’incontro mister Cozza parla del ritiro e dell’ultima gara disputata con soddisfazione: “Non so quanto questa amichevole si possa definire sperimentale. Sicuramente ho fatto qualche cambio, provando delle soluzioni come quella di Giorgio nel tridente offensivo e di Lorefice dietro. Direi che i primi dieci minuti sono stati di ottimo livello da parte nostra. Poi a cavallo del trentesimo ho dovuto fare qualche cambio e i ragazzi hanno risposto come volevo. Pur trattandosi di amichevoli, è importante non prendere reti anche in questi test. In più miglioriamo di giorno in giorno la condizione e questo non è un aspetto secondario.” L’ex calciatore della Reggina fissa l’obiettivo in vista dell’inizio del campionato: “Dobbiamo avere la voglia di vincere ed essere consapevoli di giocare per questo.”

Alfiere della retroguardia nello scacchiere che mister Cozza ha in mente è sicuramente Rocco D’Aiello, esperto difensore ex Bisceglie: “Con questa amichevole concludiamo il nostro ritiro. Stiamo lavorando insieme ormai da una ventina di giorni, ma la sintonia è già da squadra rodata. Credo che la presenza di tanti giocatori di qualità agevoli la coesione del gruppo. In più abbiamo un allenatore che fa la differenza. A proposito dei miei compagni, posso dire che in difesa siamo almeno in quattro a poterci scambiare le posizioni, con dei centrali difensivi forti per la categoria. In più,  mi ha sorpreso la qualità e la personalità di alcuni giovani. Siamo consapevoli che nulla è stato ancora fatto e che ci sarà molto da lavorare ma lavorando con tranquillità ci toglieremo tante soddisfazioni.”

Foto Giorgia Cannella 

Venerdì, 04 Agosto 2017 06:29

ILVA TARANTO/ INCONTRO IN REGIONE

Scritto da

PER CGIL E FIOM  necessario allargare il tavolo di confronto.

 All’indomani dell’incontro svoltosi presso la Regione Puglia ieri 2 agosto 2017, tra il presidente Michele Emiliano, l’assessore alle attività produttive Michele Mazzarano,  il presidente della task force per l’occupazione, Leo Caroli e le segreterie di Fiom CGIL e CGIL Taranto, i rispettivi segretari generali Giuseppe Romano e Paolo Peluso condividono la proposta di istituire un tavolo permanente presso la Regione Puglia. Esso si dovrà occupare prioritariamente del monitoraggio ambientale e sanitario, della tenuta del piano industriale, a seguito dell’acquisizione dello stabilimento ILVA da parte di AM INVEST CO. Per questo, sarebbe opportuno che il suddetto tavolo permanente veda la presenza dei livelli di rappresentanza istituzionale della Regione Puglia, delle Organizzazioni Sindacali, dei sindaci delle città appartenenti all’area di crisi complessa, interessate dalle bonifiche da inquinamento industriale.Inoltre, secondo Romano e Peluso, il confronto deve essere aperto anche alla società multinazionale di AM INVEST CO, per le responsabilità della stessa riguardo il risanamento ambientale dell’ILVA e degli interventi di innovazione tecnologica da applicare agli impianti finalizzati ad una corretta ambientalizzazione della fabbrica e al pieno rispetto delle prescrizioni ambientali della nuova AIA.Si rende necessaria l’attività del tavolo regionale, considerate le competenze e le responsabilità in capo alle istituzioni locali, soprattutto sulle questioni sanitarie e ambientali con il pieno coinvolgimento degli enti preposti alla monitoraggio e alle attività ispettive.  

Di Andrea Loiacono

 

Finisce 1-1 la sfida amichevole tra Taranto e Trestina, formazione che prenderà parte al prossimo campionato di Lnd. Dopo il pari a rete inviolate di ieri ottenuto contro la Fermana, arriva un altro pareggio per la truppa di Mister Cozza. In verità, il verdetto del campo sta molto stretto agli ionici i quali hanno espresso trame di gioco gradevoli e creato almeno sette occasioni nitide da rete. Sull'economia del risultato pesa un calcio di rigore fallito da bomber Pera che gli ha impedito di siglare la sua personale doppietta.

 

Andiamo per ordine. Il tecnico calabrese schiera un 4-3-3 offensivo con Spataro; Miale, D'Aiello, Scoppetta, Cacciola; Corso, Pellegrini, Crucitti; Tandara, Pera, Palumbo.

 

Partono subito forte i calciatori con la casacca rosoblù. Al 3' Pera riceve palla in area in area di rigore e calcia a botta sicura ma l'estremo difensore bianconero è bravo a respingere.

 

Al 6' Crucitti, sempre vivo al centro dell'azione, serve Tandara ma il tentativo di quest'ultimo viene deviato da un difensore del Trestina.

 

La gara scorre a buoni ritmi sino al 13', quando la Trestina si affaccia per la prima volta in avanti con un calcio d'angolo battuto che viene smanacciato alto dall'estremo difensore rossoblù Spataro.

 

A ridosso del 19' il Taranto colleziona due importanti occasioni da gol con Tandara che si fa respingere una conclusione ravvicinata; nelle immediate vicinanze si trova Pera che non riesce però a trovare il gol.

 

Al 21' è Crucitti questa volta a salire in cattedra, il quale servito alla perfezione da un cross proveniente dalla destra calcio di poco a lato.

 

Al 35' episodio dubbio in area di rigore del Trestina; l'arbitro non concede un rigore per un presunto fallo su Palumbo.

 

Buona l'intesa tra Palumbo e Crucitti con quest'ultimo che al 42', dopo aver ricevuto la sfera dal suo compagno, calcia alto sulla traversa della porta difesa da Cosimetti.

 

La seconda frazione di gioco comincia con gli ingressi di Boccadamo, Aleksic e Ancora.

 

Al 5' il match si sblocca grazie ad un penalty trasformato da Manuel Pera che, dopo la rete messa a segno nella prima amichevole contro l'Avellino, porta così a due il suo bottino di marcature in precampionato.

 

La Trestina però non ci sta e capitalizza al meglio una delle poche occasioni create, grazie a un gran tiro dalla lunga distanza scagliato dall'ex di turno Angelo Chiavazzo, lo scorso anno nelle fila della Vibonese.

 

I bianconeri prendono coraggio e cercano di ribaltare il risultato con una conclusione dal limite dell'area, neutralizzata da Spataro.

 

Il Taranto riprova con una combinazione dalla sinistra con Ancora che crossa al centro e trova pronto Giovannini, ma il colpo di testa di quest'ultimo è respinto da Garbinesi.

 

 

Al 34' Salis, il più pericoloso dei suoi, crossa al centro ma Cacciola compie un prodigioso intervento di chiusura sull'attaccante avversario pronto a concludere a rete.

 

Il Taranto avrebbe la possibilità di raddoppiare, nuovamente dal dischetto del rigore concesso per atterramento di Giovannini, ma Pera, capitano di giornata, si fa neutralizzare la conclusione potente ma poco precisa da un super Garbinesi.

 

I rossoblù tuttavia cercano ad ogni costo la vittoria con una percussione centrale di Corso che calcia di un soffio fuori.

 

Nel secondo minuto di recupero Giovannini si attarda in un dribbling di troppo vanificando l'ultima occasione per portare a casa l'intera posta in palio.

 

Queste le dichiarazioni nel post gara del mister rossoblù Francesco Cozza: “Penso che la stanchezza accumulata nella partita di ieri si sia fatta sentire. Nonostante questo, abbiamo avuto tantissime occasioni per andare a rete. Abbiamo subito una rete in uno dei pochi tiri verso la nostra porta. Nelle partite di agosto questo può capitare, pazienza.” L'ex trainer della Sicula Leonzio è comunque soddisfatto per l'obiettivo prefissato della crescita della sua squadra: “Il nostro intento è quello di giungere alla conclusione il prima possibile. Dispiace non aver vinto oggi ma abbiamo espresso una buona brillantezza nei movimenti. Continueremo a lavora per diventare ancora più concreti.”

 

Protagonista in positivo dell'amichevole disputata a Città di Castello è stato Gabriele Cacciolla, classe '98 proveniente dalla Sicula Leonzio. Queste le dichiarazioni a caldo dell'esterno difensivo raccolte dai colleghi di Canale 85: “Fisicamente sto bene, in ritiro ci alleniamo con intensità. Per quel che concerne la conoscenza e l'integrazione con i compagni è più che positiva; in questo ci sono molto utili le indicazioni del mister.” A proposito di miglioramenti da apportare, il calciatore siciliano sottolinea: “Ogni allenamento è utile per migliorare e poter fare meglio nelle prossime gare. Questa sera in un paio di circostanze ho sventato delle minacce per la mia difesa, è un movimento sui cui mi applico spesso. L'aiuto reciproco per una squadra totalmente nuova come la nostra è determinante.”

Foto Giorgia Cannella 

di Andrea Loiacono

 

Seconda amichevole di spessore per il Taranto che, dopo aver vinto domenica scorsa contro l'Avellino per 1-0, ha impattato a reti inviolate contro la Fermana, formazione gialloblù marchigiana neo promossa nel campionato di Lega Pro. Il risultato finale soddisfa il tecnico dei rossoblù Francesco Cozza, il quale ai microfoni di “Canale 85” ha dichiarato: “Dispiace non aver vinto la partita, soprattutto in virtù delle tante occasioni create nel secondo tempo che non siamo riusciti a concretizzare. Tuttavia dobbiamo tener presente che non è facile affrontare delle amichevoli in questa fase della preparazione e con tanti test ravvicinati.

 

L'ex trainer della Sicula Leonzio sottolinea i meriti della difesa, il reparto che ha maggiormente destato impressione in queste prime due uscite dei rossoblù: “È vero la difesa si è ben comportata ma è stata sostenuta da tutta la squadra, attaccanti in primis. Se la linea avanzata gioca alta, di conseguenza i difensori vengono messi meno in difficoltà.”

 

Infine il tecnico individua i margini di miglioramento futuri: “Attualmente non siamo ancora al sessanta per cento della condizione e questa, con il tempo, andrà sempre più migliorando. In più, quanto prima recupereremo anche Lorefice e Savanarola. Il gruppo è serio e unito. Ora non ci resta che mettere il maggior numero di minutaggio nelle gambe in vista dell'inizio del campionato.”

 

Dello stesso avviso, in merito all'amichevole con la Fermana e sul prosieguo della preparazione in quel di Assisi, è il Dg Luigi Volume: “Anche oggi abbiamo fatto un buona gara, potevamo concretizzare meglio le 5-6 occasioni che ci sono capitate nel secondo temp, ma piano piano stiamo crescendo e questo è molto importante. Siamo partiti prima in ritiro proprio perché il 3 settembre dobbiamo arrivare in una condizione migliore di quella delle altre squadre. Abbiamo un dovere nei confronti della tifoseria, la quale è libera di sottoscrivere o meno l'abbonamento. Ringrazio quelli che sino ad ora hanno sottoscritto circa 450 tessere; speriamo di portare, grazie ai risultati, quanta più gente possibile allo stadio.”

Foto di Ninni Cannella 

Prima apparizione stagionale e prima vittoria per il nuovo Taranto in vista del prossimo campionato.  I rossoblù, allenati da mister Francesco Cozza, hanno affrontato al centro sportivo Magrelli Active di Cascia la formazione biancoverde dell'Avellino, che militerà nel prossimo campionato di serie B.  Gli ionici hanno così inaugurato un ciclo di amichevoli che li vedranno opposti nei prossimi giorni al Trestina e al Cannara.

 

Mister Cozza ha schierato i suoi ragazzi con il 4-3-3: Spataro; Cacciola, Scoppetta, D'Aiello, Milizia; Pellegrini, Corso, Crucitti; Ancora, Pera e Aleksic. Ottimo l'approccio alla gara dei rossoblù con Ancora subito protagonista. Al 12' proprio dai piedi dell'ex calciatore di Nardò e Brindisi è giunta la prima occasione da rete ma la sua conclusione è  bloccata a terra dal portiere Radu. Tre minuti dopo Corso, anche lui tra i migliori, prova a impensierire l'estremo difensore campano senza riuscirvi. Il Taranto, nonostante il caldo torrido e una preparazione non ottimale, cerca spesso la triangolazione e per poco non trova quella vincente, con Crucitti e Pera che si scambiano la sfera. L'ex bomber della Lucchese riceve la sfera e conclude, ma solo una deviazione del buon Radu gli nega la gioia del gol. Rete che non tarda ad arrivare; sugli sviluppi del calcio d'angolo susseguente è proprio Pera a incornare la sfera per il vantaggio degli ionici.

 

L'Avellino accusa il colpo ma prova subito a reagire. Ardemagni, terminale offensivo dell'Avellino, ci prova dal limite dell'area ma il suo tiro è debole e viene bloccato senza difficoltà da Spataro.

 

La ripresa comincia con l'ingresso di Miale al posto di D'Aiello; dopo 10' tocca all'ultimo arrivato Palumbo prendere il posto di Ancora. L'Avellino appare più convinto e si rende pericoloso con Kamarà ma il tiro non impensierisce Spataro.

 

Proseguono i cambi nelle fila del Taranto con gli ingressi di Milizia e Pantò per Pellegrini e Cacciola.

 

Al 21' secondo corner per l'Avellino che intensifica il pressing soprattutto con Luigi Castaldo, prima  punta esperta a disposizione di mister Novellino. È proprio Castaldo a colpire di testa sugli sviluppi di un traversone proveniente dalla destra. L'estremo difensore Spataro però è bravo a bloccare in presa alta.

 

Al 27' esce Manuel Pera, autore del gol, e al suo posto entra Tandara. I minuti finali sono caratterizzati da una supremazia territoriale dei “lupi” biancoverdi. Castaldo sfiora la rete del pareggio con un tiro debole ben parato; la sfera termina fuori. Nel quarto dei cinque minuti di recupero concessi dal direttore di gara arriva l'occasione più ghiotta per i campani, ma il tiro del solito Castaldo termina di pochissimo a lato.


Il Taranto porta a casa un risultato che, seppur non valga per i tre punti, certifica già una discreta intesa nella manovra e nella voglia di imporre il proprio gioco, così come richiesto dal proprio allenatore. Prossimo appuntamento per gli ionici l'amichevole in programma il 2 agosto allo stadio  Bernicchi di Città di Castello contro la formazione del Trestina. 

(foto di Ninni Cannella) 

Il calendario di appuntamenti della rassegna Magna Grecia Awards Fest parte con Serena Dandini che presenterà "Avremo sempre Parigi" (Rizzoli), domenica 23 luglio alle ore 20.30 presso il Palazzo Catalano di Castellaneta (TA). 

Il cartellone di appuntamenti è itinerante e toccherà le città di Castellaneta, Laterza, Massafra, Campomarino e Martina Franca.

Il “Magna Grecia Awards Fest” nasce dall’esperienza del prestigioso premio “Magna Grecia Awards”, giunto alla ventesima edizione, ideato, fondato e condotto da Fabio Salvatore.

Protagonista della rassegna la narrazione che dalla vita rinvia alla letteratura per indagare e condividere esperienze. Da domenica 23 luglio a giovedì 3 agosto 2017, personaggi autorevoli, diversi per ambiti di competenza e vissuto, coinvolgeranno il pubblico con storie di attualità e testimonianze di vita. Rispetto della legalità, amore per la giustizia, tutela della dignità; questi alcuni dei temi affrontati dal Fest.

Gli ospiti della manifestazione hanno scelto la strada dell’impegno civile mettendosi al servizio della verità, in alcuni casi, pagando quotidianamente il prezzo della loro libertà.

 

Il 25 luglioMagdi Cristiano Allamdialogherà sul suo ultimo libro "Io e Oriana", alle ore 21.00 presso l'Albatros Club di Castellaneta Marina

 

Il 28 luglio alle ore 20.30 presso laMasseria "La Brunetta" di MassafraMaria Antonietta Spadorcia, giornalista  del Tg2, presenta il  suo libro "Di Corsa e di Carriera" con l'On.le Nunzia De Girolamo e l'On.le Pino Pisicchio

 

Il 29 luglio alle ore 21.00 presso il Tayga Beach di CampomarinoChiara Francinipresenterà "Non parlare con la bocca piena" (Rizzoli).

 

Il 30 luglio alle ore 21.00 presso l'Albatros Club di Castellaneta Marina, sarà la volta del giornalista Antonio Caprarica con il suo nuovissimo libro "L'ultima estate di Diana" (Sperling&Kupfer). 

 

Il 31 luglio alle ore 19.30 presso il Centro OSMAIRM di Laterza, la campionessa paralimpica Nicole Orlando presenterà il suo "Vietato dire non ce la faccio" (Piemme).

 

Il 01 Agosto alle ore 20.30 presso il Palazzo Catalano di Castellaneta, spazio all'attualità con Gianluigi Paragone che presenterà "Gangbank" (Piemme). 

 

Il  02 Agosto alle ore 20.30 a Massafra in Piazza Pio XI, protagonista Annalisa Minetti con il suo "Io rinasco” (Edizioni Sanpaolo).

 

La V edizione del Magna Grecia Awards Fest si concluderà con un incontro di impegno civile che si terrà il 03 Agosto alle ore 20.30 a Martina Franca presso il Villaggio Sant'Agostino: “Sotto Scorta”. Partecipano il giornalista Paolo Borrometi, il Presidente del Parco dei NebrodiGiuseppe Antoci e Don Antonio Coluccia. Don Antonio Coluccia, prete sotto scorta che ha trasformato la villa confiscata a un boss della Banda della Magliana in una casa di accoglienza riceverà il Premio Magna Grecia Awards "Eccellenza - Franco Salvatore", edizione speciale per i vent'anni del noto riconoscimento, già assegnato al Presidente del Senato Pietro Grasso

Al centro del dibattito, tre storie di resistenza, tre testimoni che, per la prima volta, condivideranno lo stesso palco.

Il Magna Grecia Awards #fest, è promossa dalla Provincia di Taranto, con il patrocinio dei Comuni di Castellaneta, Laterza e Martina Franca. 

di Pasquale Rizzi*

PALAGIANO - L’Associazione dei pazienti del reparto di oncologia dell’ospedale di Castellaneta (Ta), nell’ambito dei festeggiamenti per il suo decimo anno di attività (2007-2017), ha in programma per sabato 15 luglio presso l’oratorio della Chiesa di San Nicola di Palagiano (Ta), lo spettacolo musicale in omaggio a Domenico Modugno dal titolo: “Tra i pisci spada e i delfini… c’è il mare”. L’Associazione EchèoOnlus da ben dieci anni svolge il servizio di assistenza e di aiuto per i pazienti oncologici del nostro territorio. La scelta delle note di Domenico Modugno nell’accompagnarci in questa serata di buona musica e spettacolo, farà da cornice a quello che rappresenterà il momento più intenso ed emozionante.

Per l’occasione, infatti, l’Associazione Echèo premierà con due premi speciali ed unici, realizzati dall’artista Giovanni Carpignano, il Dottor Antonio Rinaldi, responsabile dell’Unità Operativa di Oncologia dell’ospedale di Castellaneta e il Dottor Salvatore Pisconti, responsabile dell’Unità Operativa di Oncologia dell’ospedale “G. Moscati” di Taranto e Direttore del Dipartimento di Oncoematologia dell’Asl di Taranto.

 

 

Due uomini e due professionisti che tanto si spendono per alleviare i disagi e le sofferenze dei pazienti oncologici del nostro territorio. Due medici di cui in tanti riconoscono le doti umane e professionali ma che per noi dell’Associazione Echèo hanno rappresentato in questi primi dieci anni lo stimolo e la voglia di intraprendere una strada difficile e tortuosa sapendo di aver sempre loro al nostro fianco e pronti a risollevarci nei momenti di sconforto. La serata ha finalità benefiche in quanto ciò che riusciremo a raccogliere sarà devoluto al finanziamento di importanti progetti in corso e da definire nell’ambito dell’aiuto concreto ai pazienti oncologici. L’Associazione Echèo, pertanto, invita tutti a venirci a trovare nella serata del 15 luglio per farci sentire il calore e l’affetto che sono l’anima e la ricompensa del nostro agire, oltre che “gustare” uno spettacolo bello, emozionante ed avvincente e vivere una serata con vero cuore.

*Presidente Associazione EchèoOnlus

Il DS Volume: Chiediamo alla tifoseria di starci vicino”

 

 

 

di Andrea Loiacono

 

La stagione 2017-2018 del Taranto ha preso ufficialmente il via con la presentazione alla stampa del DS Luigi Volume e del nuovo tecnico Francesco Cozza. Già al lavoro da un mese per allestire una compagine che possa far dimenticare ai tifosi l'amara retrocessione della scorsa stagione il Direttore Sportivo tarantino ha esordito ringraziando la società per l'occasione concessagli : “Quella rossoblù è la mia casa, in questi anni ho fatto esperienze in altre società ma non ho saputo resistere al richiamo della mia città, l'amore non passa mai. So che questo ruolo comporterà delle responsabilità ma sono sicuro che con l'apporto della società che non mi fa mancare nulla e il lavoro riusciremo a raggiungere i risultati.”

 

L'ex Direttore Generale del Foligno mantiene un profilo basso, preferendo non sbilanciarsi in merito all'esito della prossima stagione: “Stiamo facendo le cose per bene ma non prometto niente alla tifoseria, preferisco lavorare in silenzio. Per quanto riguarda la costruzione della squadra mi sto orientando verso calciatori che abbiano voglia di sudare la maglia fino all'ultimo ed onorare i colori del Taranto. Abbiamo scelto un tecnico che per la sua carriera di calciatore e di tecnico ha vinto molto ed è reduce da una promozione con la Sicula Leonzio. Spetterà poi al campo dire se questo mio lavoro meriti applausi o meno.”

 

Volume non nasconde la sua emozione per l'approdo al Taranto tanto agognato ed esorta la tifoseria a fare fronte comune : “Avere questa possibilità per me è qualcosa di unico. Si tratta di un bel trampolino di lancio nella squadra della quale sono il primo sostenitore. Alla tifoseria chiedo di starci vicino e fare quadrato di fronte alle difficoltà. Capisco le critiche e la delusione per la retrocessione ma noi stiamo facendo del nostro meglio per riportare il Taranto dove merita. Solo compattando l'ambiente potremo raggiungere gli obiettivi.”

 

La sua carriera è stata ricca di soddisfazioni sia da calciatore, con le maglie tra le altre di Reggina, Siena e Cagliari. L'ex centrocampista dal 2010 ha intrapreso la carriera da allenatore ottenendo due promozioni prima con il Catanzaro e per ultima quella storica ottenuta alla guida della Sicula Leonzio nella passata stagione.

 

Da subito prima scelta per la panchina del nuovo Taranto il tecnico di Cariati ha preso la parola subito dopo il DS Volume: “Ringrazio la società per avermi concesso la possibilità di allenare questa squadra prestigiosa e per aver dimostrato la volontà di ripartire subito. Stiamo costruendo assieme al Direttore Sportivo una squadra che possa lottare fino all'ultima giornata per vincere.”

 

Mister Cozza non vede l'ora di mettersi all'opera: “Conosco questa piazza e so quello che il pubblico si aspetta da noi. Da loro però allo stesso tempo mi aspetto sostegno, sopratutto nei momenti difficili. Questa sarà una squadra totalmente nuova che avrà bisogno di tempo per crescere e affinare i meccanismi di gioco.”

 

Su quella che dovrà essere la via da seguire per ricominciare dopo la retrocessione dello scorso anno, il tecnico non sembra avere dubbi : “La ricetta è senza dubbio quella della programmazione del lavoro con la società. Sono convinto che ci toglieremo delle belle soddisfazioni ma sia noi che l'ambiente dovremo essere bravi a gestire la pressione senza abbatterci. Quella del Taranto è una tifoseria da riconquistare. Starà a noi portare i tifosi dalla nostra parte con il gioco e i risultati.”

 

 

Determinazione, gioco offensivo e qualità dell'organico, dovranno essere questi i tratti distintivi del suo Taranto. Mister Cozza non ha dubbi: “Le mie squadre hanno sempre giocato un calcio offensivo. Di solito prediligo il 4-3-3 o i 3-4-3 nel tentativo di imporre la mia idea di gioco e fare quanti più gol possibili. Le mezze punte e gli attaccanti saranno quelli ai quali chiederò un maggiore sforzo; dovremo essere bravi a presidiare l'area di rigore avversaria e ripiegare in fase di non possesso. Per quanto concerne i calciatori under ci stiamo lavorando. I giocatori esperti come Miale, Aleksic, D'Aiello e Ancora andranno a sostenere i giovani promettenti che andremo a tesserare nei prossimi giorni.”

 

Il tecnico conclude con una chiosa sul ritiro estivo in preparazione al campionato : “Dal diciassette al ventisei luglio ci ritroveremo allo Iacovone per l'inizio della preparazione, mentre dal ventisette proseguiremo gli allenamenti nel ritiro di Assisi. Sono previste una serie di amichevoli nel corso delle quali avremo la possibilità di testare la nostra crescita.”

 

Intanto la società ha reso noti e presentato la maggior parte delle trattative concretizzatesi negli ultimi giorni: “Bojan Aleksic, Rocco D'Aiello, Eugenio Lorefice, Claudio Miale, Davide Corso, Salvatore Scoppetta, Cristiano Ancora, Manuel Pera e Lion Giovannini.” Sempre vivo l'interesse per Ciro Danucci e Alessio De Bode che potrebbero essere ufficializzati a breve.”

 

 

FORMARE PUGLIA organizza nelle sedi di BARI, FASANO (BR), CASTELLANETA (TA), MANDURIA (TA), un Corso di Formazione GRATUITO rivolto a DATORI DI LAVORO (di qualsiasi  SETTORE) di Piccole e Medie Imprese, Piccoli Imprenditori di cui all’art. 2083 del C.C. Lavoratori Autonomi, Altro (Associazioni, Fondazioni, ecc.) Max 18 partecipanti. Al termine del percorso formativo, della durata di 12 ore (3 Lezioni di 4 ore ciascuna da frequentare dalle ore 15.00 alle ore 19.00 nei giorni 27, 28 e 29 SETTEMBRE  2017), sarà rilasciato ATTESTATO DI FREQUENZA.

Per informazioni e adesioni telefonare allo 099 6614691 o 347 5322995 o inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.                                          

SCHEDA DI ADESIONE AVVISO PUBBLICO: SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

Il Sottoscritto ………………………………………………………………….nato a ……………….............................................(    ),

il ...../…./……, residente a……………………………………………………………………………………………………………………….(    ) via………………………………………………………………n………Tel/Cell………………………….mail………………………………………….

CF. ………………………………………………………………………..      PI. ………………………………………………...........................

in qualità di:

( )PMI ( )Piccolo Imprenditore ( )Lavoratore Autonomo ( ) Altro specificare……………

Chiede di partecipare alle attività formative rivolte ai “DATORE DI LAVORO” previste dall’Avviso pubblico “Sicurezza nei luoghi di lavoro”, nella sede di: 

(  ) Bari (BA) - Viale Einaudi, 66 -

27/09/2017 15:00 19:00

28/09/2017 15:00 19:00

29/09/2017 15:00 19:00

(  ) Fasano (BR) - via Carso, 1

27/09/2017 15:00 19:00

28/09/2017 15:00 19:00

29/09/2017 15:00 19:00

(  ) Castellaneta (TA) - via Spineto Montecamplo, 29

27/09/2017 15:00 19:00

28/09/2017 15:00 19:00

29/09/2017 15:00 19:00

(  ) Manduria (TA) - VIALE PAOLO BORSELLINO 20

27/09/2017 15:00 19:00

28/09/2017 15:00 19:00

29/09/2017 15:00 19:00

 

 

Luogo e data ………………………,………….                                               Timbro e Firma

Pagina 1 di 298