Cookie Consent by Free Privacy Policy Generator
Preferenze sui cookie
Giornale di Taranto - Ambiente, Turismo & Trasporti
×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 170

Ambiente, Turismo & Trasporti

Ambiente, Turismo & Trasporti (510)

A Taranto - dice Gianluca Lomastro (nella foto) - i negozi diventano infopoint turistici. Dal 1° luglio sul nostro territorio sarà attivo un network con tantissimi infopoint per fornire la prima informazione turistica, una nuova rete capillare costituita da numerose attività commerciali, negozi, ristoranti, stabilimenti balneari e attività artigianali. È la cosiddetta “’informazione turistica diffusa”, una innovativa modalità di promozione che, per la prima volta in assoluto, viene introdotta sul nostro territorio da “Mediterraneo Tour”, il nuovo portale che presenta l’offerta turistica di un ampio network comprendente enti pubblici, associazioni, aziende, negozi, ristoratori, strutture ricettive del capoluogo e della provincia. Il presidente Gianluca Lomastro, annunciando questa “good news”, ha spiegato che «il concetto alla base della “informazione turistica diffusa” è che tutti gli esercizi commerciali che aderiscono a “Mediterraneo Tour” diventino luoghi di accoglienza turistica, per offrire ai visitatori del nostro territorio un capillare servizio che renda più piacevole e…
Il Presidente del Fondo Antidiossina Fabio Matacchiera (nella foto), attraverso una nota inviata alla stampa chiede alla Guardia di Finanza di indagare sul “PROGETTO ODORTEL” e sul "PROGETTO CENTRO SALUTE AMBIENTE" a Taranto, costati, negli anni passati, - secondo l'ambientalista - fior di quattrini alla Regione Puglia. Esattamente: 2 milioni di euro al primo e 20 milioni al secondo. La Regione Puglia avrebbe già erogato l’80% ai beneficiari! Il Fondo Antidiossina - prosegue - ha richiesto ufficialmente ad Arpa Puglia di conoscere gli esiti analitici del progetto Odortel, attraverso il quale un gruppo scelto di cittadini (circa 60), avvertendo delle puzze in città, attraverso il loro olfatto, potevano attivare telefonicamente un campionatore automatico di aria (così era stato fatto credere!) che avrebbe poi dato dei risultati analitici. L’Arpa ha fatto sapere ufficialmente al Fondo Antidiossina che nemmeno un campione di aria è stato analizzato su 1266 segnalazioni telefoniche effettuate al…
Un nuovo manifesto campeggia, da lunedì 13 giugno, su via del Porto mercantile, proprio alla fine della discesa che dal quartiere Tamburi porta verso il centro di Taranto. Questa volta, i Genitori tarantini mettono in evidenza alcuni dati dello studio S.E.N.T.I.E.R.I., con riferimento a periodi antecedenti i dieci decreti legge che hanno contribuito e contribuiranno per molti decenni ancora ad aumentare le già insopportabili percentuali che pesano su Taranto e sui suoi cittadini. Come monito, sono state usate le parole che il Giudice Patrizia Todisco pronunciò all’atto della richiesta di sequestro dell’impianto assassino. L’immagine di un uomo che conduce il proprio figlio verso l’industria inquinante è forte, quasi indigeribile, con quella malevola sensazione che ci fa pensare ad un padre che dice “Guarda, tutto questo un giorno sarà nei tuoi polmoni”. Quando gli abitanti del quartiere Tamburi diretti al centro della città si troveranno davanti a questo manifesto, potrà insinuarsi…
Dichiarazione del presidente della Regione Puglia. “Il decimo decreto ILVA è l'ennesimo errore dei vari Governi italiani succedutisi nel tempo sulla vicenda dell'acciaieria ILVA di Taranto. Si ritiene ingenuamente da parte del Governo in carica di facilitare la vendita a privati dello stabilimento,concedendo l'immunità dal diritto penale oltre che ai commissari, anche agli acquirenti dello stabilimento per le attività di esecuzione della Autorizzazione Integrata Ambientale. È ingenuo il Governo perché non riesce ad immaginare che i grandi players industriali che aspirano all'acquisto hanno perfettamente chiaro che la Corte Costituzionale non potrà più consentire lo scempio della Costituzione che essa deve invece presidiare. La Corte non potrà infatti ancora consentire un'ulteriore proroga del termine previsto dai decreti ILVA per l'adeguamento all'AIA senza travolgere il diritto alla salute dei tarantini. Quel termine infatti era l'unico presupposto sul quale era stato possibile accettare una temporanea violazione del diritto alla salute dei cittadini. Se…
Riceviamo e pubblichiamo una nota della prof.ssa Lina Ambrogi Melle (nella foto), consigliere comunale del Gruppo Ecologisti per Bonelli, in merito al 10. Decreto ILVA. ========================================================================================================== Il 10º decreto salva Ilva è la naturale conseguenza della rassegnazione dei tarantini e delle istituzioni locali ad accettare di barattare la vita e la salute con un lavoro pericoloso e "strategico" per l'Italia. Questo 10º decreto legge, che rinvia ancora di altri 18 mesi l' attuazione di un piano ambientale già precedentemente depotenziato dando anche all'acquirente la possibilità di modificarlo ed estende l'immunità penale ed amministrativa concessa ai commissari del governo anche ai futuri acquirenti o fittuari dell'Ilva, e' in linea con quelli che lo hanno preceduto: immorale perché mantiene in funzione impianti che creano malattie e morte come certificato dalle perizie epidemiologiche del Tribunale e confermato dallo studio Sentieri dell'Istituto Superiore della Sanità e dal Registro Tumori di Taranto, che proprio in…
Si è conclusa con successo, nel mese di maggio,la fase finale della sperimentazione di INVISYBLE, un progetto di Ricerca e Sviluppo, nato con l’obiettivo di predisporre nuove metodologie e un nuovo sistema per l'analisi degli agenti inquinanti delle acque marine. Ad avviare l’iniziativa come capofila nel 2014 Wide Pilot, in collaborazione con Geoprosys, Best e il Politecnico di Bari e con il finanziamento del Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca (MIUR) nell'ambito della Linea di Intervento Start-Up Innovative-Big Data, (Avviso D.D. n. 436/Ric del 13 Marzo 2013 del Piano di Azione Coesione - PAC). Oggi, dopo due anni, grazie alla sinergia di tecnici e ricercatori di tutti i partner promotori, è avvenuta l’installazione di una stazione temporanea di monitoraggio dei parametri chimico fisici dell’acqua, presso il molo San Cataldo nel porto mercantile di Taranto, area prescelta per la sperimentazione. Siamo di fronte a un prototipo che raccoglie informazioni ed elabora i…
"La stagione estiva è di fatto iniziata, le campagne di promozione sono praticamente concluse. Eppure, con amarezza, devo denunciare la quasi totale inesistenza e consistenza del 'prodotto' Taranto nel catalogo delle offerte turistiche pugliesi”. Inizia così la nota inviata dall'europarlamentare tarantina del MoVimento 5 Stelle, Rosa D'Amato, al ministro Franceschini, al presidente della Puglia Michele Emiliano e ad altre istituzioni ed enti competenti in materia come 'Puglia Promozione'.“Beni storici e museali come il Castello Aragonese – continua D'Amato – che vanta nel 2015 il record di 91mila visitatori, o come il MARTA possono e devono essere punte di diamante di una offerta turistica che intercetti almeno i flussi in arrivo in Puglia. Il mare e la sua costa, poi, sono estremamente sotto valorizzati: mancano i servizi e quel poco di turismo resta a livello locale”.L'esponente ionica del MoVimento 5 Stelle punta il dito contro la mancanza di un brand capace…
Il decimo decreto Ilva emanato dal Governo prevede la nomina, da parte del Ministero per dell'Ambiente, di un comitato di esperti incaricato di valutare in 120 giorni le modifiche al Piano Ambientale presentate dai privati che avranno depositato entro il 30 giugno un'offerta vincolante per l'acquisto o l'affitto dell'azienda. " Siamo di fronte - dice Legambiente - all'ennesimo decreto che avrà come primo effetto quello di procrastinare ulteriormente l'attuazione delle più importanti misure previste dall'Autorizzazione Integrata Ambientale, dalla copertura dei parchi minerali al rifacimento delle cokerie" questo il primo commento di Lunetta Franco, presidente di Legambiente Taranto che continua:"Le uniche modifiche al Piano Ambientale che potremmo ritenere accettabili sono quelle direttamente conseguenti ad un Piano Industriale che preveda una diminuzione della capacità produttiva degli attuali impianti e, quindi, del numero degli impianti necessari, a partire da cokerie e altiforni. E' evidente che a fronte di una minore produzione di acciaio…
Dichiarazione di Antonio Castellucci Segretario Generale Cisl Taranto Brindisi. “Il recente vertice interlocutorio a Palazzo Chigi sul porto di Taranto, inerente al proseguimento dell’infrastrutturazione del molo polisettoriale ed alle attività di medio lungo periodo che vi saranno insediate, non ha ancora sciolto i nodi né ridotto le legittime tensioni dei 524 ex dipendenti Tct a rischio di licenziamento. E l’ancora mancata convocazione, ad oggi, del tavolo di lavoro richiesto tramite la Prefettura al Ministero dello Sviluppo economico inizia ad essere motivo di fondata preoccupazione per la tenuta sociale generale di questa vertenza. Con tali premesse, sussistendo a nostro avviso tutte le condizioni per imprimere alla stessa una sterzata positiva, auspichiamo l’istituzione, nel brevissimo tempo, di un tavolo della concertazione a Palazzo Chigi, che coinvolga oltre al sindacato anche la Regione Puglia, i Ministeri e la specifica Struttura di missione. Obiettivo primario da perseguire, stante anche il riconoscimento del territorio ionico…
Grande giornata all'insegna della cultura del vino quella di ieri, che ha visto 54 aziende del Movimento Turismo del Vino Puglia aperte per la24esima edizione di Cantine Aperte, la festa delle cantine socie del Consorzio impegnato per promuovere la qualità del vino e dell'enoturismo.Straordinaria l'affluenza di winelovers. Sono stati infatti oltre 45.000 i visitatori - curiosi, colti e alla ricerca del buon bere - che hanno deciso di raggiungere le cantine di tutta la regione per visitare i siti produttivi, passeggiare nelle vigne, degustare i vini di produzione conversare con i vignaioli in modo da scoprire cosa c'è dietro al calice di vino direttamente negli affascinanti luoghi dove nasce. Grazie agli enobus del Movimento le “cantine aperte” della Daunia, del territorio di Castel del Monte e dell'Alto Salento sono state raggiunte da gruppi organizzati che, accompagnati da un sommelier AIS Puglia, hanno visitato le aziende, degustato e assaporato un gustoso…
Pagina 31 di 37