Cookie Consent by Free Privacy Policy Generator
Preferenze sui cookie
Giornale di Taranto - Ambiente, Turismo & Trasporti
Ambiente, Turismo & Trasporti

Ambiente, Turismo & Trasporti (417)

A pochi giorni dal più prestigioso riconoscimento europeo del settore per il nostro porto, siamo soddisfatti e grati per le parole del management di Msc, che testimoniano il grande lavoro che le istituzioni e la comunità stanno compiendo per consolidare la reputazione e gli standard di Taranto, quale destinazione di primo livello nel panorama del turismo mediterraneo, e crocieristico in particolare. Anche noi auspichiamo presto una riorganizzazione delle rotte delle loro navi e continuiamo a lavorare con la Regione Puglia e l'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ionio, ai fini della promozione del nostro scalo e dell'attrazione di nuovi investitori, dando nel frattempo il benvenuto ad un'altra grande compagnia di navigazione, la Costa Crociere. I dati economici dei flussi e delle presenze in terra ionica anche quest'anno sono in crescita, persino sui social media è boom di attenzione verso la nostra offerta e le nostre bellezze. E questi numeri positivi…
A distanza di due anni dall’arrivo, con le navi Seaside nel 2021 e Splendida nel 2022, MSC lascia il porto di Taranto per il 2023. Lo comunica la stessa compagnia. “MSC Crociere conferma con rammarico - afferma la compagnia - che, nell’ambito della programmazione per la prossima stagione estiva, non è purtroppo al momento possibile includere Taranto nei propri itinerari. Questo - continua la nota di MSC - a causa della diminuzione del numero di navi disponibili in Mediterraneo, che non permette di scalare alcuni porti toccati con successo negli ultimi anni, tra cui Taranto”. “In forza sia dell’ottima accoglienza riservata ai crocieristi MSC dalla “Città dei due Mari”, sia della fattiva collaborazione prestata dalle istituzioni e dalle autorità locali, in particolare dal sindaco Rinaldo Melucci, dalla giunta comunale, dal presidente dell’Autorità di Sistema Portuale, Sergio Prete, e da Taranto Cruise Port – che la Compagnia torna a ringraziare –…
Avendo a cuore e nel dna i temi ecologici, anche la Vestas di Taranto, azienda leader nel campo delle energie rinnovabili, aderisce alla campagna di sensibilizzazione sui temi dell’ambiente partecipando attivamente al World Cleanup Day, che combatte l’inquinamento e in particolare punta l’indice contro la dispersione dei rifiuti, soprattutto di quelli di materiale plastico. Un impegno, quello della Vestas che si inserisce in un percorso avviato con l’apertura di un reparto aziendale denominato appositamente sustainability. Domani, 13 settembre, a partire dalle 9.30, i dipendenti saranno a viale del Tramonto, per una giornata ecologica che sia di esempio per tanti, soprattutto per chi ancora non comprende che inquinare, sporcare casa propria, a causa di comportamenti scorretti, significa non voler bene a se stessi e alle nuove generazioni. L’iniziativa è aperta a tutti i volontari, di qualsiasi associazione no profit che voglia dare il proprio fattivo contributo. 
Dopo cinque giorni di emersione dei dalla sabbia, termina l'avventura di guardiania del sito di nidificazione di Caretta caretta nell'isola amministrativa di Taranto, nella spiaggia libera nei pressi dello stabilimento balneare Bahia del Sol. Ad annunciare il lieto evento sono i responsabili del WWF di Taranto e Policoro. Il nido, rinvenuto il 6 luglio scorso, è stato sorvegliato e protetto dai volontari delle Organizzazioni aggregate del WWF Italia nel progetto “INSIEMEXCARETTA”, azioni di sensibilizzazione per tutelare una specie chiave per gli ecosistemi marini. I volontari, guidati dai responsabili del CRTM WWF Italia a Policoro, autorizzato in deroga al D.P.R. 357/97 al quinto triennio di autorizzazione, si sono impegnati con turni estenuanti H24. Al 50° giorno dalla deposizione, le prime 31 piccole tartarughe sono emerse dalla sabbia, davanti agli occhi entusiasti degli operatori del WWF Taranto, sempre presenti con il presidente dott. Gianni De Vincentiis in prima linea. Le tartarughe, guidate…
Ancora una volta Taranto lega la propria immagine al mare e allo sport. Il 10 e l’ 11 settembre si terrà la seconda tappa nazionale di ‘Dominate the Water’ , gara di nuoto in acque libere che vedrà competere gli atleti nel magnifico scenario del canale navigabile del Mar Grande e che richiamerà i grandi nomi del nuoto libero. Una manifestazione che declina in un unico messaggio di grande positività i valori dello sport, della tutela dell’ambiente marino e della sostenibilità degli eventi sportivi. Un’ occasione inoltre, per promuovere il territorio, far conoscere la qualità del nostro mare, mostrare la città ed offrire la migliore accoglienza possibile agli sportivi ed agli accompagnatori. Non a caso le 4 tappe della manifestazione sono tutte in località di grande valore ambientale e turistico, l’ultima è a Positano. Taranto, con lo sfondo del Canale navigabile, del Ponte girevole e del Castello Aragonese (che è…
 "Il porto di Taranto sta vivendo una sensazionale stagione croceristica e lo scalo ionico fa registrare numeri importanti nel settore cruise". Lo dice oggi l'Autoritá di sistema portuale del Mar Ionio tracciando un primo bilancio della stagione. Per l'Authority, "i passeggeri nei primi otto mesi dell’anno, agosto compreso, superano i 73mila, con una crescita di circa 30mila unità rispetto allo stesso periodo nel 2021". "Nel solo mese di agosto - si afferma - sono stati più di 22mila i crocieristi transitati nel porto di Taranto. In aumento anche il numero di navi approdate rispetto allo scorso anno, salito a 39 (+22 rispetto al 2021), fino al mese di agosto. Il dato riflette l’ampliamento del portfolio di compagnie crocieristiche che fanno scalo al porto di Taranto" afferma l'Authority, per la quale "la destinazione Taranto attrae grazie al ventaglio di escursioni che esaltano le attrazioni culturali, naturalistiche, enogastronomiche del territorio, e diventa…
Vedere su un monitor, in tempo reale in streaming, quello che accade negli abissi del mare a chilometri di distanza, magari a trecento e più metri di profondità, e, se sei fortunato, poter assistere in diretta al passaggio di un capodoglio o di un branco di delfini ascoltando la loro “voce”! È la straordinaria opportunità che hanno i visitatori di Ketos Centro Euromediterraneo del Mare e dei Cetacei, sede della Jonian Dolphin Conservation nel Palazzo Amati in Città vecchia a Taranto, grazie al progetto “Ketos per la blue economy” sostenuto dalla Regione Puglia, Sezione Economia della Cultura – Custodiamo la cultura in Puglia 2021 Misure di sviluppo per lo spettacolo e le attività culturali. Una delle azioni del progetto, infatti, ha dotato Ketos di una postazione “fixed underwater eye” che, collegata a una webcam subacquea, consente al visitatore di vedere e di ascoltare in diretta quello che accade sott’acqua nel…
UNO SPAZIO INCONTAMINATO DOVE VIVERE IL MARE COME LUOGO NON SOLO DI INCONTRO E RELAX, MA ANCHE COME COMUNITÀ DI BUONE PRATICHE IN CUI SPERIMENTARE MODELLI INNOVATIVI E SOSTENIBILI DI SPIAGGIA ECOLOGICA I Consiglieri Bitetti e Fornaro hanno proposto all’Amministrazione Melucci di dare seguito ad una idea importante per la città di Taranto: la “spiaggia ecologica”. Lo spiaggiamento delle foglie di Posidonia oceanica è un fenomeno naturale, che annualmente si rileva lungo le nostre coste. L’uso delle spiagge a scopo turistico attualmente comporta la rimozione di questi depositi che vengono considerati un’esternalità negativa da gestori e bagnanti. Gli onerosi interventi attuati negli ultimi anni dal Comune ben potrebbero accelerare l’erosione e compromettere l’integrità dell’habitat costiero, costringendo le amministrazioni locali a conseguenti e costosi interventi di protezione della costa e ripascimento delle spiagge. Infatti, la rimozione della Posidonia spiaggiata porta con sè anche la rimozione di tonnellate di sabbia. Un recente…
Le testuggini di Hermann sono finalmente libere. Gli esemplari, circa una trentina, che lo scorso 9 giugno avevano iniziato un periodo di ambientamento nell’Oasi WWF Monte Sant’Elia adesso sono stati reimmessi in natura, nel Parco Terra delle Gravine. Si tratta di testuggini debilitate, ferite e lesionate da predatori o da attrezzi agricoli, prelevate impropriamente e minacciate da incendi e cambiamenti climatici, che, attraverso le cure e gli screening sanitari approntati dall’Osservatorio Faunistico Regionale pugliese di Bitetto e dal Dipartimento di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Bari, sono state risanate e riportate gradualmente al loro habitat. Inizia adesso la fase due: grazie al sistema radio-tracking prende il via il monitoraggio della sopravvivenza di 16 individui (8 maschi e 8 femmine) che prevede il coinvolgimento del naturalista Fabio Mastropasqua, L’iniziativa, portata avanti nell’ambito delle «Azioni per la tutela di specie e habitat di interesse comunitario nell’area delle gravine dell’arco ionico tarantino»,…
Cessato allarme nelle acque antistanti la spiaggia di Lido Gandoli, dove a causa di sversamenti di acque reflue dall’impianto di sollevamento della rete fognaria situato in via Dalie era stato disposto il divieto di balneazione. Il sindaco di Leporano Vincenzo Damiano ha revocato l’ordinanza dopo che l’Aqp ha comunicato l’avvenuto ripristino ed igienizzazione delle aree interessate dagli sversamenti dei reflui e l’Arpa in data odierna, ha attestato il ripristino della conformità delle acque di balneazione. Il sindaco ha pertanto revocato l’ordinanza ripristinando, per la cittadinanza tutta ed i bagnanti, la possibilità di transito, stazionamento e balneazione, a ridosso della costa insistente tra Via Dalie e Via Madonna delle Grazie in località Gandoli, essendo venute meno le condizioni che ne avevano indotto l’emanazione a tutela dell’igiene e salute pubblica.
Pagina 1 di 30