Ambiente, Turismo & Trasporti

Ambiente, Turismo & Trasporti (156)

“L’Oasi WWF Monte Sant’Elia si fa bella!”: con questo slogan sarà inaugurato il nuovo Centro Visite del Parco Naturale Regionale “Terra delle Gravine” (contatti  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  – cell. 3206067922). Qui riceveranno indicazioni e informazioni i tanti turisti e amanti della natura intenzionati a visitare non solo l’oasi naturalistica del WWF, ma l’intero Parco Naturale Regionale “Terra delle Gravine”, il più grande di Puglia. Con una superficie complessiva di 25.000 ettari, infatti, il Parco Naturale Regionale "Terra delle "Gravine" è la più estesa area protetta regionale: il parco si estende sul territorio di 13 comuni della Provincia di Taranto (Ginosa, Laterza, Castellaneta, Mottola, Massafra, Palagiano, Palagianello, Statte, Crispiano, Martina Franca, Montemesola, Grottaglie e San Marzano) e su quello del comune brindisino di Villa Castelli. L’inaugurazione del Centro Visite del Parco Naturale Regionale “Terra delle Gravine” si terrà, alle ore 10.30 di venerdì 16 marzo, presso l’Oasi WWF di Monte Sant’Elia, in agro…
Il parere tecnico è una cosa quello politico è un’altra. Sulla “cupa” vicenda della discarica Linea Ambiente (ex Ecolevante) di Grottaglie chiediamo l’assunzione di una decisione politica che dia definitivamente il chiaro indirizzo delle azioni assunte o da assumere per la strategia dei rifiuti zero. Così il segretario generale della CGIL di Taranto, Paolo Peluso, che esprime sostegno verso l’iniziativa del Sindaco di Grottaglie, Ciro D’Alò questa mattina in sit- in sotto la sede della Provincia di Taranto. La decisione assunta dal Comitato tecnico della Provincia lo scorso 15 febbraio e resa nota solo nel post elezioni ci impone una riflessione generale circa la linea politica che si intende assumere su tutta la gestione del ciclo dei rifiuti – dice Peluso – perché è impensabile che attraverso gli intendimenti del legislatore europeo e nazionali si debba perseguire l’obiettivo che vada oltre le discariche, e poi continuare ad assistere alla reiterata…
“Il presidente della Provincia di Taranto, Martino Tamburrano di Forza Italia, non autorizzi il raddoppio della discarica”. Così intervengono i deputati pugliesi del M5S Giovanni Vianello, Alessandra Ermellino, Rosalba De Giorgi, Gianpaolo Cassese e il senatore Mario Turco, in merito al parere positivo del CTP della provincia di Taranto al raddoppio della discarica Linea Ambiente di Grottaglie. “La provincia di Taranto - aggiungono - è la discarica d’Italia e sede di smaltimento dei rifiuti regionali e trans-regionali proprio a causa delle numerose autorizzazioni che la Provincia ha concesso nel corso degli anni. Autorizzare il raddoppio della discarica di Grottaglie significherebbe continuare ad essere il centro di smaltimento regionale e nazionale”. “Tamburrano non si nasconda dietro motivazioni tecniche. Ad affermarlo vi sono numerose sentenze del TAR e del Consiglio di Stato. È ormai noto infatti che la valutazione di impatto ambientale non è un mero atto tecnico di gestione rientrante nelle…
SI TRATTA DELLA TARAS TERMINAL SRL E DELLA INTERMINAL SRL. VANNO AD AFFIANCARSI A QUELLE DEL CONSORZIO SOUTHGATE EUROPE TERMINAL E DELLA SOUTH MARINE GATE SRL. Con riferimento all’Avviso Pubblico del 22.02.2018 con il quale l’AdSP del Mar Ionio, viste le istanze del Consorzio SOUTHGATE EUROPE TERMINAL e dalla SOUTH MARINE GATE Srl, ha implementato la procedura di evidenza pubblica per l’assentimento di una o più concessioni, ex art. 18 L. 84/94, afferenti il Compendio denominato “Molo Polisettoriale” per la finalità dello sviluppo dei traffici commerciali e della logistica, con particolare riferimento alla movimentazione dei contenitori unitamente alla movimentazione di merce varia e ro-ro, si comunica come siano pervenute all’AdSP – nel termine all’uopo assegnato - le sottoindicate istanze concorrenti: 1. Taras Terminal Srl – costituita tra i soci Peyrani Trasporti Spa e Servizi Portuali Taranto Srl – con istanza pervenuta in data 05.03.2018 ed annessa documentazione di supporto ha…
Un aumento delle presenze turistiche (anche straniere), rispetto all’anno precedente, che segnano + 28,57%. Sono i numeri registrati nel 2017 dall’Infopoint di Mottola. In un anno, infatti, sono arrivati nella cittadina della provincia di Taranto quasi 5.000 viaggiatori. In aumento le percentuali dei visitatori provenienti sia dall’Italia (+23,25%) che dalle nazioni europee: austriaci (+40,2%), svizzeri (+41%), tedeschi (+38,3%), francesi (+66,3%), olandesi (+ 0,5%), inglesi (+54%), russi (+18,9%).Per quanto riguarda gli italiani, poi, Mottola piace soprattutto ai visitatori provenienti da Lombardia, Lazio e-immancabilmente- Puglia. “Un risultato straordinario- commenta l’archeologa responsabile tecnico Carmela D’Auria dell’Associazione Terre Nostre, gestore dell’Infopoint- che rappresenta il segno tangibile di un lavoro che portiamo avanti con impegno, ormai da 5 anni. Penso al prolungamento dell’orario di apertura dell’ufficio e alle tante iniziative messe in campo per animare il territorio, dalle visite guidate alle degustazioni, ai corsi di iconografia sacra, ai convegni, alle mostre. Per noi l’accoglienza resta…
Il turismo, la riqualificazione urbana, il lavoro proveniente dalle attività di conservazione e tutela del territorio. Crediamo che sia giusto tornare sul tema dei “lavori possibili” proprio mentre da più parti, ( leggiamo degli interventi di Confindustria, ANCE e ConfCommercio), ci si interroga sul nuovo modello di sviluppo per Taranto. Approccio indispensabile, ma purché si pensi finalmente ad interventi strutturali e duraturi. La CGIL di Taranto interviene nel dibattito di questi giorni e rilancia. Non può che fare bene questa visione aperta ai potenziali di crescita di un comparto così strategico come il turismo o la tutela del patrimonio artistico e naturale – dice Giovanni D’Arcangelo della segreteria provinciale della CGIL di Taranto – ma noi pensiamo che sia arrivato il tempo di provare ad andare oltre le parole e i proclami o gli interventi spot che ad esempio accendono in maniera del tutto estemporanea un faro sulla città e…
LA TERZA EDIZIONE SI SVOLGERA' NELLA SUGGESTIVA LOCATION DELLA BELLA CIITADINA DELLA VALLE D'ITRIA “ECO FESTIVAL “ è un evento dedicato ad ambiente, salute, benessere e tempo libero. Una vera e propria festa per tutti gli amanti del vivere naturale, dove prendere parte ad iniziative sempre entusiasmanti e coinvolgenti. I quattro ambiti che sono strettamente collegati tra loro. Vivere sano produce benessere, salute e quindi bellezza. Naturalmente ogni settore della ” ECO FESTIVAL”è ampiamente approfondito in molteplici attivita’ ma anche grazie all’allestimento di una ricca esposizione di articoli, prodotti e servizi. L’evento, esplora trasversalmente tutti gli aspetti del quotidiano che possono essere vissuti con un approccio più naturale, dall’alimentazione al benessere e alla salute, fino al fondamentale rispetto dell’ambiente. In concordanza con le nuove tendenze del mercato, è un evento che interessa chiunque e che dà l’opportunità ai presenti di approfondire e ridiscutere alcune scelte di consumo, conoscere e recuperare…
La nota si sofferma sulla situazione di degrado sulla Costa viale Jonio e di Lido Chiapparo. Fare turismo a Taranto è possibile se si osservano delle regole elementari, tra queste, c'è l'igiene nei luoghi turistici. In questo caso mi soffermo sulla zona di San Vito/viale Jonio. Tutti gli anni, siamo costretti a segnalare le discariche a cielo aperto, sulle zone balneari. Interveniamo a pulire come volontari, (ultimamente, a Lido Chiapparo), facendolo con Amore e Passione, rivolti al nostro territorio, oltre che spronare l'Ente Comune a far fare un'attenta attività di rassetto e pulizia delle zone costiere e le strade interessate ai percorsi per raggiungere il nostro meraviglioso mare. Come spesso accade, si accumula moltissima immondizia e non è raccolta puntualmente, dando un'immagine delle zone periferiche costiere, pulite e accoglienti.Riteniamo che non sia un buon biglietto da visita per chi vuole venire a balneare a San Vito . Voglio ricordare che…
Lo rende noto Sergio Prete (nella foto), presidente dell'Autorità di sistema portuale del Mar Ionio. Il Presidente dell’AdSP del Mar Ionio Prof. Avv. Sergio PRETE, in applicazione del disposto degli artt. 18 Reg. Cod. Nav. e 18 del Regolamento dell’Autorità medesima “Procedure amministrative in materia di demanio marittimo”, ha proceduto in data 22.01.2018 allaafferenti una porzione di banchina ed area retrostante in località Molo Polisettoriale del Porto di Taranto. Tale Avviso è stato trasmesso alla GUCE, alla GURI, al Comune di Taranto ed alla Capitaneria di Porto per la relativa pubblicazione. Eventuali domande concorrenti, opposizioni ed osservazioni dovranno pervenire all’AdSP entro il termine perentorio di giorni quarantacinque dal 22.01.2018 al 07.03.2018. L’Avviso Pubblico completo è reperibile all’indirizzo: http://albopretorio.port.taranto.it. La domande di concessione dovranno avere ad oggetto l’occupazione e l’uso, totale o parziale, del Compendio Molo Polisettoriale nello stato di fatto in cui si trova. Ciò per le finalità di sviluppo…
«Rilevo positivamente la mobilitazione di numerosi comuni della provincia, compreso quello di Taranto, alla manifestazione in favore del diniego all'ampliamento della discarica di Grottaglie. La comunione di intenti in difesa del territorio e dell'ambiente è la strada da percorrere per ottenere finalmente la giusta attenzione. Sono al fianco di chi ha a cuore la salute dei cittadini e dell'ambiente nel solco di quanto indicatoci da papa Francesco nella Laudato si'. Il nostro territorio, già così gravemente compromesso, non può sopportare ulteriori carichi e bene fanno, sindaci e cittadini a far sentire la loro voce».
Pagina 1 di 12