Cookie Consent by Free Privacy Policy Generator
Preferenze sui cookie
Giornale di Taranto - FORUM TARANTO TURISMO/ Federmanager “i lavoratori vanno pagati adeguatamente”
Sabato, 30 Aprile 2022 09:06

FORUM TARANTO TURISMO/ Federmanager “i lavoratori vanno pagati adeguatamente” In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

“Occorre pagare in maniera adeguata i lavoratori che operano nel settore del turismo, dargli occasioni di crescita professionale. Dobbiamo uscire da questo stereotipo del lavoro solo stagionale che dura pochi mesi quando invece ci sono destinazioni dove si potrebbe lavorare tutto l’anno. Tanti Paesi ci sono riusciti, penso che l’Italia abbia molte più possibilità. Paradossalmente, la ricchezza di bellezze che abbiamo ce lo fa dimenticare”. Lo ha detto oggi a Taranto, in un convegno sul turismo, il presidente nazionale di ManagerItalia, Mario Mantovani, la federazione che raggruppa 38mila tra dirigenti e quadri dei servizi, del terziario, del turismo e della logistica. Il fatto che in tanti preferiscano percepire il reddito di cittadinanza al lavoro negli alberghi, nei ristoranti e negli stabilimenti balneari, ha detto Mantovani a proposito di una delle critiche sollevate dagli operatori del settore, “è sicuramente un tema che si è posto ma siamo convinti che non sia oggettivamente l’unica causa. I cambiamenti introdotti ora nel reddito di cittadinanza potranno togliere questo eventuale alibi”. “Oggi - ha affermato Mantovani intervenuto ad un convegno sul turismo - il reddito di cittadinanza è più condizionato ed orientato a diventare un sussidio per chi non può lavorare e quindi dovrebbe i qualche modo assorbirsi questo tipo problema”. “Non credo però che sia un tema di reddito di cittadinanza perché ci sono settori come quello edilizio che in questo momento hanno una grande domanda - ha rilevato il presidente nazionale di ManagerItalia -. Ci sono persone che anche durante il periodo della pandemia hanno guadagnato nuove opportunità quando gli operatori turistici erano costretti, purtroppo, a rimanere fermi. I giovani esprimono una domanda di lavoro qualificato, quindi dobbiamo studiare il fenomeno più in profondità”.

 

 “I primi segnali di questo mese che si va chiudendo sono assolutamente positivi nonostante un contesto non semplice che segue quello dell’emergenza sanitaria, che ancora continua e che in aprile ha avuto un rimbalzo di contagi anche significativo, ma soprattutto segnato  da una situazione internazionale preoccupante perché nell’immaginario dei viaggiatori di oltre continente, il conflitto é un conflitto europeo, le motivazioni della sicurezza restano al centro di ogni viaggio e questo ci preoccupa non poco”. Lo ha detto a proposito del turismo in Puglia l’assessore della Regione Puglia, Gianfranco Lopane, intervenendo al convegno di ManagerItalia. “In questo contesto,gia  difficile - ha sostenuto Lopane -, la Puglia in questi due anni ha saputo mostrare grande capacità di reazione perché ha  spostato la sua strategia su mercati di prossimità, quelli delle regioni italiane ma anche a nazioni come Francia, Belgio, Polonia, che abbiamo saputo intercettare nonostante le restrizioni legate al Covid”. “I segnali di aprile sono incoraggianti con un sold out in tutte le destinazioni possibili - ha aggiunto Lopane -, con un grande interesse verso prodotti turistici importanti per la Puglia come le cittá d’arte e gli eventi. Ma ci sono anche nuove aree in fase di scoperta come Taranto, l’Alta Murgia e i Monti Dauni che vanno a completare un’offerta che ha già destinazioni consolidate e mature come Gargano, Salento e Valle d’Itria”. Per Lopane, “i flussi provenienti dalla Russia nel 2019 erano nella top ten tra la nona e la decima posizione di riferimento. Sapremo in qualche modo colmare questi flussi su altri mercati emergenti o da consolidare. Non ci aspettiamo ulteriori scossoni”. “Nel 2021 - ha detto l’assessore al Turismo della Puglia - già registriamo un più forte ritorno alla internalizzazione rispetto al 2020 e quindi questo 2022 sarà assolutamente positivo anche in termini di flussi da fuori Italia. Ci sono i voli diretti con Dubai e Abu Dhabi ma ci sono anche le missioni che stiamo per fare in Canada”

Letto 534 volte