Lunedì, 29 Aprile 2019 07:26

Ambiente/L’Associazione Marco Pannella si rivolge alle Istituzioni: le centraline Arpa inspiegabilmente bloccate da venerdì a domenica. In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
L’Associazione invia una nota 
a Sindaco di Taranto, Presidente della Provincia,Presidente Regione Puglia, Arpa Puglia, ed a tutti i consiglieri comunali, provinciali e regionali Per evidenziare una situazione verificatasi 
Venerdì scorso che - recita la le lettera- ha fatto il giro dei social addirittura con lancio ansa e riguardante la foto di una fumata nera fuoriuscita dall’altoforno 2 ilva. 
 
Sappiamo - dicono - che è dovuta all’apertura automatica dei bleeders, una pratica di sicurezza per evitare un’alta pressione dei gas in Rete e sulla bocca AFO che possono creare situazioni di pericolo.
Una misura automatica d’emergenza che provoca una fumata nera dovuta alla pressione dell’altoforno che è risultante di gas, pulviscolo carbone, e fumi di combustione. 
 
Ciò che non sappiamo - ribadiscono invece dalla Associazione - è il dato delle emissioni legato a quella fumata. 
Ce lo avrebbero dovuto dire le centraline arpa il giorno dopo. 
Cosa che fanno ogni giorno. 
Ma i dati del fine settimana, se pur regolarmente registrati, vengono caricati sul sito per la pubblicazione solo il lunedì mattina
Questo ritardo, se pur di un paio di giorni, contribuisce ad alimentare le giuste preoccupazioni dei lavoratori ilva e cittadini di Taranto, già allarmati, rispetto ai pericoli legati all’acciaieria. 
Quella foto, come altre in passato, ha fatto il giro della città scatenando ancora una volta allarme ambientale e pericolo sociale, ma nessuno ad oggi sa se fosse giustificato o meno. 
I lavoratori e cittadini di Taranto - sottolineano- hanno diritto al pari di tutti gli altri di essere correttamente e costantemente informati sulla situazione ambientale in cui vivono con verità, solerzia e precisione. 
Gli unici che possono farlo sono le autorità scientifiche preposte. 
Per questo chiediamo ad Arpa e a tutti gli esponenti istituzionali comunali, provinciali e regionali, di accogliere il nostro appello affinché i dati delle centraline e della qualità dell’aria vengano aggiornati anche al sabato e alla domenica.
I dati del venerdì non possono essere conosciuti il lunedì.
 
 
Letto 217 volte Ultima modifica il Lunedì, 29 Aprile 2019 07:38