Cookie Consent by Free Privacy Policy Generator
Preferenze sui cookie
Giornale di Taranto - TCT/ Prorogata la Cassa fino al 31 dicembre 2016. La soddisfazione di Cgil, Cisl e Uil.
Giovedì, 28 Luglio 2016 05:28

TCT/ Prorogata la Cassa fino al 31 dicembre 2016. La soddisfazione di Cgil, Cisl e Uil. In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Siglato l'accordo al Ministero del Lavoro che proroga sino al 31 dicembre la Cassa Integrazione per i 520 lavoratori della Taranto Container Terminal (in liquidazione) che  ha operato sino allo scorso anno sul porto di Taranto.  L'intesa istituzionale firmata a Palazzo Chigi prevede che gli stessi 520 addetti dall'1 gennaio prossimo siano presi in carico, per un periodo di 36 mesi, dalla nuova Agenzia nazionale di somministrazione, che sara' pubblica, e che avrà il compito di riqualificare, formare e ricollocare in nuove attivita' il personale di Tct. Un passaggio importante per ridare dignità e speranza ai lavoratori ma che significa anche una attenzione particolare per Porto ionico su cui le Istituzioni puntano molto per rilanciare il sistema economico locale.

Questo accordo, frutto di un lavoro lungo e complesso, finalizzato a ricostruire una prospettiva occupazionale ai lavoratori dello scalo ionico, costituisce - hanno dichiarato infatti le Segreterie provinciali di Cgil, Cisl e Uil -  un traguardo importante nella definizione di una strategia che, nel giro di pochi anni, potrà accompagnare il processo di ripartenza delle attività di un Hub che ha rilevanza strategica per l’intero Paese.Nello specifico - ricordano - viene costituita un'Agenzia pubblica che, attraverso le risorse che saranno individuate in legge di stabilità, si farà carico di assumere i lavoratori attualmente in Cassa. L'Agenzia avrà durata trentasei mesi, tempo valutato necessario per l'avvio di tutte le attività portuali, entro i quali i lavoratori verranno ricollocati. Nel frattempo gli stessi saranno coinvolti in un percorso di formazione e di riqualificazione professionale. Come OOSS esprimiamo grande soddisfazione per il risultato raggiunto che, con il completamento delle opere infrastrutturali, consideriamo un passo decisivo verso il rilancio del porto di Taranto e più in generale per lo sviluppo economico, produttivo ed occupazionale del territorio.L'intesa è stata raggiunta grazie all'impegno congiunto delle istituzioni pubbliche, a partire dal Governo nazionale, i ministeri del lavoro, dello sviluppo economico e delle infrastrutture, la Regione Puglia e l'autorità portuale. Il risultato - concludono Cgil, Cisl e Uil - premia la capacità dei lavoratori che, attraverso le loro rappresentanze sindacali, hanno difeso tenacemente i posti di lavoro. 

Letto 1142 volte