Cookie Consent by Free Privacy Policy Generator
Preferenze sui cookie
Giornale di Taranto - Cronaca, Politica & Attualità
Cronaca, Politica & Attualità

Cronaca, Politica & Attualità (4626)

Cronache e ultime notizie. Aggiornamenti e approfondimenti in tempo reale dalla Puglia

In occasione delle festività natalizie torna il servizio navetta gratuito da parte di Kyma Mobilità da e per il centro cittadino con l’obiettivo di evitare l’intasamento del traffico veicolare. Quest’anno il capolinea è in corso Italia, di fronte all’Istituto Fermi, da dove ogni mezz’ora - dalle ore 16.30 alle ore 21.00 - parte il bus navetta riconoscibile per la scritta “NAVETTA CENTRO”.Il servizio si svolgerà sabato e domenica fino a Natale, inoltre l’Immacolata, la vigilia di Natale e l’Epifania, e più precisamente il 7 – 8 – 10 – 11 – 17 – 18 – 24 dicembre 2022 e il 6 gennaio 2023.Una volta partito da Corso Italia, il la navetta percorrerà corso Italia, via Japigia, via Minniti, via Principe Amedeo, via Crispi, corso Umberto, via Margherita, Lungomare, piazza Ebalia, via Oberdan, via Leonida, via Japigia e corso Italia.
“La stazione navale Mar Grande sarà oggetto di opere di adeguamento e ampliamento per garantire supporto alle unità di nuova generazione caratterizzate da dimensioni e impronta logistics maggiore rispetto alle attuali”. Lo ha detto ieri a Taranto il capo di Stato maggiore della Marina Militare, ammiraglio di squadra Enrico Credendino, intervenendo alla cerimonia di avvicendamento, al vertice del Comando interregionale marittimo Sud, tra l’ammiraglio di squadra Salvatore Vitiello, che lascia l’incarico dopo cinque anni, e l’ammiraglio di divisione Flavio Biaggi che arriva dal comando dell’Accademia navale di Livorno. Credendino ha poi citato “la realizzazione, proprio qui a Taranto, all’interno della base navale, del comando multinazionale marittimo per il Sud della Nato\\\". \\\"Rappresenta\\\", ha detto il capo di Stato maggiore, \\\"una testimonianza viva dell’attenzione della Nato verso il Mediterraneo”. “Le attività e le sinergie\\\", ha proseguito Credendino, \\\"sono talmente rilevanti e interrelate che la Marina non è solo affianco di Taranto…
Cinquantasette persone, di età compresa tra i 20 e gli 80 anni, alcuni anche con precedenti penali, sono stati denunciate dai Carabinieri per il reato di furto aggravato di energia elettrica. Il danno stimato è di circa 200 mila euro. I Carabinieri, coadiuvati in fase esecutiva dal personale tecnico di “E-Distribuzione”, hanno setacciato diverse aree della città ispezionando sia abitazioni private che attività commerciali. Si è intervenuti laddove venivano rilevate irregolarità. Infatti uno dei principali obiettivi alla base dell’operazione è stato quello di ripristinare la sicurezza dei luoghi poiché le manomissioni messe in atto, spiegano i Carabinieri, creavano “forti rischi di dispersione di elettricità con possibili folgorazioni, esplosioni ed incendi”. Nel controlli sono stati trovati marchingegni ed espedienti studiati per modificare il funzionamento dei contatori: da semplici bypass all’utilizzo di magneti celati e posizionati in modo tale da rallentare il movimento ad articolati cablaggi volti a creare rinvii che traevano…
Omicidio colposo. È l’ipotesi di reato formulata dalla Procura di Taranto a carico di 27 indagati tra medici, ostetriche e personale sanitario, per la morte di un neonato avvenuta nell’ospedale di Taranto. Il piccolo è morto qualche ora dopo che la madre lo aveva dato alla luce. La donna, prima di partorire, era stata ricoverata per cinque giorni in ospedale. L’inchiesta della Procura è coordinata dal sostituto Remo Epifani. 
“Perché dovete andare via?” Con questa domanda, posta in modo diretto dal vice sindaco e assessore allo Sviluppo Economico del Comune di Taranto Fabrizio Manzulli agli studenti degli istituti superiori tarantini durante la bella mattinata di incontri e confronti organizzata all’interno della Fiera del Mare, tocca il centro dell’obiettivo. Perché non c’è un motivo per andare via da Taranto dove, ed è questo il grande segnale del cambiamento in atto, in tanti vogliono venire, per studiare, per fare ricerca, per lavorare. E chi è andato via farebbe carte false per tornare perché lontani da questa terra di mare non si riesce a stare separati per molto tempo. C’è ancora strada da fare per riprendersi a pieno titolo l’appellativo di “Città perfetta” donato da Pier Paolo Pasolini che da Taranto restò folgorato, ma oggi lo sguardo è diverso, e soprattutto c’è tanta voglia di fare per mettere a fuoco bellezza, vitalità…
Il maltempo che sta colpendo la Puglia. da ieri sera ha provocato danni e disagi soprattutto a causa della caduta di alberi e cartelloni su strade, auto e abitazioni, della cui rimozione si stanno occupando i vigili del fuoco del comando provinciale dei vari distaccamenti. In pieno centro, a Taranto, si è verificato il crollo di un’impalcatura. È successo in via D’Aquino, cuore del borgo. Per fortuna l’episodio non ha fatto registrare feriti. Le squadre dei vigili del fuoco sono all\'opera senza sosta sin dalle 21.30 di ieri. I comuni maggiormente interessati sono Ugento, Lequile, San Pietro in Lama, Carmiano e Novoli. A Novoli, in particolare, si è staccata la copertura impermeabilizzante del lastricato solare di una Rsa, precipitata poi sulla strada. La Protezione civile pugliese ha diramato un messaggio di allerta meteo arancione che riguarda il Salento dalle 20 di ieri e per le successive 24 ore. L\'intero territorio…
Approccio al Pnrr, rapporto con la Regione Puglia, infrastrutture ed opere di comune interesse, decarbonizzazione dei grandi poli come la centrale Enel e l’ex Ilva. Sono i motivi a base del master plan condiviso - e oggi presentato a Taranto nelle sue linee essenziali - dai sindaci di Taranto, Brindisi e Lecce, e dai presidenti delle tre Provincie, con la regia dell’Università del Salento come advisor. “Abbiamo riattivato una collaborazione - ha spiegato il rettore di Unisalento, Fabio Pollice - per promuovere un piano di sviluppo integrato per queste tre aree che esprimono una ricchezza incredibile ma largamente inespressa. Ci sono potenzialità inespresse. La motivazione più importante è il Pnrr. Strumento mirabile ma non ha logica progettuale a nostro avviso. Se gli investimenti non li mettiamo in rete, saranno tante iniziative disgiunte. Avremo finanziato e progettato iniziative isolate. Invece il master plan si muove in una logica integrata”. Per il…
 È giallo sulla morte di un anziano sacerdote di Manduria (Taranto), ritrovato senza vita nelle campagne e la cui auto é stata bruciata. Giovanni Marraffa era ecclesiastico a riposo, aveva 88 anni, e di lui non si avevano più notizie da sabato scorso, quando é stato visto uscire dalla propria abitazione. Il corpo dell\'uomo è stato trovato nelle vicinanze di una chiesetta rurale (sconsacrata) di Uggiano Montefusco, frazione di Manduria, nel versante orientale del Tarantino, dove Marraffa viveva. Secondo quanto appreso, un primo esame medico fatto sul corpo del sacerdote non ha rivelato segni di violenza. È stata comunque disposta l’autopsia dal magistrato, Filomena Di Tursi. Le indagini sono svolte dai Carabinieri. Marraffa è stato trovato supino, aveva le mani sul petto, era vestito, solo la cintura dei pantaloni slacciata. Prima è stata trovata la sua auto bruciata, e poi il corpo. L’auto non era distante dal luogo del rinvenimento…
La Guardia di finanza ha eseguito a Taranto un’ordinanza del tribunale che vieta l’esercizio dell’attività di impresa per 12 mesi. Il provvedimento, chiesto dalla Procura, riguarda un imprenditore già titolare di una società di commercializzazione dei carburanti. L’accusa è di bancarotta fraudolenta aggravata e autoriciclaggio. Ci sono due indagati. È stato disposto il sequestro di beni per 215 mila euro, pari alle distrazioni accertate, nonché delle quote di partecipazione al capitale sociale dell’impresa costituita attraverso l’autoriciclaggio di proventi della bancarotta fraudolenta. Le indagini sono partite a febbraio 2020. Coinvolte 5 persone in merito al fallimento di una srl di Taranto, titolare di un impianto di distribuzione di carburanti. L’imprenditore interdetto viene ritenuto responsabile della sottrazione della documentazione contabile e societaria dell’impresa fallita, nonché della la distrazione di 215 mila euro. Parte delle somme sarebbe stata autoriciclata per la costituzione di un nuovo soggetto economico anch’esso operante nel settore del commercio…
 “I Riva e i loro sodali hanno posto in essere modalità gestionali illegali anche omettendo di adeguare lo stabilimento siderurgico ai sistemi minimi di ambientalizzazione e sicurezza per ovviare alle problematiche di cui avevano piena consapevolezza sin dal 1995”. Lo scrive la Corte d’Assise di Taranto (presidente Stefania D’Errico, giudice a latere Fulvia Misserini) nelle motivazioni, circa 3.800 pagine, della sentenza del processo Ambiente Svenduto conclusosi a fine maggio 2021 a Taranto e relativo al reato di disastro ambientale imputato alla gestione del gruppo Riva. Le motivazioni della sentenza, con pesanti condanne per Nicola e Fabio Riva, ex proprietari e gestori della fabbrica dell’acciaio, e una serie di dirigenti aziendali, sono state depositate oggi. I Riva, si legge nelle motivazioni, “hanno messo così in pericolo - concreto - la vita e l’integrità fisica dei lavoratori dello stesso stabilimento, la vita e l’integrità fisica degli abitanti del quartiere Tamburi, la vita…
Pagina 1 di 331