Cookie Consent by Free Privacy Policy Generator
Preferenze sui cookie
Giornale di Taranto - Sanità, Sociale & Salute (medicina)
Sanità, Sociale & Salute (medicina)

Sanità, Sociale & Salute (medicina) (558)

L’area dell’ex Italferro Sud, confiscata alla criminalità organizzata a novembre 2009, sarà recuperata e trasformata in un canile sanitario. Italferro Sud era una delle aziende che lavorava anche con l’ex Ilva. L’area si trova a Statte, comune alle porte di Taranto, ed è destinata ad ospitare, con un servizio di assistenza, 114 cani. È già cominciato il trasferimento degli animali da una struttura privata di Crispiano. Il canile sanitario sorge su una superficie complessiva di circa 3000 metri quadrati, è dotato di ampie aree ricovero, zone per lo sgambettamento degli animali e di locali destinati a laboratorio e cure medico-veterinarie. Su questo terreno, diventato nel tempo una discarica, è stato predisposto un progetto di recupero che poi è stato candidato a finanziamenti della Regione Puglia. Il comune di Statte riceverà circa 900 mila euro per la realizzazione della struttura. 
I Servizi Sociali del Comune di Taranto chiamano a raccolta tutti gli operatori, i volontari, le associazioni e le cooperative di vario tipo e scopo che agiscono nel grande ambito del terzo settore, per venire incontro alle esigenze dei disagiati e degli emarginati. A seguito dei precedenti incontri nella biblioteca comunale “Pietro Acclavio”, organizzati dall’assessore Gabriella Ficocelli nell’ambito della più ampia programmazione dell’amministrazione Melucci per conoscere e confrontarsi con il mondo del sociale e del volontariato, ne è stato previsto una altro più ristretto, riservato agli operatori che svolgono la loro attività di pronto intervento nei riguardi dei bisognosi. In particolari dei senza fissa dimora. «Sono tante le storie quotidiane di interventi da parte degli operatori – le parole di Ficocelli – per sostenere, e possibilmente risolvere, le problematiche sociali complesse delle persone indigenti. Il panorama che ne è emerso è abbastanza sintomatico di una necessità di coordinamento trasversale che…
di Luca Lorusso Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha conferito, motu proprio, trenta onorificenze al Merito della Repubblica Italiana a cittadine e cittadini che si sono distinti per un\\\'imprenditoria etica, per l\\\'impegno a favore dei detenuti, per la solidarietà, per il volontariato, per attività in favore dell\\\'inclusione sociale, della legalità, del diritto alla salute e per atti di eroismo. Il presidente Mattarella ha individuato, fra i tanti esempi presenti nella società civile e nelle istituzioni, alcuni casi significativi di impegno civile, di dedizione al bene comune e di testimonianza dei valori repubblicani. Fra i 30 che hanno ricevuto il riconoscimento anche il Tarantino ANDREA OCCHINEGRO, 52 anni, Ufficiale dell\\\'Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Questa la motivazione: \\\"Per il suo contributo nell\\\'organizzazione di iniziative di solidarietà per ridurre il disagio sociale grazie a una rete capillare e al coinvolgimento di figure professionali\\\" Medico oftalmologo. OCCHINEGRO è il Presidente di…
L’associazione Slow Food Grottaglie Vigne e Ceramiche ha organizzato una serata di solidarietà per sostenere il progetto della cooperativa sociale onlus CABAU, centro ABA autismo con il duplice obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica su di un argomento ancora oggi poco noto e, al tempo stesso, raccogliere fondi per contribuire alle attività del centro. CABAU Soc. Coop. Sociale Onlus nasce a Grottaglie nel 2011 ed è un centro specializzato nel trattamento di bambini con autismo. Accoglie circa 80 bambini con autismo del territorio pugliese, è composto da un organico di 30 dipendenti ed è diretto dalla dott.ssa Raffaella Giannattasio Psicologa, Psicoterapeuta, Analista del Comportamento BCBA, supervisore in Italia di molti centri per l’autismo. L’equipe clinica del CABAU è composta da figure educative e sanitarie altamente qualificate che erogano, agli utenti del centro, trattamenti educativi e riabilitativi che risultano essenziali per promuovere le abilità e una buona qualità di vita nelle persone…
Rischiano di essere sospesi a giugno i lavori di completamento del nuovo ospedale San Cataldo di Taranto, il più grande attualmente in costruzione in Puglia. Il dato è emerso oggi nella seduta della commissione Bilancio della Regione. “Se entro fine giugno non dovessero arrivare novità sui 105 milioni per l’acquisto delle attrezzature, i lavori per la costruzione del nuovo ospedale di Taranto saranno sospesi”, ha dichiarato il presidente della commissione Bilancio, Fabiano Amati. Per la struttura sanitaria di Taranto, “allo stato risultano realizzati lavori per l’82,5 per cento della produzione per uno stato di avanzamento lavori pari a circa 127milioni al 26 gennaio 2023”. “Il termine dei lavori - ha spiegato Amati - risulta ancora previsto per il 31 luglio 2023, ma sia la stazione appaltante che la direzione lavori non sono in grado di confermarlo. Il motivo è relativo alla mancata disponibilità di 105 milioni per l’aggiudicazione delle gare…
Maria Jole Visconti, 36enne di Copertino, nel Leccese, è una paziente oncologica che ha già subito quattro interventi per l\\\'asportazione di una mammella e dell\\\'intero apparato riproduttivo ma attende l\\\'esito di un importante esame istologico da quasi tre mesi. A denunciarlo è la stessa donna che, nel frattempo, svela di avere dovuto fare ricorso alla psicoterapia presso la Lilt di Lecce per trattare le crisi d\\\'ansia e gli attacchi di panico determinati dalle forti tensioni e dallo stress psicologico dovuti alla lunga attesa del referto riguardante i tessuti dell\\\'utero asportato. L\\\'esito dell\\\'indagine istologica, infatti, è determinate per stabilire se la giovane dovrà sottoporsi o meno a ulteriori cure oncologiche. “Ho fatto tre interventi al seno all\\\'ospedale di Lecce – racconta all\\\'AGI Maria Jole Visconti - per lo svuotamento del cavo ascellare e la mastectomia (asportazione totale della mammella, ndr). Mi era stato, infatti, diagnosticato un carcinoma duttale infiltrante. Ho subito…
di Ingrid Iaci Si è svolto nel pomeriggio di ieri nella Biblioteca comunale di Taranto, l\\\'incontro dell\\\'assessore Gabriella Ficocelli, fresca di delega ai Servizi Sociali, ruolo già ricoperto nella precedente amministrazione, con le associazioni del terzo settore del territorio. Numerose le aggregazioni di volontari presenti ed operanti in vari settori, dalla Protezione Civile alle diverse associazioni impegnate in favore dei disabili a quelle che operano in campo turistico o ancora a quelle associazioni che rivolgono la loro attenzione agli anziani o alla tutela della parità di genere. Per la maggior parte di esse, l\\\'invito a \\\"riannodare\\\" il filo laddove si era interrotto con l\\\'assessore precedente, Luana Riso, ora coordinatrice dell\\\'Urban Transition Center, o con la stessa Ficocelli che, come detto, aveva ricoperto lo stesso incarico durante la prima legislatura targata Melucci. Dall\\\'incontro è emerso che la maggior parte delle associazioni necessita di una sede sociale dove poter svolgere la propria…
A partire da ieri 9 gennaio 2023 il servizio di continuità assistenziale, la Guardia Medica, sarà spostato dalla sede di Viale Magna Grecia all’interno dell’ospedale cittadino negli spazi ex CUP del Santissima Annunziata. Tre stanze spaziose adibite ad ambulatori per le visite e locali di servizio completamente rinnovati: si presenta così ora la struttura all’ingresso del presidio ospedaliero “SS. Annunziata”. Fino a poco tempo fa lì trovavano posto gli sportelli del CUP, ormai da diversi mesi trasferiti nell’adiacente Padiglione Vinci: ora è stato ultimato il restyling e gli spazi da stasera diventano sede del servizio di continuità assistenziale. In ottemperanza alla legge regionale n. 66 del 2018, che prevede la collocazione di una sede del servizio di continuità assistenziale presso tutti i presidi ospedalieri dotati di pronto soccorso, ASL Taranto, d’intesa con i sindacati, ha individuato negli spazi accanto all’ingresso principale del nosocomio cittadino quelli più adatti per diventare sede…
Si profila un nuovo slittamento per il completamento dei lavori del nuovo ospedale di Taranto, San Cataldo, da 700 posti letto. Doveva essere ultimato ai primi del 2022 ed ha già registrato diversi rinvii. Il dato è emerso oggi in Regione Puglia nel monitoraggio della commissione Bilancio, presieduta da Fabiano Amati, che ha ascoltato il responsabile unico del procedimento per l’appalto del San Cataldo, Paolo Moschettini, dirigente Asl Taranto. “Cattive notizie - dichiara Amati -. Sta saltando il fine lavori per la costruzione del nuovo ospedale di Taranto, previsto per il 31 luglio 2023, a causa dell’indisponibilità di fondi per arredi e attrezzature. Paghiamo sottovalutazioni e ritardi della Regione da mancata conoscenza delle regole e dei procedimenti sulle fonti di finanziamento, che hanno causato questo terribile disallineamento tra i tempi per la costruzione dell’ospedale e quelli per gli arredi e le attrezzature”. “Nella prossima - afferma Amati - settimana capiremo…
“Sta purtroppo accadendo ciò che gli Ordini dei medici pugliesi denunciano da tempo, con i ripetuti allarmi sulla tenuta del servizio sanitario regionale e sul rischio che crolli l’intera struttura”. Occorre “intervenire con la massima urgenza adottando tutte le soluzioni che possono servire nell’immediato a rispondere alle carenze di personale, ma soprattutto programmando il futuro del servizio sanitario nazionale che poggia innanzitutto sui medici che ci lavorano quotidianamente. Per questo chiediamo che parte delle risorse regionali della Sanità siano vincolate al personale”. È l’allarme lanciato in Puglia da tutti i presidenti provinciali dell’Ordine dei medici Filippo Anelli (Bari), Benedetto Delvecchio (Bat), Cosimo Nume (Taranto), Pierluigi Nicola De Paolis (Foggia), Donato De Giorgi Lecce e Arturo Oliva (Brindisi). L’allarme è partito dallo stato di emergenza dei pronto soccorso della Asl di Brindisi, ma “le carenze di personale sono ormai drammatiche” ovunque, “dato che investono tutto il sistema sanitario regionale. Le prime…
Pagina 4 di 40