Cronaca, Politica & Attualità

Cronaca, Politica & Attualità (4170)

Cronache e ultime notizie. Aggiornamenti e approfondimenti in tempo reale dalla Puglia

In seguito alla recente entrata in vigore della riforma della class action, è stata introdotta nel codice di procedura civile una norma che consente di ottenere l’inibitoria di comportamenti illeciti da parte delle impresesu ricorso di soggetti aventi interessi omogenei. Abbiamo deciso di avvalerci di tale norma e di promuovere una azione inibitoria collettiva contro Acciaierie d’Italia Holding s.p.a., Acciaierie d’Italia s.p.a. e contro ILVA s.p.a., al fine di ottenere la cessazione delle loro condotte che provocano danni ingiusti ai residenti, per la lesione del diritto alla salute e del diritto al tranquillo svolgimento della vita familiare causati dall’inquinamento da parte di impianti tuttora non rispettosi delle norme di qualità ambientali. L’iniziativa è sorta all’interno della nostra associazione Genitori Tarantini ETS che, non avendo la legittimazione a proporla in proprio, ha cercato e trovato il sostegno di persone fisiche, coraggiose ed altruiste, da tempo impegnate nella lotta che condividiamo, le…
 La polizia ha sospeso a Taranto un party con circa mille ragazzi in un locale di San Vito. Era stato segnalato un evento con la presenza di tantissimi giovani che, attraverso i social, si erano dati appuntamento in un noto locale della zona. Sin da subito i poliziotti hanno notato un intenso traffico dei veicoli verso quel locale e tantissime auto parcheggiate nelle vie limitrofe e nel piazzale antistante la discoteca, da cui proveniva musica ad altissimo volume. Entrati nel locale, gli agenti hanno riscontrato la presenza di un migliaio di ragazzi intenti a ballare, accalcati sia nell’area destinata a discoteca che in quelle circostanti, tutti senza alcuna precauzione sanitaria. Considerate le numerosi violazioni riscontrate, i poliziotti hanno immediatamente interrotto la festa, preoccupandosi poi di regolare il normale deflusso di tutti i ragazzi presenti in modo da non creare pericolosi assembramenti. Una volta liberata l’area, gli agenti hanno contestato al…
Appartiene a Giorgio Di Ponzio il bambino di Taranto ucciso dal cancro il volto che Jorit, artista di strada, tra i più popolari anche per lo spirito di denuncia che accompagna le sue performance ha dipinto su una parete di un palazzo del quartiere Tramontone nell’ambito della manifestazione che ha trasformato Taranto in una galleria a cielo aperto con i colori e il talento di 16 street artist che sono protagonisti della seconda edizione del festival “T.R.U.St. – Taranto Regeneration Urban and Street”. Prima di disegnare il volto di Giorgio Jorit ha firmato la sua tela di cemento con un manifesto che richiama all’inviolabile diritto alla salute sancito dalla Costituzione italiana. “A Taranto sta per succedere qualcosa di incredibile- ha scritto Jorit sulla sua pagina facebook- ed io darò il mio contributo. Basta ricatti tra salute e lavoro”. 
Dalla serata di ieri uno dei principali snodi di accesso ed uscita da Taranto, il cavalcaferrovia di Porta Napoli, è chiuso al traffico nei due sensi di marcia. Nel tratto prossimo al ponte di pietra e alla zona del terminal dei bus urbani ed extraurbani, si sono aperti degli squarci nella carreggiata per cui, per motivi di sicurezza, è stato necessario chiudere il transito sul cavalcaferrovia sia con transenne metalliche e jersey di cemento, sia col pattugliamento della Polizia locale. È stata la pioggia delle ultime ore ad aver determinato l’apertura degli squarci, magari già preesistenti, provocando il cedimento del manto stradale. Tutto il traffico che solitamente usa il cavalcaferrovia, migliaia di auto e mezzi al giorno, viene quindi dirottato nel vicino rione Tamburi. Nei due sensi di marcia, il cavalcaferrovia connette dalla città vecchia di Taranto alla statale 100 per Massafra, Bari, all’autostrada per Bari, alla statale 106 per…
Nuovo incidente sul lavoro nel siderurgico di Taranto ex Ilva, ora Acciaierie d’Italia, nelle scorse ore. Lo rende noto la Uilm. Nell'infortunio, nella palazzina fanghi acciaieria 1, è rimasto ferito un lavoratore della ditta Semat Service, durante le attività di lavoro di pulizie industriali, secondo quanto riferisce il sindacato. L'operaio è stato investito da un violento getto di acqua ad alta pressione proveniente dalla Ptc, una macchina idropultrice usata negli impianti industriali, che gli ha procurato la lacerazione dell'inguine. Secondo quanto si apprende dalla Uilm, il lavoratore ha circa 30 anni, è stato assunto da circa un mese e inquadrato col contratto di lavoro Multiservizi. “Riteniamo che quest'ennesimo infortunio", contesta il sindacato, "sia la conseguenza di attività di lavoro che vengono svolte in maniera approssimativa senza salvaguardare la salute e la sicurezza delle maestranze”. Gennaro Oliva, della Uilm, ha riferito all'AGI che “il lavoratore, una volta soccorso, è stato trasportato…
Sono le 8.46 del mattino in Italia le 14.46 di vent’anni fa quando il volto della storia cambia per sempre, segnando un solco profondo nella vita di ognuno. È questo l’esatto momento in poi il primo dei quattro voli dirottati dai terroristi di Al Qaidaattraversa il cielo di New York a tutta velocità e si schianta contro la Torre Nord del World Trade Center. Inizia così l’11 settembre, il giorno dell’attentato che avrebbe portato al crollo delle Torri Gemelle, causando la morte di 2.997 persone.
 Potrebbe essere la prima donna necrofora in Italia, Michela Piccione, 35enne di Sava, che dall’1 ottobre sarà assunta dall’Asl di Taranto e prenderà servizio all’obitorio dell’ospedale Santissima Annunziata. Michela è la donna che mesi addietro denunció al sindacato Slc Cgil lo sfruttamento al lavoro in un call center e che lo scorso 29 dicembre, per questo suo gesto, è stata nominata dal presidente Sergio Mattarella cavaliere al Merito della Repubblica. Nel frattempo, Michela aveva già lasciato il mondo del call center per diventare operatrice socia sanitaria all’ospedale Giannuzzi di Manduria (Taranto). A proposito del nuovo lavoro, sinora riservato solo agli uomini, Michela Piccione ha dichiarato: “Fa più male assistere alla sofferenza delle persone malate. Per me - ha detto riferendosi all’esperienza fatta nel reparto Covid - è stato più duro sopportare le loro sofferenze, vedere una persona che muore soffocata, non lo auguro a nessuno. Potrò sembrare cinica, ma in…
Mercoledì, 08 Settembre 2021 17:43

CORONAVIRUS/ In Puglia 243 nuovi casi e 5 decessi

Scritto da
Oggi in Puglia sono stati registrati 15.241 test per l'infezione da Covid-19 coronavirus e 243 casi positivi: 94 in provincia di Bari, 49 nella provincia di Barletta, Andria, Trani, 16 in provincia di Brindisi, 16 in provincia di Foggia, 60 in provincia di Lecce, 10 in provincia di Taranto. Inoltre sono stati registrati 5 decessi. Attualmente sono 43.978 le persone positive, 213 sono ricoverate in area non critica e 26 in terapia intensiva. Complessivamente dall'inizio dell'emergenza i casi totali sono 265.267 a fronte di 3.393.145 test eseguiti, 254.555 sono le persone guarite e 6.734 quelle decedute 
 Si è spento la scorsa notte l’ex deputato Pd, Ludovico Vico. Aveva 69 anni. E’ stato una figura di spicco del sindacato e della politica pugliese e nel mondo della sinistra. Vico è stato infatti segretario della Federbraccianti Cgil, della stessa Cgil di Taranto, ed ha militato nel Pci, nei Ds e infine nel Pd. I funerali avranno luogo domani alle 16.30 nella chiesa dei Padri Passionisti a Manduria, la sua città di origine. Nato l’11 febbraio 1952, Ludovico Vico a 16 anni inizia a militare nel movimento studentesco e subito dopo nelle formazioni della nuova sinistra e nelle lotte operaie e bracciantili. Nel 1977 si iscrive alla Fillea-Cgil. Operaio nei cantieri dei programmi Ceca, è coordinatore dei consigli di fabbrica. Si iscrive al Pci. Nel 1981 è segretario della zona orientale della Cgil. Nel 1983 diventa segretario generale della Federbraccianti CGIL. Segretario generale nell’ambito della Camera del lavoro di…
Una serie di scatti fotografici, sessanta per la precisione, “riguardanti lavorazioni dell’azienda Acciaierie d’Italia, effettuati da differenti zone della città di Taranto durante gli ultimi 3 mesi” è stata inviata dall’associazione Genitori Tarantini al premier Mario Draghi e ai ministri Roberto Cingolani, Giancarlo Giorgetti, Andrea Orlando e Roberto Speranza (rispettivamente titolari delle deleghe alla Transizione ecologica, allo Sviluppo economico, al Lavoro e alla Salute). Le foto, scattate di giorno e al tramonto, ritraggono emissioni dal grande camino E312, il più alto della fabbrica. Le immagini evidenziano la colorazione rossastra del cielo oppure nubi grigie che sovrastano l’area degli impianti siderurgici. Tutte le foto sono fatte a distanza. “Ci sono pervenuti tramite numerosi cittadini (non ambientalisti) che vigilano perché oramai stufi di questa insopportabile realtà alla quale siamo costretti”, afferma l’associazione Genitori Tarantini a proposito degli scatti riferiti all’ex Ilva. L’associazione, che è formata da persone che hanno avuto i figli…
Pagina 1 di 298