Il giornalista presenta il suo lavoro editoriale Giovedì 24 Gennaio ore 18.30, nella Sala Auditorium della Banca a Grottaglie (Via Messapia Ang.Via Emilia). 

Il vice direttore del Corriere della Sera presenta il suo ultimo libro edito da Marsilio “Prove tecniche di resurrezione. Come riprendersi la propria vita”. Tra memoir e riflessione filosofica, si tratta di un paradossale decalogo per fare i conti con le ansie e le incertezze, le opportunità e le scoperte che ogni nuovo inizio porta con sé. Alternando racconto autobiografico e viaggio tra le questioni del nostro tempo, Antonio Polito ci guida alla scoperta di una di quelle fasi in cui avvertiamo un improvviso bisogno di sobrietà, di «fare pulizia» e alleggerirci dai pesi inutili, applicando del sano senso pratico al nostro bagaglio di vissuti e di valori. Una metamorfosi che ha mille facce: riguarda l’essere figli e genitori, la dimensione amorosa, il rapporto con la tecnologia, l’idea della morte, la politica e la responsabilità, la riscoperta del corpo e del piacere. Un invito a ridiventare padroni del proprio tempo, a mollare gli ormeggi e riprendere in mano la propria vita.
 Antonio Polito (1956) è vicedirettore del Corriere della Sera. È autore di due libri intervista (con Eric Hobsbawm e con Ralf Dahrendorf), di Contro i papà (2012), In fondo a destra (2013) e, con Marsilio, di Riprendiamoci i nostri figli (2017, quattro edizioni, premio Pavese).
Evento organizzato in collaborazione con la Libreria Ubik di Taranto. Info. 3481532197

Organizzato dalla Associazione Salam si terra il sabato 5 Gennaio ore 19 30 una serata dedicata al Gospel. L’iniziativa si svolgerà presso la Basilica di San Martino a Martina Franca e - come tengono a ribadire gli organizzatori- sarà una festa, un incontro ma soprattutto un momento per pensare al senso profondo del Natale e dell Epifania. Nel corso della serata verrà  premiato il vincitore del concorso "Cosa sono i diritti umani?". 

Il volume dal titolo “Un morto ogni tanto“ e sottotitolo “La mia battaglia contro la mafia invisibile“, si terrà giovedì 3 gennaio alle ore 18.30 nell’Hotel President in via Salandra a Lecce. Dialogheranno con l’autore Leonardo Leone De castris, Procuratore Lecce, Vincenzo Muscatiello, Professore in Diritto Penale Università di Bari ed infine il senatore Dario Stefano Presidente de La Puglia in Più.

Martedì, 18 Dicembre 2018 04:29

TARANTO/ #nataleinsieme2018taranto.

Scritto da

Natale Insieme 2018 Taranto: le Associazioni di Categoria animano la città con un tour itinerante  di emozioni: artisti ed eventi che riportano il senso della favola e della magia natalizia! Il centro della città inoltre si anima mediante un impianto di filodiffusione! L'obiettivo è quello di valorizzare le festività con l'auspicio che queste possano divenire un'occasione di stimolo alla socializzazione e al senso di appartenenza ad una Comunità. In tutto quattro tappe:    

Prima prima tappa 18 dicembre via Cesare Battisti, Taranto Ore 17.30

Seconda tappa 19 dicembre via Liguria ore 17.30

Terza tappa via D’Aquino e via Di Palma ore 17.30

Quarta tappa Talsano ore 10.30

Partners istituzionali:

- CAMERA DI COMMERCIO e  COMUNE DI TARANTO

Associazioni organizzatrici:

- CONFARTIGIANATO, CONFESERCENTI, CONFCOOPERATIVE, CONFAGRICOLTURA, CNA, CONFAPI, CLAAI, UPALAP, UNSICe COPAGRI.

Main sponsor:

- Bcc di San Marzano di San Giuseppe; Banca di Taranto; LucaniaFidi; Interfidi.

 

Domenica, 09 Dicembre 2018 10:13

Taranto/ Salviamo l’Acquedotto del Triglio.

Scritto da

Dibattito Venerdì 14 Dicembre 2018 - ore 17.00 Aula Magna Liceo Ferraris - Quinto Ennio - Via Abruzzo 13

Il Prof. Angelo Conte racconterà "LA LUNGA STORIA DELL'ACQUEDOTTO DEL TRIGLIO" attraverso un'accurata ricostruzione della vita di questa struttura, che ha attraversato il tempo. Oggi purtroppo le sue condizioni sono in un pietoso ed incomprensibile stato di degrado, dovuto principalmente alla mancanza di manutenzione e di salvaguardia come numerose altre strutture simili in Italia. Ricordo che lo scorso mese sono crollate due arcate ed altre potrebbero presto cadere. La Soprintendenza Archeologica della Puglia trasferita a Lecce tarda ad intervenire, molto probabilmente per mancanza di fondi.A questo punto, non rimane che tenere vivo l'interesse e l'attenzione, verso questo bene pieno d'IDENTITA' e di STORIA.E' in corso una petizione di sensibilizzazione, firmatela GRAZIE.https://www.change.org/p/soprintendenza-taranto-salviamo-l-acquedotto-del-triglio?recruiter=73979147&utm_source=share_petition&utm_medium=facebook&utm_campaign=share_petition&utm_term=share_petition&utm_content=fhtcon-13854169-it-it%3Av2&fbclid=IwAR0HHv5EhA5bQLrD9CZxowv-3MDvzsUxeIpFv_nIm3oFu8nkAmToAcCJ44g

Giancarlo Antonucci Daniela Rotondo Carmine De Gregorio Mario Lazzarini Aldo Siciliano Rosalba De Giorgi

 

Il prossimo 7 Dicembre l’incontro con  il noto economista organizzato dalla BCC San Marzano in collaborazione con il Libro Possibile presso la Sala Conferenze del Dipartimento Jonico dell’Università in Via Duomo 259.

 

 

Venerdì 7 Dicembre ore 18.00 nella prestigiosa Sala Conferenze del Dipartimento Jonico dell'Università degli Studi di Bari a Taranto, la BCC San Marzano ospita l’incontro con l'autore Carlo Cottarelli in collaborazione con Il Libro Possibile, nell'ambito delle iniziative a sostegno dell'arte e della cultura. 

Il celebre economistapartendo dal suo ultimo libro “I sette peccati capitali dell’economia italiana”, propone una lucida disamina della situazione economica del nostro paeseEvasione fiscale, corruzione, eccesso di burocrazia, lentezza della giustizia, crollo demografico, divario tra nord e sud, difficoltà a convivere con l’euro, sono questi i temi dell’incontro in cui l’ex commissario alla spending rewiew fornisce alcune chiavi di lettura per individuare alcuni segnali di ripresaUn lavoro in linea con quanto svolto dall’Osservatorio sui conti pubblici italiani dell’Università Cattolica di Milanodiretto dallo stesso Cottarelli e nato per far fronte alla carenza informativa che c’è in Italia sui temi della spesa e della finanza pubblica.

"L’economia italiana è cresciuta poco negli ultimi vent’anni - spiega Cottarelli - Ha accelerato un po’ nel 2017, ma hanno accelerato anche tutti gli altri paesi. Se fosse una corsa ciclistica, sarebbe come rallegrarsi di andare più veloci senza accorgersi di avere iniziato un tratto in discesa. In realtà, anche in discesa il distacco dal gruppo sta aumentando".

Perché l’economia italiana non riesce a recuperare? Secondo l’autore esistono alcuni ostacoli molto ingombranti. Quali sono le loro cause? Ma, soprattutto, ci sono segnali di miglioramento e speranza per il futuro?

Dopo un’esperienza decennale da dirigente del Fondo monetario internazionale, Cottarelli torna in Italia e risponde a queste domande con un linguaggio semplice ma rigoroso. Dimostra che se i segnali positivi sono ancora parziali e moltissimo resta da fare, la precarietà che impedisce la nostra ripresa non è legata a un destino che siamo costretti a subire.

L'evento è organizzato in collaborazione con il Libro Possibilecon il patrocinio dell'Università degli Studi di Bari – Dipartimento Jonico in "Sistemi Giuridici ed Economici del Mediterraneo: Società, Ambiente, Culture". 

Taranto (Taranto) – Università degli Studi di Bari -  Via Duomo 259 - ore 18:30 - Ingresso libero con possibilità di riservare il posto a sedere registrandosi sul sito bccsanmarzano.it - Info. 3481532197

Creare nuove occasioni di divulgazione della cultura musicale in favore della città di Taranto e, nello specifico, nell’ampliamento della fruizione culturale verso le fasce sociali più deboli, i giovani, gli anziani, le persone con disabilità e verso la popolazione scolastica tutta, concordando un accordo di collaborazione. E’ uno degli obiettivi della convenzione stipulata dal Museo Archeologico Nazionale di Taranto – MArTA e dall’Orchestra Ico Magna Grecia, illustrata oggi nel corso di una conferenza stampa. Erano presenti la direttrice del Museo Eva Degl'Innocenti, il direttore artistico dell’Orchestra Magna Grecia Piero Romano, il direttore artistico di L.A. Chorus Pierfrancesco Semeraro e la responsabile di Baux Cucine srl Mariella Franchini (sponsor dell’Orchestra Magna Grecia).

Le due importanti istituzioni concordano sulla esigenza di sviluppare ed incrementare, anche in termini di qualità, le attività culturali e musicali nel territorio della provincia di Taranto. Questa collaborazione inizierà con la rassegna "InCanto al MArTA": tre concerti nelle domeniche 18 e 25 novembre e 9 dicembre che vedranno la partecipazione esclusiva di L.A. Chorus (coro professionale di Basilicata e Puglia).

 

In base alla convenzione, il MArTA si impegna a sviluppare in accordo con l’Orchestra progetti scientifici di studio e ricerca negli ambiti di reciproco interesse, a organizzare una serie di concerti ed eventi, anche espressi in singole Rassegne o Stagioni Concertistiche, a mettere a disposizione, secondo modalità da concordare, gli spazi del Museo Archeologico Nazionale di Taranto all’aperto ed al chiuso. L’accesso ai concerti sarà possibile previo pagamento del biglietto del Museo, ma sarà riconosciuta una riduzione del 50% ai possessori di biglietto emesso dall’Orchestra entro 3 mesi dalla data di emissione. E’ prevista anche una riduzione sul biglietto d’ingresso del 50% per 5 ingressi ai possessori di abbonamento emesso dalla stessa Orchestra.

L’Ico Magna Grecia, a sua volta, si impegna a definire un luogo idoneo allo svolgimento dell’attività culturale, a riconoscere una riduzione del 15% sul biglietto dei concerti organizzati dall’Orchestra ai possessori di biglietto emesso dal MArTA (nell’ambito della stagione concertistica ed entro 3 mesi dalla data di emissione del biglietto) e una riduzione di 10 euro sul costo dell’abbonamento.

“Sono particolarmente onorato – ha sottolineato il direttore artistico dell’Orchestra Magna Grecia Piero Romano - di sottoscrivere questo protocollo di collaborazione con il Museo MArTA, coordinato e condiviso con la direttrice Eva Degl’Innocenti. E’ un’opportunità in più e sicuramente di grande prestigio poter sentire la musica di L.A. Chorus all’interno delle sale del MArTA, quindi con una fruizione combinata dei beni archeologici e della musica corale che con il direttore artistico Pierfranco Semeraro abbiamo voluto lanciare in collaborazione con il Museo. Sarà un’occasione anche di poter condividere, insieme al nostro sponsor Baux, questa esperienza e sarà sicuramente la prima edizione di una lunga serie che ci vedrà visitare e animare le sale del MArTA, nostro fiore all’occhiello”.

Anche la direttrice del Museo archeologico nazionale di Taranto, Eva Degl'Innocenti, si dichiara "molto felice e soddisfatta di aver siglato questa collaborazione, con la quale il MArTA, che riconosce nell'opera dell'Orchestra Magna Grecia un'importante attività che porta lustro alla città di Taranto e al suo territorio, continua la sua azione volta ad assicurare la stretta relazione con le eccellenze locali, condividendo i propri spazi e la propria progettualità a supporto delle realtà culturali più impegnate. Tutto questo nell'ottica di promuovere attività capaci di favorire la partecipazione di un ampio pubblico e in particolare delle cosiddette fasce deboli della popolazione, per una positiva e concreta ricaduta sulla comunità locale e il territorio".

 

Per il direttore artistico di L.A. Chorus, Pierfrancesco Semeraro, "il fatto che la musica sia espressa in uno dei sacrari della bellezza rappresenta un plus non solo per il territorio tarantino ma per tutta la Regione. L.A. Chorus è un progetto nato oltre 5 anni fa che ha una linea di fondo: quella di professionalizzare la coralità. E' una sfida. Tra Matera e Taranto ospitiamo una delle realtà più effervescenti e questo è un motivo di entusiasmo".

La titolare della Baux Cucine, Mariella Franchini, ha evidenziato "l'importanza della collaborazione con una istituzione importante come l'Orchestra della Magna Grecia. La nostra è un'azienda giovane ed innovativa e ha deciso di investire sul bello, sulla cultura e sul territorio con la volontà di emergere. Perchè è la città stessa che, anche se in un periodo di crisi generalizzata, ha bisogno di crescere e innovarsi. Il nostro slogan è: "la sostanza oltre l'apparenza". Bisogna far capire a tutti che la nostra terra può offrire molto di più".

Taranto, 13 novembre 2018

 

PROGRAMMA CONCERTI "InCanto al MArTA"

Museo archeologico nazionale di Taranto-MArTA

Domenica 18 novembre 2018, ore 11

"Sul Vento Romantico"

Concerto Stanziale – Chiostro del Museo o “Sala incontri” in caso di pioggia (Max 80 posti)

M° Sergio Lella – direttore

L.A.Chorus (13 coristi)

Annastella Gargiulo e Valeria Perilli - pianoforte

Il percorso parte dai classici quali Haydn, Felix Mendelssohn-Bartholdy e Camille Saint-Sans per portarci nel mondo più contemporaneo del Novecento Storico. Attraverso la sapiente scrittura musicale e il profondo rapporto con il significato del testo, questi autori sono capaci di trasmettere con arte e maestria l'emozione autentica della parola. A seguire aperitivo nel Chiostro del Museo offerto dall’Orchestra della Magna Grecia

Domenica 25 novembre 2018, ore 11

"Sax Vocis" (max 50 posti)

M° Andrea Crastolla – direttore

Raffaele Casarano - sax

L.A. Chorus (24 coristi)

Itinerante: sale IX, XIII e XIV

Concerto di improvvisazioni jazzistiche su echi sacri. Un percorso musicale dal periodo antico passando dal tardo romantico arrivando al Novecento e concludendo nel contemporaneo. A seguire aperitivo nel Chiostro del Museo offerto dall’Orchestra della Magna Grecia.

Domenica 9 dicembre 2018, ore 11

"Festa Barocca" (max 50 posti)

M° Luigi Leo – direttore

L.A. Chorus (24 coristi)

Pianoforte-Simone Falcone 

Viola da gamba-Claudio Mastrangelo 

 violone barocco-Maurizio Ria

Stanziale: sala VIII  

La gioia di una grande festa rivive nelle pagine di alcuni compositori barocchi di scuola napoletana e di origini lucane e Pugliesi come Il barese Pomponio Nenna (1556-1618) e il lucano Giovanni Maria Trabaci (1575-1647). Il loro linguaggio è tutto teso all'adozione di un contrappunto espresso in armonie limpide e forme luminose: una grande festa barocca. A seguire aperitivo nel Chiostro del Museo offerto dall’Orchestra della Magna Grecia.

Martedì, 06 Novembre 2018 15:01

Contest(ABLE).VINCITORI PREMIAZIONE CONTEST 2018.

Scritto da

COLLETTIVA FOTOGRAFICA/ DOMENICA 11 NOVEMBRE – H.18.30 – SALA CONGRESSI CASTELLO EPISCOPIO - GROTTAGLIE

 

L’evento organizzato dall’Associazione Culturale Occhio Fotografico premierà i vincitori dei contest 2018.

La serata  avrà luogo a Grottaglie domenica 11 novembre  presso la sala congressi del Castello Episcopio alle ore 18.30 e sarà presentata da  Vito De Gregorio, Presidente di “Occhio Fotografico”. 

L’iniziativa, nata quasi per gioco a febbraio di quest’anno, aveva come protagonista assoluta la fotografia e la sua condivisione in una competizione che avesse come scopo finale quello di premiare lo scatto più significativo.

I contest diventano così il modo per incontrarsi e confrontarsi anche a distanza di chilometri, uniti da un unico mordente, parlare in chiave fotografica.

L’associazione grottagliese ha così deciso di voler dare un seguito a questi concorsi esponendo le opere vincitrici e premiandole anche al di fuori dei social.

Il Presidente, De Gregorio, afferma l’importanza di presentare gli scatti in un contesto reale. Parafrasando le sue parole, ci parla della contraddizione esistente tra i nuovi e potenti mezzi di comunicazione e la paura delle persone di mostrarsi nella vita reale. 

A tal proposito, invita la professoressa e scrittrice Giuseppa Colitta a tenere un discorso sull’importanza dei media nella comunicazione e di quanto questi nuovi e fondamentali mezzi stiano in realtà diventando delle vere e proprie  celle di isolamento

“La prima grande solitudine è figlia del computer” afferma la docente, ospite della serata, “la rete è dunque un luogo comunicativo, formativo e informativo. Una realtà da non configurarsi come sostituta alienante delle relazioni face to face”. 

Saranno premiati:  Pasquale Storsillo  - contest “Sotto la pioggia”e “Fantasia”Tiziana Ruggero  -  contest “Il ritratto creatrivo”, Simone Stella – contest “Il colore Giallo”, Arianna Crivelli – contest  “Geometrie urbane”, Michele Stella – contest “Il riflesso” ed infine Paolo Cirmia – contest  “Un’ estate”.

 


 

 

 

Il 61% dei pugliesi parla dei suoi gusti alimentaritutti i giorni, più del resto degli italiani (media nazionale del 51%). Tema sentito qui più che altrove come parte della cultura locale, ma anche come argomento di seduzione.

La ricerca “Italiani che parlano di cibo: un dibattito infinito” di Squadrati e Coca-Cola rivela con quanta frequenza e passione nel nostro Paese si parli di gusti e scelte a tavola.

 

Milano, 19 settembre 2018  Parlare di cibo è una passione che coinvolge tutti i giorni la metà degli Italiani, ma è in Puglia che tocca uno dei suoi picchi: ne discute il del 61delle personeÈquanto emerge dalla ricerca di Squadrati “Italiani che parlano di cibo: un dibattito infinito” commissionata da Coca-Cola, che ha indagato quanto sia vera la percezione che nel nostro Paese parlare di gusti a tavola sia importante quanto lo stesso atto di mangiare.

Sul perché questo tema sia così rilevante, gli italiani non hanno dubbi: è un piacere della vita. Parere condiviso anche dal 38% dei pugliesi, che però, molto più dei connazionali, ne parla perché parte integrante della cultura locale (22% vs. 17% campione nazionale)Ma conversare sul cibo può essere anche uno strumento di seduzione e afferma di metterlo in pratica ben il 34% dei pugliesi (vs. 27% media nazionale).

Dove si discute di più di cibo? Sicuramente a casa, che per il 78% degli intervistati in regione è in cima alle preferenzeAl sesto posto i social network che in Puglia sono utilizzatati per dibattereda una percentuale più alta di persone rispetto al resto del Paese.

 

Quando, dove, con chi si parla di gusti a tavola.[Spaccato per la regione Puglia]

Il 61% degli intervistati della regione Puglia parla di cibo e di gusti in fatto di cibo tutti i giorni. 

È la casa il regno delle conversazioni (78% degli intervistati), seguita a distanza da ristorante (53%), ufficio (43%)supermercati(34%), bar (31%) al sesto posto social network, usati molto più dai pugliesi che dal resto degli italiani (22% vs. 17% campione nazionale). Fra questi la piattaforma preferita per discutere è Facebookusata ben dal 70% vs. 59% della media nazionale.

Nella classifica delle persone con cui capita più spesso di intavolare discussioni sul tema, gli amici conquistano il primo posto (segnalati dal 76% del campione) e battono il partner (al secondo con il 58% delle risposte), seguiti da genitori (41%) e colleghi (40%)

 

 

Parlare di cibo? Piacevole come mangiarlo. [Spaccato per la regione Puglia]

Sul perché il tema del cibo sia così rilevante nelle conversazioni il 38% degli intervistati non ha dubbi: perché è un piacere della vitaMa in Puglia più che altrove è forte la consapevolezza che esso è parte integrante della cultura locale (22% vs. 17% campione nazionale)Parlare di cibo può essere anche uno strumento di seduzione e afferma di utilizzarlo a questo scopo ben il 34% dei pugliesi (vs. 27% media nazionale).

L’edonismo degli italiani (tutti) si rispecchia anche nel loro approccio ai momenti di conversazione su questi temi, che risultano piacevoli per il 50dei pugliesiper il 39creano socializzazione, mentre per il 32% del campione sono tranquilli

 

Di cosa parlano gli italiani nello specifico. [Spaccato per la regione Puglia]

L’82% degli italiani ritiene che quello del cibo sia un argomento serio. Sarà per questo che se ne parla continuamente, prima, dopo e durante i pasti. In Puglia ben il 90% degli intervistati conversa di cibo mentre è seduto a tavola. Di questi, il 72% parla di ciò che sta mangiando (con un picco rispetto alla media nazionale del 67%)mentre il 20% è già proiettato a cosa mangerà durante i pasti successivi.

Ma quali piatti appassionano di più? A differenza di altre regioni in cui la pizza la fa da padrona, in Puglia il tema che coinvolge di più è quello relativo alla cottura della carne: 80% vs. 75% media nazionale. Più sentita che nel resto dell’Italia è anche la scelta fra pasta corta e pasta lungane parla il 64% dei pugliesi vs. 59% del resto d’Italia.

La passione nel dibattere sul cibo è stata confermata anche dalla campagna “De Gustibus” di Coca-Cola che da marzo a giugno ha indagato su Facebook le preferenze degli utenti italianiIlrisultatoSul podio, al primo posto, il post dedicato alla scelta della pizza, alta o bassa, che ha totalizzato oltre 500 commenti, quasi 400 commenti per l’elezione del panino ideale con prosciutto cotto vs prosciutto crudo in un post dedicato 340 per indicare la pasta preferita nella sfida tra quella corta e quella lunga.

Anche nei dibattiti allestiti in alcune pensiline interattive predisposte in 3 città italiane (Milano, Roma e Napoli) la pizza è stata il tema più partecipato con oltre 7.000 voti in sole due settimane di attività. 

 

 

 

 

 Nella chiesa di Sant'Andrea degli Armeni

Porte aperte. Con vista sulla città vecchia 

 

 

estratto della mostra "Eppure... giocano" del 1983, un progetto del Teatro degli Audaci

 

 

 

Gli occhi dei bambini illustrano la città vecchia. Per il progetto “Heroes”, martedì 18 settembre, Oggi martedì 8 settembre alle ore 18.30 nella chiesa di Sant’Andrea degli Armeni, in piazza Monteoliveto a Taranto, vernissage della mostra “Porte aperte” a cura di Aminta Pierri. Fino al 24 settembre (ad ingresso libero), tutti i giorni compresi i festivi, con orario 10-13 e 17-19.30. Info: 099.4725780 - 366.3473430.

Attraverso materiale storico d’archivio e installazioni audio-video torna visitabile, sebbene solo in parte, la mostra “Eppure… giocano”, un progetto promosso nel 1983 dal Teatro degli Audaci nelle scuole elementari dell’antica isola tarantina in collaborazione con gli insegnanti Amelia Di Monaco Pierri e Riccardo Corrado e il sostegno del gruppo fotografico Il Contrasto. A completare il percorso emotivo ed artistico, nella serata di inaugurazione, le voci a confronto del docente universitario Daniele Giancane, poeta, pedagogista, scrittore di letteratura per l’infanzia, e degli operatori culturali Francesco Zigrino, autore, regista, fondatore del Teatro degli Audaci, e Andrea Indellicati, illustratore, grafico, sperimentatore tout court.

“Porte aperte” è una filastrocca ed è o forse era un gioco di passaggi e scambi tra strade libere e ostacoli da superare. In questa giostra gli archi di volta dell'isola immaginata dai bambini di tanti anni fa diventano le chiavi di volta per un'immaginazione attuale, snodi e aperture dei vicoli e delle vie ovvero delle storie e delle vite che qui vi passano e vi passavano. Luoghi reali e desiderati nei quali si giocava nonostante il resto, nei quali si gioca ancora oggi nonostante tutto. Da queste aperture la mostra, piccolo estratto di quella che fu “Eppure... giocano” nel 1983, spera di passare e ricordare le esperienze e i sogni del passato affinché possano farsi punto di nuove partenze. 

Dall’archivio di un’insegnante straordinaria provengono i disegni dei bambini del 1983, alunni della scuola elementare a tempo pieno dell’allora Palazzo Amati, ubicata nell’omonimo palazzosulla “ringhiera” nel cuore della città vecchia, che parteciparono al progetto del Teatro degli Audaci, la compagnia teatrale che aveva sede in pendio La Riccia a palazzo D’Aquino. Primo “presidio” culturale e teatrale a nascere nell’Isola, a rincorrere il sogno di vederla rinascere condividendo con i suoi abitanti esperienze artistiche importanti (ad esempio, il “Carnevale” 1982 e 1983, lo scespiriano “Sogno di una notte di mezz’estate” nei vicoli, il convegno “Animazione non è giocattolo”), che meritano di rimanere nella memoria di questa città smemorata.

L’invito del Crest a partecipare va a quanti - docenti, amministratori, sociologi, architetti, artigiani, inguaribili romantici - vogliano confrontarsi su prospettive e sogni nella consapevolezza che… si ricomincia da tre.

 

Fotografa e curatrice editoriale, Aminta Pierri (1983), laureata in Scienze della Comunicazione all'Università di Bari con una tesi in fotografia e filosofia dell’immaginazione, consegue i master in fotografia alla Scuola Romana di Fotografia (2013) e instorytelling alla Luz Agenzy di Milano (2014). Si dedica in particolare alla ricerca introspettiva ed emozionale. Il progetto "Nessuna elegia", menzione d'onore al Perugia Social Photo Fest (2014), è esposto a Latina, Spazio Comel (2013) e AUS + Gallerie (2014). Il dummy "L'unghia del leone", pubblicato da Witty Kiwi (2014) e in seconda edizione da Witty Kiwi - Balter (2016), è esposto al photobook La Pelanda a Macro Testaccio (2012) e al Bitume PhotoFest a Gallipoli (2015). Inserita nel circuito Nesxt- Independent Art Festival, la mostra "I'd like to go by climbing a birch tree" è ospitata dal Jest di Torino (2017) e pubblicata su Der Greif #8. È fondatrice della Balter, casa editrice fotografica indipendente, ubicata in un trullo della Valle d’Itria, in contrada Finimondo.

 

 

“Heroes” è un progetto triennale 2017/19 di Crest e associazione culturale “Tra il dire il fare” (Ruvo di Puglia, BA) in ATS, in ordine all’avviso pubblico per iniziative progettuali riguardanti lo spettacolo dal vivo e le residenze artistiche - Patto per la Puglia - FSC 2014/2020 - Area di intervento “Turismo, cultura e valorizzazione delle risorse naturali”.

Pagina 1 di 16