Cookie Consent by Free Privacy Policy Generator
Preferenze sui cookie
Giornale di Taranto - Cultura, Spettacoli & Società
Brutta giornata quella calcistica per le squadre ioniche. Perde in casa il Martina, perde il Grottaglie, pareggiano in casa il Massafra ed il Taranto quest'ultima contro il San Severo, certamente fra le meno forti del campionato di serie D Girone H. Un Taranto che ha mostrato molti limiti anche e soprattutto a causa di una formazione schierata dal tecnico Maiuri con i migliori giocatori messi fuori dalla rosa come ad esempio Mignogna e Molinari, autore quest'ultimo del gol con il quale il Taranto si era portato in vantaggio nella prima parte della ripresa. La rete del pareggio de San Severo è venuta quasi al termine della partita con un colpo di testa del giocatore foggiano che ha avuto quasi del miracoloso vista l'altezza raggiunta. Comunque è un Taranto tutto da rivedere con soli 8 punti in classifica già in notevole ritardo rispetto ad una Marcianise che va come un treno che ha battuto anche una squadra molto in forma come la Turris. Cosa va cambiato? Sicuramente a rischio l'allenatore Maiuri che forse non ha saputo dare la giusta quadratura ad una squadra che ha invece tutte le potenzialità per fare bene. Entro martedì dovrebbero arrivare notizie importanti, almeno questa l'intenzione espressa dal presidente Nardoni al termine del match con il San Severo. Chi arriverà? Si parla di un ritorno sulla panchina rossoblù di Papagni. E se si pensasse seriamente anche ad un ritorno di Dionigi che nella città dei due mari ha fatto sempre bene? Intnto è ufficialel l' interruzione del rapporto di lavoro del Massafra col tecnico Murianni. L’Acd Massafra ha infatti comunicato che, al termine della gara odierna del campionato di Eccellenza pugliese, pareggiata col risultato di 0-0 contro il Castellaneta, il tecnico Enzo Murianni è stato esonerato dalla guida della prima squadra.
"Rispettate i nostri colori" hanno urlato nei minuti finali i tifosi del Taranto conseguenza di una prestazione scialba e deludente della squadra rossoblu' nella partita vinta dal Brindisi con un secco 2 a 0. Un Taranto nervoso con lacune molto gravi soprattutto in difesa ed a centrocampo tanto che il risultato finale non fa una grinza. Fischi al mister Maiuri soprattutto dopo la sconfitta in casa di domenica scorsa in casa contro la Turris. Il Brindisi ha meritato la vittoria con un prestazione eccellente che visto la squadra biancoceleste vincere ma con grinta e voglia di giocare, riscattando la sconfitta dei sette giorni prima. "Con questa vittoria abbiamo dimostrato di essere una grande squadra" - ha commentato alla fine del match il giocatore brindisino Gambino. Tremila spettatori alla Stadio Franco Fanuzzi di Brindisi di cui mille quelli rossoblù che hanno assistito ad un derby a senso unico e che, come detto, al termine dell'incontro hanno contestato la squadra e l'allenatore la cui permanenza si fa veramente dura dopo due sconfitte consecutive, ma soprattutto con una formazione che non ha mostrato attributi. Peraltro la situazione in classifica si fa difficile con il Taranto che si trova in una posizione medio bassa, già a 8 punti dalla prima in classifica che è la casertana Marcianise seguita dalla Turris con 13 punti. Nel finale espulso anche il Medico sportivo tarantino Petrocelli. Non sarà molto contento il Presidente Nardoni che già dopo la sconfitta interna di domenica scorsa aveva fatto sentire la voce grossa durante la settimana richiamando la squadra ad un maggiore impegno che invece non c'è stato nella partita persa con il Brindisi. Una formazione costruita con grande entusiasmo che sta mostrando tutti i suoi limiti e su cui occorrerà intervenire con urgenza per non andare oltre.
Si terrà giovedì 10 ottobre, ore 10, presso Teca del Mediterraneo (via Giulio Petroni 19/a – Bari), il terzo incontro per il migliore utilizzo delle risorse informative. Il terzo modulo è dedicato agli elementi di catalogazione. La partecipazione è gratuita. Per iscriversi è sufficiente inviare un’e-mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , indicando la giornata in cui si desidera frequentare. Le iscrizioni si chiudono il martedì alle ore 13. Tutti gli interessati possono seguire anche più moduli, a scelta, senza alcuna limitazione, salvo quella dell’iscrizione e della presenza nell’aula didattica di Teca per partecipare alle esercitazioni pratiche. A chiusura della giornata sarà rilasciato un attestato. Il programma completo delle sessioni è nella sezione traning del sito web di Teca all’indirizzo http://biblioteca.consiglio.puglia.it Per informazioni 080.540.27.10 Twitter: @TecaMediterrane - YouTube: Teca del Mediterraneo – Facebook: Biblioteca Cons. Reg. Puglia. Infopoint del Consiglio Regionale della Puglia Servizio Biblioteca e Comunicazione Istituzionale Via Giulio Petroni 19/A - 70124 Bari (IT) Tel: +39 080 5402772 Fax: +39 080 5402775 Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. Sito Web: http://biblioteca.consiglio.puglia.it
Non più mero luogo in cui conservare con amore i libri, ma autentico erogatore di servizi, soprattutto a favore di chi ne ha più bisogno. Questo vuole essere la Biblioteca ”Marco Motolese” che oggi ha presentato il patto di collaborazione stipulato con il Polo Universitario Jonico, in particolare nella persona del suo Direttore, prof Antonio Uricchio, prossimo Magnifico Rettore Università di Bari. Come ha spiegato la presidente dell’associazione di volontariato “Marco Motolese”, Carmen Galluzzo Motolese, la collaborazione ha visto l’acquisto di testi dei vari corsi di laurea presenti nel nostro territorio; l’elenco dei testi disponibili presso la Biblioteca”Marco Motolese” (giurisprudenza, economia aziendale ecc.) sarà affisso nella bacheca della segreteria del Polo Jonico, nella sede della ex Caserma Rossarol e nella sede della Biblioteca “Marco Motolese”, con orari di apertura e chiusura della stessa per facilitare la consultazione. Lo scopo dell’iniziativa, ideata dal vicepresidente dell’Associazione di Volontariato, dott. Massimiliano Motolese, è quello di agevolare gli studi degli universitari frequentanti la sede jonica. La Biblioteca”Marco Motolese” è stata inaugurata nel dicembre del 2009, ed è sita nel centro Polivalente Giovanni Paolo II in via Lisippo 8, quartiere Tamburi Taranto. Costituita dall’Associazione “Marco Motolese”, possiede un fondo librario di oltre 14.000 mila libri, donati da diverse istituzioni, organismi e privati della città. Inserita nel progetto Bibljorete, che vede come capofila la Biblioteca Acclavio, è presente nel sistema nazionale OPAC SBN. Il suo obiettivo primario è far nascere l’amore per la lettura e fornire saperi a bambini e ragazzi di tutte le età, ed accrescere le loro competenze, oltre che essere agorà di incontri. La biblioteca, infatti, non è solo il luogo in cui i giovani dei Tamburi, e non solo, frequentano per consultare libri, un freddo “deposito di volumi”, ma piuttosto deve diventare un vero e proprio polo di aggregazione culturale in cui si possano tenere manifestazioni e iniziative a favore di tutta la collettività. La formazione dei giovani, che sono il nostro futuro, è punto cardine per la crescita di un territorio. Se i bambini, i ragazzi ed i giovani, sono il nostro futuro, noi adulti, noi operatori culturali siamo il loro presente. Dobbiamo quindi essere all’altezza delle loro aspettative e fornire loro tutti gli strumenti necessari per la loro crescita come cittadini consapevoli e partecipanti di una città.
L'associazione "Il Palio di Taranto" propone a tutti gli amanti dello sport di Taranto e provincia una nuovissima iniziativa: la scuola di Voga, riconosciuta dalla Federazione Italiana Canottaggio Sedile Fisso, che ha come obiettivo quello di avvicinare i giovani a questo meraviglioso sport praticato dagli atleti tarantini che ogni anno partecipano al Palio! Per iscriversi ai corsi, che saranno tenuti dall'esperto maestro Angelo Conte, vincitore di ben nove edizioni del Palio, si può contattare l'associazione ai numeri 0997368500 - 3386383832
Il VI Trofeo Magna Grecia, la classica Regata velica organizzata dal Circolo Vela di Taranto si svolgerà nel Golfo di Taranto, nelle acque dello Ionio i prossimi 28 e 29 settembre 2013 La regata velica è valida come XIV prova del XX Giro di Puglia e VI prova del Campionato Vela Grande Altura VIII Zona FIV. ORGANIZZAZIONE ASD CIRCOLO DELLA VELA TARANTO (CVTA) Corso V.Emanuele II Molo Sant’Eligio 74123 Taranto tel. 3382968666, 3473786039, 3355612229 Sito: www.circolodellavelataranto.it @mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. Con il supporto logistico di: MARINA MOLO SANT’ELIGIO Corso V. Emanuele II, 74123 Taranto tel. 0994609454 Fax 099 4717148 Sito: www.molosanteligio.it e_mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. CIRCOLO VELA ARGONAUTI (CVA) Porto degli Argonauti – Lido di Macchia - Pisticci (MT) tel 0835470218 @mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. sito: www.circolovelaargonauti.it La manifestazione si svolgerà secondo il seguente programma: • 27/09 - 18.00 briefing di regata e meteo c/o CVTA; • 28/09 - 13.00 partenza regata Taranto / Marina di Pisticci Porto degli Argonauti (mg 18 circa); • 29/09 - 10.00 partenza regata Marina di Pisticci Porto degli Argonauti / Taranto (mg. 33 circa). La regata si correrà applicando i seguenti regolamenti in vigore: • Regolamento di Regata I.S.A.F. con le prescrizioni integrative F.I.V.; • Regolamento di Stazza ORC e prescrizioni ORC per la vela d'Altura; • Le ISAF Offshore Special Regulation per le regate di 3ª categoria, con zattera idonea al numero di persone di equipaggio imbarcate; a apparato VHF con canali 16 e 72,; • Normativa Federale Vela d’Altura; • Regolamento XX Giro di Puglia; • Norme internazionali per Prevenire gli abbordi in Mare (NIPAM - COLREG) da 30 minuti prima del tramonto del sole. • Il Bando di Regata (BdR) e le Istruzioni di Regata (IdR) ed eventuali successive comunicazioni del CdR e/o C.O. anche a modifica del BdR e/o IdR, che saranno esposte all’albo ufficiale non meno di due ore prima della partenza. Ammesse a partecipare le imbarcazioni in possesso del certificato di stazza ORC CLUB o INTERNATIONAL, con LOA superiore a 8,50 metri. Tuttavia per la classifica delle prove del XX Giro di Puglia e VI prova del campionato Grande Altura sono state prese in considerazione le stesse con LOA da 9.00 mt o superiore (vds. apposito regolamento). Suddivise nei raggruppamenti CROCIERA/REGATA, e GRAN CROCIERA. Per appartenere alla categoria GRAN CROCIERA le imbarcazioni debbono osservare quanto richiesto dal regolamento del XX Giro di Puglia in vigore, in particolare è obbligatorio: il rollafiocco con unica vela armata - il salpancore + ancora + catena con lunghezza 3xLOA, Conferenza di presentazione giovedì 24 settembre al Molo SantìEligio Presenti il Presidente di Assonautica Vincezo Cesareo e il responsabile del Molo Sant'Eligio Antonio Melpignano. Invitati Comune di Taranto, Maridipart MM, Autorità portuale, Confindustria, Camera di Commercio, FIV, Uvai, Assonautica, Molo Sant'Eligio, Circolo Vela Argonauti, Assonat Associazione nazionale Approdi e Porti turistici, circoli velici, armatori,soci Assonautica.
E' stata una gara spettacolare quella che si è svolta domenica 22 settembre al Gustavo Ventura tra il Bisceglie ed il Taranto, un macth terminato con un pareggio rocambolesco 3 a 3. Due squadre che si sono dimostrate forti che hanno messo in campo tutte le energie possibili per superarsi. Soprattutto la compagine rossoblù ha mostrato ancora una volta carattere e dimostrato che è una squadra che non molla mai fino all'ultimo secondo della partita. Il Bisceglie è partito forte andando in vantaggio dopo 13 minuti su calcio di rigore messo a segno da Croce, autore di una tripletta. Il Taranto ha replicato immediatamente con Clemente che al 17', infatti, lascia partire un tiro che sbatte sotto la traversa e finisce in gol, Quindi al 36' del primo tempo ancora un'altra rete di Croce che al 31' della ripresa di Croce trafiggere il portiere rossoblù. A questo punto entra in scena il cardiopalma con il Taranto che in un minuto, al 40' e al 41' del secondo tempo, prima con Mignogna su punizione e dopo Ancora (nella foto l'esultanza dopo il gol) con un diagonale, staccano il biglietto del pareggio con la grande delusione dei tifosi di casa che già assaporavano il gusto della vittoria contro un forte ed incredibile Taranto. Così come accaduto la domenica precedente con il successo agguantato oltre il 90° la squadra dell'allenatore Maiuri e del Presidente Nardoni portano a casa un bel risultato che anche in questo caso fa morale e da ancora più forza ad una compagine che si pone grandi obiettivi che domenica dovrà vedersela per la 5a del campionato di serie D Girone H contro il Turris, una squadra campana sempre ostica. La Turris nella 4a giornata ha infatti superato il forte Monopoli (1-0) e, approfittando della frenata delle rivali, si è portata a due sole lunghezze dal primo posto, in attesa del big match di domenica prossima allo Iacovone di Taranto.
Partita tutt’altro che bella, tra due squadre apparse in ritardo di condizione. Il Massafra, specie nella ripresa, appare poco concentrato. I gol, che spianano la strada al successo dei padroni di casa, nascono proprio da disattenzioni del centrocampo e della difesa. La squadra di Murianni, nel primo tempo, non riesce a fruttare gli spazi concessi dal 4-2-4 di Volturno. Giallorossi che appaiono compassati e privi di idee. Al 12’, in seguito ad un batti e ribatti all’altezza del cerchio di centrocampo, Pilolli lancia Radicchio, che viene colto in off-side. Al 14’, sul fronte opposto, Rizzo è giudicato in posizione regolare, quando pescato al limite manda la sfera a lambire il palo alla destra di Signorile. Al 17’ il Massafra reclama per un penalty: Radicchio è fermato, in area, in maniera dubbia da De Icco, ma per arbitro e guardalinee è tutto regolare. Al 39’ i padroni di casa, al primo affondo, fanno in rete, con De Giorgi che, di testa, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, supera Signorile. L’arbitro ravvede un’irregolarità ed annulla. Nella ripresa accusa un quarto d’ora di buio, facendo affiorare i fantasmi della domenica precedente. Al 3’ la botta dal limite di Marco Perrone è ribattuta da Signorile. Al 7’ è rizzo ad impegnare severamente Signorile. Il gol dei locali è nell’aria e giunge puntuale all’11’ con un diagonale debole di Palmisano che beffa Signorile sul primo palo. Sulle ali dell’entusiasmo il Copertino si riversa nella metà campo ospite e al 30’ trova il raddoppio con Morello abile a ribadire in rete la corta respinta di Signorile. La timida reazione del Massafra trova beneficio al 40’, quando in seguito ad un tiro dalla bandierina Radicchio trova il guizzo vincente. Nel tentativo di accelerare la ripresa di gioco, si scaldano gli animi e nel parapiglia generale a pagarne le spese è l’incolpevole Guerrero, espulso dal direttore di gara. Pochi minuti più tardi De Giorgi becca il secondo giallo per proteste, ristabilendo la parità numerica in campo. Mentre il Massafra cerca di raddrizzare il match è il neo entrato Rizzello a mettere in freezer il risultato, con una percussione centrale che sorprende l’itera difesa. Nel dopo gara bocche cucite in casa Massafra. La dirigenza giallorossa annuncia il silenzio stampa, preludio di una salutare riflessione.
Domenica, 15 Settembre 2013 20:02

Il Massafra Calcio perde in casa con il Mola

Scritto da
MASSAFRA. Vince il Mola, ma il Massafra, comunque, abbandona la scena a testa alta. Partita ricca di emozioni allo stadio “Italia”, tra due squadre desiderose di conquistare la vittoria. Meglio il Mola, apparso più fresco atleticamente, specie nel primo tempo, quando nel giro di tre minuti mette subito la gara in discesa. Il Massafra appare in ritardo di condizione e soffre sulle verticalizzazioni degli ospiti. Murianni, che deve rinunciare a centrocampo al forte under Deflorio (infortunato), si affida al 4-4-2, lasciando l’affaticato Castro in panchina. Dall’altra parte del campo mister Caricola (squalificato), presenta un Mola spregiudicato con un 4-3-3, ben diretto in mezzo al campo dall’evergreen Mastrolonardo. Che il Mola vuol mettere le mani sul match, s’intuisce sin dalle battute iniziali: pronti via e Signorile deve spazzare repentinamente la minaccia perpetrata in area da D’Ambruoso. Al 10’ Radicchio si fa spazio sulla destra e, giunto al limite, tenta la battuta a rete, ma la sfera termina fuori d’un soffio. Al 15’ gli ospiti passano in vantaggio con un’azione ben manovrata sull’asse Mastrolonardo – Pagnelli, con diagonale preciso di quest’ultimo, che non lascia scampo a Signorile. Il Mola si galvanizza e 3’ più tardi trova il raddoppio con Zonno, lanciato da Mastrolonardo. L’arbitro prima giudica irregolare la posizione di Crupi (fermato fallosamente) sulla linea dell’area di rigore, poi assegna una punizione (giusta) al Mola, con Mastrolonardo che esalta le qualità di Signorile. Ma il Massafra c’è e al 32’ accorcia le distanze con Radicchio, abile a trovare la zampata vincente sulla corta ribattuta del portiere. I giallorossi prendono coraggio e spingono sull’acceleratore. Si assiste ad un bel match con veloci capovolgimenti di fronte. Prima dello scadere, però, gli ospiti, approfittando di un’indecisione della difesa locale, trovano il terzo gol con Longo, bravo nel chiudere su assist di D’Ambruoso. In avvio di ripresa, al 2’, scambio in area tra Radicchio e Crupi con tiro di quest’ultimo che termina alto. Al 5’ il Massafra riapre il match con Guerrero, attento nel trovare in mischia il guizzo giusto sotto porta, in seguito ad un calcio d’angolo. La fucilata di Crupi, al 20’, è alzata in corner da Petruzzelli. E sulla traversa colpita, al 45’, dalla distanza da Lovece scorrono i titoli di coda.
Un gol su punizione di Clemente quasi allo scadere della partita apre la strada alla seconda vittoria del Taranto Calcio. La squadra campana del Mariano Keller guidata dall’ex rossoblù Ciro Muro ha dovuto arrendersi dopo essere passata in vantaggio per poi essere raggiunta sull'1 a 1 e quindi capitolare alla fine dell'incontro sul 2 a 1. Lo Stadio Iacovone di Taranto ha salutato con entusiasmo la bella affermazione dei ragazzi allenati da Maiuri che ora si apprestano ad una dura settimana di allenamento per affrontare quel Bisceglie che mercoledì scorso ha eliminato la formazione tarantina dalla Coppa Italia Dilettanti. Quella con il Mariano Keller è stata una partita molto intensa con un Taranto ed il tifo che hanno sempre creduto nell’impresa. Una prodezza di Clemente che ha trasformato un calcio di punizione dai 20 metri che ha regalato meritatamente i tre punti alla squadra rossoblù importanti che la proiettano ai primi posti del Gironei H della serie D. Un Taranto che ha creduto fine alla fine mostrando quel carattere che fa ben sperare per prendersi una bella rivincita domenica prossima a Bisceglie. Grande la soddisfazione del Presidente Fabrizio Nardoni (nella foto) e del socio di maggioranza Mario Petrelli
Pagina 71 di 72