Cookie Consent by Free Privacy Policy Generator
Preferenze sui cookie
Giornale di Taranto - Cultura, Spettacoli & Società
Dopo la gioia il dolore per una sconfitta inattesa. Il Taranto perde ad un minuto dalla fine della partita, in uno Iacovone pieno di tifosi rossoblù, a causa di una papera assurda del portiere tarantino, complice anche un difensore. Un pareggio sfumato, davanti alle telecamere di Rai Sport, che comunque avrebbe portato un punticino alla classifica della squadra ionica, in piena lotta per la promozione in serie C. Ma una sconfitta, amara che sia, non deve far svanire le aspettative future. Quella allenata da Papagni è una formazione di tutto rispetto, non può venir meno un obiettivo solo per una svista del numero 1 rossoblù , che peraltro si è sempre comportato bene nelle partite sin qui disputate. Quindi forza ragazzi, guardate avanti e soprattutto guardate il Presidente Nardoni che con la sua grinta e capacità può essere per tutti voi un faro ed una guida, un esempio da seguire. La sconfitta per 2 a 1 contro il Manfredonia non deve demoralizzare ma essere di stimolo per giocare un grande girone di ritorno. Vogliamo tutti la serie C che è sempre a portata di mano.
Il Presidente del Taranto F.C. 1927 Fabrizio Nardoni giovedi 9 gennaio sarà a Roma alle 12,30 per discutere il ricorso sulla squalifca dello stadio Iacovone. In caso negativo la partita con il Manfredonia dell'11 gennaio si giocherà in campo neutro. In caso positivo il Taranto invece giocherà in caso per puntare decisamente dritto al primo posto in classifica dopo la splendida vittoria per 2-0 ottenuta domenica scorsa contro il Real Vico. Se il Taranto non si fosse fatto raggiungere negli ultimi secondi di tante partite ora si troverebbe in solitudine in testa alla classifica. Quindi parliamo di una squadra forte che Mister Papagni ha saputo valorizzare al massimo. Sulla squalifica dello stadio Iacovone aveva già preso posizione nei giorni scorsi il Presidente Nardoni che è supportato totalmente dagli ultras del Taranto. La tifoseria e i supporter del Taranto - aveva detto Nardoni - sono meglio e ben altro e la squalifica dello Stadio Iacovone, comminata dal Giudice Sportivo per la partita in casa del prossimo 11 gennaio, non fa altro che colpire la società, ma anche tutti i sostenitori della squadra che negli anni sono cresciuti, maturati e non perdono occasione per dimostrare grande sensibilità e attenzione verso le leggi e le regole della buona e corretta convivenza civile. Questa penalizzazione è spropositata e purtroppo contribuisce a creare sfiducia anche in tutti coloro che negli anni hanno lavorato attorno al sodalizio rossoblù, nel tentativo di creare un clima nuovo, non violento e di grande responsabilità. Se il Taranto domenica giocherà in casa ci potrebbe essere una piacevole sorpresa: la presenza di S.E. Mons. Filippo Santoro.
Dopo due anni, ritorna la tradizionale consegna dei Premi CONI, che si svolgerà venerdì 20 dicembre. Nello specifico, saranno consegnati i “Premi Bravo CONI” e le “Stelle al merito sportivo”. Con questi riconoscimenti la Delegazione CONI di Taranto intende premiare i dirigenti, i tecnici e gli atleti ionici che si sono particolarmente distinti per professionalità, impegno e passione nei rispettivi settori sportivi di appartenenza. L’appuntamento è per le ore 18 presso il Salone Polifunzionale del PalaMazzola -entrata via Venezia, alla presenza dei vertici del CONI ionico e delle istituzioni locali. La serata sarà presentata dalla giornalista Rosalba De Giorgi. Inoltre, a seguito del recente avvicendamento, l’occasione è propizia per salutare e ringraziare i componenti del precedente Staff Tecnico CONI. Nella giornata di venerdì 13 dicembre, infatti, il nuovo Staff Tecnico si è ufficialmente insediato, alla presenza del Delegato Provinciale dott. Giuseppe Graniglia e dei suoi stretti collaboratori dott. Michelangelo Giusti e dott. Michele Contino. Il ruolo di Coordinatore Tecnico è stato affidato alla prof.ssa Porzia Mastropierro che sarà affiancata dal prof. Agostino De Bellis, dalla prof.ssa Giovanna Buonpensiero, dalla prof.ssa Anna Maria Netti e dal dott. Luca Balasco, che curerà in particolare il settore comunicazione ed informatico dello stesso Staff. Si tratta di persone che, per la loro esperienza sportiva ed il ruolo che rivestono all’interno della scuola, sicuramente rafforzeranno il legame che da sempre esiste tra il CONI e le stesse istituzioni scolastiche, atteso che la scommessa della nuova gestione del CONI di Taranto è la promozione sportiva attraverso un più forte rapporto sia con gli Organismi Sportivi Territoriali (Federazioni Sportive, Enti di Promozione Sportiva, Discipline Sportive Associate, Associazioni Benemerite), sia con il mondo della Scuola.
Concerto di Natale con il Paisiello 2013. Appuntamento al 19 dicembre, alle ore 20 presso la Cattedrale nel borgo antico di Castellaneta. Ingresso libero. Dopo la felice, e seguitissima rassegna musicale estiva “NoteDiNotte” ritorna a Castellaneta la musica del Paisiello. Il nuovo evento musicale si concilia con il Natale, ovvero un Concerto ad hoc, che vede protagonisti l’Orchestra sinfonica, il Coro ed il Coro di voci bianche dell'Istituto Superiore di Studi Musicali di Taranto, con un organico importante di circa 80 elementi. L'Istituto G. Paisiello vanta una lunga storia che va dalla fondazione nel lontano 1927, al pareggiamento ai Conservatori di Stato nel 1959, fino alla trasformazione in Istituto Superiore di Studi Musicali ai sensi della Legge n. 508/1999, che lo inserisce a pieno titolo nel sistema nazionale dell'Alta Formazione Artistica e Musicale (AFAM). Una nota di lodevole considerazione merita a buon diritto, il direttore dell’Istituto “Paisiello” M° Lorenzo Fico , che attraverso la direzione artistica del M° Giuseppe Di Gioia e l’attenta supervisione dell’assessore alla Cultura Anna Rita D’Ettore, è riuscito a realizzare un progetto musicale intenso ed unico che, oltre a Castellenata, il 19 dicembre, approderà anche il 20 a Mottola, il 21 a Crispiano ed il 22 a Taranto. IL PROGRAMMA DEL CONCERTO Giuseppe Verdi Nabucco-Ouverture;
Gabriel Fauré Pavane op. 50, Elegia op. 24 per violoncello e orchestra; Francesco Durante Magnificat per soli, coro e orchestra Tradizionali canti natalizi. Domenico Longo Direttore;
Giuseppe Grassi Violoncello;
Antonio Stragapede baritono;
Gianluca Ferrarese tenore;
Carmela Fornaro Maestro del Coro
Orchestra, Coro e Coro di voci bianche dell’Istituto Superiore di Studi Musicali di Taranto.
Venerdi 19 dicembre 2013, ore 18.00 presso la Sala Convegni di Montemesola (TA) IN VIA Regina Margherita n°56, sarà presentato il libro dello scrittore Sergio Pargoletti “Berlino tutta la vita”. Il libro sarà presentato dal Circolo del Partito Democratico di Montemesola. Interverranno: · Walter Musillo – segretario provinciale PD · Giampiero Mancarelli – vice segretario provinciale PD · Pino Mellone – responsabile provinciale comunicazione e formazione politica del PD · Sergio Pargoletti – scrittore. Modera la serata, Annamaria D’Erchie, segretario del Partito Democratico di Montemesola
RIAPRE IL MARTA - Il 21 dicembre riapre il Museo Nazionale Archeologico di Taranto, con le nuove sezioni espositive dedicate alla città romana, alla città tardoantica ed altomedievale fino alla rifondazione bizantina dell’XI secolo d.C. E’ prevista la presenza del Ministro dei beni culturali e ambientali e del turismo On. Massimo Bray. Dal 22 dicembre, dalle ore 8.30 alle ore 19.30 (chiusura biglietteria ore 19.00), saranno fruibili dal pubblico, oltre agli spazi già noti, in tutti i casi integrati con l’esposizione di nuovi reperti (monumenti funerari, vasi, mosaici, arredi), altre nove sale con la ricca documentazione delle produzioni tarantine e delle importazioni di età romana, dei variegati corredi della necropoli della città a partire dalla conquista di Q. Fabio Massimo del 209 a.C. fino al III secolo d.C. Nelle vetrine risaltano le bellissime oreficerie, arricchite da paste vitree e pietre colorate, le terrecotte policrome ancora di tradizione greca, ossi, avori, e soprattutto vetri colorati importati che caratterizzano le sepolture ad incinerazione di età imperiale, fino ai frammenti di eccezionale eleganza del sarcofago in marmo con scena di assalto alle navi. La sezione dedicata alla città dal tardoantico all’età bizantina offre una vasta documentazione dei pavimenti musivi dell’edilizia pubblica e privata, con motivi geometrici e figurati policromi e materiali da scavi stratigrafici recenti (Villa Peripato, Palazzo delli Ponti, Cattedrale di S.Cataldo) che hanno fornito dati rilevanti su tali fasi di vita del centro antico. Nell’ultima sala sono anche inserite epigrafi funerarie di Ebrei, Cristiani e Musulmani, che documentano la presenza a Taranto di genti di cultura e religione diverse fra il IV e l’XI secolo d.C. La sezione dedicata alla storia del Museo è stata completamente rinnovata, con la ricostruzione di ambientazioni d’epoca e l’esposizione di acquisti e donazioni pervenute al Museo dalla fine dell’Ottocento ad oggi, con i vasi figurati di importazione e di produzione locale trafugati dai siti archeologici del territorio apulo e confluiti in musei stranieri, recentemente recuperati e restituiti alla fruizione pubblica nel MARTA. Una nuove veste espositiva è stata inoltre riservata ai quadri donati da Monsignor Ricciardi al Museo agli inizi del ‘900, in uno spazio a piano ammezzato che prospetta sulla Sala IX.
Vittoria cercata e vittoria ottenuta all’ultimo respiro. Il Massafra allunga la striscia positiva, superando con merito il coriaceo Manduria. Partita subito in salita per il Massafra che, dopo 2’, si trova in svantaggio. Nella circostanza da registrare l’ingenuità del portiere Liocco che, nel tentativo di rinviare la sfera, regala una chance a Zaccaria; il tentativo di recupero disperato da parte del portiere di casa causa il penalty, che Malagnino trasforma. I locali provano a riorganizzarsi e al 9’ Radicchio, servito da Cuccuru, si fa respingere la conclusione con i piedi da Laghezza. Il Massafra perviene al pari al 15’, con Cuccuru che gira in rete, di testa, lo spiovente operato su punizione da Scarpitta. Al 24’ lancio di Guerrero per Beltrame sponda per Radicchio, che da buona posizione manda la sfera a lambire il palo alla sinistra di Laghezza. Al 37’ su cross di Cuccuru, Radicchio solo sottoporta, di testa alza troppo la mira. In avvio di ripresa il Massafra ha l’opportunità di raddoppiare: Deflorio inventa e Radicchio colpisce il palo. Ma gli ospiti sono vivi e al 12’ tornano in vantaggio con Caravaglio, sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Vantaggio ospite che dura pochi secondi, perché sulla ripartenza massafrese, Radicchio, imbeccato da Salvestroni, fa centro. Al 18’ Radicchio è bloccato vistosamente in maniera irregolare in area, l’arbitro lascia correre. 4’ minuti più tardi Radicchio va nuovamente giù in area, questa volta è rigore, ma Radicchio dal dischetto si fa parare la conclusione. Al 24’ miracolo di Laghezza sulla conclusione di testa di Radicchio. Al 39’ cross di Scarpitta, Crupi in tuffo di testa conclude sul fondo. Quando ormai sul match Massafra – Manduria scorrevano i titoli di coda, ci pensa Beltrame a regala la vittoria: lancio lungo di Liocco, Beltrame elude la trappola del fuorigioco e supera Laghezza con un preciso pallonetto. Tre punti ottenuti con merito, che portano il Massafra nella zona medio alta della classifica. Al Manduria va un forte plauso per lo spirito di abnegazione e la voglia di strappare un risultato utile, mostrata nell’arco dei 90’ di gioco.
Vince in casa il Taranto contro un forte Monopoli. Una doppietta di Molinari, una per tempo, intervallata dal momentaneo pareggio della squadra barese, ha consentito alla formazione rossoblù di aggiudicarsi un incontro molto difficile che proietta la squadra di Papagni nell'alta classifica del Girone H della serie D. Grande la soddisfazione a fine partita del Presidente Nardoni e del socio di maggioranza Petrelli che hanno sofferto con i tifosi fino al rigore trasformato nella ripresa dall'attaccante argentino. Lo Iacovone il festa ed una città che guarda con molta attenzione al calcio tarantino nella speranza di poter effettuare quel salto di categoria che merita.
Una gran bella notizia quella riservata alla comunità sportiva ginosina ove l’A.S.D. Ginosa, tramite il suo presidente Germano Leccese e con la fattiva collaborazione del dirigente Vincenzo Ribecco nonché consigliere comunale di maggioranza, incaricata ufficialmente dalla Lega nazionale Dilettanti–Federazione Italiana Giuoco Calcio, farà gli onori di casa, domani 20 novembre 2013, dalle ore 14 alle ore 17, alla Rappresentativa Nazionale Dilettanti Under 16 presso lo storico stadio comunale “T. Miani”. “E’ un modo – commenta soddisfatto il sindaco Vito De Palma – per promuovere ed incentivare il gioco del calcio e trasmetterlo alle nuove generazioni. L’esperienza di domani sarà sicuramente positiva in quanto ci permetterà di vivere un’esperienza unica nel partecipare a questo raduno nazionale di dilettanti Under 16 provenienti da più parti e dal carattere nazionale”. “La Lega nazionale Dilettanti, a cui va il nostro ringraziamento, – commenta il consigliere comunale incaricato allo Sport, Piero Lanera - ha abbracciato questo nuovo progetto che vede coinvolti tecnici, preparatori e selezionatori regionali grazie all’intervento professionale di mister Augusto Gentilini coadiuvato dal suo staff. Tutto pronto per domani 20 novembre per ospitare e visionare i calciatori classe ’97 e ’98, appartenenti varie società dilettantistiche, ai quali auspico gli auguri per entrare a far parte della rosa definitiva della Rappresentativa Under 16. In bocca al lupo!”.
Il Comune di Castellaneta torna a promuovere il progetto nazionale “Nati per leggere”, che ha l’obiettivo di promuovere la lettura ad alta voce ai bambini di età compresa tra i 6 mesi ed i 6 anni. Avviati già due gruppi di lettura, in due incontri settimanali, che si tengono nei pomeriggi di mercoledì e giovedì presso la Biblioteca comunale di via Manzoni a Castellaneta. L’azione è coordinata a Castellaneta da Raffaella Petrera, che è affiancata dal gruppo di lettori e lettrici volontari, che sono genitori dei bambini ed anche docenti scolastici. Il progetto sarà avviato a breve anche a Castellaneta Marina, coordinato dalla insegnante Giulia Ciminelli, presso la biblioteca di pubblica lettura e centro culturale “Il Giardino delle Esperidi” in piazza Kennedy. LA CRESCITA SOCIALE E CULTURALE “Castellaneta - sottolinea l’assessore comunale alla Cultura Annarita D’Ettorre - è tra i 1200 comuni italiani che promuovono l’iniziativa nazionale Nati per leggere. Si tratta di un progetto che va avanti su volere del sindaco Giovanni Gugliotti, nel solco del protocollo di intesa Città Amica, siglato con l’Unicef, che ci sostiene in modo volontario in questo ambito di iniziative. L’obiettivo è di far crescere socialmente e culturalmente il nostro territorio, educando alla lettura le piccolissime generazioni. Fondamentale l’azione delle volontarie dei gruppi Nati per leggere che, una volta terminato, permetterà di arricchire la bibliografia a disposizione della comunità, attraverso l’acquisto di cinquanta libri da parte del Comune, attualmente a disposizione dei bambini lettori. Gli stessi piccoli protagonisti dell’iniziativa, potranno sottoscrivere la loro tessera come fruitori della Biblioteca comunale col supporto dei genitori”. IL PROGETTO NATI PER LEGGERE Il progetto nazionale Nati per leggere, promosso dall’alleanza tra bibliotecari e pediatri attraverso l’Associazione Culturale Pediatri (ACP), l’Associazione Italiana Biblioteche (AIB) ed il Centro per la Salute del Bambino, ha l’obiettivo di diffondere la pratica della lettura ad alta voce ai bambini fin dal primo anno di vita, soprattutto all’interno della famiglia. A partire dal 2000, anno del suo avvio in Italia, il progetto coinvolge un numero sempre maggiore di persone che a titolo professionale e volontario si riconoscono nei seguenti obiettivi, illustrati dalla referente per Castellaneta e coordinatrice del progetto e dei lettori volontari Raffaella Petrera: “Contribuire alla diffusione di una cultura attenta ai bisogni dei bambini e delle loro famiglie; Favorire lo sviluppo di servizi per l’infanzia che valorizzano e sostengono il ruolo dei genitori nel percorso di crescita dei bambini; Offrire a tutti i bambini, attraverso l’esperienza della lettura, l’opportunità di crescere in ambienti ricchi e stimolanti per il loro sviluppo cognitivo e relazionale”. 
 Questo è il cuore di Nati per Leggere, la cui supervisione, a Castellaneta, è affidata alla pediatra dell’Acp Rosa Pellicani. L’ATTUAZIONE DI NPL A CASTELLANETA ED A CASTELLANETA MARINA Il progetto Nati per leggere è completamente gratuito, indirizzato ai bambini dai sei mesi di vita ai 6 anni. Per informazioni ed iscrizioni basta telefonare al 320-8195610 per Castellaneta ed al 320-2591437 per Castellaneta Marina. Moduli di iscrizione compilabili presso il Comune e le scuole.
Pagina 68 di 70