Venerdì, 31 Ottobre 2014 09:19

A Roma per progettare il futuro con i due fratelli di Sava Alessio e Marco Zanzarella In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

I due fratelli hanno ricevuto il plauso del neoeletto consigliere provinciale Arturo Decataldo

 

 

Dalla tradizione al futuro: obiettivo ambizioso nel mirino di due fratelli savesi Marco ed Alessio Zanzarella, selezionati per partecipare in questi giorni ad un’importante vetrina internazionale. Il 30 e 31 ottobre Roma ospita la manifestazione “Roma Design Lab” che in questa edizione si apre all’insegna di Young Talents + Creative Cities: due giorni di mostre, itinerari e tavole rotonde con l’obiettivo di puntare i riflettori sulle eccellenze italiane nel campo del Design, della Creatività, dell’Architettura e della Città sostenibile. In particolare i due fratelli, rispettivamente architetto (Alessio) e designer (Marco), sono stati selezionati tra tanti progetti provenienti da tutto il mondo nel Contest “Design Factory- Progettare il futuro - Vetrina Internazionale del Design Ecosostenibile”.

I due giovani tarantini presentano dunque il loro progetto che porta il nome USU una linea di oggetti dedicati alla "tavola", intesa come luogo fisico di benessere, convivialità ed eleganza. Gli oggetti così creati sono oggetti UNICI  perché rifiniti a mano uno ad uno da mani esperte di artigiani eccellenti, SEMPLICI, perché morfologicamente minimali e ripuliti da decorazioni ampollose e UTILI, perché funzionali e adatti ad un uso concreto. USU è anche però un termine dialettale savese che significa "usanza", "consuetudine", "tradizione", proprio a rimarcare la volontà di valorizzare quel patrimonio culturale di abitudini e "segreti" antichi.

La linea USU ha una caratteristica predominante: tutti gli oggetti sono ideati e progettati da Alessio e Marco e realizzati da un network di artigiani che si estende da Grottaglie, città riconosciuta in tutto il mondo per qualità nella lavorazione della ceramica "d'uso", a Manduria, distretto produttivo del famoso vino Primitivo, in un "percorso" produttivo che raccoglie acciaisti, ebanisti e officine di grande pregio destinati a clienti nazionali ed internazionali. 

A sostenere questi giovani figli di terra ionica, l’amministrazione provinciale di Taranto attraverso il neo eletto consigliere provinciale Arturo De Cataldo e il settore “Attività produttive e Marketing” diretto dal dott. Luigi Romandini.

Sono molto contento di poter sostenere iniziative di questo genere che portano alla ribalta giovani del nostro territorio che possono offrire idee e progetti nuovi per contribuire alla crescita culturale ed economica della nostra Provincia – ha dichiarato il consigliere savese Decataldo- in particolare mi ha affascinato l’idea di unire la nostra tradizione con attività artigianali di altissimo livello che sono sicuro riscuoterà grande apprezzamento tra tutti coloro che avranno modo di toccare con mano i frutti del lavoro svolto dai due fratelli Zanzarella e da tutti gli artigiani coinvolti nel progetto”.       

Letto 951 volte