Cookie Consent by Free Privacy Policy Generator
Preferenze sui cookie
Giornale di Taranto - Cronaca, Politica & Attualità
Cronaca, Politica & Attualità

Cronaca, Politica & Attualità (5106)

Cronache e ultime notizie. Aggiornamenti e approfondimenti in tempo reale dalla Puglia

Ha perso la testa un giovane di 24 anni Cosimo De Biasio che è stato arrestato dai Carabinieri di Massafra per aver sparato alcuni colpi di pistola alla fidanzata di 22 anni che è rimasta gravemente ferita.Poteva essere un altro femminicidio. La donna fortunatamente se la caverà anche se attualmente si trova ricoverata in Ospedale in prognosi riservata ma non in pericolo di vita. L'insano gesto è avvenuto all'interno dell'appartamento dei due conviventi a Statte per proseguire poi all'esterno dell'edificio. Infatti la ragazza, per sfuggire alla furia omicida del giovane, si è dovuta nascondere in un auto in sosta. Non sono ancora noti i motivi che hanno portato il giovane a compiere un atto di inaudita portata che gli costerà molto caro dal punto di vista giudiziario. I Carabinieri prontamente intervenuti sul posto a seguito di una richiesta di intervento, hanno associato il De Biaso alla Casa Circondariale di Taranto…
A seguito del grave atto intimidatorio perpetrato ai danni di un Commercialista tarantino, a cui è stata fatta trovare, sul cancello dello stabile nel quale ha sede lo studio professionale, una testa mozzata di pecora chiusa in una busta di plastica trasparente, il Presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Taranto, dott. Cosimo Damiano Latorre, si esprime sulla questione. “A seguito del deplorevole gesto che ha interessato uno studio professionale di Commercialisti, a nome mio personale, del comitato di presidenza, dell’intero Consiglio e di tutti gli iscritti dell’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Taranto – afferma Latorre - esprimo piena solidarietà ai colleghi . Sono certo che il messaggio intimidatorio di stile mafioso non impedirà in alcun modo ai Colleghi di proseguire nel loro quotidiano impegno, che viene profuso in uno dei comparti più delicati dell’ambito professionale per l’economia sana del nostro territorio. Si tratta di…
Il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola ha inaugurato il padiglione di Agrimed alla Fiera del Levante. “Agri-cultura, con un piede nel passato e un piede nel futuro - ha detto Vendola - l’occasione per fare il punto sulle politiche legate a una risorsa fondamentale come è l’agricoltura. In una stagione come questa – ha continuato ancora Vendola, che era affiancato per l'occasione dall’assessore regionale alla Politiche Agroalimentari Fabrizio Nardoni. – in cui festeggiamo una delle migliori vendemmie degli ultimi decenni, siamo convinti che queste vendemmie torneranno nelle tasche dei pugliesi in termini di ricchezza, avendo investito notevolmente per la modernizzazione del settore vitivinicolo. Oggi siamo in tutte le più apprezzate riviste di enologia del mondo. Il vino pugliese è una felice sorpresa, una scoperta affascinante anche per il miglior rapporto tra qualità e prezzo”. Per Vendola “Agrimed è l’occasione per guardare questo percorso, ma anche per capire che una…
Militari del Gruppo di Taranto, nell’ambito di controlli finalizzati al contrasto del traffico di sostanze stupefacenti, hanno fermato, nell’abitato del Comune di Statte (TA), un giovane che si aggirava con fare sospetto. Il ragazzo, B.A. di anni 22, residente nella stessa cittadina, al momento del fermo mostrava chiari segni di agitazione che inducevano i finanzieri ad approfondire i controlli. All’esito delle conseguenti operazioni di perquisizione, venivano rinvenuti, addosso alla persona, circa 100 grammi di hashish. B.A. veniva pertanto tratto in arresto per il reato di detenzione illecita di sostanze stupefacenti ed associato alla locale casa circondariale. L’attivita’ svolta dalle Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Taranto e’ il risultato del programmato quotidiano impegno profuso nell’esecuzione dei compiti demandati al Corpo in materia di polizia economico-finanziaria.
Militari del Nucleo di Polizia Tributaria di Taranto, nell’ambito di controlli finalizzati al contrasto dei traffici illeciti, hanno fermato a Marina di Leporano (TA), un’autovettura con a bordo un ragazzo e una ragazza. Durante le fasi di identificazione, la coppia, il 32enne B.G., residente a Talsano e la 20enne P.A., residente a Taranto, mostrava chiari segni di nervosismo che inducevano i finanzieri ad approfondire i controlli. In particolare, la ragazza, repentinamente, prendeva la borsetta e la stringeva a sé come per nascondere qualcosa. All’esito delle conseguenti operazioni di perquisizione, veniva rinvenuto, all’interno della borsetta, un pacchetto contenente circa 100 grammi di hashish. Su disposizione del Magistrato di turno, la coppia veniva sottoposta alla misura degli arresti domiciliari per il reato, in concorso, di detenzione illecita di sostanze stupefacenti.
L'Assessore alle Risorse Agricole della Regione Puglia Fabrizio Nardoni sostiene che "E’ impensabile che a pagare sia l’anello più debole della catena. La messa in libertà degli oltre 1400 lavoratori del Gruppo Riva e il rischio del non pagamento degli stipendi, sono gesti di forte impatto emotivo e sociale che certo non agevolano il processo di pacificazione e uscita dall’emergenza che invece molti di noi auspicano in questa difficile vertenza. E’ chiaro che in questa situazione le strade che si stavano percorrendo in favore della soluzione delle problematiche in campo sia dal punto di vista ambientale, delle bonifiche e del rispetto delle norme sulla sicurezza e sulla salute della comunità tarantina e dei lavoratori in particolare, vanno rese più veloci e certe. E di queste istanze mi farò portavoce domani nell’incontro che avrò con il Primo Ministro Letta nel corso dell’inaugurazione del Salone dell’agroalimentare nell’ambito della Fiera del Levante di…
L' Enipower rinuncia a Taranto. E' questa la notizia che ha del clamoroso di questa giornata convulsa per l'area ionica afflitta da vertenze di lavoro, conflitti sindacali, sitin sotto la Prefettura, presidi sotto il Comune. I lavori dell'Eni prevedevano un investimento di 230 milioni di euro con una ricaduta per l’economia locale, stimata fino a 530 posti di lavoro per la realizzazione dell’impianto. Tutto questo secondo il consigliere regionale Pdl, Pietro Lospinuso svaniscono nel nulla, con buona pace di una comunità economicamente allo stremo. Nel totale disinteresse delle amministrazioni locali relativamente al progetto di ammodernamento e potenziamento della centrale di Taranto”. “Come se non bastassero - prosegue Lospinuso - le crisi industriali già in atto e quelle (vedi ILVA) alle quali alacremente si sta lavorando. In compenso conserveremo l’attuale tasso di inquinamento, che il nuovo progetto avrebbe fortemente ridotto, a dimostrazione di quanto siano sovente cieche le politiche del a…
Militari del Gruppo di Taranto, con l’ausilio di Reparti sul territorio nazionale, su disposizione del G.I.P. del Tribunale di Taranto, hanno eseguito operazioni di sequestro preventivo, funzionale alla confisca per equivalente, di beni immobili, disponibilità finanziarie e quote societarie per una somma complessiva di oltre 916 milioni di euro. Le attività di sequestro, che hanno riguardato altre 13 società a diverso titolo riconducibili al Gruppo Riva, sono state eseguite principalmente nella sede di Milano e Taranto ed hanno interessato anche le città di Roma, Genova, Cagliari, Modena, Parma, Reggio Emilia, Sondrio, Varese, Potenza, Bolzano, Savona, Bergamo, Brescia, Verona, Napoli, Salerno, Bari, Vercelli, Coma, Massa Carrara, Lecco, Cuneo.. In particolare, sono state interessate 9 società controllate in via diretta e indiretta in forma dominante, da ILVA S.p.A - 3 società controllate in via diretta, in forma dominante, da Riva Forni Elettrici S.p.A. - 1 Società controllata mediante influenza dominante da Riva…
Militari del Gruppo di Taranto, supportati da un’unità cinofila antidroga, nell’ambito di controlli finalizzati al contrasto dei traffici illeciti, hanno individuato, in una zona periferica del capoluogo jonico, un terreno sul quale erano coltivate piante di marijuana alte fino a due metri e mezzo, destinate all’illegale lavorazione e successiva vendita. Il terreno è attiguo ad un’abitazione privata, ove risiede il trentenne tarantino R.F., gia’ noto alle forze dell’ordine, il quale, aderendo alla specifica richiesta formulata dai finanzieri, consegnava spontaneamente alcune stecche di hashish, contenute sia all’interno di una scatola di latta che in una busta trasparente, per un peso di circa 25 grammi. Avendo il fondato motivo di ritenere che nell’abitazione potesse essere rinvenuta altra sostanza stupefacente, le Fiamme Gialle eseguivano una perquisizione, che consentiva di rinvenire, abilmente occultati, altri tre panetti di hashish del peso di oltre 300 grammi. Il responsabile veniva pertanto tratto in arresto per il reato…
Nel corso della giornata del 6 settembre sono stati effettuati due arresti da parte dei Carabinieri delle province di Bari e Bat: a Molfetta un 38enne per furto, a Trani (BT) uno scippatore seriale Nella prima operazione i Carabinieri della Compagnia di Molfetta hanno arrestato un 38enne romeno con l'accusa di furto. L'uomo è stato bloccato dopo essersi impossessato di alcuni vestiti, indossandoli, all'interno di un centro commerciale del luogo. La refurtiva è stata restituita all'avente diritto mentre il 38enne, su disposizione della Procura della Repubblica di Trani, è stato associato presso la locale casa circondariale. Nella seconda i Carabinieri della Stazione di Trani hanno arrestato con l'accusa di furto con strappo continuato un 20enne di Bisceglie, già noto alle Forze dell'Ordine, in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Trani, su richiesta della locale Procura della Repubblica. I Carabinieri, al termine di…
Pagina 362 di 365