Cookie Consent by Free Privacy Policy Generator
Preferenze sui cookie
Giornale di Taranto - Cronaca, Politica & Attualità
Cronaca, Politica & Attualità

Cronaca, Politica & Attualità (5136)

Cronache e ultime notizie. Aggiornamenti e approfondimenti in tempo reale dalla Puglia

Via alla manifestazione di protesta che a partire dalle 7 si è radunata per la crisi di Acciaierie d’Italia, l’ex Ilva, lavoratori dell’indotto siderurgico, sindacalisti delle federazioni metalmeccaniche, trasportatori, titolari delle imprese appaltatrici e rappresentanti di alcune associazioni di categoria come Aigi, Confapi e Casartigiani. La protesta è promossa da Fim, Fiom, Uilm e Usb e le associazioni di impresa vi hanno aderito. Il concentramento sta avvenendo nell’area della portineria imprese e da qui si snoderà il corteo che sfilerà tutt’intorno al perimetro esterno siderurgico approdando infine sull’Appia, la strada che da Taranto va a Bari, dove é la sede della direzione di stabilimento. A Taranto già da ieri i cartelli luminosi di infomobilità segnalano per domani blocchi stradali per manifestazione sulle arterie per Bari, Statte, comune alle porte del capoluogo, e Brindisi-Taranto per Bari. Analogo avviso ha lanciato ieri la Questura. Anche il Pd condivide la manifestazione di oggi.…
Via alla manifestazione di protesta che a partire dalle 7 si è radunata per la crisi di Acciaierie d’Italia, l’ex Ilva, lavoratori dell’indotto siderurgico, sindacalisti delle federazioni metalmeccaniche, trasportatori, titolari delle imprese appaltatrici e rappresentanti di alcune associazioni di categoria come Aigi, Confapi e Casartigiani. La protesta è promossa da Fim, Fiom, Uilm e Usb e le associazioni di impresa vi hanno aderito. Il concentramento sta avvenendo nell’area della portineria imprese e da qui si snoderà il corteo che sfilerà tutt’intorno al perimetro esterno siderurgico approdando infine sull’Appia, la strada che da Taranto va a Bari, dove é la sede della direzione di stabilimento. A Taranto già da ieri i cartelli luminosi di infomobilità segnalano per domani blocchi stradali per manifestazione sulle arterie per Bari, Statte, comune alle porte del capoluogo, e Brindisi-Taranto per Bari. Analogo avviso ha lanciato ieri la Questura. Anche il Pd condivide la manifestazione di oggi.…
Via alla manifestazione di protesta che a partire dalle 7 si è radunata per la crisi di Acciaierie d’Italia, l’ex Ilva, lavoratori dell’indotto siderurgico, sindacalisti delle federazioni metalmeccaniche, trasportatori, titolari delle imprese appaltatrici e rappresentanti di alcune associazioni di categoria come Aigi, Confapi e Casartigiani. La protesta è promossa da Fim, Fiom, Uilm e Usb e le associazioni di impresa vi hanno aderito. Il concentramento sta avvenendo nell’area della portineria imprese e da qui si snoderà il corteo che sfilerà tutt’intorno al perimetro esterno siderurgico approdando infine sull’Appia, la strada che da Taranto va a Bari, dove é la sede della direzione di stabilimento. A Taranto già da ieri i cartelli luminosi di infomobilità segnalano per domani blocchi stradali per manifestazione sulle arterie per Bari, Statte, comune alle porte del capoluogo, e Brindisi-Taranto per Bari. Analogo avviso ha lanciato ieri la Questura. Anche il Pd condivide la manifestazione di oggi.…
 “Non consenta che la città di Taranto, in un momento così critico per le sue sorti future sia lasciata sola. Ora, più che mai, la città, i cittadini, i lavoratori e le loro famiglie avvertono il bisogno di sentire la vicinanza del loro Presidente”. È l’appello che Aigi, l’associazione delle imprese dell’indotto dell’ex Ilva, ora Acciaierie d’Italia, attraverso il suo presidente Fabio Greco, lancia al capo dello Stato, Sergio Mattarella, con una lettera il cui testo é stato reso noto questa mattina dalla stessa associazione. “La nostra città sta vivendo le ore più drammatiche della sua storia recente” dice Aigi in riferimento all’amministrazione straordinaria verso la quale sembra incamminata Acciaierie - amministrazione straordinaria che l’indotto disapprova - “perché Governo e socio privato non riescono a trovare un accordo affinché lo stabilimento, un tempo fiore all’occhiello della siderurgia nazionale ed internazionale, riprenda la produzione e continui a garantire economia e lavoro…
L\'iter per il restauro e la riqualificazione dello storico “Palazzo Archita”, nel cuore del borgo cittadino, fa registrare una decisa accelerazione. Dopo anni caratterizzati dal fermo delle attività di recupero dell\'immobile provocato da contenziosi, l\'Amministrazione Melucci con un\'apposita delibera sblocca progetti e fondi per restituire alla comunità il simbolo principale del Borgo. Dopo aver già messo in sicurezza negli anni scorsi tetti e solai bonificandoli dall\'amianto, dopo la realizzazione di progetti e relativo cronoprogramma, adesso si riparte procedendo al restauro delle facciate esterne, alla rifunzionalizzazione degli spazi interni e ad un\'altra serie di interventi che renderanno l\'ex “Palazzo degli Uffici” un ambiente polivalente, inclusivo. Sarà punto nevralgico non solo del sistema scolastico e culturale (Liceo Archita, Università), ma anche luogo in cui potranno trovare spazio un\'estensione del Museo MarTa e la sede della Pinacoteca comunale, la cui istituzione è prevista in collaborazione con il Ministero della Cultura. Il tutto quotando…
Un “danneggiamento doloso” delle auto di alcuni dipendenti dell’impresa Pellegrini, incaricata dei servizi di ristorazione e pulizie nello stabilimento ex Ilva di Taranto, si è verificata oggi. Lo dichiara in una nota la società Acciaierie d’Italia, committente della Pellegrini. Si è riscontrato, dice Acciaierie, “che sono stati tagliati alcuni pneumatici di automobili appartenenti a suoi dipendenti, che per svolgere le loro mansioni erano entrati nello stabilimento contro la volontà delle ditte dell’indotto”. Queste ultime, infatti, a causa dei mancati pagamenti, stanno effettuando delle proteste da diversi giorni davanti alle portinerie della fabbrica e hanno limitato le attività solo alle funzioni di sicurezza impianti fermando tutto il resto. Anche le mense di stabilimento ne hanno risentito, tant’è che non sono stati forniti pasti caldi ma solo cestini freddi. Ci sono state infatti difficoltà organizzative, perchè una parte del personale non ha avuto accesso in stabilimento, e anche di approvvigionamento delle derrate…
\"Mi meraviglia molto che i deputati del Sud del centro destra abbiano votato per l\'autonomia differenziata, si siano ingoiati questa schifezza solo per salvaguardare le loro poltrone e rimanere nel loro ruolo\". Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, a margine di un incontro all\'istituto oncologico di Bari. \"E chiaro - ha aggiunto il governatore - che se un deputato avesse votato contro, lo avrebbero espulso il giorno dopo. Questa è una cosa assolutamente vergognosa che bisogna in qualche modo sottolineare e, tra virgolette, in modo politico, far pagare politicamente a queste persone che non possono fare i loro interessi, dovendo rappresentare gli interessi di tutti i cittadini che li hanno eletti\". \"L\'autonomia differenziata è un errore costituzionale e politico molto grave\". ha aggiunto il presidente della regione Puglia. \"Adesso ogni Regione - ha spiegato il governatore - può negoziare un\'intesa come se fosse un trattato internazionale…
E’ uno dei giorni più belli dell’anno per l’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Taranto: quello della cerimonia di premiazione degli iscritti all’Ordine da 25, 30, 40 e 50 anni. Un modo per sancire il legame della professione con il territorio, ricordare i tanti anni trascorsi a fare il proprio lavoro al meglio, raccogliendo il frutto di enormi sacrifici e tempo, spesso tolto agli affetti famigliari. L’evento si è tenuto presso il Dipartimento Jonico in \\\"Sistemi giuridici ed economici del Mediterraneo: società, ambiente, culture\\\". Presenti i past presidenti e vice presidenti dei mandati precedenti. Nel suo saluto iniziale il presidente dell’Ordine tarantino dott. Francesco Vizzarro ha sottolineato l’importanza del sentirsi gruppo, comunità. “Siamo colleghi, siamo amici ma soprattutto siamo famiglia”, ha affermato, ed ha ricordato, con emozione, i tre colleghi venuti a mancare nel corso del 2023: Gianfranco Blasi, Pino Buzzacchino, Fernando Ria. “Operiamo con dedizione, moralità e…
Sull’ex Ilva, Acciaierie d’Italia, il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, ha incontrato oggi il ministro delle Imprese, Adolfo Urso. Con riferimento ad Acciaierie, il sindaco ha parlato col ministro delle “misure da porre in campo nelle prossime settimane per la salvaguardia del lavoro e dell\'indotto in vista della nuova, si spera breve, gestione commissariale”. “Riallacciando un dialogo costruttivo col Governo dopo mesi di incertezze”, il sindaco dichiara di aver ribadito “i presupposti sui quali gli Enti locali possono garantire supporto tecnico-amministrativo alla vicenda, a partire naturalmente dalle tematiche della riconversione tecnologica e delle bonifiche, del fermo delle fonti inquinanti e dell\'impiego dei fondi per la transizione giusta europea”. “Le idee del Governo - ha commentato il sindaco a margine della riunione - ci appaiono più definite e aderenti alla nostra ipotesi di un accordo di programma, che muova dalle ragioni della salute, dell\'ambiente e, in generale, della comunità ionica. Se…
“Siamo disponibili a rimanere come partner strategico di minoranza che fornisca esperienza tecnica e industriale mentre il Governo decide una soluzione permanente”. Lo scrive Aditya Mittal, ceo della multinazionale dell’acciaio, partner di maggioranza di Acciaierie d’Italia, in una lettera indirizzata alla premier Giorgia Meloni e al sottosegretario alla presidenza, Alfredo Mantovano. Mittal tenta così di rientrare in partita dopo le mosse del Governo sul decreto legge che accelera il ricorso all’amministrazione straordinaria su richiesta di Invitalia, partner di minoranza di Acciaierie. “La parte pubblica - scrive Mittal - sembra aver optato per un approccio unilaterale, basato su un’ulteriore modifica ad hoc del regime di amministrazione straordinaria rispetto ad una soluzione negoziata”. È una “iniziativa estrema che non sosteniamo in quanto destinata a produrre ripercussioni assai gravi - afferma il ceo - Comprendiamo che il Governo preferisce porre fine alla partnership con noi e selezionare un partner diverso con cui programmare…
Pagina 10 di 367