Cronaca, Politica & Attualità

Cronaca, Politica & Attualità (4460)

Cronache e ultime notizie. Aggiornamenti e approfondimenti in tempo reale dalla Puglia

 E' morto in ospedale l'operaio caduto stamane nel corso dei lavori in un appartamento a Lecce. Il magistrato ha aperto un fascicolo e il cantiere è stato sequestrato. Donato Marti, 72 anni, di Avetrana, un provincia di Taranto, per cause ancora poco chiare, forse un piede messo in fallo o un malore, ha perso l'equilibrio cadendo dall'abitazione in cui erano in corso lavori di ristrutturazione. Ha fatto un volo di 4-5 metri battendo la testa sull'asfalto. Sono stati altri operai a dare l'allarme e sul posto sono giunte le forze dell'ordine e i sanitari del 118 che dopo le prime cure hanno trasportato in codice rosso l'uomo all'ospedale Vito Fazzi di Lecce purtroppo per lui non c’è stato nulla da fare. In via Farini sono giunti anche i tecnici dello Spesal per verificare il rispetto della normativa vigente in termini di sicurezza sui luoghi di lavoro. 
La richiesta è unanime e si traduce in un semplice, ma accorato appello: “Città Vecchia va aiutata. Occorre una struttura tecnica che dia supporto al processo di rigenerazione urbana e sociale del centro storico”. Il centro storico di Taranto è un’altra storia rispetto agli altri quartieri della città, ha necessità di politiche ad hoc studiate su misura per un sistema urbano di alto valore culturale, ma purtroppo fragile, con peculiarità sociali, economiche oltre che strutturali sue proprie, non riscontrabili in nessun altro luogo della Città. Città Vecchia affascina e seduce ed è tappa obbligata di ogni tour turistico, ma è nel contempo oggetto di critiche e osservazioni non sempre lusinghiere per lo stato di degrado e di trascuratezza che caratterizza gran parte del quartiere. Ed è questa la ragione per la quale la delegazione Confcommercio dell’Isola a distanza di qualche settimana, torna a sollecitare un maggiore livello di attenzione, lanciando…
A quarantott’ore dalla proclamazione a sindaco di Taranto, è partito ieri dalla Regione Puglia il nuovo ciclo di incontri istituzionali di Rinaldo Melucci sulle priorità di Taranto. In programma anche incontri con ministri e ministeri "ai fini della decarbonizzazione dell'area industriale di Taranto, con la Regione Puglia stiamo sviluppando il percorso per la creazione di una Hydrogen Valley ai sensi delle politiche europee e degli accordi del Pnrr”, ha dichiarato il sindaco Melucci dopo il confronto in Regione Puglia. Col capo di gabinetto della presidenza, Claudio Stefanazzi, Melucci ha poi affrontato altri temi. E in particolare della “dotazione finanziaria e del piano locale per la transizione giusta di Taranto (già Regolamento UE 2021/1056)” e “delle restanti coperture finanziarie per i progetti dei Giochi del Mediterraneo”. Si è parlato anche, spiega il sindaco di Taranto, “delle risorse necessarie per l'avvio dei percorsi di clinicizzazione degli studenti del corso di laurea in…
Un senso di marcia bloccato in via Dante, a Taranto dove si è sfiorata la tragedia a causa della caduta di un enorme pino che si è abbattuto sulla strada, in pieno giorno. Il tronco ha completamente schiacciato un’autovettura Renault C3. Sul posto mezzi di soccorso e curiosi richiamati dall’incredibile episodio che impone una riflessione sulla manutenzione del verde pubblico fondamentale per prevenire episodi del genere. La foto è di Lorenzo Russo. 
Un vasto incendio è divampato oggi pomeriggio sulla litoranea salentina, in contrada Marrocco tra Maruggio e Manduria in provincia di Taranto. Dopo quello verificatosi ieri alla Palude La Vela, le fiamme alimentate dal vento e dalla fitta vegetazione hanno divorato diversi ettari di macchia mediterranea e hanno sfiorato il camping "Tiziana" che è stato precauzionalmente fatto evacuare dai Vigili del Fuoco. Gli uomini del distaccamento VVF di Manduria sono riusciti a tagliare una linea di fuoco mettendo in sicurezza la struttura che ospita una cinquantina di campeggiatori oltre al personale di un ristorante. Il fuoco è arrivato a pochi metri dal muro di cinta dove si trovava il bombolone del gas gpl e la cabina dell’alta tensione. Le fiamme, a causa del vento, si sono ampliate e per contenere il rogo si è deciso di chiedere l'intervento dei Canadair. I velivoli hanno sorvolato la zona rovesciando i loro carichi di…
Agenda tarantina fitta di appuntamenti per il sottosegretario alla Giustizia on.Anna Macina. In particolare ci sono stati incontri con gli ordini professionali di Commercialisti e Avvocati per affrontare temi come la crisi d’impresa e la riforma del Diritto di famiglia. “Siamo onorati di averla qui, ci riteniamo dei privilegiati”. E’ iniziato così l’incontro dei Commercialisti di Taranto con l’on. Macina nella Sala Monfredi della Camera di Commercio venerdì 17 giugno 2022. Il presidente dott. Francesco Vizzarro, a nome di tutto il Consiglio, ha salutato l’on ed ha consegnato nelle sue mani un documento che contiene osservazioni e proposte allo Schema di decreto legislativo sul Codice della Crisi d’Impresa e dell’Insolvenza, che entrerà in vigore dal prossimo 15 luglio. All’incontro era presente il Commissario Straordinario dell’Ente camerale on. Gianfranco Chiarelli. Un documento con alcuni punti che i commercialisti ritengono fondamentali. “Partiamo da Taranto – ha esordito Vizzarro - siamo riusciti ad…
“Dobbiamo spingere i Giochi del Mediterraneo, lanciare la gara europea per Bus Rapid Transit, e la Biennale del Mediterraneo. Bisogna riprendere le convenzioni col ministero della Difesa che sono ferme da sei mesi e abbiamo da trasmettere il documento del Just Fund Transition al ministero e a Bruxelles. Abbiamo insomma tre-quattro appuntamenti importanti per rilanciare la città e recuperare il tempo perduto”. Lo ha detto oggi pomeriggio, a margine della proclamazione a sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, affermando che tra lunedí e martedì prossimi sarà a Roma per una serie di incontri con ministri e ministeri. Eletto nella notte di lunedì scorso al primo turno con oltre il 60 per cento dei consensi. Melucci guida una coalizione di centrosinistra ed è al secondo mandato. Per la nuova giunta, “i primi incontri cominceranno nelle prossime ore. Abbiamo in mente uno schema che credo sarà corretto nei riguardi di tutte le forze…
Rinaldo Melucci, espressione del Pd e a capo di una coalizione di centrosinistra e civici, è il riconfermato sindaco di Taranto. A scrutinio ultimato, 191 sezioni su 191, ha ottenuto il 60,63 per cento, pari a 49.807 voti, doppiando il suo principale sfidante, Walter Musillo, a capo di un’alleanza di centrodestra e civici, che ha invece ricevuto 25.414 voti, pari al 29,84 per cento. Gli altri due candidati sindaci, Massimo Battista e Luigi Abbate, ottengono invece, rispettivamente, il 4,42 per cento (3.629 voti) e 5,11 (4.200). Il totale dei voti ottenuti dai quattro candidati sindaco é di 82.150 voti, il totale voti delle liste (27 quelle che erano in corsa, di cui 11 per Melucci, 10 per Musillo e 3 a testa per Abbate e Battista) 79.268. A Taranto, dove c’erano quasi 4mila elettori rispetto alla precedente consultazione di giugno 2017, quasi il 50 per cento degli elettori ha disertato…
Lo scrutinio è ancora in corso ma i numeri sono chiari. Rinaldo Melucci è stato rieletto sindaco di Taranto al primo turno e vince con una percentuale che si attesta intorno oltre il 60 per cento, a capo di una coalizione di centro sinistra allargata ai Cinque Stelle. Walter Musillo, suo principale antagonista, a capo di una coalizione di centro destra si è fermato al 30 per cento, più distanti gli altri due concorrenti, Luigi Abate è Massimo Battista. In via Di Palma davanti al Comitato elettorale si festeggia un’elezione che ha certificato la fiducia espressa dagli elettori nei confronti del sindaco uscente. “Abbiamo tanto da fare e un’agenda piena di scadenze e di impegni, non ci sarà estate ci sarà solo da lavorare”. Melucci nel discorso di ringraziamento aveva accanto il presidente della Regione Michele Emiliano. Entrambi hanno ribadito che sulla questione ambientale le idee sono chiare, nel segno…
L’incrociatore russo "Varyag", gemello del “ Moksva”, avanza nel Mar Ionio, al largo delle coste pugliesi, all’altezza di Santa Maria di Leuca, scortato da un caccia. Lo si apprende da siti specializzati in materia di difesa. Si tratta di un’unità di classe Slava, tra le più potenti che Mosca ha schierato nel Mediterraneo, nel tentativo, si evidenzia, di alzare la tensione proprio con la Nato. Il Varyag si muove nel Mar Ionio scortato da un'altra nave di supporto, la "Ammiraglio Tributs", che la protegge da ipotetici attacchi aerei o di sottomarini. Il “Moskva", che é stato a Taranto negli anni passati, è stato di recente affondato nel Mar Nero dagli ucraini. È già in atto un dispositivo di controllo e nelle acque del Mediterraneo incrocia già la portaerei americana Truman. Non sarebbe chiara la rotta del Varyag e alcuni analisti pensano che possa inserirsi dentro l'Adriatico rimanendo sempre nella fascia…
Pagina 1 di 319