Cookie Consent by Free Privacy Policy Generator
Preferenze sui cookie
Giornale di Taranto - Economia, Lavoro & Industria
×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 153

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 170

Economia, Lavoro & Industria

Economia, Lavoro & Industria (1891)

Il mercato dell'auto stenta a decollare. In agosto sono state immatricolate in Italia 53.191 vetture. Si tratta di un risultato ancora una volta deludente in quanto si registra un calo dello 0,2% sul livello molto depresso dell’agosto 2013. Dopo l’inversione di tendenza delle immatricolazioni del dicembre scorso il calo di agosto è il secondo dato negativo. Anche in maggio vi fu infatti una contrazione (-3,83%), mentre gli altri mesi del 2014 hanno tutti fatto registrare incrementi peraltro piuttosto contenuti tanto che il consuntivo gennaio-agosto chiude con una crescita del 3,52%. Non è certo un risultato soddisfacente se si considera che nel 2013 il mercato era sceso di ben il 47,7% sui livelli ante-crisi (2007). 

Il dato di agosto è stato con ogni probabilità influenzato anche dall’annuncio dato dal Ministro Lupi a fine luglio sull’intenzione del Governo di adottare incentivi sotto forma di agevolazioni fiscali a favore degli acquirenti di auto nuove secondo una formula ispirata a quella adottata per le ristrutturazioni edilizie. E’ ben noto che l’annuncio di incentivi non seguito immediatamente dalla loro adozione ha un effetto depressivo sulla domanda in quanto molti potenziali acquirenti rinviano decisioni di acquisto già maturate per poter beneficiare degli incentivi. D’altra parte, indipendentemente dal probabile effetto negativo dell’annuncio di incentivi, non vi sono stati negli ultimi mesi elementi tali da giustificare l’attesa di una ripresa della domanda di auto. Il quadro economico, che a fine 2013 sembrava in miglioramento, si è nuovamente deteriorato con la comparsa nei primi due trimestri dell’anno di due cali consecutivi del Pil e quindi con il delinearsi di una nuova recessione aggravata dall’affacciarsi di un quadro deflazionistico. 

Nessuno stimolo alla domanda di autovetture sta quindi venendo dal quadro economico né vi è alcun miglioramento nei fattori specifici che frenano la domanda di autovetture. Il calo dei consumi di carburanti indica che è diminuito il tasso di utilizzazione delle auto, mentre nessun miglioramento vi è stato per la pressione fiscale specifica che continua ad essere a livelli record, né si può dire che miglioramenti vi siano stati sotto il profilo del caro-carburanti e del caro-assicurazioni. A tutto ciò si aggiunge l’assenza da parte dei pubblici poteri di interventi per sostenere un settore come quello dell’auto che occupa 1.200.000 persone, con l‘eccezione del già citato annuncio di fine luglio del Ministro Lupi, annuncio che, se continuerà a non essere seguito in tempi brevi da fatti, avrà ulteriormente aggravato la crisi. E’ diffusa la convinzione che il mercato italiano dell’auto, dopo essersi quasi dimezzato dall’inizio della crisi, abbia ormai raggiunto livelli incomprimibili, ma, con un quadro economico esposto ad ulteriori peggioramenti, con la deflazione incombente e con l’assenza di interventi specifici non si può escludere che la caduta del mercato dell’auto in Italia possa continuare. Ciò in netto contrasto con quanto sta avvenendo in altri mercati europei dell’auto che sono stati pure fortemente penalizzati dalla grande crisi esplosa nel 2007, ma che nel 2014 sono in ripresa.

Martedì, 02 Settembre 2014 10:55

AMBIENTE - Le Donne Taranto unite sul piede di guerra

Scritto da

Sono quattro le richieste che le DonneTaranto unite hanno avanzato al prefetto di Taranto, all'assessore all’Ambiente e alla salute della Regione Puglia, al commissario prefettizio della Provincia di Taranto, al sindaco di Taranto, Ezio Stefàno, e agli assessori comunali alle Attività produttive, Ecologia ed ambiente e Assetto del territorio nonchè ai relativi presidenti di commissione.

Ovvero:che si attuino quei meccanismi di prevenzione primaria rivolte a tutelare la salute degli abitanti , con particolare attenzione nell‘ambito materno - fetale; che si provveda a manovre atte al risarcimento del danno ambientale di cui la città di Taranto è stato oggetto fino ad oggi evitando altresì , in modo concreto e immediato , l’impianto di nuove fonti possibile aggravio della già precaria situazione ambientale; che ci sia l’opportunità per i figli di Taranto di studiare e lavorare in ambienti salubri e sereni nella propria terra di origine con una inversione di tendenza di quella che è oggi la triste realtà, e che si avvii con celerità un  piano per un genere di sviluppo ecocompatibile ed alternativo alle industrie pesanti che hanno portato solo danni alla nostra città , e al nostro territorio ricco di bellezze e potenzialità inespresse; che si elimini qualunque fonte di inquinamento pericoloso perché nulla può giustificare  la malattia o la morte di un bambino, come anche di ogni altro essere umano in nome del profitto o di malintesi “ interessi strategici superiori “.

Le Donne Taranto unite, infatti, ritengono la salute dei bambini, "elemento fondamentale dal quale è impossibile prescindere quando si parla del futuro di una città. Per questo motivo si sottolinea l'importanza che il mondo scientifico attribuisce agli studi Sentieri dell'ISS, che nell'ultimo aggiornamento riportano un eccesso della mortalità infantile nella fascia di età compresa fra 0-14 anni. Questo dato - sostengono le Donne Taranto unite - deve allarmare non solo l’opinione pubblica ma tutta la società e le istituzioni".

Alla luce anche  degli ultimi episodi che hanno turbato l’intera città e che hanno avuto rilevanza a livello nazionale, "non possiamo ignorare - proseguono - la lettura scientifica che propende per possibili correlazioni fra esposizione professionale dei genitori e tumori cerebrali dell’infanzia, elemento questo che in una città come Taranto non può non destare forte preoccupazione. Altra ansia nasce dall’incertezza sui sistemi di sicurezza riguardo la possibilità di incidenti rilevanti  il cui rischio potrebbe aumentare se si desse l’autorizzazione alla realizzazione di nuovi serbatoi che non prevedo le distanze dagli altri impianti previsto dalla direttiva  Seveso".

Infine, rilevano le Donne Taranto unite, il decreto sblocca Italia, a quanto pare, non contiene "nessuna misura efficace in grado di risollevare le sorti socio–economiche del capoluogo ionico e della sua provincia .Si dice - sottolineano - di sì all’Ilva, a Tempa Rossa, al Parco eolico nella rada del Mar Grande e alla condotta sottomarina del depuratore di Manduria. Nulla, invece, per le infrastrutture davvero necessarie al territorio come l’aeroporto di Grottaglie, il porto passeggeri e commerciale  e lo sviluppo del turismo e di altre attività ecocompatibili al fine di uno sviluppo economico sano. Noi chiediamo - concludono - che il nostro diritto alla salute sia anteposto ad ogni altro interesse e che le istituzioni preposte intervengano quanto prima". 

 

CONSIDERAZIONI DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNALE SUL PROGETTO TEMPA
ROSSA
Al fine di acquisire tutti gli elementi di chiarezza da parte di tutti i soggetti preposti alla
decisione sull'approvazione dell'eventuale variante urbanistica, e mi riferisco ai componenti
del Consiglio Comunale, organo preposto alla sua adozione, l'Amministrazione comunale in
persona del Sindaco Dr.Stefàno ha indetto in data 9.6.2014, presso la sala Giunta di Palazzo di
Città, una riunione con la Dirigenza ENI,
In quell'occasione, se da un lato la Dirigenza ENI ha illustrato tutti i particolari della
progetto, da parte dei consiglieri presenti sono state avanzate tutta una serie di questioni
fondamentalmente formulate per conoscere le ricadute e, quindi, l'impatto ambientale sul
territorio del progetto in questione.
Voglio ricordare che parliamo di una città venuta alla ribalta nazionale per le questioni
ambientali legate all'insediamento del polo industriale da parte ILVA – ENI- Cementir e
dell'Arsenale della Marina Militare (al Mar Piccolo).
Una città che in oltre cinquant'anni ha patito uno stupro ambientale determinando
gravissime ripercussioni sulla salute degli operai della grande industria e degli abitanti in
particolar modo di quelli del quartiere Tamburi.
Detto incontro si è concluso, dopo ampio dibattito, con la richiesta formale da parte dei
consiglieri presenti ai rappresentanti di ENI dell'acquisizione, in tempi brevi, di tutta la
documentazione allegata al progetto Tempa Rossa al fine di poter disporre di quegli utili
elementi per il dibattito consiliare in ordine alle scelte da intraprendersi.
La documentazione prodotta da ENI in data 25.6.2014 chiarisce solo e soltanto gli
adempimenti quanto alle tematiche di sicurezza e direttiva Seveso. In questa documentazione
vengono elencate tutte le autorizzazioni chieste da ENI nei vari tavoli tecnici regionali e
ministeriali nel rispetto delle normative.
Nell'unica nota tecnica allegata alla suddetta argomentazione viene unicamente
illustrata l'attività di monitoraggio delle sostanze emesse dalla Raffineria di Taranto, i
cosiddetti inquinanti odorigeni.
Non si fa cenno alcuno all'aumento degli inquinanti legati, ad esempio, alle emissioni
delle navi che in questo progetto Tempa Rossa aumenterebbero in numero evidente, con
liberazione in atmosfera di sostanze tossiche calcolate da alcune fonti in percentuali superiori
al 12%.
La città vive un momento di forte tensione sociale soprattutto all'indomani dei dati pubblicati dall'Istituto di Sanità e mi riferisco allo “Studio Sentieri” in cui viene riportato un incremento del 21% della mortalità infantile nel territorio di Taranto ben superiore ai dati del resto della Regione a parità di fascia anagrafica.
Peraltro, la scorsa settimana si è verificato nella rada del Mar Grande ed in particolare a ridosso della Base Navale, uno sversamento a mare di combustibili di navi militari che, per fortuna, è stato subito circoscritto e non ha prodotto un disastro ambientale che teoricamente poteva anche verificarsi.
Con lettera datata 4.7.2014, a firma del Sindaco Dott.Ippazio Stefàno, si è chiesto ad ENI di assumere iniziative idonee a pubblicizzare ai nostri concittadini le condizioni di impatto dell'intervento progettuale sotto tutti i profili ambientali, occupazionali, economici per offrire alla città un quadro di riferimento preciso con il quale confrontarsi.
Nel 2012 il Consiglio Comunale in apposita seduta si espresse all'unanimità contro la realizzazione del progetto Tempa Rossa ed a tutt'oggi le posizioni dei singoli consiglieri, che abbiamo avuto modo di ascoltare in merito, rimangono immutate anche se non è stato ancora elaborato alcun documento in tal senso vista la ripresentazione del progetto.
Ebbene, la città di Taranto è stanca di patire negatività ambientali con gravi ripercussioni sulla salute dei suoi abitanti, già fortemente provati e minati da un alto tasso di patologie strettamente derivanti dagli inquinanti industriali e chi vi riferisce esercita da ormai un quarantennio la professione di medico proprio nel quartiere Tamburi che, come è noto. si è visto erigere a ridosso tutta l'area del polo industriale tarantino.
Non siamo dunque disposti a barattare la salute dei nostri concittadini a nessun prezzo.
Dr.Vincenzo Baio – Assessore comunale all'Ambiente
Antonio De Padova, Responsabile Rete Athena e Presidente Retemicoroimprese,
rende noto che è stato firmato il Decreto del Direttore Generale per gli incentivi alle imprese
con il quale vengono individuati i termini e le modalità di presentazione delle domande
per l’accesso alle agevolazioni del Fondo per la crescita sostenibile. Tali agevolazioni
sono dirette a sostenere la realizzazione di progetti di ricerca industriale e di
sviluppo sperimentale negli ambiti tecnologici individuati dal Programma “Horizon
2020” dell’Unione Europea.
Le domande di agevolazione possono essere presentate a partire dalle ore 10,00 del
30 settembre 2014 utilizzando la procedura di compilazione guidata. I soggetti
proponenti possono iniziare la fase di compilazione della domanda e dei relativi allegati a partire dal 22
settembre 2014.
La dotazione finanziaria dell’interventi è pari a 300 milioni di euro, di cui il 60% riservato a progetti proposti da
imprese di piccole e medie dimensioni. I progetti di ricerca e sviluppo devono prevedere un ammontare
complessivo di spese ammissibili compreso tra 800 e 3 milioni di euro e possono essere presentati dalle
imprese singolarmente o in forma congiunta, anche con organismi di ricerca, fino a un massimo di 3 soggetti
proponenti. Le agevolazioni sono concesse nella forma del finanziamento agevolato per una percentuale delle
spese ammissibili articolata in relazione alla dimensione d’impresa, pari al 70% per piccole imprese, al 60%
per le medie imprese e al 50% per le grandi imprese.
Il finanziamento agevolato ha una durata massima di 8 anni, oltre un periodo di preammortamento di 3 anni e
prevede un tasso agevolato pari al 20% del tasso di riferimento stabilito dalla Commissione Europea,
comunque non inferiore allo 0,8%.
Le imprese interessate possono contattare la dott.ssa Patrizia Elia per concordare un incontro inviando una email
all’indirizzo di posta elettronica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

A cura di Amedeo Cottino

Dal 1° settembre iscrizione immediata al Registro Imprese per le richieste alle quali sia allegato un atto notarile: i dettagli.

Entra in vigore dal 1° settembre l’iscrizione immediata delle aziende e degli atti notarili al Registro Imprese prevista dal DL 91/2014 (convertito in Legge 116/2014), a patto però che alla richiesta sia allegato un atto notarile (sia atto pubblico che scrittura privata autenticata). L’art. 20 comma 7 bis del Decreto prevede infatti l’iscrizione immediata al Registro Imprese in caso di richieste spedite per via telematica con allegato un atto notarile, con l’obiettivo di facilitare le procedure per l’avvio delle attività economiche.

Ad essere escluse da tale opportunità sono le altre richieste delle società (nomina di amministratori o di esercizio della attività) e le iscrizioni delle imprese individuali e delle Spa. In tutti questi casi continua a valere il termine dei 5 giorni dall’arrivo della pratica. Diventano invece più veloci le procedure di iscrizione degli atti costitutivi e modificativi di società di capitali e di persone. L’articolo del DL va a modificare l’articolo 2189 del Codice civile nella parte in cui stabilisce che

«prima di procedere alla iscrizione, l’ufficio del Registro deve accertare (…) il concorso delle condizioni richiesta dalla legge per l’iscrizione».

La novità consiste nel fatto che dal 1° settembre il conservatore del Registro non dovrà più effettuare tale controllo di legalità che verrà effettuato esclusivamente dal notaio, per questo l’iscrizione veloce al Registro viene limitata alle richieste che presentano in allegato un atto notarile. In ogni caso il giudice del Registro potrà eventualmente ordinare la cancellazione della richiesta, nel caso in cui su segnalazione del conservatore verifichi che il notaio non ha rispettato la legge.

 

a cura di Amedeo Cottino

E’ nuovamente possibile presentare le domande di ammissione alle agevolazioni per l’Autoimpiego, secondo il Decreto Legislativo n. 185/2000, per favorire l’ampliamento della base produttiva e occupazionale nonché lo sviluppo di una nuova imprenditorialità nelle aree economicamente svantaggiate del Paese. Gli incentivi stanziati attraverso  contributi e finanziamenti a fondo perduto, andranno a  disposizione per iniziative da realizzarsi esclusivamente nelle regioni: AbruzzoBasilicataCalabria,CampaniaMolisePugliaSardegna e Sicilia.

Gli incentivi andranno a coprire un insieme di interventi per stimolare uno sviluppo economico che valorizzi il patrimonio culturale, naturale e paesaggistico e che migliori l’offerta turistica delle regioni Sicilia, Calabria, Campania e Puglia.

I contributi possono essere richiesti da persone fisiche disoccupate o inoccupate per la realizzazione e l’avvio di piccole attività imprenditoriali, attraverso le seguenti iniziative:

·         Lavoro Autonomo (in forma di ditta individuale). Investimenti previsti non superiori a € 25.823

·         Microimpresa (in forma di società di persone). Investimenti previsti non superiori a € 129.114

·         Franchising (in forma di ditta individuale o di società), da realizzare con Franchisor accreditati con l’Agenzia

·         Incentivi per la filiera turistico culturale

Per accedere alle agevolazioni occorre presentare una domanda contenente il piano d’impresa che evidenzi la coerenza tra il profilo del soggetto promotore e l’iniziativa imprenditoriale, che descriva la validità tecnica, economica e finanziaria dell’iniziativa. Dopo essersi registrati al sito INVITALIA,aver compilato la domanda on-line, e aver scaricato dalla sezione download tutti gli allegati, che andranno compilati e sottoscritti, tutta la documentazione andrà inviata online e tramite raccomandata A/R, al seguente indirizzo entro 5 giorni dalla compilazione on-line:

Invitalia Autoimpiegio – via Pietro Boccanelli 30 – 00138 Roma

Maggiori informazioni possono essere reperite sul sito Invitalia

 

Trovo deprimente che una calamità come quella della xylella che sta mettendo a dura prova gli agricoltori e i vivaisti salentini, e colpendo il paesaggio, possa essere argomento di strumentalizzazione politico-elettorale.

Nel merito vorrei dire al presidente Marmo che la Regione Puglia, con l'Osservatorio Fitosanitario Regionale, lo stesso per inciso che ha sconfitto la Sciarca e la Tristeza degli agrumi, ha da subito insediato un Comitato Scientifico Regionale che ha consentito, nel giro di pochi giorni, di fare una diagnosi precisa della malattia.

Una cosa che oggi diamo per scontata e che è invece e il frutto di studi ed intuizioni dei componenti del nostro comitato scientifico e dell'osservatorio regionale.

Già dal mese di luglio abbiamo chiesto al Ministro di insediare un Comitato Scientifico Nazionale che affianchi quello regionale.

Il presidente Marmo, già assessore all'agricoltura, dovrebbe con me ringraziare la struttura regionale che ha lavorato senza sosta per fronteggiare questa emergenza. Proprio il lavoro dell'osservatorio ha consentito di ridurre i danni ai vivaisti quando è riuscito ad ottenere una decisione comunitaria limitata alle sole aree infette della provincia di Lecce e alle sole specie suscettibili di infezione allontanando così ipotesi di “embargo” per tutta la Puglia che sarebbero potute essere ancora più devastanti.

Ed è lo stesso lavoro di intenso monitoraggio e ricerca che oggi determina la necessità di modificare la strategia di attacco alla malattia.

L'ipotesi della dichiarazione dello stato di emergenza non significa rinnegare il lavoro fatto ma dotarsi di uno strumento straordinario per un evento che per come si e manifestato e' straordinario sia per estensione territoriale e sia per le specie interessate, molte delle quali di natura ornamentale.

Un batterio da quarantena presente per la prima volta in Europa ma da molti anni in America, senza che gli americani abbiano mai  trovato una soluzione all'eradicazione. 

Non  sfugge a nessuno che l'Assessorato l'agricoltura non può avere competenza sulle aree comunali o sui giardini privati o le aree incolte. Sono necessari poteri straordinari che consentano anche di fare interventi coercitivi.

Insieme a tutte le organizzazioni professionali agricole ed al Corpo Forestale dello Stato abbiamo deciso di chiedere al Ministro poteri straordinari per fronteggiare l’emergenza da Xylella e risorse adeguate per fronteggiare i danni e i mancati redditi.

Il presidente Marmo farebbe bene ad avere in mente tutte queste cose e unirsi con spirito costruttivo alle nostre richieste.

TRASPORTOUNITO FIAP TARANTO sarà presente al “1° RADUNO TRUCK DUE MARI”, primo evento del suo genere nel capoluogo ionico, i prossimi 20 e 21 settembre presentando le iniziative dell’Associazione, scambiando vedute e raccogliendo osservazioni inerenti il mondo dell’autotrasporto,.
Organizzato dalla ditta PARASCANDOLO CLAUDIO & FIGLI di Crispiano, operante nel settore trasporti e movimento terra, l’evento è stato fortemente voluto dal Sig. Claudio Parascandolo, già coordinatore per il comune di Crispiano del FIAT 500 Club Italia e dai suoi figli Fabrizio e Valerio, trasportatori di giovanissima età.
Dopo i titolati raduni di Misano (il famoso Weekend del camionista, tappa nazionale del FIA European Racing Championship), Mantova (l’International Truck Day Show), Eboli (il Mediterranean Truck) anche Taranto, grazie al comune di Crispiano, è orgogliosa di presentare alla cittadinanza il suo primo raduno di camion, a testimonianza che la passione per i “truck” scalda ancora i cuori di grandi e bambini e che, malgrado le circostanze di assoluto disagio della categoria (che, peraltro, TRASPORTOUNITO FIAP TARANTO sta portando all’evidenza della collettività, sinora rimasta estranea al tema, con i suoi interventi), c’è ancora la volontà di guardare avanti e di sperare un futuro migliore.
L’ingresso, gratuito, sarà occasione per i “non addetti ai lavori” per osservare da vicino i “bisonti della strada” ed i loro disegni, colori, cromature e luci; vedere le ultime novità e le nuove tecnologie in tema di mezzi pesanti; conoscere i loro autisti che ogni giorno macinano chilometri, in ogni condizione, per consegnare qualsiasi merce in tutta Italia; sfatare, insomma, il vecchio retaggio culturale che vuole i camionisti “brutti, sporchi e cattivi”e dimostrare, invece la passione ed il sacrificio senza i quali sarebbe impossibile svolgere la professione.
Notevole l’impegno profuso dalla famiglia Parascandolo (che ha sempre dedicato una cura maniacale nell’allestimento dei propri automezzi: lo testimoniano il Volvo FH “Diavolo Blu”, guidato da Fabrizio, e lo Scania R500 “Black Amber”, guidato da Valerio, nella foto), per l’organizzazione del raduno.
Il programma è articolato su due giornate:
Sabato 20 settembre: inizio della manifestazione (ore 19:00), con tanta musica e divertimento; Domenica 21 settembre: colazione offerta dal BAR NUOVE DIMENSIONI di Crispiano (ore 8:00); sfilata per vie di Crispiano con sosta/aperitivo presso PENTIMA ROSSA (11:45); pranzo presso il
TRASPORTOUNITO FIAP TARANTO
S.S. 106 MOLO POLISETTORIALE PAL. DIR. 1 – 74123 TARANTO
Mobile: 328 036 96 32 E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
RISTORANTE/PIZZERIA LEON D’ORO (13:00). Car wash e tanti altri eventi in stile “truck show” renderanno allegro e festoso il pomeriggio domenicale.
Previsto l’arrivo di una quarantina di camion di tutte le marche, anche provenienti da altre Regioni.
Tutti possono partecipare all’evento: anche chi non possiede un “supertruck” come quelli dei signori Parascandolo. Ci tiene anzi a puntualizzare il Sig. Claudio che non si voterà per il camion più bello, perché scopo della manifestazione è quello di ritrovare amici e colleghi; tutti i partecipanti, pertanto, risulteranno vincitori e saranno premiati con un gentile ricordo delle due belle giornate trascorse insieme.
Insomma, un piacevole raggio di sole tra le nubi cariche di pioggia che scoloriscono l’autotrasporto, in terra ionica.
 
Martedì, 26 Agosto 2014 15:58

Marimatch, una settimana di tempo per iscriversi

Scritto da

Ancora una settimana di tempo per cogliere un'affare da non perdere. Le aziende pugliesi che intendano partecipare a Marimatch 2014, evento di brocheraggio organizzato da Enterprise Europe Network (Een), possono iscriversi gratuitamente entro il 26 agosto.

 

Marimatch è un'importante occasione per chiudere un affare o allacciare una partnership tecnologica nel settore marittimo. L'iniziativa è organizzata da Een il 10 e l'11 settembre durante la fiera internazionale“SMM 2014 - International Trade Fair for Shipbuilding, Machinery & Marine Technology” di Amburgo (http://www.smm-hamburg.com). Unioncamere Puglia, partner di Een, ne promuove la partecipazione e accompagnerà le aziende pugliesi in Germania.

 

L'evento è un'opportunità unica per stabilire nuovi contatti con l’estero, per future collaborazioni commerciali, di ricerca e/o di sviluppo tecnologico. MariMatch 2014 è dedicato ad un ampio spettro di aziende ed organizzazioni interessate a trovare partner di collaborazione per espandere il proprio business o incrementare l’attività di ricerca e sviluppo tecnologico:

·         Costruzioni navali e cantieristica,

·         Navigazione e posizionamento,

·         Sistemi di logistica e cargo,

·         Porti e tecnologie,

·         Scienze del mare ed oceani,

·         Servizi marittimi.

 

L'azienda, dopo la registrazione on-line e l'inserimento del profilo di cooperazione (all'indirizzo http://smm2014.converve.com/p_registration.php), sarà inserita in un'agenda definita di incontri b2b.

La partecipazione all'evento è gratuita.

Per maggiori informazionitelefonare allo 0831 228215

Dott.ssa Eleonora Quacquarelli: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dott. Alessandro Montanaro: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Lavoro, 530mila in cassa integrazione

530mila lavoratori in cassa integrazione,per un totale di 650 milioni di ore richieste e autorizzate, cosi come emerge nel rapporto di luglio dell'Osservatorio Cig della Cgil nazionale, sono il chiaro segnale di una crisi che colpisce la struttura portante del sistema lavoro in Italia
 
Una situazione che, come si legge nei dati contenuti nel rapporto, emerge chiaramente dall'andamento della cassa straordinaria e dalla bassa percentuale di percorsi di reinvestimento e rinnovamento delle imprese in crisi con un preoccupante processo di deindustrializzazione e quindi di impoverimento dell'economia nazionale.

Il mese di luglio conferma la tendenza all’aumento delle aziende che fanno ricorso ai decreti Cigs

(+27,86%), sono in aumento anche le unità aziendali territoriali coinvolte (+32,25%).

Le aziende sono 4.897 con un aumento del +27,86% sullo stesso periodo del 2013, e riguardano 9.084

unità aziendali territoriali (+32,25%). A Taranto, le Aziende/Gruppi presenti sul territorio che hanno chiesto e ottenuto la cassa integrazione straordinaria sono 29, mentre è pari a 59 il numero delle unità aziendali territoriali coinvolte.  Nel contesto pugliese il capoluogo ionico risulta secondo solo a Bari con 55 Aziende /Gruppi  e 120 Unità aziendali territoriali coinvolti.

Dei 29 decreti Cigs firmati per Taranto 4 sono per l’applicazione dei contratti di solidarietà, 24 per crisi aziendale e 1 per fallimento.

Sono diciotto le Regioni, che in questo mese, fanno registrare un aumento dei ricorsi alla Cigs, mentre in

due diminuiscono.

L’aumento è ormai diffuso su tutto il territorio nazionale, in questo mese, l’aumento maggiore è della

Basilicata (+200,00%), le altre sono; il Friuli (+58,82%), La Valle d’Aosta (+50,00%), il Trentino (+48,84%),

l’Abruzzo (+48,19%), la Sardegna (+46,15%), la Liguria (+44,74%), il Piemonte (+44,17%), il Molise

(+40,00%).

In aumento i ricorsi per crisi aziendale +5,18%, con 2.354 decreti, sono il 48,07% del totale.

In aumento il ricorso al fallimento +44,86%, aumenta il ricorso al concordato preventivo +195,24%.

I contratti di solidarietà continuano ad aumentare, e torna ad aumentare anche la percentuale sul totale

dei decreti rispetto ai valori del 2013.

I ricorsi con i contratti di solidarietà aumentano del +57,44% e costituiscono il 33,92% del totale dei

decreti, nel 2013 erano il 27,55% del totale.

Le domande di ristrutturazione aziendale aumentano sul 2013, (132; +3,94%), le domande di

riorganizzazione aziendale sono (149; +8,76%), nel complesso si conferma una nuova contrazione su

queste causali e con un numero troppo limitato.

 

Gli interventi che prevedono percorsi di reinvestimento e rinnovamento strutturale dell'impresa,

continuano ad essere irrilevanti e in diminuzione, sono solo il 5,74% del totale dei decreti, nel 2013 erano

il 6,89% del totale.

“Resta questo- si legge nel rapporto- uno dei segnali più evidenti del persistere di un processo di deindustrializzazione in atto nel

nostro Paese, ma continua ad essere sottovalutato.” 

L.C.

 

 

 
 
 
 
 
 

e dalla bassissima percentuale di percorsi di reinvestimento e di ristrutturazione delle aziende in crisi.



Potrebbe interessarti:http://www.today.it/economia/cassa-integrazione-numeri.html
Seguici su Facebook:http://www.facebook.com/pages/Todayit/335145169857930

 

 



Potrebbe interessarti:http://www.today.it/economia/cassa-integrazione-numeri.html
Seguici su Facebook:http://www.facebook.com/pages/Todayit/335145169857930

Pagina 114 di 136