Cookie Consent by Free Privacy Policy Generator
Preferenze sui cookie
Giornale di Taranto - Economia, Lavoro & Industria
Economia, Lavoro & Industria

Economia, Lavoro & Industria (1892)

“Il commissario ci ha detto che ha cominciato a Taranto ma ci ha detto che farà passaggi in tutti gli altri impianti principali come Genova e Novi Ligure. C’é un elemento necessario: per poter ripartire bisogna mettere in sicurezza i lavoratori, gli impianti e lo stabilimento. Credo che questo sia il punto fondamentale e su questo vanno garantite le risorse necessarie da parte del Governo per poter realizzare questo lavoro straordinario di messa in sicurezza”. Così Michele De Palma, segretario generale Fiom Cgil, all’uscita dell’incontro con il commissario di Acciaierie d’Italia in amministrazione straordinaria avvenuto oggi a Taranto. 

“Sicuramente parliamo di mesi, non parliamo di anni”. Lo ha detto a proposito del ritorno di Acciaierie d’Italia, ex Ilva, al mercato e ai privati dopo l’amministrazione straordinaria decretata nei giorni scorsi dal Governo, il nuovo commissario Giancarlo Quaranta, oggi in una intervista al TGR Rai Puglia. “Cosa fondamentale - ha aggiunto il commissario - è la concertazione, la convergenza su un unico punto: garantire la continuità produttiva degli stabilimenti. Mi esprimo al plurale perchè la questione non riguarda solo Taranto, ma Genova, Novi, Racconigi, Marghera, quindi è importante per noi avere questa convergenza sia nell’ambito industriale, che dal punto di vista sociale, interno allo stabilimento” ma anche “delle città che ospitano gli stabilimenti”. Il consenso manifestato sul suo nome da mondo dell’impresa e mondo sindacale, “ha rappresentato per me una forte spinta ad accettare l’incarico del ministro Urso e quindi ora sono impegnato a rispettare l’impegno assunti nei confronti di tutti”, ha proseguito Quaranta. “Le prime impressioni - ha affermato - sono orientate alla necessità di approfondire vari aspetti, sia tecnico-produttivo, sia gestionale” per “riportare l’azienda nelle condizioni ottimali e dal punto di vista dell’affidabilità produttiva e di sicurezza degli impianti e, nello stesso tempo, generare quelle che sono le condizioni volute in maniera molto chiara dal Governo, e in particolare dal Mimit, nel procedere quanto prima al bando di gara per l’assegnazione degli asset produttivi a soggetti interessati a rilevarli”. Quaranta ha aggiunto che “nostro compito di deve svolgere su due binari paralleli: intervenire sulle condizioni attuali dello stabilimento e preparare le condizioni idonee perchè gli asset aziendali vengano affidati a imprenditori privati”. Sui tempi di ritorno al privato, Quaranta ha detto: “Ci auguriamo nel più breve tempo possibile ma questo lo potremo capire via via che prenderemo atto di quelle che sono le situazioni concrete e reali e quindi stabiliremo i tempi necessari”. 

È ripartito questa mattina nel siderurgico di Taranto l’altoforno 4. Era stato fermato ieri da Acciaierie d’Italia “per attività di manutenzione sulla parte alta del forno, sul piano tubiere e sul campo di colata”. Attività già programmate e che avrebbero dovuto fare le imprese dell’indotto, solo che quest’ultime sono ferme da settimane in quanto rivendicano il mancato pagamento dei crediti milionari maturati verso AdI. Già ieri la società aveva annunciato che il fermo sarebbe stato solo di 24 ore, arco di tempo nel quale la fabbrica a ciclo continuo, per la prima volta, si è ritrovata senza produzione. Continuano invece a restare fermi gli altri due altiforni, l’1 e il 2, e un’acciaieria su due (la 1). Intanto, si registrano nuove valutazioni positive sulla nomina, da parte del ministro Adolfo Urso, di Giancarlo Quaranta quale commissario per l’amministrazione straordinaria di Acciaierie d’Italia. Il comitato unitario delle professioni, col presidente Giovanni Prudenzano, auspica che “la nomina di un professionista con una enorme esperienza nel settore siderurgico maturata proprio nello stabilimento tarantino, del quale Giancarlo Quaranta conosce in modo approfondito tutte le problematiche, possa contribuire a far uscire velocemente la situazione dell’azienda dall’empasse che ha caratterizzato questo periodo. Soprattutto i professionisti del Cup Taranto auspicano che contestualmente venga risolta positivamente anche la problematica che vede le aziende indotto dello stabilimento siderurgico impegnate a rivendicare il loro legittimo diritto a vedersi liquidati i crediti vantanti nei confronti di Acciaierie d’Italia”. Per il mondo delle professioni, “come deve essere garantita la prosecuzione delle attività del siderurgico, in modo green e sostenibile, devono essere garantite le aziende che costituiscono una parte importante del tessuto produttivo del territorio”.

La CGIL e la UIL Taranto hanno indetto questo pomeriggio un sit-in di protesta che si è svolto sotto la sede della Prefettura di Taranto.

Un sit-in sulla sicurezza sul

lavoro, in un paese che continua a registrare incidenti mortali come raccontano le cronache quotidiane da sud a nord. 

Il sit-in si affianca alle iniziative promosse dalle categorie nazionali degli edili e dei metalmeccanici di CGIL e UIL che sempre per oggi hanno indetto due ore di sciopero a fine turno in segno di protesta, sdegno e reazione alla continua emergenza degli incidenti sul lavoro, come successo ancora venerdì scorso all’interno del cantiere per la costruzione di un punto vendita Esselunga a Firenze.

Il solo porgere cordoglio - si legge in una nota-  anche se immenso e fortemente sentito, non serve purtroppo a fronteggiare quella che è la vera e propria emergenza delle morti sul lavoro.

Il Governo, le imprese e le loro associazioni di rappresentanza devono assumersi la responsabilità per dire basta al massimo ribasso, ai sub appalti a cascata, alla precarietà, alla mancanza di controlli, alle procedure di sicurezza sempre più superficiali.

Temporanea fermata nello stabilimento siderurgico ex Ilva di Taranto dell’altoforno 4, l’unico attualmente in funzione su tre (sono infatti fermi da tempo gli altiforni 1 e 2). Lo comunica la società Acciaierie d’Italia. La quale in una nota afferma “che nella giornata odierna è prevista una fermata di altoforno 4 per attività di manutenzione sulla parte alta del forno, sul piano tubiere e sul campo di colata. La durata prevista della manutenzione è di circa 24 ore”.

Nella nomina di Giancarlo Quaranta a commissario dell’amministrazione straordinaria di Acciaierie d’Italia, Confindustria Taranto ripone “da sempre grande fiducia, in quanto professionista stimato e profondo conoscitore della fabbrica e delle sue complessità, che siamo sicuri potrà lavorare al meglio in questa fase ancora una volta molto critica per l’acciaieria, le aziende, i dipendenti diretti e indiretti e per tutta la comunità jonica”. “Allo stesso tempo - si afferma -, è forte l’auspicio, da parte di Confindustria Taranto, che il Governo possa al più presto adottare strumenti straordinari per sostenere tutte le aziende dell’indotto, favorendo loro misure idonee per il ristoro delle fatture e per poterle così traghettare fuori da una crisi irreversibile che comporterebbe il crollo di un pezzo importante del sistema siderurgico italiano”. 

‘La riconversione economica parte dal mare. Il ruolo del Mar Piccolo tra tutela ed economia’  è il tema del convegno organizzato da Confcommercio Taranto, domani mercoledì 21 febbraio, con inizio alle ore 9.00, presso la sede provinciale .  

 

L’iniziativa è a chiusura del progetto “Pesca Mari & Miti”, finanziato dalla Regione Puglia  (nell’ambito del FEAMP 2014/20 Misura 2.50, e realizzato da Sistema Impresa, il centro di assistenza tecnica di Confcommercio,  nel 2022/23) finalizzato -attraverso un percorso di formazione, innovazione e informazione- a  promuovere  un’occupazione sostenibile e di qualità  dei lavoratori dei settori dell’acquacoltura e mitilicoltura.

A fine giornata ai coristi verranno consegnati gli attestati di partecipazione al corso di formazione abilitante di 900 ore a valere su una nuova figura professionale indicata nel repertorio regionale di operatore /operatrice per gli impianti di acquacoltura, maricoltura e mitilicoltura.

Nel corso del convegno verrà presentato  uno studio che ha avuto l’obiettivo di quantificare e rendicontare le emissioni di gas ad effetto serra del settore della mitilicoltura tarantina,  nonché programmare le possibili politiche e prescrizioni ambientali.

 

E’ previsto l’intervento dell’assessore regionale all’Agricoltura e Pesca, Donato Pentassuglia; ad aprire i lavori: il presidente provinciale di Confcommercio Taranto, Leonardo Giangrande, ed il presidente di Sistema Impresa, Giuseppe Spadafino; seguirà l’intervento del  direttore Tullio Mancino che parlerà del progetto Feamp.

Il Mar Piccolo di Taranto,  è ovviamente il protagonista del meeting, tema al quale daranno il loro prezioso contributo   addetti ai lavori ed esperti per fare il punto su vari aspetti inerenti la realtà ambientale, naturalistica, produttiva e socio- culturale della laguna.

Il  presidente della categoria ‘Mitilicoltura e pesca Confcommercio’, Luciano Carriero, darà  voce ai  mitilicoltori tarantini; seguiranno le relazioni del responsabile del settore risorse del mare KYMA Servizi, Mario Imperatrice che parlerà dei  vari aspetti normativi, organizzativi e socio economici inerenti il settore della mitilicoltura; seguirà l’intervento di Serena Masini, esperta di cicli produttivi ed innovazione che spiegherà i risultati dello studio (portato avanti nell’ambito del progetto Feamp) sull’impatto ambientale della mitilicoltura  sul Mar Piccolo.  

Numerosi i contributi in programma a cura di Magda Di Leo, responsabile della sezione CNR ISRA Taranto; Giovanni De Vincentiis, presidente del WWF Taranto; Nicola Zizzo, coordinatore del Corso UNI BA  di Scienze delle produzioni e risorse del mare; Marcello Longo, presidente regionale Slow Food, Giuseppe Gargano, tecnologo del CREA.

 

Un parterre di esperti con competenze diverse,  ma tutti accomunati dall’ idea che Taranto possa trovare proprio nel mare e nelle sue molteplici filiere, l’ ispirazione per un processo di integrazione e rilancio  dell’economia territoriale, alternativa alla dominante monocultura industriale. Un tema di interesse  per la IV classe del corso di Biotecnologie ambientali dell’Istituto Pacinotti di Taranto che ha volontariamente chiesto di poter seguire i lavori.

 

 

 

 

Acciaierie d’Italia verso l’amministrazione straordinaria.  “Invitalia, dopo aver esperito negli ultimi mesi e da ultimo in queste settimane, in costante dialogo con il Governo, ogni tentativo possibile di accordo con il socio privato, preso atto dell’indisponibilità di quest’ultimo a contribuire a garantire la continuità aziendale o a sciogliere la joint venture in modo equilibrato e conforme alle normative vigenti anche di fonte europea nell’ambito di una situazione di crisi non dipendente dalla volontà né da responsabilità gestionali della parte pubblica, ha inoltrato oggi al Ministero delle Imprese e del Made in Italy, un’istanza per le conseguenti valutazioni tecniche e amministrative per la procedura di amministrazione straordinaria per Acciaierie d’Italia spa”. Lo annuncia Invitalia in una nota. 

Intanto Acciaierie d’Italia gioca un’altra carta sul fronte giudiziario: il concordato con riserva. Ieri sera infatti la società ha comunicato che “le società Acciaierie d’Italia Spa, AdI Energia Srl, AdI Servizi Marittimi Srl, AdI Tubiforma Srl hanno depositato domanda di concordato con riserva, con richiesta di misure protettive”.

    Il concordato con riserva, strumento che l’impresa insolvente può stipulare con i propri creditori al fine di cercare una soluzione equa e vantaggiosa per entrambe le parti coinvolte, consente all’azienda di negoziare e raggiungere un accordo con i creditori stabilendo nuove condizioni di pagamento o una ristrutturazione del debito. Viene detto anche \\\'in bianco\\\' perché non implica la presentazione di una proposta specifica iniziale da parte dell’impresa insolvente. 

 “Per la conferma delle misure protettive, condizione necessaria è l’esistenza di una concreta, attendibile e realistica prospettiva di risanamento dell’impresa, da intendersi quale ragionevole possibilità di superamento degli squilibri finanziari, patrimoniali ed economici dell’impresa stessa, posto che soltanto una prognosi positiva in ordine al buon esito delle iniziative già assunte o individuate per la regolazione della crisi o dell’insolvenza, può giustificare un provvedimento giudiziale di compressione delle azioni cautelari ed esecutive dei creditori sul patrimonio del debitore\". Lo scrive il giudice del Tribunale di Milano, Francesco Pipicelli, nell’ordinanza con cui ha rigettato la richiesta di misure cautelari e protettive che Acciaierie ha avanzato nell’ambito della procedura negoziata della crisi. 

   \"Una prognosi positiva allo stato - prosegue - non pare sussistere, in quanto la situazione finanziaria attuale, l’assenza di disponibilità di soci o di terzi rifinanziare AdI spa, non sembrano consentire all’impresa ricorrente di avere una liquidità di cassa a breve per l’acquisto di materie prime e per la stessa sopravvivenza della continuità aziendale diretta, per un tempo limitato idoneo a condurre le complesse trattative con un ceto creditorio variegato e multiforme”.  

   Lo stesso giudice, nei giorni scorsi, aveva anche rigettato la richiesta di AdI di vietare ad Invitalia, partner pubblico di minoranza di Acciaierie, di chiedere al ministero delle Imprese l’ammissione della società alla procedura di amministrazione straordinaria. E sempre il giudice Pipicelli aveva dichiarato infondata l’obiezione di incostituzionalità mossa da AdI relativamente al decreto legge di gennaio 2023, quello che ha posto le basi per l’amministrazione straordinaria. Nel provvedimento odierno di rigetto delle misure cautelari e protettive, il magistrato scrive che “la concreta possibilità di sviluppare in corso di trattative le linee guida del piano di risanamento presuppone, ai fini della sua attuazione, il raggiungimento di un’intesa tra i soci, improntata alla cooperazione ed al sostegno finanziario di AdI spa (ad esempio, attraverso la deliberazione di condivisi interventi di rafforzamento patrimoniale), allo stato non raggiungibile per le ragioni esposte dall’esperto”. Il giudice quindi ritiene “che non vi sia una effettiva, concreta e ragionevole perseguibilità del risanamento in base alle dichiarazioni dell’esperto”. 

 Già l’esperto incaricato della composizione negoziata della crisi, Cesare Giuseppe Meroni - procedura, questa, che Acciaierie stava cercando di spingere in alternativa all’amministrazione straordinaria messa in cantiere dal Governo -, aveva sollevato molte perplessità al riguardo. E infatti il giudice oggi richiama nell’ordinanza che il 5 febbraio 2024 l’esperto “è netto nel ritenere l’assenza in concreto della sussistenza di concrete e ragionevoli prospettive di risanamento”.

   Il giudice quindi sottolinea: l’esperto “ha già in sostanza espresso una prognosi ‘infausta’”. Di conseguenza, argomenta il magistrato motivando il rigetto di quanto chiesto da AdI, “l’inidoneità del piano a superare la crisi e, dunque, l’assenza delle concrete prospettive di risanamento, non solo non consentono di confermare le misure protettive, ma allo stesso tempo non rendono meritevoli di accoglimento le misure cautelari e di inibitoria richieste verso Ilva e verso gli istituti di credito, come anche delimitate nel loro perimetro applicativo”.

Seconda notte e terza giornata di presidio sotto la Prefettura di Taranto degli imprenditori dell’indotto di Acciaierie d’Italia, ex Ilva. Le imprese che fanno capo ad Aigi non stanno lavorando da settimane in quanto non vengono pagate da Acciaierie. Gli imprenditori hanno tolto i presidi davanti alle portinerie della fabbrica ma continuano a non lavorare, mentre sono già state avanzate richieste di cassa integrazione per circa 2.600 lavoratori, molte delle quali già formalizzate con accordi sindacali.

Pagina 1 di 136