“Se le condizioni epidemiologiche non peggiorano riapriremo nei prossimi giorni le scuole iniziando dalle scuole elementari”. Lo ha detto in una intervista a Radionorba Notizie l’epidemiologo Pierluigi Lopalco, assessore regionale alla Sanità. “Quando abbiamo preso la decisione di avviare la didattica a distanza – ha spiegato Lopalco – avevamo detto che si trattava di una misura provvisoria, adesso dobbiamo valutare come andrà la curva epidemiologica, che aveva dato segnali preoccupanti proprio in quella fascia di età, e come far rientrare gli alunni a scuola. Ovviamente la nostra priorità è per le scuole elementari, perché la didattica a distanza è meno efficace e perché comporta molti disagi alle famiglie che devono accudire i bambini piccoli a casa". "Ci stiamo focalizzando su questo- ha aggiunto Lopalco - e stiamo cercando con i pediatri e la medicina territoriale di accelerare la distribuzione dei tamponi rapidi, distribuzione che abbiamo già iniziato, voi immaginate si…
Sono 762 i nuovi casi di Covid registrati in Puglia, a fronte di 6.279 test per l'infezione effettuati. I casi sono così suddivisi 263 in provincia di Bari, 59 in provincia di Brindisi, 82 nella Bat, 227 in provincia di Foggia, 25 Lecce, 101 Taranto, 6 casi di residenti fuori regione, 1 caso di residenza non nota è stato riclassificato e attribuito. Sono stati registrati 10 decessi: 7 in provincia di Foggia, 2 in provincia di Brindisi, 1 in provincia Bat. Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 556.505 test e risultate positive 18.622 persone. 6506 sono i pazienti guariti, 11.393 sono i casi attualmente positivi. 
Esprimere il proprio dissenso è legittimo, manifestare pubblicamente in modo civile è un diritto sancito dalla Costituzione. L’articolo 17 esplicita: ‘I Cittadini hanno diritto di riunirsi pacificamente e SENZA ARMI…’. Le parole tuttavia – afferma il presidente provinciale di Confcommercio Taranto, Leonardo Giangrande- possono fare male più delle armi, e chi si assume la responsabilità di organizzare una manifestazione di protesta ha l’obbligo di governare l’evento, se è vero che l’obiettivo è quello di rendere pubblico il malessere di una comunità e di mandare messaggi alla politica. Nulla può giustificare il folle intervento alla manifestazione tarantina, di giovedì scorso, del medico negazionista, duramente condannato dall’Ordine provinciale dei Medici. Parole come pietre, lanciate su una folla arrabbiata, delusa, ancora una volta costretta a scegliere tra due ‘opposti’: la salute o il lavoro. Una folla confusa, pronta a recepire come buone le parole di chi inneggia alla ribellione, una folla alla ricerca…
Non abbiamo tolto la scuola ai ragazzi, abbiamo solo detto ad alcune scuole di organizzarsi con la dad per qualche settimana". L'epidemiologo e assessore alla Sanità della regione Puglia, Pierluigi Lopalco, si difende dalle accuse e rilancia. "A questo punto - dice in un'intervista a Sky Tg24 - le vacanze estive sono un danno irreparabile per l'educazione dei ragazzi? Queste giornata di assenza da scuola si recupereranno a dicembre, accorceremo le vacanze di Natale, siamo in una situazione di emergenza, che non durerà una vita ma poche settimane. Dobbiamo fare di tutto perchè duri poche settimane".
"Emergono vistose criticità nell'istruttoria alla base del decreto impugnato" e manca "una congrua valutazione degli elementi rappresentati dalla società ricorrente". Cosi il Tar del Lazio si é espresso oggi sul ricorso con cui ArcelorMittal ha impugnato il decreto del ministro dell'Ambiente del 30 settembre scorso, che fissa nuove e stringenti tempistiche (gennaio edaprile 2021) per la copertura dei parchi minerali del siderurgico di Taranto, che è una delle prescrizioni ambientali della fabbrica. ArcelorMittal ha contestato col ricorso al Tar le nuove tempistiche del ministro Sergio Costa ritenendole tecnicamente inattuabili. Ora il Tar Lazio ha invitato il ministero a riesaminare il decreto impugnato ed ha fissato per il 4 dicembre la nuova udienza. Secondo il Tar Lazio, ci sono situazioni che "non sono state superate in sede di conferenza di servizi del 25 settembre 2020", quella nella quale si é esaminato il caso in sede ministeriale. Secondo i giudici amministrativi, "sussiste…
 “L’Ordine dei medici di Taranto ha prontamente avviato le azioni volte ad acquisire le generalità del sedicente 'medico' che, nel corso della manifestazione di ieri sera, ha proferito dal palco gravissime accuse nei confronti degli operatori sanitari impegnati in questa dura battaglia contro la pandemia, e sollecitato nell’uditorio comportamenti contrari alla tutela della salute individuale e collettiva”. Lo annuncia il presidente dell’Ordine di Taranto, Cosimo Nume. “Qualunque sia la collocazione professionale del sedicente 'medico', il gravissimo episodio saraà perseguito con gli atti dovuti e nelle sedi opportune”.
I segretari generali di Fim Cisl, Roberto Benaglia, Fiom Cgil, Francesca Re David, e Uilm, Rocco Palombella, chiedono al Governo con un lettera di “rendere noto lo stato e i contenuti del confronto tra Arcelor Mittal e Governo sugli assetti societari e sul possibile ingresso di Invitalia attraverso il conferimento di capitali pubblici”. Chiedono inoltre di “rendere noto alle organizzazioni sindacali l’annunciato nuovo piano industriale ed ambientale”.Per le sigle metalmeccaniche, “a 35 giorni dalla scadenza (30 novembre 2020) entro cui AM InvestCo ha facoltà di recedere dal contratto di affitto previsto dall’accordo del 4 marzo, tutti tacciono. Tace il Governo, tace Arcelor Mittal, tace Invitalia”. Per i sindacati, “nel silenzio non è detto che “andrà tutto bene”, in particolare per i lavoratori del gruppo. In tutti gli stabilimenti continua il ricorso alla cassaintegrazione senza soluzione di continuità, il livello di investimenti anche nella manutenzione ordinaria degli impianti si è sostanzialmente…
Oggi in Puglia, sono stati registrati 5.591 test per l'infezione da Covid-19 coronavirus e 791 casi positivi: 302 in provincia di Bari, 41 in provincia di Brindisi, 127 nella provincia BAT, 171 in provincia di Foggia, 41 in provincia di Lecce, 103 in provincia di Taranto, 7 casi di residenti fuori regione, 1 caso di residenza non nota è stato riclassificato e attribuito. Sono stati registrati 7 decessi: 6 in provincia di Foggia, 1 in provincia di Bari Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 550.266 test, 6.448 sono i pazienti guariti e 10.699 sono i casi attualmente positivi. Lopalco “in Puglia aumento casi importante ma stabile” "La situazione epidemiologica in Puglia è molto lontana da quella che potrebbe suggerire zone rosse, lockdown o cose di questo genere". L'ha affermato l'epidemiologo Pier Luigi Lopalco, assessore alle Politiche della Salute della Regione Puglia su Rai News 24. "L'aumento dei casi è importante ma…
Diverse centinaia di persone hanno manifestato questa sera a Taranto in piazza Immacolata, nel centro della città, contro le restrizioni dell’ultimo Dpcm. Hanno partecipato commercianti, titolari di palestre e di centri sportivi, imprenditori, anche da province limitrofe. Con la mascherina la maggioranza dei manifestanti. “È in atto un attacco all’impalcatura strategica dell’economia italiana, a tutto ciò che ha che fare con la cultura e il benessere” ha detto un imprenditore di Fasano. “Non abbiamo bisogno di sussidi, abbiamo una dignità, non vogliamo vivere di elemosina” ha aggiunto. Non sono mancate anche tesi negazioniste del virus come un medico che ha detto “ci fanno tenere la mascherina, ma non serve a niente, se avessimo dignità dovremmo buttarla nel cesso”. Molti cartelli e striscioni tra cui “Tutti uniti, tutti aperti”, “Futuro per i nostri figli”. E su un altro striscione si legge: “Grottaglie chiede aiuto, commercianti in ginocchio!!! No al coprifuoco”. Alcuni…
La decisione di Michele Emiliano di sospendere la didattica in presenza nelle scuole pugliesi fino al 24 novembre ha creato una spaccatura tra Governo e Regione. Il ministro alla Pubblica Istruzione Lucia Azzolina ha manifestato la sua contrarietà con un’esplicita richiesta di riapertura. Emiliano risponde e spunta anche un falso comunicato che è la stessa Regione Puglia a segnalare nella nota che segue. “Questo comunicato -scrive Emiliano- è un falso messo in piedi da chi evidentemente non si rende conto della gravità del momento e si diverte a seminare confusione. Sospendendo la didattica in presenza ho esercitato le mie legittime prerogative previste dalla legge, come il Presidente del Consiglio ha esercitato le sue con i vari dpcm che ha emesso. Se ho qualcosa da dire al Governo o al Presidente Conte lo faccio nella sede competente, in riservatezza e senza polemizzare pubblicamente. Siamo in una vicenda più grave del previsto…
Pagina 1 di 524