Cookie Consent by Free Privacy Policy Generator
Preferenze sui cookie
Giornale di Taranto - Artigianato, Commercio & Agricoltura

Torna la Rassegna provinciale del Volontariato e della Solidarietà, la principale iniziativa di promozione del volontariato del Centro Servizi Volontariato della provincia di Taranto ETS.

Annunciando l’evento il Presidente del CSV Taranto, Francesco Riondino, ha spiegato che «il claim di questa diciassettesima edizione, che rivolge la sua attenzione alle diverse forme di povertà, è “In Coro. Il benessere della comunità è responsabilità collettiva”, un invito alla partecipazione attiva rivolto all’intera comunità».

La manifestazione si svilupperà in cinque giornate, dal 26 al 30 gennaio, offrendo così un programma ancora più ampio di iniziative curate dal Terzo settore locale.

Tranne che per l’evento finale in programma al Teatro Fusco, epicentro della rassegna sarà ancora la sede del Dipartimento Jonico in SGE dell’Università degli Studi di Bari, in Via Duomo in Città Vecchia.

Qui la Rassegna inizia venerdì 26 gennaio con la giornata inaugurale che si svilupperà in due momenti: la mattina, dopo l’inaugurazione alle ore 9.00, l’agenzia “Comunitazione” condurrà “IN CORO – Dar voce alle idee e alle emozioni”, un laboratorio partecipato rivolto agli studenti e alle studentesse delle scuole superiori di Taranto e provincia.

La giornata proseguirà nel pomeriggio, alle ore 17.30, con “Benessere della comunità. Lavorare insieme per abbattere le disuguaglianze”, una conversazione facilitata da Piero D’Argento, esperto di politiche sociali; l’evento, per cui è previsto l’interpretariato LIS, sarà trasmesso in diretta streaming sui canali YouTube e Facebook del Csv Taranto.

L’incontro sarà aperto dai saluti di S.E. Rev. Mons. Ciro Miniero, Arcivescovo Metropolita di Taranto, Giovanni Di Mauro, Delegato del Rettore dell’Università degli Studi di Bari “A. Moro”, Rinaldo Melucci, Presidente Provincia e Sindaco di Taranto, Vito Gregorio Colacicco, Direttore generale Asl Taranto, e Francesco Riondino, Presidente Csv Taranto Ets.

A seguito interverranno Loredana Capone, Presidente Consiglio Regionale Puglia, Paolo Pardolesi, Direttore Dipartimento Jonico in Sistemi Giuridici ed Economici del Mediterraneo – Djsge Uniba, Chiara Tommasini, Presidente nazionale CSVnet, e referenti di Ets locali, e Leonardo Becchetti, Ordinario di Economia politica e direttore del Master MESCI Università di Roma Tor Vergata, Fondatore di Next e Gioosto e consigliere del Ministero delle Finanze in materia di green bonds nonché presidente del Comitato Etico di Etica sgr.

Il benessere della comunità al centro di questo importante dibattito che, tra l’altro, consentirà di ascoltare dalla viva voce di Leonardo Becchetti, autore di quasi 500 pubblicazioni, alcune anticipazioni del suo prossimo volume: “Guarire la Democrazia: per un nuovo paradigma politico ed economico” edito per Minimum Fax.

Sempre nella sede universitaria in Via Duomo, da sabato 27 a martedì 30 gennaio si svilupperà un articolato programma di attività rivolte non solo alle scuole, ma anche a tutti i cittadini e le cittadine (programma su www.csvtaranto.it e pagina Facebook) curate da oltre trenta Enti del terzo settore del territorio.

La XVII Rassegna provinciale del Volontariato e della Solidarietà si chiuderà presso il Teatro Fusco, alle ore 19.45 di martedì 30 gennaio con ingresso gratuito, con il reading musicale “Le parole al loro posto” di e con Daniela Morozzi e con le musiche originali di Giuseppe Scarpato: lo spettacolo è stato ideato partendo da una rilettura poetica del “Manifesto per fare bene insieme” e, attraverso musica e parole, tenta di riflettere sul significato profondo di essere comunità in questo tempo fragile, dando voce a chi ogni giorno decide di dedicare tempo, energia e idee là dove serve e solo perché serve, consapevole che la nostra storia in fondo non è altro che un luogo di incontri.

Sul palco l’autrice e attrice impegnata nel sociale Daniela Morozzi, nota al grande pubblico per la fiction “Scuola di Polizia 2” e per numerosi film tra i quali “Ovosodo”, “Baci e Abbracci”, “Basta Poco” e “I primi della lista”, accompagnata dal musicista Giuseppe Scarpato.

 

La XVII Rassegna provinciale del Volontariato e della Solidarietà gode del patrocinio della Presidente del Consiglio regionale della Puglia concesso con atto n. 643 del 15/01/2024, della Provincia di Taranto, del Comune di Taranto, dell’ASL Taranto e dell’Università degli Studi di Bari “A. Moro” e della piena collaborazione del Dipartimento Jonico in Studi Giuridici ed Economici del Mediterraneo della stessa Università.

 

Enti del Terzo settore del territorio impegnati nella XVII Rassegna provinciale del Volontariato e della Solidarietà

 

Assoraider Associazione Italiana di Scautismo Raider Aps, Società Cooperativa Sociale Naima, Sherwood Odv, Amici Dei Musei Odv, Pro Natura Taranto Odv, Associazione La Perla Lory Intini, TeatroMinimo Aps, ABC Digital Aps, Oltre Aps, APS Taranto Makers, OdV Europa Solidale, Comunità Emmanuel, Movimento Shalom Odv - Sezione Puglia, Il luogo dei possibili ODV, Federconsumatori APS, Ammostro Aps, AGe  Associazione Genitori Avetrana, Amici di Manaus, La Mediana Ets, Associazione Nazionale Vigili del fuoco del Corpo Nazionale Sezione di Taranto, Cinegiovani Aps Ets, Aps A.S.D. Discoverysud, Hermes Academy, Artilibrio Ets, Puglia In Itinere Aps, Aps Apulia Musicarte, Ella Aps, Associazione Ragazzi in Gamba - sede di Taranto Odv, Solirunners Aps, Cuori Solidali Odv, Associazione nazionale Persone con Malattie Reumatologiche e Rare – Apmarr Aps, Comitato Territoriale Arcigay Strambopoli QueerTown Taranto, Università Popolare Zeus Aps, Comi Azzurra Aps, Enpa Taranto, Jonian Dolphin Conservation, Associazione Dedalo.

 

Sull’ex Ilva, Acciaierie d’Italia, il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, ha incontrato oggi il ministro delle Imprese, Adolfo Urso. Con riferimento ad Acciaierie, il sindaco ha parlato col ministro delle “misure da porre in campo nelle prossime settimane per la salvaguardia del lavoro e dell\'indotto in vista della nuova, si spera breve, gestione commissariale”. “Riallacciando un dialogo costruttivo col Governo dopo mesi di incertezze”, il sindaco dichiara di aver ribadito “i presupposti sui quali gli Enti locali possono garantire supporto tecnico-amministrativo alla vicenda, a partire naturalmente dalle tematiche della riconversione tecnologica e delle bonifiche, del fermo delle fonti inquinanti e dell\'impiego dei fondi per la transizione giusta europea”. “Le idee del Governo - ha commentato il sindaco a margine della riunione - ci appaiono più definite e aderenti alla nostra ipotesi di un accordo di programma, che muova dalle ragioni della salute, dell\'ambiente e, in generale, della comunità ionica. Se così sarà all\'atto pratico nelle prossime settimane di lavoro, noi non faremo mancare la nostra collaborazione”. \"Spero che, nel frattempo, anche il ministero dell\'Ambiente e della Sicurezza Energetica voglia sciogliere i nodi relativi alle bonifiche straordinarie del territorio, con la solerte individuazione del nuovo commissario, e alla riperimetrazione del SIN di Taranto, che spingerebbe gli insediamenti della ZES ionico-lucana e gli investimenti comunitari per la decarbonizzazione del nostro sistema economico” ha concluso il sindaco di Taranto. 

“In merito alla proposta di accordo inviata lo scorso giovedì 18 gennaio al Governo italiano, al momento Arcelor Mittal non ha ricevuto riscontro”. Lo dicono fonti vicine alla multinazionale dell’acciaio. La proposta é quella inviata al premier Meloni e al sottosegretario alla presidenza Mantovano. “Accettiamo di essere diluiti al rango di azionisti di minoranza (e perdere il controllo congiunto e qualunque potere di veto o casting vote) attraverso la conversione dei finanziamenti soci e un’iniezione di capitale da parte di Invitalia”, ha scritto il ceo Aditya Mittal a Meloni e Mantovano. Inoltre, prosegue la lettera, “al fine di eliminare ex ante qualunque preoccupazione in materia di aiuti di Stato, AM è altresì disponibile a contribuire in ADIH esattamente un terzo del contributo pubblico finalizzato all’acquisto dei rami”.

    “Confermo che siamo disponibili - ha scritto ancora Mittal - a vendere la nostra partecipazione azionaria a un investitore che il Governo dovesse indicare a un prezzo almeno pari a tale nostro ultimo intervento”. Ma viene anche confermata la disponibilità a cedere l’intera partecipazione “a Invitalia per un prezzo che riflette solo una frazione del nostro investimento per cassa”. Invitalia ha declinato, ma “l’offerta rimane sul tavolo nel caso in cui il Governo desiderasse riconsiderarla”. Mittal ha affermato infine che “siamo disponibili a rimanere come partner strategico di minoranza che fornisca esperienza tecnica e industriale mentre il Governo decide una soluzione permanente”.

Tempo scaduto: il commercio di vicinato non può più attendere i tempi della politica. Le attività del commercio al dettaglio sono al collasso, ma la politica sembra non percepire a pieno la gravità del fenomeno. E’ quanto accade in buona parte dei comuni della provincia di Taranto ed in particolare nel comune capoluogo, la cui classe politica attraversa una complicata crisi esistenziale che la allontana dai problemi reali delle imprese, determinando politiche amministrative che non danno risposte adeguate alle attese delle attività del commercio, motore trainante dell’economia del territorio.

 

E’ quanto è emerso nell’ultimo Consiglio generale di Confcommercio Taranto, nel quale si è sviluppato un ampio e partecipato confronto, riguardante la problematica della ‘desertificazione commerciale delle aree urbane’. Un tema portante per tutto il 2024 e che sarà al centro l’attività sindacale dell’Associazione, a tal proposito è stata infatti istituita una Commissione speciale sulle problematiche del commercio di vicinato che avrà il compito di monitorare la situazione nei vari comuni e interfacciarsi con le amministrazioni.

 

Per quanto concerne Taranto, dove la situazione, per le note vicende politico- amministrative e per l’acutizzarsi della crisi dell’Ilva,  si  presenta particolarmente critica, si è deciso di affidare ad     un nuovo organo la ‘Consulta delle Delegazioni della Città di Taranto’ che sarà presieduta da Giuseppe Spadafino (già vice presidente vicario di Confcommercio Taranto con delega al Commercio) il compito  di coordinare -in sinergia con le delegazioni urbane- le azioni da intraprendere a sostegno del settore del commercio di prossimità.

 

“Il commercio di vicinato – afferma Giuseppe Spadafino- sta affrontando un momento di grave difficoltà. Il tema è stato oggetto di un Consiglio  molto impegnativo, nel quale abbiamo deciso di avviare  un percorso di confronto con la base associativa che ci porterà nelle prossime settimane ad elaborare un  ‘Manifesto per la Tutela del Commercio di Vicinato’. Un documento di proposte volte a dare risposte alle principali problematiche che in questo momento minacciano il nostro settore e che rivolgerà specifiche richieste alle Amministrazioni, chiamandole ad un senso di responsabilità che ad oggi in molti casi è venuto meno, ma che anzi in alcuni casi ha richiesto addirittura un’azione di difesa da parte della nostra Organizzazione,  come nel caso del ritorno in auge del progetto del Comparto 32, collegato alla supposta esigenza di creare un centro servizi nelle vicinanze dell’Ospedale San Cataldo.

L’impatto delle politiche locali sulle economie territoriali è d’altronde determinate, come è fin troppo evidente a Taranto dove ormai l’operato della Amministrazione va sempre più contro le imprese. L’aumento della Tari (sembrerebbe del 30%) è l’ennesimo regalo dell’Amministrazione ai Tarantini che, già oberati dall’aumento dei costi fissi e dei prezzi- si vedranno erodere ulteriormente   il potere di acquisto, per non parlare poi delle imprese che alla lunga lista dei costi di gestione dovranno aggiungere un nuovo rincaro non giustificato peraltro dallo stato di decoro ed igiene della città.

 

Siamo al capolinea e – conclude Spadafino- questa volta non saremo disposti a fare sconti, a cedere a quell’attendismo che nel passato ci è stato proposto dietro la promessa di soluzioni a breve che non sono mai arrivate. Avanzeremo le nostre proposte, ma a patto che alle nostre richieste conseguano risposte rapide e risolutive. Il tempo dell’attesa è scaduto”

 

 

 

 

Oltre un centinaio di medici di Taranto ha scritto una lettera-appello al premier Giorgia Meloni sull’ex Ilva, ora Acciaierie d’Italia, evidenziando la necessità di tutelare la salute. Per i medici, “innumerevoli studi scientifici dimostrano come le sostanze inquinanti di questa industria siano causa di malattie sia per i lavoratori impiegati nella fabbrica, sia per i semplici cittadini. Si stima - sostengono i medici nella lettera-appello al premier - un aumento di tumori respiratori, di accidenti cardiocircolatori, di tumori della tiroide o della vescica, di tumori dell\'apparato emopoietico (Studio Sentieri con il suo ultimo aggiornamento, studio Forastiere del 2019), di infertilità, di endometriosi”. I medici dicono: “Chiediamo che non venga sprecata questa ennesima opportunità di affrontare la gravissima crisi dell\'ex Ilva oltre che dal punto di vista socio-economico, anche da quello della salute dei cittadini di Taranto. Abbiamo alle spalle 60 anni di convivenza con una fabbrica che lascia dietro di sé una scia di morti a causa dell\'inquinamento di suolo, aria ed acqua del territorio in cui viviamo”.

Al via la finale per la assegnazione dei Ciak d’oro 2023 del pubblico per il cinema italiano, qualificatisi nelle nove categorie previste, al termine del primo turno di votazioni, svoltosi dall’8 al 13 gennaio. Michele Riondino con la sua opera prima Palazzina Laf è finalista in ben tre categorie: MIGLIOR ESORDIO ALLA REGIA, MIGLIORE ATTORE PROTAGONISTA, MIGLIOR CANZONE ORIGINALE IN UN FILM (la canzone è La mia terra di Antonio Diodato).

Nella prima fase è stata raccolta sul sito ciakmagazine.it www.ciakmagazine.it/ciak-doro-2023-awards/

 la stupefacente cifra di 133 mila voti. I Ciak d’oro 2023, infatti, mantengono la caratteristica di unico, grande premio popolare al cinema italiano votato direttamente dal pubblico. Ad assegnarli, nelle nove categorie principali, sono infatti gli appassionati, votando il Miglior film drammatico, la Migliore commedia, la Migliore regia, il Miglior attore e la Migliore attrice protagonisti, oltre alla Migliore canzone originale in un film e all’attore o attrice Rivelazione dell’anno, senza distinzione di genere. L’ottava categoria è il Miglior esordio alla regia. La nona, la Migliore locandina, il premio al poster per il cinema, spesso decisivo per catturare l’attenzione su un titolo.

 

La fase finale di votazione è partita oggi 21 gennaio e si concluderà il 24 gennaio. Ricordiamo che quest anno sarà possibile votare una sola volta al giorno, indicando ogni volta fino a tre preferenze per ogni categoria.

Ecco i finalisti. 

Miglior film drammatico – finalisti: Cento domeniche,  Le otto montagne Comandante L’ultima notte di Amore Il primo giorno della mia vita \\\\\\\'Mia
 
Miglior film commedia – finalisti: Grazie, ragazzi Mixed By Erri Il grande giorno Scordato \\\'Il sol dell’avvenire Tre di troppo 

Miglior regia – finalisti: Antonio Albanese (Cento domeniche); Nanni Moretti (Il sol dell’avvenire); Marco Bellocchio (Rapito) Ferzan Ozpetek (Nuovo olimpo) Riccardo Milani (Grazie, ragazzi); Alice Rohrwacher (La chimera);  

Miglior esordio alla regia – Finalisti: Claudio Bisio (L’ultima volta che siamo stati bambini) Alessandro Marzullo (Non credo in niente) Giuseppe Fiorello (Stranizza d’amuri) Micaela Ramazzotti (Felicità) Pilar Fogliati (Romantiche) Michele Riondino (Palazzina Laf). 


Migliore attrice protagonista – Finaliste: Magherita Buy (Il primo giorno della mia vita, Il sol dell’avvenire); Linda Caridi (L’ultima notte di Amore); Anna Foglietta (I peggiori giorni); Miriam Leone (Diabolik: Chi sei? War-La guerra desiderata); Teresa Saponangelo (I limoni d’inverno); Valeria Solarino (Quando).  


Migliore attore protagonista – finalisti: Christian De Sica (I limoni d’inverno); Pierfrancesco Favino (Comandante, L’ultima notte di Amore) Alessandro Gassmann (L’ordine del tempo, Il mio nome è vendetta) Edoardo Leo (Mia, L’ordine del tempo); Valerio Mastandrea (C’è ancora domani, Il primo giorno della mia vita, Diabolik 2 e 3); Michele Riondino (Palazzina Laf);  


Rivelazione dell’anno – finalisti: Sara Ciocca (Io sono l’abisso, Improvvisamente Natale, Nina dei lupi);Domenico Cuomo (Mimì e il principe delle tenebre); Damiano Gavino (Nuovo Olimpo); Romana Maggiora Vergano (C’è ancora domani); Valentina Romani (Il sol dell’avvenire); Samuele Segreto e Gabriele Pizzurro (Stranizza D Amuri); 


Miglior canzone originale in un film – finalisti: La mia terra  scritta e interpretata da Diodato (Palazzina Laf) Leggera, scritta e interpretata da Levante (Romantiche) O dj (Don’t give up), scritta e interpretata da Liberato (Mixed by Erry).  
Migliore locandina – Finalisti: C’è ancora domani; Le otto montagne; Comandante; L’ultima volta che siamo stati bambini; Io capitano; Mimì il principe delle tenebre. 

La redazione ha invece già scelto a chi assegnare il Superciak d’oro 2023, premio destinato alla figura chiave della stagione del cinema, così come il Personaggio internazionale dell’anno del nostro cinema. Il primo è andato a Paola Cortellesi per C\\\'è ancora domani

Il SuperCiak d’oro le è stato assegnato per il soggetto, la sceneggiatura, l’interpretazione, la regia, che per lei è anche un esordio, di un film che “ha saputo coinvolgere e stupire, affascinare e far riflettere, rilanciando il nostro cinema grazie agli oltre cinque milioni di spettatori raccolti – primo incasso del 2023 nel nostro Paese – e andando oltre la pura fruizione per divenire un tema di discussione e condivisione grazie alla capacità di illuminare con originalità, misura, creatività, che in alcuni momenti diventa poesia, un tema chiave della convivenza civile come i rapporti tra i generi e la violenza domestica”.  C’è ancora domani si legge ancora nelle motivazioni del premio – unisce originalità di scrittura a una regia matura, innovativa, e a intuizioni artistiche e prove di recitazione di livello assoluto, evidenziando la straordinaria levatura e sensibilità creativa di Paola Cortellesi”.  
A Matteo Garrone è invece andato il Ciak d’oro come Personaggio internazionale dell’anno del Cinema italiano “per essere riuscito con Io capitano – un film straordinario per linguaggio, storia, tematica, codici visivi, affidato a due sconosciuti esordienti africani nel ruolo di protagonisti e su uno dei temi sensibili e divisivi del dibattito politico e culturale non solo dell’Occidente – a ottenere tre grandi risultati: il primo è un plauso unanime e un forte successo di pubblico in tutto il mondo, fino alla Nomination ai Golden Globes, oltre che il Leone a Venezia per la regia e la nomination per \\\'Io capitano come rappresentante del nostro cinema nella corsa agli Oscar; il secondo è un grande rilancio per la percezione internazionale della capacità del nostro Paese di creare arte cinematografica innovativa e originale; il terzo (e più importante): aver contribuito a un dibattito lacerante – e spesso mortificante per gli argomenti proposti – su uno dei grandi temi del nostro tempo, offrendo un punto di vista di verità in grado di aiutare la riflessione, ricordando l’importanza che sempre devono avere i principi di umanità e civiltà”. 

 

 

 

I vincitori delle votazioni verranno resi noti a fine mese e saranno premiati nel corso di uno speciale televisivo realizzato con Sky TG24, la cui messa in onda è prevista per gli inizi di febbraio.

Lu.Lo.

 

 

 

Di Andrea Loiacono 

 

Dopo sei risultati utili consecutivi il Taranto inciampa nella prima sconfitta del duemilaventiquattro per mezzo del Messina che si impone per 1a0 davanti al pubblico amico. I rossoblu nel secondo tempo, dopo il vantaggio peloritano a firma di Zunno al 56\' hanno provato a reagire ma prima Demarchi e poi Fabbro hanno sciupato due grosse occasioni da gol. Nel post gara il tecnico in seconda Cosimo Zangla ha commentato così il match: \"Tra primo e secondo tempo abbiamo avuto 6-7 palle gol che non abbiamo sfruttato a dovere. Non siamo stati cinici abbastanza, su questo dobbiamo migliorare. Per quanto riguarda le dinamiche di mercato non sono d\'accordo con chi dice che ci siamo indeboliti, in difesa abbiamo preso un giocatore come Miceli che è molto forte per la categoria. Oggi devo fare I complimenti ai ragazzi perché nonostante il risultato hanno disputato una grande gara. Sono convinto che con il lavoro, l\' innesto dei nuovi e il rientro di giocatori come Ferrara possiamo raggiungere i nostri obiettivi. Sono molto contento del mio ritorno a Messina, città dove sono nato e cresciuto come calciatore. Dispiace solo per il risultato, dobbiamo reagire e guardare avanti.\" (foto di repertorio di Aurelio Castellaneta)

 

“Siamo disponibili a rimanere come partner strategico di minoranza che fornisca esperienza tecnica e industriale mentre il Governo decide una soluzione permanente”. Lo scrive Aditya Mittal, ceo della multinazionale dell’acciaio, partner di maggioranza di Acciaierie d’Italia, in una lettera indirizzata alla premier Giorgia Meloni e al sottosegretario alla presidenza, Alfredo Mantovano. Mittal tenta così di rientrare in partita dopo le mosse del Governo sul decreto legge che accelera il ricorso all’amministrazione straordinaria su richiesta di Invitalia, partner di minoranza di Acciaierie.  

   “La parte pubblica - scrive Mittal - sembra aver optato per un approccio unilaterale, basato su un’ulteriore modifica ad hoc del regime di amministrazione straordinaria rispetto ad una soluzione negoziata”. È una “iniziativa estrema che non sosteniamo in quanto destinata a produrre ripercussioni assai gravi - afferma il ceo - Comprendiamo che il Governo preferisce porre fine alla partnership con noi e selezionare un partner diverso con cui programmare il futuro di ADI nonostante noi abbiamo aiutato ADI” prosegue il ceo con riferimento ai 2 miliardi di investimento, al piano ambientale, alle difficoltà del Covid e ai costi energetici.

   “Nonostante la differenza nelle nostre posizioni, ArcelorMittal è desiderosa di trovare una soluzione amichevole per proteggere l\\\'attività di AdI e preservare gli investimenti che abbiamo effettuato nello stabilimento ex-llva dal 2018” rileva Mittal. E aggiunge: “Desidero confermare la nostra posizione. Accettiamo di essere diluiti al rango di azionisti di minoranza (e perdere il controllo congiunto e qualunque potere di veto o casting vote) attraverso la conversione dei finanziamenti soci e un’iniezione di capitale da parte di Invitalia”. 

Inoltre, prosegue la lettera, “al fine di eliminare ex ante qualunque preoccupazione in materia di aiuti di Stato, AM è altresì disponibile a contribuire in ADIH esattamente un terzo del contributo pubblico finalizzato all’acquisto dei rami”. 

   “Confermo che siamo disponibili - scrive ancora Mittal - a vendere la nostra partecipazione azionaria a un investitore che il Governo dovesse indicare a un prezzo almeno pari a tale nostro ultimo intervento”. Ma viene anche confermata la disponibilità a cedere l’intera partecipazione “a Invitalia per un prezzo che riflette solo una frazione del nostro investimento per cassa”.

   Invitalia ha declinato, ma “l’offerta rimane sul tavolo nel caso in cui il Governo desiderasse riconsiderarla”.

   Mittal annuncia che saranno forniti a Mantovano i dettagli sulla posizione della multinazionale e conclude in riferimento all’amministrazione straordinaria: “Confidiamo che questa lettera convinca il suo Governo che azioni unilaterali ed estreme sono sia indesiderabili sia superflue alla luce della proposta concreta e specifica che abbiamo presentato e restiamo in attesa di essere contattati”.

   Mittal si dichiara infine “personalmente disponibile” a incontrare Meloni “per finalizzare le nostre interlocuzioni”.

Con le riprese previste per il mese di marzo, Taranto si prepara a diventare nuovamente il suggestivo scenario delle indagini del commissario Ricciardi, il dirigente della Squadra Mobile interpretato dall\'attore Lino Guanciale. Infatti, questa mattina si è registrato un primo sopralluogo in città della troupe televisiva che si appresta a girare la terza stagione della seguitissima serie coprodotta da Rai Fiction e Clemart e sostenuta da Apulia Film Commission.

 

Nel corso della loro visita, i membri della troupe sono rimasti affascinati dalla bellezza della città ionica, non esitando a sottolineare le notevoli similitudini tra il centro storico di Taranto e quello di Napoli, che è poi il luogo in cui si svolgono le vicende su cui è chiamato ad investigare il commissario. Infatti, elemento di particolare rilevanza è la connessione tra le due città, che si riflette nei suggestivi vicoli, nei palazzi d\'epoca e nell\'atmosfera intrisa di storia che la “città dei due mari” offre.

 

Portando il saluto dell\'Amministrazione alla troupe televisiva, il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, ha accolto con entusiasmo la scelta della città come location per la terza serie di questa fortunata produzione televisiva. \"Siamo onorati di essere stati preferiti ancora una volta come set cinematografico per una fiction così prestigiosa e amata\", ha dichiarato il sindaco. 

 

\"Pronta a collaborare attivamente per garantire il successo di questa nuova avventura televisiva, la nostra città può vantare una ricca storia e una bellezza unica che, senza dubbio, contribuiranno ad arricchire ulteriormente la trama e l\'ambientazione della serie. Così come fa piacere rilevare la conferma di Taranto come una destinazione sempre più appetibile per produzioni cinematografiche e televisive, un fattore che potrà contribuire al rilancio del settore turistico e culturale della città\".

Per il futuro dell\'ex Ilva di Taranto siamo alle grandi manovre. Partirà dal Senato, a quanto si apprende, l\'esame del decreto legge con disposizioni urgenti in materia di amministrazione straordinaria delle imprese di carattere strategico, varato martedì dal Consiglio dei ministri.

Il provvedimento - pubblicato nella serata di ieri in Gazzetta ufficiale - rafforza, in caso di ricorso all\'amministrazione straordinaria, le misure già presenti nell\'ordinamento a tutela della continuità produttiva e occupazionale delle aziende in crisi, fra cui l\'ex Ilva, e prevede garanzie di cassa integrazione straordinaria durante l\'eventuale amministrazione straordinaria. Il decreto prepara la strada per l\'utilizzo della norma nell\'ambito del confronto con ArcelorMittal sull\'ex Ilva.

\"Continua l’interlocuzione già avviata con tutti gli attori del sistema siderurgico per elaborare il piano siderurgico nazionale, che è nostra intenzione presentare al Paese entro giugno. Consulteremo tutti gli attori. Un piano che possa concretizzare il rilancio siderurgico del nostro Paese”. Lo ha detto il ministro delle Imprese, Adolfo Urso, a proposito del sito pugliese intervenendo alla video call che insieme al ministro del Lavoro, Marina Calderone, ha avuto con le associazioni dell’indotto di Taranto. Lo riferiscono fonti presenti alla video call. “Lo stiamo facendo con Arvedi, con l’accordo di programma che dovrebbe essere sottoscritto a febbraio, lo stiamo facendo a Piombino, con due significative ipotesi di investimento complementari, una Metinvest, con cui abbiamo firmato un protocollo d’intesa, l’altra Jindal che ho incontrato proprio in questi giorni e con cui dovremmo concludere la prossima settimana per far risorgere il polo siderurgico, green in questo caso, di Piombino. Inoltre - ha detto Urso - c’è la lodevole attività che stanno svolgendo gli acciaieri del Nord che sono i più avanzati sul piano della sostenibilità ecologica a livello europeo e che contribuiranno a questo piano che è nostra intenzione realizzare”. Le fonti aggiungono che il ministro Urso ha sostenuto che “quello che era il più importante stabilimento siderurgico europeo, l’ex Ilva, può tornare ad essere uno dei più significativi stabilimenti siderurgici green d’Europa con le sue realtà a Taranto, Genova e Novi Ligure. Noi siamo impegnati affinché ove si passasse attraverso l’amministrazione straordinaria, questo percorso fosse celere stiamo già interloquendo con diversi - e quando parlo di diversi significa che dico più di 3-4 - interlocutori importanti sul piano internazionale, interessati a investire nell’ex Ilva di Taranto”. “Nostra intenzione - ha specificato Urso - è che attraverso l’amministrazione straordinaria, ove questa fosse la strada, si puntasse non solo alla continuità produttiva e alla manutenzione degli impianti, ma anche, ovviamente, e da subito, all’aumento della produzione di Taranto che lo scorso anno sarà pari, se non inferiore, a quella negativa del 2022 - ha spiegato Urso -. La decisione dell’amministrazione straordinaria e di far scendere in campo il Governo è dovuto anche a questo, ad evitare la lenta ma continua e progressiva riduzione della capacità produttiva di Taranto che comunque avrebbe avuto ripercussioni anche sulle vostre imprese”.

Pagina 9 di 773