Cookie Consent by Free Privacy Policy Generator
Preferenze sui cookie
Giornale di Taranto - Artigianato, Commercio & Agricoltura

Colori e passione per la corsa sotto un cielo terso in questa domenica di sport che a Taranto ha fatto registrare la 46esima edizione della mezza maratona del Mediterraneo “StraTaranto” organizzata dall’ASD Podistica Taras.

 

I partecipanti, tantissimi e pieni di entusiasmo, hanno invaso le vie cittadine percorrendo 21,5 chilometri.

Oltre mille gli atleti, tra professionisti e amatori,  provenienti da tutta Italia. Questa è stata per loro anche un occasione per conoscere Taranto e le sue bellezze.  

Una comunità in festa - ha sottolineato il sindaco Rinaldo Melucci nel corso della cerimonia di premiazione -nel segno della sportività, della sana competizione e dell’entusiasmo.

Lu.Lo.

Arriva a Taranto con una grande esclusiva “ArmoniE di Primavera”, la rassegna musicale regionale itinerante che, con la Direzione Artistica del M° Palma di Gaetano, quest’anno taglia il prestigioso traguardo delle dieci edizioni, proponendo un programma con nove concerti di musica di vario genere che si terranno in location di tre province pugliesi.

Il prossimo concerto “In Europa …dal Nuovo Mondo” si terrà, con ingresso gratuito, presso il Salone degli Specchi di Palazzo di Città di Taranto, alle ore 19 di lunedì 22 aprile: protagonisti saranno la violinista britannica Miriam Davis e il pianista compositore statunitense Michael Bulychev-Okser. 

Il programma del concerto prevede che i due artisti si esibiscano insieme in due brani per violino e pianoforte: la Sonata per violino n. 3 in minore, op 45 di Edvard Grieg e il Caprice d\'après l\'étude en forme de valse de Saint-Saëns di Eugène Ysaÿe; il famoso pianista Michael Bulychev-Okser interpreterà poi tre brani per pianoforte solo di Fryderyk Chopin: la Ballata n. 1 in sol minore op. 23, la Fantasia-Improvvisa, op. 66 e lo Scherzo n. 2, op. 31.

Il concerto sarà aperto dall’esibizione di due giovani musicisti talentuosi: la violinista Clarissa Spagnulo e il pianista Domenico Traversa, studenti dell’I.C. “Pignatelli” di Grottaglie guidati rispettivamente dalle Docenti Gabriella Pastore e Giovanna Capone.

Nell’occasione nella prestigiosa location sarà allestita la Mostra ceramica de “La Terra Incantata”: recupero, racconto, ricordo: sono questi i valori che guidano l’attività del laboratorio artigianale Terra Incantata dei fratelli Donatello e Giovanni Spagnulo che, da più di 20 anni a Grottaglie, porta avanti con passione la produzione di oggetti in ceramica di alta qualità, creando un ponte tra la tradizione pugliese e uno sguardo innovativo sempre orientato al futuro. 

 

Michael Bulychev-Okser è un pianista, compositore e produttore americano di fama internazionale. Un destinatario di \"Who\'s Who in Music\", si è esibito sui palcoscenici più prestigiosi del mondo: Carnegie Hall, Merkin Hall, Kennedy Center, La Salle Pleyel (Francia), Wigmore Hall (Londra), Rachmaninov Hall (Russia), Estonia Kontserdisaal (Tallinn) e Centermex Theatre (Messico).

È ospite in numerosi festival musicali, concorsi e serie di concerti in Inghilterra, Francia, Germania, Messico, Israele, Estonia, Georgia, Ucraina, Austria, Finlandia, Corea del Sud, Cina, Serbia, Singapore e Stati Uniti.

Nel 2022 ha eseguito il Doppio Concerto di Mendelssohn con il famoso violinista virtuoso Shlomo Mintz. È un professore di pianoforte e gruppi da camera alla Lucy Moses School del Kaufman Music Center.

Miriam Davis è una violinista britannica che si è esibita in tutto il mondo come solista e musicista da camera. Il 2023 vede l\'imminente uscita del suo album di debutto, \"Ode to Lost Time\", per Convivium Records, con una selezione di musica associata al romanziere francese Marcel Proust. Quest\'anno Miriam apparirà anche come solista con orchestre in tutta l\'Estonia e nel Regno Unito, oltre a recital solistici e da camera nel Regno Unito, Italia, Polonia, Cina e alla Carnegie Hall di New York.

 

“ArmoniE di Primavera”

 

 

“ArmoniE di Primavera” è la rassegna musicale regionale itinerante che, con la Direzione Artistica del M° Palma di Gaetano, quest’anno taglia il prestigioso traguardo delle dieci edizioni, proponendo un programma con nove concerti di musica di vario genere che si terranno in location di tre province pugliesi.

Ogni location, di straordinario valore storico e architettonico è stata scelta al fine di ben contenere, dal punto di vista acustico, ogni concerto, e per contribuire allo sviluppo turistico e culturale delle località, con eventi che avranno anche lo scopo di vivacizzare le serate della “bella stagione”, ormai arrivata, fungendo da attrattori turistici e culturali.

L’Associazione Armonie, da sempre attenta alla promozione e alla valorizzazione di giovani talenti musicali del territorio, anche in questa decima edizione di “ArmoniE di Primavera” ha previsto che ogni concerto sia “aperto” dalle performance musicali di studenti delle Istituzioni Scolastiche di I e II grado e di Alta Formazione del Territorio: I.C. “Pignatelli”, Liceo “Moscati” di Grottaglie e Conservatorio di Stato “Paisiello” di Taranto.

Anche questa decima edizione di “ArmoniE di Primavera” è resa possibile da una rete propositiva, collaborativa e fattiva di Enti Pubblici, Istituzioni Scolastiche, Enti del Terzo settore, artisti e liberi professionisti, accomunati dall\'amore per le loro radici e dalla convinzione che la condivisione delle buone prassi e la promozione delle attività culturali può far crescere concretamente la società, l\'economia e il turismo del territorio; tra queste anche Anteas Grottaglie, Ragazzi in Gamba Taranto, Club per l’Unesco, LAMS Matera, Associazione Marco Motolese, Amici dei Musei Greci e Messapi e Social Media APS; media partner è Ora Quadra.

La manifestazione gode del Patrocinio della Regione Puglia, della Provincia di Taranto e dei Comuni di Villa Castelli, Taranto, Grottaglie, Lizzano e Conversano.

 

Ben 11 medaglie conquistate con 13 atleti in gara: giungono grandi soddisfazioni dai campionato interregionale di taekwondo, disputati nei giorni scorsi in Calabria, per la Asd Taras Taekwondo Palagiano.

 

La prima giornata ha visto primeggiare Marco Reale, che ha conquistato il terzo posto nella categoria \\\"Nere Senior\\\", mentre Antonio Melchiorre si è distinto dominando due incontri per ko tecnico, fermandosi solamente in finale. Anche Carla Giovinazzi e Maria Melchiorre hanno ottenuto ottimi risultati, guadagnandosi il podio con medaglie di bronzo.

 

Nella seconda giornata, la categoria dei \\\"Cadetti\\\" ha visto tra i protagonisti Simone Reale, che ha impressionato nei primi incontri ma ha perso la finale per mancanza di esperienza. Anche Francesca Resta, Raffaella Annicchiarico, Arianna Moscoviti, Cristina Iacobino e Sara Nardi hanno ottenuto risultati significativi, portando a casa medaglie.

 

Al termine dell\\\'evento, i maestri Cosimo Ricci e Lorenzo Reale, insieme al presidente Serena Cavezza, hanno espresso soddisfazione per le prestazioni dei loro allievi, sottolineando l\\\'importanza del duro lavoro e della determinazione nel mondo dello sport.

 

 

Primo in Italia per la categoria Junior – area liceale dei Campionati di italiano Paolo Giovanni Pichierri, della classe 2AS (indirizzo scientifico) del liceo De Sanctis-Galilei di Manduria. Ieri 19 aprile 2024 la premiazione a Ercolano. “Anche nel 2021 – ricorda la preside Di Maglie - la vittoria era andata ad uno studente del nostro istituto”

 

Si è svolta a Ercolano giovedì 18 aprile 2024 la finale nazionale della XIII edizione dei Campionati di Italiano organizzati dal Ministero dell’Istruzione (media partner la RAI con Radio 3, Rai Cultura e Rai Italia), competizione nazionale e internazionale, inserita nel Programma annuale di valorizzazione delle eccellenze per l’a. s. 2023-24. 

“Proviamo grande orgoglio - ha sottolineato la Dirigente Prof.ssa Maria Maddalena Di Maglie – non solo per il primato conseguito, ma per la volontà e il coraggio di mettersi in gioco, la capacità che hanno i nostri studenti di competere mettendo al primo posto il divertimento. Già nel 2021 la vittoria era andata ad uno studente del nostro istituto. Complimenti al nostro Paolo!”.

La gara, che si è svolta in presenza, presso l’Istituto di istruzione superiore Adriano Tilgher della cittadina campana, ha visto misurarsi tra loro sia gli studenti arrivati tra i primi dieci in assoluto nelle selezioni precedenti, sia gli studenti classificatisi primi nella propria regione. In quest’ultima graduatoria e per l’area liceale, categoria junior (riservata agli studenti del biennio), ha vinto Paolo Giovanni Pichierri, 2AS (indirizzo scientifico) del Liceo De Sanctis-Galilei di Manduria, accompagnato dal suo docente di italiano Prof. Cesare Capone. Ieri 19 aprile si sono svolte le premiazioni presso il Museo Archeologico Virtuale di Ercolano. 

Già attestatosi 17° nella graduatoria assoluta della categoria junior, dunque su 2.042 studenti di tutta Italia nelle fasi regionali (in seguito alla gara svoltasi on line il 21 marzo 2024), l’alunno Pichierri gareggia nuovamente e si classifica primo tra gli studenti liceali di Italia del primo biennio. 

Avevano superato le gare di istituto insieme a lui, partecipando alle gare regionali anche Kristel Velardi della 2CS (indirizzo scientifico, categoria Junior), Eleonora Guarino della 4CS (indirizzo scientifico, categoria senior), Leonardo Caldarola della 5AL (indirizzo linguistico, categoria senior).

I Campionati di Italiano sono gare individuali rivolte alle studentesse e agli studenti delle Istituzioni scolastiche di secondo grado, statali e paritarie, delle Scuole italiane nel mondo di pari grado, delle Sezioni italiane in scuole straniere e internazionali all\'estero, delle Scuole straniere in Italia. 

 

 

Intervista a  Paolo Giovanni Pichierri

2AS (biennio) del Liceo De Sanctis Galilei a Manduria (TA)

 

Complimenti Paolo, presentati. Dove vivi?

Abito a Sava (TA), in Puglia. Sono nato il 3 marzo 2009 a Francavilla Fontana, e da sempre vivo a Sava, una piccola ma vivace cittadina in provincia di Taranto. Sono figlio unico: vivo con i miei genitori e le mie tre tartarughe. Frequento il secondo anno al liceo scientifico Desanctis-Galilei di Manduria, che dista qualche chilometro dal mio paese, quindi ogni giorno prendo l\'autobus per spostarmi.

 

Letture, film, musica preferiti?

Non guardo molti film, ma a volte mi capita di guardare serie TV o documentari naturalistici. Tuttavia, mi intrattengo principalmente leggendo e ascoltando la musica. Non prediligo un genere letterario in particolare, infatti le mie letture spaziano da saggi a thriller e horror, ma preferisco il genere fantasy. Per quanto riguarda la musica, ascolto principalmente pop internazionale (specialmente inglese), musica classica o colonne sonore. I miei gusti musicali variano molto a seconda del momento, ma ultimamente sto ascoltando molto le canzoni di Adele, una cantautrice britannica.

 

Suoni qualche strumento? Altri hobby?

Suono il flauto traverso da quasi cinque anni, frequento l\'orchestra della scuola e mi sto preparando ad affrontare i primi esami in conservatorio. Inoltre, nel tempo libero mi piace suonare l\'ukulele e, quando capita, fare giardinaggio. Anche i miei interessi spaziano molto, ma ho di recente scoperto il mondo dei giochi di prestigio, che uso per impressionare i miei amici quando siamo insieme.

 

Ti piacerebbe viaggiare? 

Il mio più grande sogno è quello di girare il mondo e visitare posti sempre nuovi. Infatti, l\'idea di entrare in contatto con persone e luoghi con una cultura totalmente diversa dalla mia mi affascina moltissimo. Scoprire e imparare lingue, tradizioni e ricette sempre nuove mi renderebbe molto felice.

 

E’ un po’ presto, forse, ma cosa vorresti fare da grande?

Sebbene sia molto indeciso sul mio futuro, penso di voler fare il medico. Infatti, mi piacerebbe moltissimo migliorare la vita degli altri attraverso la medicina. Inoltre questo campo offre una vastissima gamma di specializzazioni, anche molto diverse tra di loro. La medicina è poi una disciplina in continua evoluzione: la presenza di problemi complessi e la ricerca delle loro soluzioni è una sfida molto stimolante.

 

Oltre all’italiano, cosa ti piace studiare?

Gli argomenti scolastici a cui sono più interessato sono sicuramente quelli di biologia, una materia che mi ha sempre appassionato. Tuttavia, amo molto studiare anche latino e storia, due discipline che, attraverso lo studio del passato, mi aiutano a comprendere meglio il presente e ad affrontare il futuro.

 

Oltre a leggere, ti piace scrivere?

Il mio rapporto con la scrittura è buono: la reputo infatti un mezzo potentissimo di diffusione e confronto di idee. Al di fuori della scuola scrivo soprattutto per necessità, con lo scopo di comunicare tramite messaggio con i miei amici e familiari. Soltanto raramente scrivo per diletto, e quando lo faccio si tratta di pensieri o brevi racconti.

 

Puoi dare qualche consiglio, come si fa a vincere un campionato di italiano?

Sono venuto a conoscenza dei campionati attraverso il liceo De Sanctis-Galilei di Manduria, che ha proposto la partecipazione agli alunni interessati. Mi sono preparato per le gare attraverso le simulazioni fornite dal sito dei Campionati e da esercizi tratti dal testo scolastico di grammatica.

 

 

 

di Ingrid Iaci 

 


Si è tenuta nella mattinata di ieri, la prima assemblea dei soci della BCC di Bari e Taranto, la prima dopo la fusione sotto l egida del gruppo ICCREA.

Al tavolo dei relatori erano presenti l avvocato Lelio Miro, presidente della neonata Banca di Bari e Taranto, il dottor Mario Laforgia, vicepresidente, il dottor Ugo Stecchi direttore generale, il dottor Cosimo Cafagna presidente del collegio sindacale e Franco Montanino, componente del consiglio di amministrazione.

Il vicepresidente Laforgia, ha dato il via ai lavori, in qualità di padrone di casa in quanto la riunione si è svolta nella sede di Confartigianato presso la Fiera del Levante di Bari.

A seguire, Lelio Miro che, prima di entrare nel vivo dell assemblea con l approvazione del bilancio, ha sottolineato il successo economico ottenuto dopo la fusione dei due istituiti di credito il cui bilancio, approvato proprio ieri mattina, risulta essere il migliore di sempre, superando di gran lunga i bilanci dei precedenti anni dei due istituti.

Il marketing della Bcc di Bari e Taranto si fonda sui valori della solidarietà e dell umanesimo che sono stati quelli condivisi e determinanti per l unificazione tra le due banche. Una banca più grande, come ha sottolineato l avvocato tarantino, per essere più vicina alle realtà più piccole, in controtendenza con i grandi istituti finanziari che per propria policy fanno più fatica a venire incontro ai bisogni delle comunità locali.

Inoltre,  il presidente Miro ha tenuto particolarmente a ringraziare tutto il personale che quotidianamente si interfaccia con i clienti e che si fa portatore di quei valori che pongono le persone e le loro storie sempre al centro dell \'interesse di una Bcc.

Tra i presenti, anche il presidente onorario Bepi Lobuono che con la saggezza della sua età ha invitato i vertici a mantenere sempre ben salde le radici nel territorio e il presidente di Confartigianato di Bari, Francesco Sgherza, che ha assicurato la vicinanza della confederazione in questo nuovo percorso come ha fatto anche trenta anni fa quando nacque la Bcc di Bari.

Dall assemblea, alcuni dati importanti.

La forza della banca è sicuramente nei settanta dipendenti, in gran parte laureati e con età media inferiore ai 45 anni e nelle 10 filiali localizzate su due province dallo Jonio all’Adriatico.

Di recente inaugurazione, il nuovo sportello di Mottola in attesa della inaugurazione di una nuova sede legale di proprietà nel centro di Bari che verrà inaugurata subito dopo l’estate. 

Un utile di oltre 5 milioni di euro e un patrimonio di vigilanza superiore ai 40 milioni costituiscono le basi solide per affrontare il futuro, oggi così incerto, con la consapevolezza che l’unione delle due banche sia un valore fondante del benessere delle nostre comunità.

Come si legge nelle conclusioni, infatti :

<<l etimologia della parola comunità rimanda a due significati: cum-munus può voler dire impegno comune ma anche dono comune. In effetti una comunità è entrambe le cose: un progetto da costruire, e dunque una responsabilità, e un sostegno, dunque un dono. Alla costruzione di una buona comunità la nostra Banca si impegna a continuare a dare un contributo concreto.>>

 

Domani domenica  21 aprile l’associazione Dis-Education, in collaborazione con le associazione “Terra delle Gravine “ e “Bocche del vento” porteranno lo Swap Party al castello Caracciolo Stella di Palagianello.

 

Tripadvisor

https://w

La seconda tappa dell’avventura della Dis-Economia in un mondo dove il consumismo sfrenato è diventato l’ideologia imperante. 

La pratica del baratto serve a ridare nuova vita alle cose, un riuso che valorizza le cose in sé e non la novità lanciata dal mercato.

L’ideologia consumistica sta riducendo il mondo ad una discarica dove vengono abbandonati sia i corpi materiali sia le idee da cui sono stati generati. La Dis-Economia vuole essere la proposta alternativa alla degenerazione consumistica che erode anche i principi della civiltà umana.

Lo Swap party è l’applicazione di questa teoria. Un format dove la leggerezza e la convivialità del party si ritrovano insieme all’idea di futuro e sostenibilità.

La novità al castello sarà la possibilità di scambiare anche libri e giocattoli per bambini. Le regole rimangono quasi invariate: ognuno potrà portare massimo 5 capi di abbigliamento, 2 libri e 2 giocattoli e scambiarli con altri dello stesso genere rispettando le stesse quantità con cui ha avuto accesso al baratto.

L\'evento inizierà alle ore 11,00 e si protrarrà fino alle 18, per chi volesse fermarsi a pranzo sarà possibile prenotare nei pressi del Castello presso il Ristorante Lounge/bar Simbiosi.  Dis-Education e la Dis-Economia saranno lieti di accogliere a palazzo (Vico Conte, Palagianello) quanti vorranno imbarcarsi nell’avventura di un baratto reale dove la nobiltà è il futuro che aggiungiamo come valore alla nostra vita.

 

Dal 26 aprile al 5 maggio in Acciaierie d’Italia in amministrazione straordinaria (l’ex Ilva di Taranto) scatterà una chiusura collettiva. I dipendenti potranno andare in ferie, utilizzando le loro disponibilità (ma sarà una scelta personale e volontaria) ed effettuare così un lungo ponte che, sfruttando il calendario, parte dalla festa della Liberazione e va oltre la festa del Lavoro. È una novità assoluta in oltre 60 anni di storia del siderurgico. Lo stop feriale riguarderà sia gli addetti alle funzioni di staff che quelli della produzione, escluse le figure e le mansioni strettamente necessarie. In quei giorni il siderurgico avrà quindi un organico ai minimi termini come mai è accaduto sinora, se si esclude il periodo Covid quando gli ingressi erano contingentati. Stavolta la novità risiede nel fatto che mai sono stati dati così tanti giorni e nell’aver coinvolto anche coloro che sono in produzione, mentre sinora tale misura è stata applicata solo a impiegati e staff. Il tutto ha una motivazione nel fatto che Acciaierie sta attualmente viaggiando ad un ritmo produttivo bassissimo e che l’attività - per mancanza di materie prime e di liquidità - è molto scarsa. È in funzione un solo altoforno su 3 e peraltro ad un passo ridotto rispetto alle sue potenzialità. Inoltre è in corso la cassa integrazione per un numero massimo di 2.500 dipendenti su 8.200 di organico a Taranto. L’iniziativa dell’azienda ha messo oggi in allarme sindacati e lavoratori, preoccupati dei contraccolpi, del fatto che una fermata del genere costituiva un’ennesima conferma dello stato fortemente critico in cui versa l’azienda e della possibilità che, accanto alle ferie, si usasse anche la cassa integrazione. È così partita una lettera della Uilm diretta al commissario Quaranta, al direttore generale del personale, Picucci, e ai responsabili del personale e delle relazioni industriali per il sito di Taranto, Varruzza e Lonoce. La Uilm, con i suoi delegati e il coordinatore di fabbrica, ha chiesto chiarezza “in merito alle voci circolanti nelle ultime ore all’interno della fabbrica riguardo eventuali chiusure collettive di impianti dal 25 aprile al 5 maggio”, tenuto conto che non era stato programmato alcun “incontro con le organizzazioni sindacali volto a coniugare le eventuali esigenze aziendali con quelle dei lavoratori. Nel caso in cui tali azioni fossero confermate - ha detto la Uilm -, rappresenterebbero la totale continuità rispetto alla gestione disastrosa precedente. Siamo ancora convinti che l’avvio della gestione commissariale debba rappresentare un cambio di passo nella direzione della tutela dei diritti e della dignità dei lavoratori. Dignità calpestata per anni”. E comunque, è stato sottolineato, “resta inteso di questo tipo verranno sempre condannate e contestate”.  Dopo la protesta sindacale, Acciaierie in amministrazione straordinaria è intervenuta e pur confermando le ferie in tutta la fabbrica per un periodo così ampio e mai dato in passato, ha evidenziato che il tutto presuppone l’adesione volontaria dei lavoratori. Al riguardo la Uilm ha quindi comunicato che la chiusura collettiva avverrà “esclusivamente su base volontaria. Ciò significa che i dipendenti avranno la possibilità di partecipare in base alla propria volontà. Durante questo periodo sarà consentito consumare le ferie. I reparti interessati saranno informati direttamente dai preposti per fornire ulteriori dettagli e chiarimenti in merito alla procedura da seguire per aderire alla chiusura collettiva volontaria e per l’utilizzo delle ferie”. Intervenuta anche la Fim Cisl, per la quale “i lavoratori che prestano la propria attività sugli impianti, possono usufruire delle ferie residue in maniera volontaria tenendo conto delle esigenze tecniche-organizzative. Per l’area staff, verranno effettuati negli stessi giorni alcuni presidi. Nelle prossime ore l’azienda invierà comunicazione a tutti i dipendenti sul portale”. 

Il Diverse Ability Day è un evento

dimostrativo itinerante di prove

subacquee per persone con disabilità, ideato ed organizzato dai referenti territoriali di Diverse Ability,

organizzazione Italiana affiliata ad OPES APS

L’evento appartiene alle iniziative del progetto “Subacquea e Disabilità 2.0”, finanziato

dalla Fondazione Decathlon, naturale prosecuzione dell’omonimo progetto partito nel 2017

che portò alla formazione di oltre 200 Istruttori Subacquei per persone con disabilità in 17

provincie Italiane. Il progetto del 2017 prevedeva la trasferta dello Staff Didattico Nazionale

e di Subacquei con disabilità già brevettati verso le 17 provincie per la formazione di base;

i corsi si concludevano sempre con un evento dimostrativo. Il nuovo progetto 2.0 prevedrà

la formazione di persone con disabilità nelle provincie toccate dal progetto del 2017.

Dopo Torino e Bologna, il 20 aprile è toccato a Taranto farsi portavoce del progetto in cui persone con varie disabilità (motorie, sensoriali e cognitive) hanno provato  la fantastica sensazione di respirare e muoversi liberamente sott’acqua. Dopo l’evento dimostrativo

sono stati  predisposti i percorsi didattici che hanno portato al conseguimento del brevetto

subacqueo di immersione.

Vincente è stata la sinergica collaborazione di tre ASD Tarantine, Taras Sub Diving Center,

Blue Dive e Dive Reporters, tutte e tre centri di eccellenza della didattica Diverse Ability e

presenti sul territorio da molti anni.

La ricerca in ambito didattico motorio è una delle priorità di Diverse Ability: in questa

giornata, infatti, sono stati  filmati i contributi di propulsione acquatica dei candidati con patologie neurologiche ed analizzati biomeccanicamente in post analisi. Referente dello

studio è il Dott. Laganaro, Chinesiologo e componente del comitato scientifico di ricerca.

L’evento si è svolto presso la Piscina Mediterraneo Village, impianto gestito dall’omonima

SSD che ha fornito tutto il supporto necessario. Ricordiamo che la SSD Mediterraneo non è nuova allo Sport Inclusivo, vanta infatti numerosi anni di formazione, didattica, numerosi

atleti paraolimpici e tanti titoli acquisiti nei i campionati di tutta Italia. È già in cantiere l’organizzazione della Mediterraneo Open Water 2024, tra le poche competizioni nazionali

totalmente inclusive.

Voto per fuori sede alle elezioni europee dell’8 e 9 luglio.

Importante novità per favorire la possibilità di esercitare il diritto di voto anche per gli studenti che vivono fuori sede e non riescono a raggiungere i loro Comuni di residenza, sia per questioni economiche sia per questioni di studio. 

Gli studenti potranno esprimere la loro preferenza per i candidati in lista nel territorio della loro residenza, restando nella città in cui vivono e frequentano l’Università. Ecco come fare: ci si deve registrare entro il 5 maggio, compilando un modulo che va inviato via mail al proprio Comune di residenza 

Come si legge sul sito del ministero dell\'Interno La nuova modalità di voto, introdotta in forma sperimentale dall’articolo 1-ter del decreto-legge n. 7/2024, convertito dalla legge n. 38/2024, consentirà agli studenti domiciliati per un periodo di almeno tre mesi in un comune fuori dalla propria regione di residenza di votare:

  • nel comune dove vivono temporaneamente se questo appartiene alla stessa circoscrizione elettorale del comune di residenza; 
  • in seggi speciali istituiti nel capoluogo di Regione del comune dove vivono temporaneamente, se quest’ultimo appartiene ad una circoscrizione elettorale diversa da quella di residenza.

Per l’ammissione al voto “fuori sede” gli studenti interessati devono presentare un’apposita istanza al Comune di residenza entro il 5 maggio 2024utilizzando, preferibilmente, l’allegato modello di domanda.

La domanda di ammissione al voto fuori sede può essere revocata con le medesime modalità entro mercoledì 15 maggio 2024.

Entro martedì 4 giugno 2024, il comune di temporaneo domicilio, ovvero comune capoluogo della regione in cui è situato il comune di temporaneo domicilio, rilascerà allo studente fuori sede un’attestazione di ammissione al voto con l’indicazione del numero e dell’indirizzo della sezione presso cui votare. L’attestazione potrà essere rilasciata anche mediante l’utilizzo di strumenti telematici e dovrà esibita al seggio per poter essere ammesso a votare, unitamente al documento di riconoscimento e alla tessera elettorale.

Gli studenti fuori sede hanno diritto alle vigenti agevolazioni di viaggio dal comune di temporaneo domicilio al capoluogo di regione e ritorno per l’esercizio del diritto di voto presso la sezione speciale di assegnazione.

Gli studenti ammessi al voto fuori sede nelle speciali sezioni istituite presso i capoluoghi di regione potranno poi valutare di svolgere la funzione di componenti dei seggi speciali laddove i Sindaci ritenessero, se necessario, di individuarli per tale compito.

Ecco il modello:

https://www.interno.gov.it/sites/default/files/2024-04/circ-dait-027-servelet-05-04-2024-all1.pdf

 

Lu.Lo. 

 È cominciato alle 10.15, con l’ingresso in aula della Corte d’Appello, il processo di secondo grado “Ambiente Svenduto”. L’accusa è rappresentata in aula dal procuratore generale Antonio Maruccia, dal pg Mario Baruffa e dai pubblici ministeri Remo Epifani, Raffaele Graziano e Giovanna Cannalire. Non è presente in aula l’ex presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, mentre c’è l’ex presidente della Provincia di Taranto, Gianni Florido, che sono tra gli imputati. Oltre alle 39 persone fisiche, il processo riguarda anche 3 società. Si tratta del processo relativo al disastro ambientale contestato al gruppo industriale Riva con la precedente gestione dell’Ilva di Taranto. È il processo originato dai primi arresti e dal sequestro degli impianti dell’area a caldo dello stabilimento di Taranto avvenuto a luglio del 2012. Oltre ai rappresentanti diretti di quella che anni fa era la proprietà dell’azienda, i fratelli Nicola e Fabio Riva, coinvolti anche diversi ex dirigenti e manager dell’azienda, come l’ex direttore del sito di Taranto, Luigi Capogrosso, e l’ex responsabile delle relazioni istituzionali dell’azienda, Girolamo Archinà. Il processo di secondo grado arriva a quasi tre anni dalla conclusione del primo, che a maggio 2021 - dopo ben 330 udienze - si chiuse con 26 condanne nei confronti dirigenti della fabbrica, manager e politici, per complessivi 270 anni di carcere. 

La prima udienza tenutasi oggi in Corte d’Appello a Taranto è durata poco più di un’ora ed è stata dedicata alla costituzione delle parti e alla calendarizzazione delle udienze.La Corte, presieduta dal giudice Antonio Del Coco, affiancato dal giudice Ugo Bassi e dalla giuria popolare, deciderà in una delle prossime udienze in merito all’istanza degli avvocati di alcuni imputati che hanno chiesto il trasferimento del processo a Potenza poiché risiedendo a Taranto i giudici del collegio sono anch’essi da considerarsi parti lese. Analoga istanza fu già avanzata in Corte d’Assise, nel processo di primo grado concluso a maggio 2021, ma respinta dalla Corte che decise il mantenimento del processo a Taranto.

Pagina 9 di 787