Lunedì, 25 Luglio 2022 16:22

ARCHEOLOGIA/ Il sub ambientalista Fabio Matacchiera scopre nel mare di Taranto carico di una nave romana di 2000 anni fa In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Nel mare di Taranto, a Leporano, è stato identificato e ritrovato il sito di affondamento di una nave romana. Si tratta del carico di una nave naufragata circa duemila anni fa. I dati raccolti (foto, video, misurazioni, ecc.) sono stati visionati dallo studioso di archeologia subacquea, Mario Lazzarini, che ha confermato a Fabio Matacchiera, il sommozzatore che ha individuato il sito e non nuovo a scoperte del genere, la tesi dell’affondamento di una nave riconducibile al periodo romano imperiale, tra il I e il IV secolo dopo Cristo.  

    Il carico della nave - si spiega - è costituito da diverse centinaia di tegole e di oggetti, presumibilmente adibiti alla ristrutturazione di qualche villa costiera, e si trovano attualmente sotto la sabbia ed incastrati tra le rocce. Il materiale localizzato, per forma e qualità, confermerebbe quella datazione, così come la confermerebbe anche la tipologia di ancora in ferro ritrovata nello stesso sito da Matacchiera. L’ancora presenta una frattura del fuso a testimonianza che la nave (forse di 15 metri), prima di affondare, era in grossa difficoltà a causa di una violenta mareggiata che la spingeva verso costa. La documentazione acquisita è stata inviata al Barbara Davidde della Soprintendenza Nazionale per il patrimonio culturale subacqueo. 

Letto 122 volte