Domenica, 01 Maggio 2022 16:02

#UNOMAGGIOTARANTO/ Michele Riondino “Taranto vorrebbe un’industria a misura d’uomo, Taranto vorrebbe non essere più la pelle con la quale costruire l’acciaio” In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Taranto non é contro l’industria in generale. Taranto vorrebbe un’industria a misura d’uomo, Taranto vorrebbe non essere più la pelle con la quale costruire l’acciaio delle auto con le quali gli italiani vanno a fare la spesa. Le macchine degli italiani non dovrebbero essere costruite sulla pelle dei tarantini. Chiediamo un po’ di rispetto. Per fare acciaio in Italia bisogna inventarsi un nuovo modo perché Taranto ha già dato”. Lo ha detto oggi, in riferimento alle vicende dell’acciaieria ex Ilva, l’attore e regista Michele Riondino in avvio del concerto dell’1 Maggio a Taranto promosso dal comitato “Cittadini e lavoratori liberi e pensanti”. 

 

Riondino insieme al cantautore Diodato e al musicista Roy Paci è uno dei direttori artistici del concerto nato nel 2013 proprio sull’onda della vicenda Ilva. E i temi del lavoro, dell’ambiente e della pace sono al centro dell’1 Maggio Taranto. “Il nostro - ha aggiunto Riondino - è un palco che racconterà la dignità di chi non ha voce in capitolo. Di chi non viene rappresentato se non in modo di facciata”. Mentre sulle morti sul lavoro Riondino ha detto che “questo è un argomento che dovrebbero trattare i sindacati. I sindacati dovrebbero darci delle risposte e da Roma che dovrebbe arrivare un messaggio in tal senso. Un messaggio che poi si dovrebbe tradurre in fatti perché siamo assuefatti ai messaggi lanciati sul palco senza che poi questi abbiano una risposta”. A proposito del ritorno del concerto - che sul palco andrà avanti sino a mezzanotte con vari nomi della musica che vanno da Gianni Morandi ad Ermal Meta -, Riondino ha affermato che “è il concerto del risveglio più che della rinascita dopo due anni passati chiusi in casa. Ci meritiamo una bellissima festa dei lavoratori. Non che ci sia molto da festeggiare, questo lo diciamo tutti gli anni, ma quest’anno ci meritiamo una bellissima festa”.