Domenica, 02 Gennaio 2022 08:17

INCIDENTI SUL LAVORO/ ANMIL, in Puglia 82 morti in 10 mesi. Aumentano le denunce per malattia In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Nei primi dieci mesi del 2021, confrontati con l’analogo periodo del 2020, “il dato regionale della Puglia degli incidenti sul lavoro mortali è in crescita passando dai 55 del 2020 agli 82 del 2021”. Lo dichiara Emidio Deandri, vice presidente nazionale Anmil (Associazione mutilati e invalidi del lavoro) su elaborazione di dati Inail.     Per Deandri, “ancora peggio” è il dato relativo a Taranto “quasi raddoppiato (da 6 a 11), in linea con quasi tutte le altre provincie pugliesi (Bari da 18 a 24, Brindisi da 3 a 7, Lecce da 8 a 21), mentre Foggia rimane invariata a 15 morti bianche, e solo la Bat diminuisce da 5 a 4. Anche i dati Inail - continua Deandri - relativi agli infortuni totali denunciati nei primi dieci mesi del 2021, confrontati a quelli dello stesso periodo dell’anno precedente, mostrano un aumento in Puglia del 4,4% (da 19.076 a 19.909), e anche in questo caso Taranto mostra un +11,3% (da 2.510 a 2.794), peraltro in linea con Lecce +22,3% e Brindisi +13,4%, mentre diminuiscono Bari -0,2%, Foggia -3,0% e la Bat -12,1%”. 

 

“Da anni noi dell’Anmil - prosegue il vice presidente nazionale Deandri - evidenziamo l’aumento esponenziale delle malattie professionali denunciate all’Inail, un fenomeno che, per il lungo periodo di latenza tra l’esposizione del lavoratore e lo sviluppo della patologia, come per l’asbestosi, è difficile prevedere esattamente, ma che anche questi ultimi dati ci confermano in netta crescita”.

    Per Anmil, “anche  in questo caso  purtroppo la Puglia si segnala negativamente: se in Italia l’aumento è 'solo' del 24%, in Puglia è il doppio con il 48,3%. Ulteriore conferma - aggiunge Anmil -  è che tutte le provincie pugliesi, nessuna esclusa, vedono aumentare le denunce di malattie professionali: Taranto +37,7%, Lecce +48,3%, Foggia +76,2%, Brindisi +55,7%, Bat +61% e Bari +60,6%”.

    Per Deandri, “dietro ognuno di questi numeri c’è un dramma umano, esistenze e famiglie sconvolte che molto raramente riacquistano la serenità, per non parlare di chi esce la mattina da casa per andare a lavorare e non vi fa più ritorno”.