Mercoledì, 22 Dicembre 2021 10:38

FABBRICA AL COLLASSO/ In banchina non c’è lavoro e Acciaierie d’Italia lascia i lavoratori a casa In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 Non c’è lavoro da fare in banchina e Acciaierie d’Italia, ex Ilva, ha comunicato ai lavoratori delle strutture portuali di stare a casa nelle prossime ore. Lo affermano Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm che nel pomeriggio hanno appreso che l’azienda, sugli impianti Ima3 e quarto sporgente, attraverso i responsabili e su indicazioni del capo area, “stanno comunicando  ai lavoratori di rimanere a casa per il turno di notte e per il primo turno di domani 22  per mancanza attività”.

    “Riteniamo questa scelta unilaterale dell’azienda inaccettabile e intollerabile - dicono le sigle metalmeccaniche - in quanto i lavoratori sono già falcidiati sia da settimane di cassa integrazione sia da giornate di allerta meteo che vanno a intaccare il loro stesso reddito. Chiediamo  pertanto fin da subito - concludono le federazioni metalmeccaniche - di interrompere tale iniziativa in quanto i lavoratori della stessa area vengono trattati come se avessero un contratto a chiamata”.