Venerdì, 03 Dicembre 2021 09:45

GRANDI MANOVRE/ Acciaierie d’Italia, Giorgetti convoca sia l’azienda che i sindacati il 13 dicembre In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 Il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, ha convocato sia l’azienda che i sindacati metalmeccanici il 13 dicembre, alle 14, per discutere di Acciaierie d’Italia. L’incontro sarà in presenza. Lo annunciano questa mattina fonti sindacali. All’indomani dello sciopero del 10 novembre in tutto il gruppo ex Ilva con manifestazione a Roma, le sigle Fim, Fiom e Uilm hanno sollecitato il confronto con il governo chiedendo di sapere a che punto é il piano industriale annunciato da Acciaierie d’Italia, quale la produzione prevista, quali gli investimenti e quali infine i riflessi occupazionali. Lo scorso 10 novembre i sindacati, che scioperarono anche per il nodo JSW di Piombino, ebbero un confronto con il capo dell’unità di crisi del Mise, Luca p, e con il vice ministro Alessandra Todde. Ma l’incontro fu ritenuto molto interlocutorio dalle sigle metalmeccaniche. A Taranto, infine, Acciaierie d’Italia ha annunciato l’altro ieri un nuovo ricorso alla cassa integrazione ordinaria da fine dicembre, per 13 settimane e per 3500 lavoratori diretti come numero massimo. È il primo incontro congiunto che si tiene tra le parti sotto la regia di Giorgetti. Sinora il ministro e il Mise avevano ascoltato solo i rappresentanti sindacali come accaduto l’ultima volta il 10 novembre. Il fatto che ci sia anche Acciaierie d’Italia (società formata da ArcelorMittal e da Invitalia che rappresenta lo Stato) fa presumere, secondo fonti sindacali, che il 13 dicembre si comincerà ad entrare nel merito del nuovo piano industriale dell’azienda siderurgica

Ultima modifica il Venerdì, 03 Dicembre 2021 12:05