Venerdì, 15 Ottobre 2021 14:37

OBBLIGO GREEN PASS/ Lavoratori in fila alle portinerie di Acciaierie d’Italia, Confindustria convoca i sindacati In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Confindustria Taranto ha convocato oggi i segretari delle federazioni metalmeccaniche Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm per le 15 di martedì 19 ottobre per discutere della situazione del Green Pass per il personale delle aziende esterne al siderurgico di Taranto Acciaierie d’Italia, ex Ilva. Lo apprende AGI. La convocazione per Confindustria Taranto è firmata da Pietro Vito Chirulli ed è da mettere in relazione a quanto verificatosi stamattina alla portineria imprese della fabbrica con code e disagi che hanno riguardato il personale terzista dell’acciaieria mentre nessun particolare problema è sorto per i diretti di Acciaierie d’Italia. 

 

“Stamattina, davanti alla portineria delle imprese del siderurgico di Taranto di Acciaierie d’Italia non è stato certo un bel vedere. Tanta gente accalcata in fila, due soli tornelli e tre vigilanti per i controlli. Insomma, un bel caos”, ha detto all'AGI il segretario nazionale Fim Cisl, Valerio D’Alò, che stamattina presto è andato sul posto, a proposito della situazione verificatasi per il personale esterno alla fabbrica relativamente all’obbligo di Green Pass. “C’è stata molta confusione tra chi aveva trasmesso il proprio Green Pass all’azienda e questa però non l’aveva comunicato al committente, cioè ad Acciaierie d’Italia, e chi invece doveva esibire la certificazione del tampone - dichiara D’Alò -. È stato posto un problema di normativa da parte delle aziende, stando a quello che apprendiamo, ma il Green Pass può essere acquisito e trasmesso al datore di lavoro”. “Ci siamo subito attivati con Acciaierie d’Italia - aggiunge ad AGI Vincenzo La Neve di Fim Cisl - e dai contatti telefonici che ci sono stati nella mattinata, é emerso che ad oggi sono 14 le aziende appaltatrici che ancora non hanno comunicato ad Acciaierie d’Italia la posizione dei loro dipendenti circa il Green Pass. Il numero, rispetto alla ventina di aziende esterne di qualche giorno fa, è diminuito ma resta comunque importante. Le 14 aziende, di tipologia varia, esprimono una forza lavoro complessiva di 448 addetti. Per queste aziende, Acciaierie d’Italia ha stilato un elenco specifico  - aggiunge La Neve - denominato ‘Omesse timbrature indotto - Green Pass’ “. “Abbiamo chiesto ad ex Ilva - conclude La Neve - di aumentare il numero di vigilanti per i controlli alla portineria imprese visto che qui abbiamo il problema della coda da smaltire, mentre alle portinerie dove entrano i diretti non si è verificato alcunché di complicato e questa prima giornata lo ha dimostrato. L’azienda ci ha risposto che potenzierà i vigilanti”.