Lunedì, 04 Ottobre 2021 15:02

CALCIO/ Tra Virtus Francavilla e Taranto un match con tante emozioni ma nessun gol In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)

Maiorino sbaglia un rigore, il Taranto nel finale sfiora la vittoria. Mister Lentini:” Prestazione di grande grinta, fatto un passo avanti soprattutto per le occasioni create.” Mister Taurino:” Abbiamo creato tanto e tenuto un ritmo elevato, c'è rammarico per le occasioni sprecate.” Chiorra: “Imbattibilità frutto del lavoro di tutta la squadra, spero di continuare con queste prestazioni.” Monterino:”Partita bellissima tra due grandi squadre, dispiace perché ai punti avremmo meritato qualcosa in più. Avevamo di fronte una squadra importante su un campo che sarà ostico per tutti.”

 

 

 

di Andrea Loiacono

 

 

 

Il Taranto per la settima giornata del girone C di Lega Pro torna ad affrontare la Virtus Francavilla match che in campionato non si disputava dal duemiladiciassette. Alla “Nuovarredo Arena” si affrontano due squadre che alla vigilia del campionato sono partite con due obbiettivi differenti, un torneo di vertice per la formazione brindisina del tecnico Taurino e una permanenza tranquilla in tera serie per la società rossoblu guidata dal tecnico Giuseppe Laterza, artefice della promozione. Sugli spalti gremiti ci sono anche duecentocinquanta sostenitori ionici. Il Taranto deve far fronte all'assenza dell'ultima ora di Mario Pacilli, oltre a quelle di Versienti, Diaby e Ghisleni e si schiera con il classico 4-3-3 con la sorpresa Vincent De Maria preferito a Mastromonaco nel ruolo di laterale destro. La Virtus è 3-5-2 con Pasquale Maiorino, tarantino di nascita pericolo numero uno per la difesa di Zullo e compagni. Parte forte il Taranto che dopo tre giri di lancette si rende pericoloso con Giovinco il quale raccoglie una respinta e dai trenta metri lascia partire un gran tiro centrale che il portiere Nobile alza in angolo. I ragazzi di Laterza sembrano approcciare meglio il match e al 10' ci prova anche Riccardi da fuori area con Nobile che devia ancora in angolo. Al 12' un ottimo De Maria scende sulla destra e serve Giovinco che guadagna una punizione da ottima posizione ma la conclusione del fantasista si infrange sulla barriera; Saraniti ne approfitta e si avvita di prima intenzione spedendo però la sfera a lato. Il monologo del Taranto è interrotto un po' a sorpresa dal primo squillo della Virtus che al 23' si procura un calcio di rigore per fallo Ferrara su Pierno, cartellino giallo per il terzino rossoblu. Dal dischetto si presenta Maiorino che incredibilmente calcia forte sulla traversa e l'azione sfuma. Al 28' viene ammonito Marsili nel Taranto per presunto fallo a centrocampo. La Virtus ha voglia di rivalsa dopo il rigore fallito e sempre Maiorino ci prove dal limite sinistro dell'area di rigore con un gran tiro che finisce sull'esterno della rete. La Virtus finisce in cresce la prima frazione trascinata dal solito Maiorino il quale crossa al centro per l'accorrente Idda che tutto solo di testa spedisce a lato. Il primo tempo si conclude dopo un minuto di recupero.

 

 

 

La ripresa comincia senza cambi con il Francavilla che riprende ad attaccare. Al 46' Pierno si incunea in area di rigore e calcia ma Chiorra è attento a respingere con i piedi. Buona la prova di Zullo abile a chiudere sugli avanti di Taurino. Al 56' nel Taranto entra Mastromonaco per De Maria. Il Taranto prova ad alleggerire la pressione con una discesa di Ferrara ma al 64' la Virtus ha una grande opportunità con Enyan che dopo una serpentina in area serve Carella che conclude a botta sicura ma Chiorra è super e gli nega il gol. Al 67' nella Virtus Ingrosso prende il posto di prezioso. Al 70' Civilleri serve una gran palla a Saraniti che tenta una rovesciata con un gran movimento ma la conclusione è imprecisa. Nel Taranto entra Labriola per Bellocq. Al 78' proprio il neo entrato Labriola recupera palla a centrocampo e dopo un'accelerazione conclude forte verso Nobile che si deve distendere e respingere di pugni. Il Taranto è in fiducia e guadagna metri, all'84' esce l'ex Saraniti per Italeng. Fuori anche Giovinco per Santarpia. All'89' Marsili calcia un angolo direttamente in porta con Nobile che deve fare gli straordinari deviando sempre in angolo. Sugli sviluppi Riccardi tutto solo all'altezza del dischetto non riesce a centrare la porta. L'ultima emozione del match la regala Italeng che fa gridare al gol i sostenitori rossoblu colpendo di testa sulla rete che sormonta la traversa. Dopo 5' minuti di recupero termina così il match con il Taranto che torna a casa con un punto e diverse certezze in più. Prossimo appuntamento allo Iacovone contro la Vibonese.

 

Queste le dichiarazioni di mister Lentini presentatosi ai microfoni al posto di mister Laterza: “ Siamo stati attenti nella fase di non possesso per poi sviluppare il nostro gioco aggredendo l'avversario, creando parecchi grattacapi alla Virtus. L'approccio del Taranto è stato buono, direi che se consideriamo le azioni createne abbiamo create di più rispetto al Monterosi e dunque questa gara si può considerare un passo avanti. Bisogna considerare che in ogni gara ci sono più partite ed è normale che ci siano dei momenti in cui prevale l'una o l'altra squadra, non tutte le cose che si provano in settimana poi la domenica riescono. Di fronte ci sono anche gli avversari e La Virtus è un'ottima squadra, poche squadre faranno punti qui. Siamo soddisfatti della prestazione, considerando anche che con Riccardi e Italeng abbiamo avuto le occasioni per vincere, unite a quelle del primo tempo. Abbiamo na rosa di ventiquattro giocatori ed ognuno di essi ha dimostrato il suo valore. Per domenica Ghisleni, Pacilli e Versienti potrebbero recuperare, per Diaby bisognerà attendere.

 

 

 

Chiorra:”Se anche oggi la nostra porta è rimasta imbattuta è merito di tutta la squadra, questo terzo cleen sheet fa piacere ma è merito di tutti, a partire da Saraniti, gli attaccanti e centrocampisti che fanno un grande lavoro anche in copertura. Fa piacere di essere riuscito a fare un paio di interventi importanti, ma devo continuare a lavorare per migliorare, voglio confermare questi progressi. Sul rigore il tiro mi ha spiazzato, per fortuna mi ha dato una mano anche la traversa. Questo per noi è un punto importante perché ottenuto contro una delle squadre migliori del torneo.”

 

 

 

Mister Taurino: “Per me i ragazzi hanno fatto una prestazione incredibile, abbiamo regalato i primi venti minuti per poi tenere il campo con una personalità e un agonismo incredibile. Nonostante fosse la terza gara in una settimana siamo riusciti ad avere un ritmo altissimo costringendo il Taranto nella loro metà campo. Oggi l'intensità mi è piaciuta e ho poco da rimproverare alla mia squadra. Per quello che chiedo alla squadra a mio avviso abbiamo fatto anche meglio del match di Monopoli, con la differenza che oggi siamo stati meno bravi a sfruttare le situazioni. Poi queste partite è chiaro che alla fine rischi anche di perderle. C' è un pizzico di rammarico per le tante occasioni ma siamo contenti, andiamo avanti.”

 

 

 

Montervino: “Forse il risultato ci sta un pochino stretto; è vero che loro hanno sbagliato un rigore però noi abbiamo avuto delle occasioni nitide soprattutto nei primi venti e negli ultimi venti minuti che potevano permetterci di portare a casa una vittoria. Va detto che la partita è stata equilibrata e bella fra due squadre che non hanno esitato a giocarsela ed è venuto fuori un bello spettacolo in cui il Taranto è stato sicuramente diverso rispetto a quello della Coppa Italia. Oggi si sono viste due squadre equilibrate in una grandissima partita. Questo è un punto importante su un campo dove in tante cadranno. Dobbiamo considerare anche che abbiamo finito il match con sei under e grazie proprio a questi cambi del mister abbiamo finito in crescendo schiacciando una squadra forte di categoria. Questa è una squadra che sta dimostrando passi in avanti significativi e un grande carattere. Le prestazioni degli under ci rendono ottimisti per il futuro, dobbiamo pensare a loro piuttosto che agli over che per un motivo o per un altro ci mancano.” (foto di Walter Nobile)