Giovedì, 30 Settembre 2021 14:27

CALCIO/ Col Monterosi allo Iacovone finisce 0-0 ma i rossoblù escono tra gli applausi In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Mister Laterza: “Prestazione che ci da continuità, abbiamo provato a vincerla ma bisogna trarre insegnamento in vista del Francavilla.” Montervino: “Ci sono tanti aspetti positivi e qualcosa da migliorare ma ho visto in campo una squadra a trazione anteriore con voglia di vincere. Abbiamo una qualità migliore rispetto allo scorso anno ma dobbiamo rimanere umili.”Civilleri:”In questa squadra siamo tutti titolari, giochiamo sempre per vincere.”

 

 

 

di Andrea Loiacono

 

 

 

Nella sesta giornata del girone C di Lega Pro allo “Iacovone” il Taranto impatta con risultato ad occhiali contro la compagine laziale del Monterosi Tuscia, altra matricola di questo girone di ferro. A pesare maggiormente sul risultato finale un calcio di rigore fallito all'80' da parte di Giuseppe Giovinco con l'estremo difensore Borghetto sugli scudi. Il Taranto, davanti a tremila spettatori, scende in campo con una maglia interamente blu con richiami rossi; mister Laterza attua un mini turnover con Riccardi ancora preferito a Zullo nel ruolo di centrale difensivo, Mastromonaco al debutto dall'inizio per far rifiatare Pacilli sull'esterno destro e Labriola che prende il posto di Franco Bellocq. L'impianto tattico resta il 4-3-3; assenti Versienti, Diaby e Ghisleni. Il Monterosi di mister D'Antoni risponde con il 3-5-2. Parte bene il Taranto con un lancio di Marsili per Saraniti che calcia di sinistro di molto a lato alla destra di Borghetto. Al 12' Giovinco con una giocata delle sue si procura una punizione dal vertice sinistro dell'area ma la sua conclusione si infrange sulla barriera. Al 15' Civilleri, il migliore tra i suoi, scambia con Saraniti che calcia di prima intenzione sopra la traversa. Al 18' il Monterosi alleggerisce la pressione con un tiro di Polidori bloccato agilmente da Chiorra. Al 20' mister Laterza è costretto a sostituire Riccardi per una botta la finaco, al suo posto Walter Zullo. Al 29' il Taranto perde palla sulla trequarti ma Benassai è superlativo a bloccare l'avanzata dei biancorossi laziali. Il Taranto colleziona un paio di calci d'angolo in sequenza. Marsili ci prova con un corner direttamente in porta ma Borghetto è attento e respinge di pugni. Al 40' ancora l'ex Licata Civilleri suona la carica sulla fascia servendo Marsili che dai 30 metri lascia partire una conclusione che termina vicino al palo. Al 43' Polito stende Giovinco lanciato in contropiede e finisce sul taccuino dei cattivi dopo il suo compagno Buglio. Al primo minuto di recupero Ferrara scende con prepotenza sulla sinistra e crossa al centro per Saraniti che sceglie bene il tempo in area ma il suo colpo di testa si spegne di un soffio fuori. Questa è anche l'ultima azione del primo tempo.”

 

 

 

L' inizio di ripresa fa registrare subito un'inversione di tendenza. Mister D'Antoni sostituisce il già ammonito Buglio per Adamo. Nei primi dieci minuti il match ristagna a centrocampo con un sostanziale equilibrio. Al 56' Bellocq prende il posto di Labriola e Pacilli subentra a un generoso Mastromonaco. Nonostante il tentativo di mister Laterza di conferire più esperienza e freschezza alla sua squadra con i cambi, il Monterosi comincia ad affacciarsi con insistenza nella metà campo ionica. Al 66' i laziali con Polidori che serve Costantino il quale a tu per tu con Chiorra calcia ma il numero ventidue del Taranto è bravo nell'uscita e blocca la sfera. La reazione del Taranto sta in qualche guizzo estemporaneo di Giovinco; ma è ancora il Monterosi a sfiorare incredibilmente il gol con Franchini che la mette in mezzo per Polidori che colpisce con una girata che termina fuori. Nel momento migliore del Monterosi arriva l'occasione migliore di tutta la partita per il Taranto. Al 77' Giovinco conclude dal vertice sinistro, il difensore Mendè tocca la palla con un braccio e l'arbitro indica il dischetto tra le proteste degli ospiti. Dal dischetto ci va proprio Giuseppe Giovinco che però si fa fermare da un super intervento di Borghetto che battezza e indovina l'angolo salvando il risultato. Il Taranto sembra accusare leggermente il colpo e mister Laterza prova a scuotere la squadra con gli innesti di Italeng e Santarpia. Da segnalare l'uscita dal campo di Giovinco tra gli applausi comunque scroscianti dello Iacovone. Dopo tre minuti di recupero l'arbitro Caldera di Como porta il fischietto alla bocca sancendo la fine delle ostilità. Per il Taranto un buon punto un buon punto nel complesso in ottica obiettivo finale ma resta qualche rammarico per non aver portato a casa l'intera posta in palio, rammarico che si evince in parte dai protagonisti nel dopo gara in sala stampa. Mister Laterza:”Mi aspettavo questo Monterosi, con Foggia e Avellino ha giocato bene ottenendo un risultato positivo. Sapevamo che questa sarebbe stata una partita dinamica e aggressiva da parte loro. La partenza forse non è stata al massimo da parte nostra ma va sempre tenuto a mente che di fronte c'è un avversario che oggi si è dimostrato molto dinamico, ci hanno messo un èò in difficoltà ma abbiamo comunque avuto comunque le nostre occasioni, su tutte il rigore ma non siamo riusciti a sfruttarle. Il Monterosi è una squadra che si difende a cinque ma nel primo tempo però siamo arrivati due volte a colpirli alle spalle. Queste partita con squadre che si difendono ordinate non sono mai facili. Probabilmente la partita ravvicinata rispetto a quella di domenica scorsa ci ha tolto energie e lucidità. Dal punto di vista qualitativo siamo consapevoli di non aver fatto una grande partita, ma credo che questa partita potrà rappresentare per noi uno step di crescita dal quale trarre esperienza. Purtroppo abbiamo anche qualche ragazzo fuori per infortunio; Mastromonaco è un professionista serio che si è sempre allenato al massimo anche quando era fuori lista esclusivamente per un discorso numerico. In questo momento per me è tanta roba. Per me questo di oggi è un punto importante perché in un certo senso queste partite quando non puoi vincerle non vanno perse, è una prestazione che ci da continuità. La difesa si è comportata molto bene, entrambe le linee hanno fatto bene, anche in considerazione del cambio forzato di Riccardi. Dobbiamo continuare a lavorare al massimo ragionando partita per partita.”

 

 

 

Francesco Montervino:”Da questa gara ci portiamo a casa tanti aspetti positivi, in primis la voglia da parte della squadra e del mister di portare a casa la vittoria. La squadra ad un certo punto era a trazione anteriore. É importante dare continuità. C'è voglia di far bene e arrivare alla quota salvezza quanto prima. Il Monterosi oggi ha dimostrato che la sua classifica non è veritiera, è una squadra bene allenata che ha anche provato a fare la partita ma noi abbiamo concesso poco. Non credo che la rosa sia corta, a nostro avviso abbiamo una squadra composta da ragazzi che sono under solo sulla carta, bisogna sostenerli e farli crescere con calma. Poi c'è l'incognita infortuni che però noi non possiamo prevedere. La nostra è una squadra che sta esprimendo un ottimo calcio al primo anno in Lega Pro. Anche i calciatori nello spogliatoio erano delusi, questa è la mentalità giusta. Non posso che essere soddisfatto per questo primo scorcio di stagione, abbiamo undici punti in classifica, tante squadre dietro di noi. In più in queste sei gare abbiamo subito un gol al 95', sbagliato un rigore ma soprattutto abbiamo subito solo tre gol. Abbiamo sicuramente una qualità migliore rispetto allo scorso anno ma dobbiamo rimanere umili.”

 

 

 

Civilleri:”In questa squadra a parte Antonino e Loliva, sino a questo momento abbiamo giocato tutti. Il mister ci da fiducia e io mi sento un titolare da quando sono arrivato. Ho sempre pensato che se non si ha il giusto atteggiamento facendosi trovare pronti anche per cinque minuti partendo dalla panchina vuol dire che non si pensa al calcio come sport di squadra ma individuale. A fine partita eravamo tutti delusi, volevamo vincere ma sappiamo che in questo girone non esistono matricole e questa è la giusta mentalità con cui proseguire. Queste sono partite sporche e complicate brutte che un episodio nelle parte iniziale può sbloccare, abbiamo avuto l'occasione del rigore ma solo chi agisce può sbagliare. Andiamo avanti pensando già alla prossima sfida contro la Virtus Francavilla.”

(foto di Walter Nobile giornalerossoblu.it) 

 

Ultima modifica il Giovedì, 30 Settembre 2021 14:30