Lunedì, 23 Agosto 2021 14:44

CALCIO/ Taranto: Una doppietta di Maiorino fa avanzare la Virtus Francavilla ed elimina il Taranto dalla Coppa Italia di Lega Pro In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)

Buona comunque la prova dei ragazzi di mister Laterza a una settimana dall'inizio del campionato. Mister Laterza: “Siamo venuti a Francavilla per fare la partita e non è poco considerando che siamo una neopromossa. Dobbiamo migliorare nella fase di finalizzazione.” Andrea Saraniti:”Dopo il gol di Maiorino ci siamo un po' spenti ma questo è la conseguenza di una gara affrontata con tanti giovani di qualità; siamo pronti per il campionato.”

 

 

 

di Andrea Loiacono

 

 

 

Il Taranto torna ad affrontare una squadra professionistica dopo quattro anni e lo fa in Coppa Italia di Lega Pro cedendo il passo agli uomini di mister Taurino della Virtus Francavilla, abili e cinici a sfruttare al meglio le poche occasioni create da una parte e dall'altra nel corso dell'incontro. Mattatore del match disputato al “NuovarredoStadium” di Francavilla Fontana il tarantino Pasquale Maiorino con due gol di pregevole fattura. La partita fa registrare finalmente il ritorno sugli spalti delle due tifoserie con la presenza di ben duecentocinquanta supporters tarantini, affluenza resa possibile con la scrupolosa osservanza delle normative anti-covid.

 

 

 

Mister Laterza per l'occasione manda in campo il suo Taranto con l'impianto tattico provato in occasione di tutte le amichevoli estive compreso l'ultima terminata a reti inviolate contro il Molfetta; si tratta dunque di un 4-3-3 con Chiorra tra i pali, Tomassini, Zullo, Benassai e Ferrara a comporre la cerniera difensiva; Labriola, Marsili e Diaby in mediana con Versienti e Italeng a sostegno della punta ed ex di turno Saraniti. Mister Taurino risponde con un 3-5-2 che vede in Caporale e Idda due fra i calciatori di maggiore esperienza; tandem offensivo composto da Ekuban e Maorino. Arbitro il Sig. Galipò della sezione di Firenze.

 

 

 

I primi minuti non fanno registrare azioni di rilievo per gli appassionati di entrambe le tifoserie con le formazione impegnate a prendere confidenza con il terreno di gioco del bell'impianto di gioco brindisino. Al 10' è il Taranto a farsi pericoloso per primo con una di testa di Saraniti che serve Italeng ma la conclusione del giovane prodotto del vivaio dell'Atalanta termina debolmente tra le braccia di Nobile. La Virtus replica al 16' con Idda il quale spizza di testa un pallone spiovente da calcio piazzato ma la sfera è fuori misura. A cavallo del 17' gli ionici collezionano due gialli comminati a Ferrara e allo stesso Italeng..Da segnalare la buona prestazione di Diaby che con i suoi interventi a recuperare palloni appare già in forma campionato. Al 29' c'è un brivido per la retroguardia biancoazzurra che effettua un retropassaggio, Versienti si lancia sulla sfera e per un soffio non riesce ad anticipare Nobile. Il Taranto esercita una costante pressione territoriale e al 32' Labriola, autore anche lui di una buona prova, serve Versienti che dal limite calcia alto a giro. Il Taranto colleziona punizioni e angoli di cui si incarica come al solito capitan Marsili. Al 42' viene ammonito prezioso nella Virtus per fallo su Diaby. Al 45' Labriola serve Saraniti che va giù in area ma il Sig. Gallipò non ravvisa alcuna irregolarità. Dopo 3' di recupero si va negli spogliatoi con il risultato di parità iniziale.

 

 

 

Inizia il secondo tempo con la sfida che riprende sullo stesso clichè tattico e di gioco della prima frazione. L'asse più pericoloso tra le fila rossoblù è sempre quello fra Labriola e Italeng con il giovane scuola Napoli che serve il compagno di propietà dell'Atalanta che per poco non centra l'appuntamento con la sfera a pochi passi dalla porta. Come recita una legge del calcio, da un gol sbagliato scaturisce un gol subito e i biancazzurri padroni di casa si portano in vantaggio un po' a sorpresa con il tarantino Pasquale Maiorino che dai 25 metri lascia partire un gran tiro sul quale nulla può l'estremo difensore rossoblù. Il Taranto prova a reagire guadagnando numerosi tiri dalla bandierina ma i ragazzi di Laterza accusano il colpo e vanno addirittura sotto di due gol al 65' in seguito da un'azione di ripartenza della Virtus confezionata da Ekuban e finalizzata dal limite dell'area ancora da Maiorino che approfitta del troppo spazio lasciatogli dai centrali rossoblù per firmare la sua personale doppietta. L'unico sussulto di marca ionica porta la firma di Diaby, il quale al 68' penetra con un grande slalom in area avversaria e da pochi passi conclude sull'esterno della rete. Al 70' ancora Maiorino su punizione dal limite dell'area sfiora la tripletta. I due allenatori mettono in campo forze fresche. Nel Taranto entrano Ghisleni e Bellocq e poco più tardi Civilleri prende il posto di un generoso Italeng. Nei minuti finali c'è il tempo per qualche attimo di nervosismo in campo con gli animi che vengono prontamente calmati dalle rispettive panchine. Dopo 6' minuti di recupero il direttore di gara con il triplice fischio decreta il passaggio del turno dei padroni di casa. Per il Taranto ora testa all'esordio in campionato, evento tanto atteso in città e da tutta la tifoseria ionica. Queste le dichiarazioni dei protagonisti rilasciate dai protagonisti a fine gara ai microfoni di “Antennasud85”.

 

 

 

Mister Laterza: “Penso che abbiamo disputato una ottima gara lungo tutto l'arco dei novanta minuti, esercitando buon pressing e pressione sui portatori di palla soprattutto nel primo tempo. Il risultato è stato determinato da due gol di pregevole fattura di Maiorino in cui però ci abbiamo messo anche del nostro. In occasione della prima rete subita ci siamo staccati troppo dall'attaccante in occasione del fallo laterale e anche nel secondo gli abbiamo concesso troppo spazio. Sono comunque soddisfatto in generale di come abbiamo affrontato il match; venire a giocare qui e fare la partita per noi che siamo una neopromossa e farlo soprattutto contro una squadra che da sei anni disputa a buoni livelli la Lega Pro deve essere per noi motivo di soddisfazione. Abbiamo avuto una buona fase di costruzione e di difesa, dobbiamo migliorare negli ultimi metri e nella finalizzazione. Ci tenevamo a vincere e devo dire che ho visto il giusto atteggiamento per una partita ufficiale, come è giusto che sia. Ora ci prepareremo al meglio in vista dell'esordio in campionato, che per per noi dopo tanti anni di assenza dal professionismo è motivo di gioia

 

 

 

Mister Taurino: “Il Taranto ha confermato anche stasera quanto pensavo alla vigilia e cioè che si tratta di una buona squadra con un'identità ben precisa. Eravamo riusciti a partire a buon ritmo ma poi abbiamo commesso errori in ripartenza e siamo andati in affanno. Nella ripresa grazie alle giocate di Maiorino la gara si è sbloccata. Il ragazzo ha disputato un gran ritiro e si merita queste soddisfazioni, ha qualità che dobbiamo essere bravi ad innescare. Avevo detto ai ragazzi di prestare attenzione alle palle inattive, abbiamo concesso qualche punizione di troppo ma considerando che giocavamo per la prima volta con questo assetto difensivo sono soddisfatto. Questa vittoria non ci deve far montare la testa, dobbiamo mantenere alta la concentrazione, sarà un campionato duro per tutti.”

 

 

 

Saraniti:“Il ritorno in questo stadio l'ho vissuto bene, in maniera tranquilla, ho un ottimo rapporto con il presidente Magrì ma ormai è passato del tempo e adesso gioco per il Taranto. Per quanto riguarda il risultato odierno, dopo il primo gol subito ci siamo leggermente spenti, ma questo credo sia normale considerando l'età media della squadra scesa in campo stasera. Nella nostra rosa ci sono tanti ragazzi che hanno tutte le carte in regole per affermarsi su grandi palcoscenici, devono solo crescere in tranquillità. Il Taranto che ho visto per i primi 60' è pronto per il debutto in campionato.”