Mercoledì, 23 Giugno 2021 11:10

LA SENTENZA/ Il Consiglio di Stato boccia la sentenza del Tar di Lecce In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 “Il potere di ordinanza non risulta suffragato da un’adeguata istruttoria e risulta, al contempo, viziato da intrinseca contraddittorietà e difetto di motivazione”. Lo dice il Consiglio di Stato, sezione quarta, nelle 60 pagine di motivazione della sentenza con cui ha annullato la sentenza del Tar Lecce dello scorso febbraio che, confermando una precedente ordinanza del sindaco di Taranto di febbraio 2020, aveva ordinato lo spegnimento degli impianti dell’area a caldo dell’ex Ilva di Taranto perché inquinanti. Secondo i giudici dell’appello - la  sentenza del Tar era stata infatti impugnata al Consiglio di Stato - “va dichiarata l’illegittimità dell’ordinanza impugnata e ne va conseguentemente pronunciato l’annullamento”. L’effetto pratico di questa sentenza é che non ci sarà alcuno stop degli impianti dell’area a caldo del siderurgico di Taranto.

 

“La Sezione non ha condiviso la tesi principale delle società appellanti, secondo cui deve escludersi ogni spazio di intervento del sindaco in quanto i rimedi predisposti dall’ordinamento, nell’ambito dell’autorizzazione integrata ambientale (Aia) che assiste l’attività svolta nello stabilimento, sarebbero idonei a far fronte a qualunque possibile inconveniente. Tuttavia, ha ritenuto che quel complesso di rimedi (compresi i poteri d’urgenza già attribuiti al Comune dal T.U. sanitario del 1934, i rimedi connessi all’Aia che prevedono l’intervento del Ministero della transizione ecologica e le norme speciali adottate per l’Ilva dal 2012 in poi) sia tale da limitare il potere di ordinanza del sindaco, già per sua natura “residuale”, alle sole situazioni eccezionali in cui sia comprovata l’inadeguatezza di quei rimedi a fronteggiare particolari e imminenti situazioni di pericolo per la salute pubblica”. Così il Consiglio di Stato, in una nota, spiega la sentenza che ha portato all’annullamento della sentenza del Tar Lecce relativamente all’ordinanza del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, sullo spegnimento degli impianti dell’area a caldo.