Domenica, 20 Giugno 2021 08:23

ALTA TENSIONE/ Ex Ilva, Arpa rileva aumento di benzene e monossido di carbonio dopo l’incidente di venerdì In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

I tecnici di Arpa Puglia, l’Agenzia per l’ambiente della Regione Puglia, hanno effettuato un sopralluogo all’interno dell’ex Ilva di Taranto (ora Acciaierie d’Italia) dopo quanto avvenuto nella serata di venerdì, cioè fumi e fiamme dagli impianti siderurgici, ben visibili dalla città, e segnati anche da un forte odore di gas. AGI ha appreso che i rappresentanti di Acciaierie d’Italia hanno dichiarato ad Arpa Puglia che probabilmente a causa della rottura di una pompa di raffreddamento degli impianti, c’é stato un black out da parte del fornitore di energia, che per la fabbrica è la società Taranto Energia che fa capo alla stessa Acciaierie d’Italia. Il fenomeno, oggetto di moltissime proteste sui social, corredate anche da foto e video, è durato circa un’ora e mezzo e avrebbe determinato - dalle prime verifiche condotte da Arpa Puglia - un innalzamento del picco del benzene.

 

Fonti vicine ad Arpa Puglia evidenziano però che si tratta di un picco mentre il benzene si misura su una media annuale, e quindi quanto avvenuto venerdì sera, non si può contestare normativamente anche perché le procedure di emergenza e i sistemi di sicurezza consentono all’azienda, a fronte di situazioni specifiche, di poter ricorrere a manovre di emergenza. Le fiamme che venerdì sino a tardi sono state viste dalla città, sono derivate dall’apertura dei blender degli impianti. Oltre al picco del benzene, si sarebbe anche verificato - in base ai primi accertamenti Arpa  Puglia - anche un innalzamento del monossido di carbonio, ma questo, non essendo normato, riguarda più l’esposizione dei lavoratori che la qualità dell’aria. Infine, dai primi controlli Arpa sarebbe emerso che quando da ex Ilva si è propagato il fenomeno emissivo, il vento che soffiava in quel momento ha in parte tenuto lo stesso fenomeno circoscritto all’area dello stabilimento. Solo in seguito ci sarebbe stato uno spostamento verso la città. Intanto in una scarna comunicazione, Acciaierie d’Italia ha parlato di rallentamento di produzione dichiarando che non si è verificata alcuna conseguenza.