Lunedì, 14 Giugno 2021 20:07

IL TARANTO IN C/ Mister Laterza:“ Vittoria dedicata alla città e ai tifosi“ In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)

 

di Andrea Loiacono

 

 

 

Il Taranto al termine di una partita estenuante vinta al “Lorusso” di Venosa per 2-3 centra una promozione storica quanto meritata chiudendo il campionato a quota sessantasei punti con un punto di vantaggio sul Picerno che nonostante la vittoria per 4-1 sul Gravina si deve accontentare della seconda piazza. Mister Laterza schiera la formazione annunciata alla vigilia con il 4-3-3 tanto caro al tecnico fasanese nelle ultime settimane con Ferrara che rientra dalla squalifica e si va a piazzare sull'out mancino di difesa con Rizzo Silvestri e Boccia a completare il reparto. Le chiavi del centrocampo sono affidate all'esperienza e la tecnica di Tissone e Marsili con Diaby a completare la cerniera mediana. In avanti Nicolas Rizzo, Versienti e Corado formano il trio d'attacco. Il Lavello di Karel Zeman non ha mai perso in casa e nonostante l'assenza di bomber Liurni può contare sull'esperienza di giocatori come Longo, Burzio ed Herrera. Arbitro dell'incontro è il signor Ursino di Pescara; sono circa un centinaio i tifosi rossoblù presenti al seguito della squadra che scende in campo con la tradizionale divisa rossoblù.

 

 

 

L'importanza della posta in palio soprattutto per il Taranto fa si che gli ionici scendano in campo un po' contratti a differenza del Lavello che sembra trovare con più facilità le geometrie e occupare meglio gli spazi. La squadra lucana attacca e al 9' guadagna il primo calcio d'angolo che è il preludio al gol. Al 14' dopo una bella triangolazione l'esterno dell'Orfanello batte Ciezkoski con un tiro sotto l'incrocio. Il Taranto accusa il colpo ma ha il merito di non disunirsi e uscire alla distanza, anche se Giunta al 26' potrebbe raddoppiare da posizione molto favorevole. Al 27' Nicolas Rizzo prova a svegliare i suoi con una conclusione che termina di poco fuori. Al 29' ci prova Versienti ma il suo tiro sfiora l'incrocio dei pali. Il Taranto ora c'è e ci crede e raggiunge meritatamente il pari grazie a un colpo di testa di Corado al 32' su assist di Marsili. Il Taranto ora è padrone del match e Versienti al 39' guadagna guadagna il terzo angolo, l'azione è la stessa rispetto a qualche minuto prima solo che questa volta a svettare di testa è Gianmarco Rizzo per il sorpasso Taranto tra l'esultanza della panchina del Taranto. Il primo tempo termina con gli ionici in vantaggio.

 

 

 

Il secondo tempo inizia sulla falsa riga del primo con il Taranto che non sfrutta al meglio una punizione dal limite dell'area e subisce poco dopo una rete grottesca con Diaby che prima perde palla a centrocampo e Rizzo che nel tentativo di rinviare colpisce in pieno Dell'Orfanello che tutto solo davanti a Ciekoski lo batte per il 2-2, risultato che al Taranto non basta. Mister Laterza decide di far entrare Guaita per Versienti e Santarpia per Diaby, sarà la mossa decisiva. Nel Taranto entrano anche Alfageme e Diaz con mister Laterza che le prova tutte per scardinare la difesa del Lavello. Al 71' il portiere Carretta esce sui piedi di Alfageme lanciato a rete. Il Taranto preme, Diaz si gira in area tira e trova una deviazione che vela il settimo angolo. All'83' il campionato del Taranto vira verso la Lega Pro; Boccia scende dalla destra e crossa alla perfezione per Santarpia che tutto solo in area colpisce di testa e batte Carreta per il 2-3. Sul campo alcuni giocatori si abbracciano in lacrime la panchina è in estasi. Gli ultimi 5' di recupero sono solo un'appendice finale che fanno ulteriormente tribolare un'intera città. Al triplice fischio esplode la festa in campo a Venosa e a Taranto nelle piazze e davanti allo Iacovone dove la squadra sarà accolta da migliaia di tifosi festanti e fuochi d'artificio.”

 

 

 

Queste le dichiarazioni di mister Laterza a fine gara raccolte da Tuttosport Taranto:”Quello di quest'anno è stato un viaggio bellissimo, entusiasmante e indimenticabile. Ho avuto la fortuna di allenare un gruppo fantastico ma di conoscere anche tanta gente bellissima in questa città in questi mesi, grazie di tutto. Dovevamo riuscire a centrare la promozione e ci siamo riusciti a farlo lottando fino all'ultima palla e ora dobbiamo godercela tutta. Le dediche da fare sono tante ma ci tengo a farla a tutta la città di Taranto perché so quanto ci teneva a vincere, sono contento di avergli dato questa gioia con il gruppo e la società. Adesso siamo al tredici giugno, abbiamo iniziato questo campionato il diciotto agosto, sono passati tanti mesi duri e di lavoro, adesso ce la godiamo tutta.”

 

 

 

Ds Francesco Montervino: “La dedica per questa vittoria va al presidente Giove che in questi anni ha fatto tantissimi sacrifici. Tutta la famiglia Giove ci ha messo impegno e soldi, non ho mai visto un'esultanza simile da parte di un presidente che lungo tutto quest'anno ha dimostrato il suo attaccamento alla squadra e alla città. Il futuro si vedrà.”