Sabato, 15 Maggio 2021 16:13

NUMERO VERDE ANTIVIOLENZA 1522/ Federfarma e CasaImpresa accolgono l'iniziativa della Consigliera di Parità Gina Lupo In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

La Consigliera di Parità Gina Lupo esprime piena soddisfazione per il riscontro positivo ricevuto da Federfarma, nella persona del presidente dottor Rossano Brescia, e CasaImpresa, rappresentata dalla dottoressa Francesca Intermite, nei confronti dell'iniziativa Numero Verde Antiviolenza “1522”.

Nei giorni scorsi l'avvocato Lupo aveva invitato diverse associazioni di categoria, CasaImpresa, Federfarma, Confcommercio a diffondere, ciascuno presso i propri associati, l'iniziativa che prevede l'aggiunta della scritta Numero Verde Antiviolenza“1522” sugli scontrini fiscali che tutti gli esercizi commerciali sono tenuti ad emettereuna iniziativa che appare di facile approccio e immediata comunicazione.

Il Numero Verde, gratuito e attivo 24h su 24h, accessibile sia da rete fissa che mobile, anche dai cellulari, è stato promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento delle Pari Opportunità.

I servizi collegati al “1522” sono i centri antiviolenza, i consultori pubblici,  i servizi sociali, le A.S.L., le Consigliere di Parità, le Caritas diocesane e i numeri delle forze dell’ordine 112- 113- 118.

“Sono stati mesi difficili questi trascorsi all'ombra della pandemia” - ha commentato la Consigliera Lupo - “per chi, anche in condizioni di normalità, è costretto a subire violenza domestica. Quando si verificano episodi del genere, non è solo l'aggredito a pagarne le spese, solitamente le donne, ma anche i figli che inevitabilmente assistendo alla violenza all’interno dei nuclei familiari sono soggetti a disturbi emotivi e del comportamento e ne pagano le conseguenze per tutta la vita. Con questa iniziativa vogliamo offrire – ha concluso l'avvocato Lupo - un’occasione in più alle donne, che, chiamando gli operatori del 1522, entreranno immediatamente in contatto con l’esterno in forma protetta e sicura. La violenza contro le donne rappresenta un problema di sanità pubblica, oltre che una violazione dei diritti umani, e con questo piccolo contributo vogliamo tenere sempre alta l'attenzione su questo triste fenomeno.”

Ultima modifica il Sabato, 15 Maggio 2021 18:36