Mercoledì, 28 Aprile 2021 07:45

LA PROTESTA/ Un anno di emergenza Covid e nessuna gratificazione, il personale della ASL di Taranto in agitazione In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il personale del comparto sanità Asl Taranto ha indetto lo stato di agitazione su iniziativa dei sindacati funzione pubblica Cgil, Cisl, Uil, della Confsal e della rsu Asl Taranto. Le sigle avranno il 30 aprile un incontro col prefetto di Taranto, Demetrio Martino. I problemi evidenziati vanno dalla mancata retribuzione al personale di alcune attività svolte in oltre un anno di Covid alle carenze presenti nell’organico. In una conferenza stampa, i sindacati hanno spiegato le ragioni della protesta. “Chiediamo oggi alla Regione Puglia, e il 30 aprile lo chiederemo al prefetto, rispetto per i lavoratori - dice Gianfranco Infesta della rsu - Dal 2020, il personale affronta una pandemia senza vedersi riconoscere dei diritti. Il personale viene addirittura offeso sui social e non vede una risposta del management e della Regione Puglia”. “Abbiamo attività emergenziale Covid che risalgono a maggio 2020 e che ancora non sono state retribuite a tutte il personale e delle attività aggiuntive per le vaccinazioni - sostiene Lorenzo Caldararo, della Cgil - Ma la cosa seria e grave è che noi vogliamo confrontarci con la Regione e con l’Asl Taranto per parlare del futuro della sanità. Non possiamo continuare dopo 14 mesi a discutere ancora di emergenza”. Per Massimo Ferri, della Cisl, “il dato delle indennità ai lavoratori è solo il sintomo. Abbiamo in realtà una organizzazione che non è rispondente alla drammaticità e alla tempistica che questa emergenza richiede”.

   “Abbiamo risposte insufficienti - prosegue Ferri - da parte della Regione, anche rispetto alle convocazioni. Per un problema emergenziale, i sindacati sono stati convocati fra 15 giorni, quando magari il quadro epidemiologico sarà mutato. Il cuore della nostra richiesta è avere la partecipazione dei lavoratori della sanità e dei sindacati all’interno delle decisioni organizzative”.

   Lo stato di agitazione del personale - rileva Emiliano Messina della Uil - "serve a stimolare la Regione Puglia, la politica, e speriamo stavolta l’Asl, a dare risposte chiare e concrete, altrimenti programmeremo giorni in cui fisseremo avanzamenti della nostra iniziativa rispetto ai sit in”. Secondo Fabio Andrisano, della Confsal, “abbiamo più volte sollecitato un intervento verso i dipendenti ma siamo stati ignorati. È sotto gli occhi di tutti che l’offerta sanitaria è stata triplicata, in questi ultimi mesi abbiamo attivato lo screening della popolazione e la vaccinazione di massa, ma sulla questione del personale noi lavoriamo con un organico identico a 5 anni fa”.