Lunedì, 29 Marzo 2021 12:13

CALCIO/ Taranto: Rossoblù corsari nel derby a Brindisi con una dimostrazione di forza nella ripresa In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Alla rete di Nives per gli adriatici rispondono Rizzo su rigore, Diaz e Guastamacchia. Mister Laterza: “ Nel primo tempo giocavamo troppo la palla, poi abbiamo corretto alcune cose ed è arrivata una vittoria da capolista. Diaz: “A fine tempo ci siamo parlati e siamo tornati in campo con un piglio diverso. Cerco il gol ogni volta che scendo in campo e sono contento di aver aiutato la squadra, dobbiamo continuare su questa strada e dare il massimo.”

 

 

 

di Andrea Loiacono

 

 

 

Alla fine di una gara dai due volti il Taranto porta a casa il derby tra ionici e adriatici contro il Brindisi disputatosi al Franco Fanuzzi nel giorno della domenica delle Palme. Se prima della gara il match poteva far presagire a un testa coda fra la prima della classe e un Brindisi invischiato nelle zone basse e reduce dalla sconfitta immeritata di Portici, il primo tempo ha detto tutt'altro, con i biancoazzurri più abili nel pressing e a giocare su un campo davvero ai limiti dell'impraticabilità. Ma andiamo con ordine. Mister De Luca schiera il suo Brindisi a specchio, con il 4-2-3-1 tanto caro anche a mister Giuseppe Laterza. Con Forbes, Palumbo e l'ex di turno Calemme ad agire in fase offensiva. Altro ex della gara è il tarantino Boccadamo che esordì col Taranto nell'ultima lega Pro. In porta c'è l'esperto Pizzolato. Mister Laterza deve fare a meno del difensore Rizzo squalificato che viene sostituito da Silvestri. Il centrocampo vede agire in cabina di regia Marsili e Tissone. Sulla trequarti vi sono l'under Mastromonaco, Nicolas Rizzo e Luigi Falcone alle spalle dell'unica punta Tato Diaz. Arbitro dell'incontro è il Sig. Rosario Luongo di Napoli.

 

 

 

A battere il calcio d'inizio sono i padroni di casa che premono subito sull'acceleratore. Al 6' Nives riceve palla da Forbes e crossa al centro con la sfera che sfiora la traversa ma non trova nessun compagno ad approfittarne. All'8' sempre Forbes in ripartenza serve Boccadamo che tira forte di destro con la palla che termina di non molto a lato. Il Taranto nei primi venti minuti appare contratto e soffre le condizioni del terreno di gioco non riuscendo ad imbastire alcuna azione degna di nota.Al 24' il Brindisi è costretto al primo cambio, entra Rotulo per Bottari infortunato. Al 35' c'è la reazione del Taranto con una bella azione che parte dai piedi di Mastromonaco il quale serve Rizzo che fa scorrere per Falcone il quale prova una conclusione che termina fuori. Al 35' c'è un giallo per mister Laterza per Laterza per proteste. Al 37' viene ammonito anche Tissone per un fallo su Calemme. Il Taranto alza i ritmi e si rende pericoloso al 38' con Diaz che serve Rizzo che scarica per Marsili il quale calcia di prima intenzione di poco alto sopra la traversa di Pizzolato.

 

Al 43' c'è il secondo angolo per il Taranto con Tissone che arriva scoordinato sulla sfera e calcia fuori. L'arbitro conced due minuti di recupero e proprio quando tutto pensava presagire a un finale di prima tempo in parità, Nives raccoglie una palla respinta e dai 35' metri con un gran fendente batte un incolpevole Ciezkowski. La seconda frazione riparte con alcuni accorgimenti da parte di mister Laterza che corre ai ripari inserendo Paolo Serafino in gol contro il Molfetta per Mastromonaco. Il Taranto passa al 4-4-2 o 4-2-4 in fase di possesso con Rizzo e Falcone sull'esterno e Diaz a far coppia con Serafino in avanti. Gli effetti si vedono subito, con il Taranto che si riversa in avanti collezionando angoli a ripetizione. Al 52' il Taranto perviene al pareggio; Falcone sguscia sulla sinistra a Nives che lo strattona vistosamente, l'arbitro non ha dubbi e decreta il rigore. Dagli undici metri Rizzo spiazza Pizzolato, sigla il suo primo gol in rossoblu e riporta la gara in parità. Al 60' Serafino guadagna il sesto angolo per il Taranto. Sugli sviluppi del corner, Tissone raccoglie la respinta della difesa e calcia, Diaz ben appostato è abile ad arpionare la sfera in area e da ottima posizione trafigge Pizzolato per il gol della rimonta rossoblu, quarta rete per la punta argentina con la maglia del Taranto. A questo punto cominciano le prime sostituzioni nella zona nevralgica del campo per il Taranto con Matute che prende il posto di Tissone . Al 72' proprio Matute, sugli sviluppi di un'azione avviata bene da Falcone tira di piatto, Pizzolato para e la difesa spazza. Al 79' il Taranto chiude la contesa con l'ennesimo corner di Marsili, Guastamacchia prende il tempo alla difesa e colpisce di tesa, l'assistente segnala che la sfera ha attraversato la sfera e il Taranto si porta sull'1-3. All'83' Matute va ancora vicino al gol con un tiro dalla distanza che Pizzolato respinge tuffandosi all'angolino. All'87' ancora Pizzolato è chiamato agli straordinari su un colpo di testa di Serafino da pochi passi. Dopo 5' di recupero l'arbitro decreta la fine. Il Taranto si porta a più cinque sul Casarano con i salentni che dovranno recuperare due partite. Prossimo appuntamento per il Taranto giovedì Santo allo Iacovone, ospite il Gravina.

 

 

 

Queste le dichiarazioni di mister Laterza a fine gara:”Non era facile riuscire a recupera un gol gol di svantaggio a una formazione che cerca punti salvezza come il Brindisi, per di più su un campo così impraticabile. Nel primo tempo abbiamo sbagliato atteggiamento tattico, volevamo far circolare velocemente la palla da una parte all'altra ma era proprio quello che non dovevamo fare perché il terreno ce lo impediva. Non dobbiamo cercare scuse ovviamente e infatti i ragazzi negli spogliatoi si sono parlati e con qualche accorgimento come l'ingresso di Serafino che ci ha dato possibilità di verticalizzare le cose sono andate meglio, i ragazzi sono stati eccezionali. Nel saper leggere la partita, non tutte le sfide si sviluppano alla stessa maniera e loro hanno saputo interpretarla alla grande. Questa era una partita che andava vinta e lo abbiamo fatto, era un derby e questa vittoria ci porta morale e consapevolezza di aver vinto una gara giusta da capolista-”

 

 

 

Nelle parole della punta Tato Diaz tutta la sua felicità per aver siglato la rete del 1-2: “Sono contento per il mio secondo gol consecutivo, quando scendo in campo cerco sempre la via della rete, la cosa più importante però è aiutare la squadra, se segno ovviamente tanto meglio. Ci tengo a dire che siamo un gruppo straordinario. A fine primo tempo ci siamo detti che non dovevamo demordere e continuare a giocare, infatti siamo usciti con la voglia di ribaltare il risultato e ci siamo riusciti. In occasione del gol speravo che la palla sarebbe giunta dov'ero e mi sono fatto trovare pronto, sono stato freddo; sono contento che quel pallone sia entrato. Personalmente mi adatto a quello che mi chiede il mister anche nella posizione in campo, vogliamo raggiungere obiettivi importanti e dobbiamo continuare così.”