Mercoledì, 10 Marzo 2021 20:32

CORONAVIRUS/ Emiliano, a Bari e Taranto posti letto dedicati esauriti, vanno chiuse immediatamente tutte le scuole In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

"Nelle province di Bari e Taranto si devono immediatamente chiudere tutte le scuole alla luce dell’ultimo dpcm del Governo": lo comunica il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, commentando i dati relativi alla situazione epidemiologica pugliese. I dati aggiornati ad oggi relativi al flusso aggregato della Protezione civile rappresentano un valore di incidenza settimanale regionale pari a 222 casi per 100.000 abitanti, aumentati del 22% rispetto ai 7 giorni precedenti. Solo due settimane fa il valore era di 135 casi per 100.000 abitanti. Lo stesso tasso di incidenza di Bari, negli ultimi 7 giorni, è ulteriormente cresciuto fino a 323 casi per 100.000 (+26%). A Taranto è pari a 285 per 100.000, con una crescita del 29%. Per questo il governatore ritiene che siano necessarie misure straordinarie. 

 

 "L'aumento dei ricoveri dei pazienti Covid negli ultimi giorni è stato tale da determinare una quasi completa saturazione dei posti letto dedicati nelle province di Bari e Taranto": lo ha detto il governatore pugliese Michele Emiliano, per motivare le misure restrittive che si appresta a prendere sulle scuole. "Anche nelle altre province pugliesi, se la curva epidemica dovesse continuare la sua progressione, si determinerà un ulteriore incremento di richiesta di ricovero e queste ultime non potranno più soccorrere quelle di Bari e di Taranto - ha proseguito -  Assai problematica rischia di diventare anche la gestione dei posti letto no-covid che continuano ad essere sacrificati per la necessaria devoluzione di posti letto alla rete covid". "La capacità espansive della rete ospedaliera, sono ormai al massimo della loro estensione a causa della mancanza di personale - ha detto ancora Emiliano -Sarà quindi indispensabile un maggiore supporto dei Medici di Medicina Generale e dei Dipartimenti di prevenzione per la assistenza domiciliare dei malati covid".