Domenica, 28 Febbraio 2021 16:31

MANCANZE/ Il ricordo delle sue studentesse “il preside Anzoino ci lascia in eredità il grande amore per la città, la cultura, la bellezza” In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

“Una colonna per la cultura della città di Taranto ci lascia, il preside Anzonio. 

Sono quelle persone che non vorresti perdere mai, quel sapere vivente al quale fai riferimento anche dopo un percorso scolastico. Ed è così che abbiamo fatto nonostante siano passati 30 anni dal nostro diploma. 

Lo ricordiamo come persona attenta a ciò che accadeva nel mondo, spronando i suoi studenti alla ricerca della verità e della giustizia. Non sono stati rari i casi in cui ha partecipato ai cortei dei suoi studenti, spesso occupando la prima fila. Un uomo che è sempre riuscito a comprendere i tumulti dei suoi ragazzi e ragazze istaurando con loro un rapporto di dialogo continuo. Così anche dopo, grazie ai social. Ed è proprio sotto il suo profilo che ci siamo ricontrati tutti e tutte, senza mai dimenticare il suo sorriso sotto al grande cappello che era solito portare. 

La grandezza di un uomo si misura con ciò che lascia dietro di se, e pur sentendo un grande vuoto, oggi il Professore Anzoino lascia in eredità a tutti noi il grande amore per questa città, per  la sua cultura e la sua bellezza. 

 

Le ragazze della 5A sperimentale del Liceo psicopedagogico Livio Andronico di Taranto, del ‘92

 

Nella foto, il

Preside Anzoino fotografa la classe, si riconoscono anche il fratello, Alfredo Anzoino, docente di italiano, e il prof.Golino, docente di matematica  e suo grande amico 

Ultima modifica il Lunedì, 01 Marzo 2021 06:06