Lunedì, 22 Febbraio 2021 11:33

IL CASO/ I sindacati “dipendenti di ArcelorMittal messi in cassa integrazione Covid senza preavviso trovano il badge d’ingresso disattivato” In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 

Si presentano regolarmente alle portinerie del siderurgico di Taranto per andare al lavoro, ma apprendono in quel preciso momento di essere in cassa integrazione Covid perché ArcelorMittal non gliel’ha comunicato in tempo utile, disattivando i badge d'ingresso. È quanto sta accadendo a diversi dipendenti dello stabilimento ex Ilva di Taranto come denunciato questa mattina da Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm, in una comunicazione all’azienda (uffici Relazioni industriali e Personale). I sindacati parlano di “anomalie gestionali cassa integrazione”.

    Per i sindacati, si tratta di anomalie “che quotidianamente accadono nel sito di Taranto. Nonostante ripetute segnalazioni da parte dei nostri rsu, assistiamo alla mancanza di comunicazione cassa integrazione Covid 19 sul portale aziendale ai lavoratori”. “Ogni giorno - dichiarano le sigle sindacali metalmeccaniche - si verificano episodi dove diverse unità lavorative in assenza di comunicazione, pur presentandosi alle portinerie di appartenenza, riscontrano che il budget risulta disabilitato”.     

   “Riteniamo questo atteggiamento - proseguono - intollerabile e lesivo nei confronti dei lavoratori che già sono sottoposti costantemente a criticità e stress e vi invitiamo a correggere subito questa anomalia”. In ArcelorMittal a Taranto è tuttora in corso la cassa integrazione Covid, che è cominciata a marzo dello scorso anno e poi continuamente prorogata. Prima della cassa Covid, l’azienda, per crisi di mercato, da luglio 2019 ha attivato la cassa integrazione ordinaria. 

 

Complessivamente, quindi, allo stato sono 17 mesi che ArcelorMittal sta usando ininterrottamente la cassa integrazione su 27 mesi di gestione degli impianti attraverso il contratto di fitto con la proprietà Ilva in amministrazione straordinaria (il subentro di ArcelorMittal è avvenuto il 1 novembre 2018). La cassa ordinaria è stata chiesta per un numero massimo di circa 1200 unità. La cassa Covid, invece, è stata chiesta per un numero massimo di circa 8100 addetti, tutta la forza lavoro dello stabilimento. Nei mesi scorsi, per cassa Covid, sono state fuori dalla fabbrica circa 4000 persone, poi si è scesi ad una quota di 3000 e adesso, secondo dati sindacali, dovrebbero essercene circa 2500. Diminuzione dovuta alla ripartenza di alcuni impianti avvenuta nel frattempo tra cui acciaieria 1 e altoforno 2 fermati a marzo 2020.

   Non appena la trattativa sindacati-azienda sul nuovo piano industriale 2021-2025 riprenderà (c’è stata giorni fa una rottura sul punto e i sindacati hanno abbandonato il tavolo), la cassa Covid dovrebbe essere sostituita da quella per risruttturazione, in applicazione del nuovo piano industriale. Quest’ultima, come ha spiegato ai sindacati Invitalia, nuovo partner pubblico di ArcelorMittal, sarà una cassa a scalare, decrescerà man mano che si si avvicinerà allo step finale del 2025. Per quest’anno, stando ai numeri iniziali, ma bisogna vedere cosa emergerà ora dalla trattativa, dovrebbe riguardare circa 3000 persone.