Venerdì, 19 Febbraio 2021 07:18

EMERGENZE/ Il sindaco di Taranto pensa a un esonero dal pagamento della TARI 2021 per i cassintegrati Ilva In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 Il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, vuole sospendere la Tari per il 2021 per i dipendenti di Ilva in amministrazione straordinaria residenti a Taranto e attualmente in cassa integrazione straordinaria. Nel pomeriggio, Melucci ha inviato ai sindacati una comunicazione, convocandoli in Municipio per il pomeriggio del 25 febbraio per un confronto sul tema. Obiettivo dell’iniziativa è dare un sostegno economico a questi lavoratori, che sono fuori da molto tempo dal ciclo produttivo, non essendo stati assunti da ArcelorMittal, e  non hanno grandi possibilità  di rientrare in fabbrica perché gli ultimi accordi societari non fanno riferimento alla loro posizione. In tutto i dipendenti di Ilva in as dell’area di Taranto sono 1600 ma ora bisognerà vedere quanti risiedono effettivamente nel capoluogo. Verso i cassintegrati, il sindaco si era già interessando sollecitando il Governo ad assicurare loro l’integrazione economica al trattamento di cassa integrazione straordinaria, misura contenuta nel decreto Milleproroghe non ancora licenziato però dal Parlamento. Proprio oggi i commissari di Ilva hanno ufficializzato la loro disponibilità ad anticipare 200 euro dell’integrazione a tutti i cassintegrati che entro fine mese faranno domanda all’azienda. Un anticipo che ha la finalità di prestare un aiuto economico ai cassintegrati così come anche la misura relativa alla Tari 2021 che ha in cantiere il sindaco di Taranto.