Venerdì, 19 Febbraio 2021 06:39

DOSSIER ILVA-ARCELORMITTAL/ Appello di Confindustria Taranto a Draghi “le imprese vogliono essere coinvolte” In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Sulla vicenda Ilva-ArcelorMittal Italia, Confindustria Taranto scrive al presidente del Consiglio, Mario Draghi e chiede che le imprese possano essere, relativamente allo stabilimento dell’acciaio, “protagoniste di un cambiamento ancora possibile, partecipare ai processi di trasformazione che possano rilanciare la fabbrica e riaffermarne la sua centralità in ambito nazionale”. 

 

 Nella lettera al premier Draghi, il presidente di Confindustria Taranto, Antonio Marinaro, dice che “le imprese ancora oggi tornano ad assistere pressoché impotenti a una serie di vicende che arrivano a sovraccaricare di aspetti importanti e delicatissimi la già complessa ripartenza dello stabilimento siderurgico”. “Il riferimento - prosegue -  è, dopo la sentenza del Tar di Lecce che dispone a 60 giorni lo spegnimento degli impianti dell’area a caldo, la richiesta di confisca degli impianti formulata ieri dai pm nell’ambito del processo sui reati ambientali”. Per Confindustria, sono “aspetti che, al di là della evoluzione dei rispettivi iter giudiziari, riaccendono prepotentemente i riflettori sulla complessa storia del centro siderurgico e sui suoi risvolti sociali prima ancora che economici e produttivi. In questo momento così critico della storia del Paese, in cui, pur in presenza di una forte conflittualità politica ed in piena crisi  da emergenza epidemiologica, la Sua indiscussa capacità di essere collettore di varie istanze ha prodotto un’inedita convergenza fra forze politiche diverse per il bene comune Le chiediamo di mettere in atto per Taranto la stessa strategia, coinvolgendo le autorità locali del Comune, della Provincia e della Regione, affinché si giunga ad un percorso condiviso e lo si rispetti seriamente fino a compimento. Gli obiettivi di governo da Lei individuati – prosegue nella lettera il Presidente Marinaro - di rilancio, transizione energetica e modernizzazione sono riassunti nella storia industriale che più di altre ha caratterizzato, negli ultimi 56 anni, la città e la sua provincia. Taranto potrà diventare il simbolo della riuscita di questo ambizioso programma. Diversamente – questa la conclusione dell’appello, al termine del quale il Presidente Marinaro esprime fiducia nell’intervento del Governo - il rischio incombente è quello di una distruzione ambientale ed economica, che porterà, inevitabilmente, ad una pericolosa situazione di forte tensione sociale”.