Lunedì, 15 Febbraio 2021 06:49

STRANO MA VERO/ Affitta la sua testa pelata per inserzioni pubblicitarie In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Probabilmente Brandon Chicotsky lo avrà fatto pensando sconsolato alla sua completa calvizie, brutto regalo lasciatogli dalla Alopecia Aerata. Ma proprio la sua “pelata” gli ha fornito l’idea geniale.

 

Ma andiamo con ordine. Come racconta l'HuffPost, Brandon si è sempre occupato di marketing digitale, sia per i suoi studi che poi per la sua attività imprenditoriale. Mentre frequenta la scuola di specializzazione all'Università di New York la alopecia sferra il colpo decisivo e Brandon si ritrova del tutto calvo. I suoi colleghi, per consolarlo, gli mostrano foto di bambini che hanno passato tutta la vita calvi per colpa dell’alopecia e Brandon realizza come ci sia un intero mondo di “pelati” che meritano sostegno e supporto per recuperare capacità di leadership. Cosi decide di dedicarsi pienamente a questa missione diventando “baldangelico” (bald in inglese significa per l’appunto calvo), cioè un campione di tutte le calvizie.

Da buon specialista di marketing prima di tutto intervista i suoi colleghi di università per capire se e quanto le pubblicità con persone calve potessero attirare la attenzione del pubblico. I riscontri sono positivi e Brandon inizia a testare sul web annunci commerciali mirati, con l’intento di verificarne i ritorni. E i risultati sono talmente interessanti che Brandon inizia a progettare il suo sito web, registrando una sua società e depositando i relativi marchi.

Nasce così BaldLogo specializzato nel marketing e nelle promozioni online. E sapete qual è il pezzo forte? Manco a dirlo vendere la testa calva di Brandon, o quella di uno dei suoi soci, come spazio pubblicitario.

 

Per una tariffa che parte da 160 dollari per un’ora e decolla sino a 1.600 per 30 ore Brandon con la sua pelata adeguatamente tatuata con i messaggi pubblicitari dei suoi “inserzionisti” (ma attenzione sono tatuaggi rimovibili) se ne andrà a spasso per le vie maggiormente frequentate della città adeguatamente accompagnato da un paio di ragazze immagine giusto per completare l’effetto show ed attirare ancora maggiormente l’attenzione.

Le richieste arrivano anche in occasione di eventi, per i quali i clienti sponsor chiedono che qualcuno di BradLogo si presenti con il loro logo dipinto in testa, e a quanto pare Brandon è letteralmente assalito dalle richieste.

Ma Chicotsky non è solo un “pelato” innovativo, è un baldie con una coscienza. Bald Logo dona infatti quasi la metà dei proventi alla Fondazione Nazionale Alopecia Areata ed elogia ogni suo cliente per aver indirettamente appoggiato una organizzazione benefica che sostiene i bambini che combattono questa malattia. (https://www.today.it/)

Letto 62 volte Ultima modifica il Lunedì, 15 Febbraio 2021 06:53