Martedì, 09 Febbraio 2021 18:53

LA FIRMA/ Cittadella della Giustizia a Taranto, sorgerà a Paolo VI, investimento di 70 mln di euro In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 Una Cittadella della Giustizia a Taranto. È stato firmato oggi a Roma, nella sala Rosario Livatino del ministero della Giustizia, presenti i vertici locali e regionali della Magistratura e del Demanio, il protocollo per la "Rifunzionalizzazione e razionalizzazione degli Uffici Giudiziari nel territorio del Comune di Taranto - Realizzazione della Cittadella della Giustizia". Il progetto, per il quale i  preliminari saranno effettuati il mese prossimo, prevede un investimento di circa 70 milioni di euro nel quartiere Paolo VI, oltre ad interventi molteplici in opere di urbanizzazione, decoro e mobilità a favore della utenza che gravita attorno agli uffici giudiziari.

 

“Il tutto - spiega il Comune di Taranto - nella logica di fornire un luogo più adeguato e moderno per le esigenze del settore della Giustizia, di ampliare i presidi di legalità in quella zona della città e di agire in una ottica di sistema con il previsto hub direzionale del Comune di Taranto. “Abbiamo dovuto superare molti ostacoli di natura tecnico-amministrativa, siamo stati in grado di assumerci responsabilità importanti nei confronti di una vasta categoria di operatori e cittadini - ha dichiarato il presidente  della Provincia di Taranto, Giovanni Gugliotti, a margine del tavolo odierno -. È un progetto che si attendeva da tanti anni, siamo molto soddisfatti e il territorio sta recuperando in ogni ambito il tempo perduto”. Per il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, “la leale ed appassionata sinergia tra gli enti locali e le istituzioni di settore continua a generare risultati assai significativi per Taranto. Per ciò che oggi la città è tornata a rappresentare nel sistema Paese - ha detto il sindaco - e per le imponenti sfide che ci attendono nei prossimi anni, era essenziale che anche il comparto della Giustizia agganciasse le trasformazioni positive della nostra comunità, senza perdere l'opportunità della Cittadella della Giustizia”.