Venerdì, 04 Dicembre 2020 10:41

CORONAVIRUS/ A Taranto stop all’ordinanza di chiusura dei negozi alle 18, non c’è la proroga In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Da oggi a Taranto non è più in vigore l’ordinanza comunale del 12 novembre scorso, la n. 75,  che, in aggiunta al Dpcm del 3 novembre, restringeva gli orari di apertura degli esercizi commerciali e la fruizione di alcune aree pubbliche tra strade e piazze. Lo annuncia il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, dichiarando che il provvedimento non viene prorogato. L’ordinanza, spiega il sindaco, “ha contribuito a produrre effetti positivi sull'andamento della curva epidemiologica ed è giunta alla scadenza naturale” che era il 3 dicembre. Adesso, prosegue Melucci, “le direzioni  comunali interessate e la Polizia locale ora opereranno i propri controlli e svolgeranno la propria attività in aderenza al nuovo Dpcm”, quello che entra in vigore oggi. L’ordinanza cessata prevedeva, tra l’altro, la chiusura dei negozi, eccetto supermercati, tabaccai, farmacie, benzinai, dalle 18, la chiusura dei parchi comunali, nonchè il divieto di consumare cibi e bevande su suolo pubblico h 24, la chiusura, dal venerdì alla domenica, ogni giorno dalle 18 alle 5 del mattino successivo, di una serie di strade e piazze, infine la sospensione dalle 18 delle attività professionali con presenza di clientela ad eccezione di quelle sanitarie. La scelta del mancato rinnovo dell’ordinanza in questione, spiega il Comune di Taranto, “è maturata anche dal costante confronto avuto negli ultimi giorni con le autorità sanitarie e le associazioni dei commercianti e degli esercenti”. Per il sindaco, “la situazione attuale merita, in ogni caso, la più grande attenzione alle regole consuete di contrasto al contagio ed un grande senso di responsabilità da parte di tutti noi”. “L'Amministrazione comunale - conclude il sindaco Melucci - si riserva di monitorare i dati dell'Asl per poter tempestivamente intervenire ove la curva dovesse tornare a diventare critica. Non vanifichiamo gli sforzi della comunità”. 

Letto 1089 volte