Venerdì, 23 Ottobre 2020 18:25

CORONAVIRUS/ All’Ospedale Moscati di Taranto si va verso la saturazione dei posti disponibili In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il fronte familiare si conferma quello più critico per i nuovi contagi Covid in provincia di Taranto. Episodi avvenuti in provincia confermano così una tendenza che vede casi Covid dopo matrimoni, prime comunioni, feste di laurea. Cerimonie che in piena pandemia erano state sospese ma che dopo l’estate, soprattutto le prime comunioni, sono state riprogrammate. Molto delicata è anche la situazione all’ospedale Moscati di Taranto dove si va ormai verso la saturazione dei posti disponibili. Negli ultimi giorni la provincia di Taranto ha avuto una serie di impennate di casi. Oggi il bollettino della Regione Puglia ne attribuisce 65,determinando così un nuovo record.

 

 Il 21 ottobre si sono registrati 61 casi e nei giorni precedenti si è spesso viaggiato nell’ordine di una cinquantina. Questa escalation ha fatto sì che Taranto si schiodasse dall’ultimo posto della classifica regionale in quanto a presenza di contagio - posto che ha tenuto per diversi mesi in piena pandemia - e terzultima, con 1212 casi totali ad oggi, avanti a Lecce e Brindisi, che sono rispettivamente penultima e ultima in Puglia. Si attende, infine, così come deciso ieri in un vertice in Prefettura a Taranto, un’ordinanza che impone una stretta sugli orari. Un’ordinanza a cui si rifarebbero tutti i sindaci del Tarantino. La Prefettura ha infatti comunicato che “pur in presenza di un significativo incremento dei contagi”, non si è ravvisata, allo stato, “la necessità di procedere all'emanazione di provvedimenti extraordinem per la chiusura al pubblico di strade e piazze urbane  in ragione di possibili assembramenti. E' stata piuttosto favorevolmente valutata l'opportunità di condividere, tra tutti i sindaci - dice la Prefettura di Taranto -, uno schema base di ordinanza prescrittiva di misure cautelari omogenee su tutto il territorio provinciale, riguardanti, tra l'altro, restrizioni orarie dei vari esercizi commerciali, con particolare riferimento a quelli nei cui pressi solitamente si verifica la permanenza di numerose persone”.