Venerdì, 16 Ottobre 2020 21:05

PARADOSSI TARANTINI/ Finestre aperte per il Covid o chiuse per i Wind Days? Domani la protesta del Comitato cittadino, mentre la Regione pensa a nuove regole In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

In un vertice convocato per il 29 ottobre a Bari, in Regione Puglia, si discuterà della possibilità di apportare variazioni al “Piano contenente le prime misure di intervento per il risanamento della qualità dell’aria nel quartiere Tamburi”. Lo annuncia stasera il Comune di Taranto. In particolare, si spiega, sarà affrontata la nuova esigenza di rivedere l’istituto dei “wind days” per coordinarlo con le linee guida anti Covid soprattutto all'interno delle scuole. L’annuncio del Comune di Taranto arriva alla vigilia del presidio di protesta (domani alle 9.30) che il Comitato cittadino per l’ambiente e la salute ha indetto proprio davanti al Municipio. La protesta vuole mettere in evidenza, dicono i promotori, l’incoerenza “evidente” tra le regole del  wind days, che prevedono che nelle scuole del rione Tamburi di Taranto, vicino all’acciaieria ArcelorMittal, ex Ilva, nei giorni di vento intenso si stia con le finestre chiuse per evitare che nelle aule entrino le polveri siderurgiche e minerali, e le regole in materia di lotta al Covid, che invece prevedono l’apertura delle finestre per assicurare il ricircolo dell’aria negli ambienti chiusi e con più persone presenti. È un problema molto avvertito nelle scuole e nel quartiere Tamburi più in generale quello dell’impatto delle polveri che si sollevano della fabbrica, tant’è che in alcuni istituti, quelli più a ridosso dello stabilimento, è stata prevista anche l’installazione di apparecchiature per la ventilazione e l’areazione meccanica. Il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, ha già incontrato il 24 settembre sul tema specifico  il virologo Pierluigi Lopalco, da poco nominato dal governatore pugliese Michele Emiliano nuovo assessore regionale alla Sanità. Dal confronto di settembre scaturì una richiesta del sindaco del successivo 8 ottobre. Adesso il dipartimento Mobilità, Qualità Urbana, Opere Pubbliche, Ecologia e Paesaggio della Regione Puglia ha convocato Comune di Taranto e Arpa Puglia a Bari, il  29 ottobre.

Letto 177 volte