Martedì, 13 Ottobre 2020 07:47

UNA GIORNATA PARTICOLARE/ Enti locali e Ordini consegnano a Conte il “Manifesto per l’autonomia della città di Taranto” In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 Il presidente della Camera di Commercio di Taranto, Luigi Sportelli, ha consegnato ieri, nella Prefettura di Taranto, al premier Giuseppe Conte il "Manifesto per l'autonomia dell'Università di Taranto". Il documento, con il quale è richiesta l'attivazione di un accordo di programma per raggiungere l'autonomia dell'Università a Taranto entro il prossimo triennio, nasce dall'iniziativa della Camera di Commercio di Taranto ed è stato sottoscritto il 9 ottobre da Comune Taranto, Provincia di Taranto, associazioni delle categorie economiche e comitato unitario permanente degli Ordini e dei collegi professionali di Taranto. 

 

 “La vera esigenza - si legge nel documento - è quella di avere la certezza che l’Università di Taranto sia autonoma. Ciò rappresenterebbe, infatti, il salto di qualità non solo per l’interruzione della ‘fuga’ di giovani ed il conseguente miglioramento del capitale umano, ma soprattutto perché essa - si rileva nel documento - si qualificherebbe quale sviluppatore urbano ed eccezionale polo di attrazione che arricchirebbe in modo sostanziale il nostro gruppo dirigente e la cabina di regia locale”. “L’Università autonoma di Taranto, allora - si afferma nel documento illustrato oggi a Conte -, consentirebbe al territorio di acquisire finalmente una specifica e chiara identità scientifica, tassello ad oggi mancante nel quadro, invece sempre più avanzato, assicurato dall’opera straordinariamente meritoria condotta dalla presidenza del Consiglio negli ultimi mesi, della valorizzazione dell’area tarantina sotto il profilo urbano, imprenditoriale e sociale”. Per i sottoscrittori del documento, “sarebbe incoerente e sicuramente destinata a successo solo parziale una strategia che non avesse fra le finalità anche quella di garantire la completa realizzazione di tutte le componenti della crescita, inclusa quella, essenziale, della produzione autonoma e della diffusione della conoscenza. Conoscenza - si rileva - indispensabile al potenziamento ed alla competitività del sistema tarantino”.