Lunedì, 12 Ottobre 2020 17:15

IL NODO ILVA-ARCEROLMITTAL/ Conte ai sindacati “ senza partner industriale qualsiasi operazione diventa molto a rischio per il rilancio dello stabilimento siderurgico“ In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Fim, Fiom e Uilm rendono noto che si è appena concluso l’incontro tra le organizzazioni sindacali, il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il ministro del Mise Patuanelli e l’amministratore delegato Arcuri. 

È stato un incontro interlocutorio in cui il governo ha comunicato che la trattativa con la Arcelor Mittal è attualmente in corso. 

L’AD di INVITALIA ha espresso in quattro punti gli obiettivi del governo: 

1.Garantire la produzione prevista del piano industriale;

2.Piena occupazione;

3.Progressiva transizione verso un piano green;

4.Intervento dello stato.

Conte ha dichiarato che bisogna attuare quanto sottoscritto nell’accordo 4 marzo, ribadendo, tuttavia, che senza  partner industriale qualsiasi operazione diventa molto a rischio per il rilancio dello stabilimento siderurgico. 

In riferimento all’ appalto ha confermato che il debito di Arcelor Mittal verso i fornirti è passato da 38 a 18 milioni. 

 

Fim, Fiom e Uilm hanno evidenziato tutte le criticità pendenti all’intento della stabilimento a partire dalle problematiche di sicurezza e dei lavoratori in cassa integrazione e di Ilva in as. 

Inoltre, è stato ribadito che la fase di transizione non può essere gestita con gli attuali ammortizzatori sociali, ma necessita di interventi speciali a difesa del lavoro e del salario.