Martedì, 29 Settembre 2020 10:49

IL DELITTO DI LECCE/ Un testimone “l’assassino ha colpito in 10 minuti ed è andato via tranquillo” In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

L'assassinio di Daniele De Santis e Elepnora Manta è "avvenuto...in poco meno di dieci minuti". Questo "arco temporale" viene sottolineato nell'ordinanza di custodia cautelare - che l'AGI ha potuto leggere -  per Antonio De Marco, il 21enne studente di Scienze infermieristiche arrestato ieri sera. "... Poco dopo - afferma una testimone, che aveva osservato il crimine dallo spioncino della propria porta d'ingresso dopo aver sentito delle urla - notavo una figura che si trascinava sulle scale, non capivo chi potesse essere. In tale frangente notavo una persona che si avvicinava e lo colpiva più volte e sentivo la persona per terra che implorava il sofggetto che lo stava colpendo dicendogli più volte 'basta, basta, basta!'".

    "Subito dopo - prosegue la teestimone - sempre dallo spioncino, ho notato questa figura, con passo normale e apparentemente tranquillo, che scendeva le scalee. Lo stesso indossava una felpa nera, ppresumo che teneva il cappuccio poichè ho visto l'intera figura scura, aveva uno zainetto sulle spalle di colore giallo con degli inserti grigio/argento. Penso che poteva essere alto circa 1,75 metri, di corporatura normale anche se ho notato che aveva dwlle spalle larghe".