Sabato, 19 Settembre 2020 12:15

ALTA TENSIONE/ Palombella (Uilm) “ArcelorMittal va mandata via “situazione sull’orlo di esplodere, con effetti ambientali, sociali, occupazionali ed economici devastanti” In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 “ArcelorMittal va mandata via per inadempienza contrattuale, economica, ambientale e perché continua a distruggere un territorio e gli impianti mettendo a rischio la salute e la sicurezza dei lavoratori e dei cittadini. Non si può attendere ancora, il Governo non può permettere a una multinazionale di distruggere gli impianti e spegnere il sito di Taranto. La situazione è sull’orlo di esplodere, con effetti ambientali, sociali, occupazionali ed economici devastanti”. Lo dichiara Rocco Palombella, segretario generale Uilm. Secondo Palombella, “le nuove fermate e riduzioni dell’attività degli impianti comunicate ieri da ArcelorMittal, sono l’ennesimo atto provocatorio nei confronti dei lavoratori e delle organizzazioni sindacali. Negli ultimi giorni - prosegue - la multinazionale ha accelerato azioni che non hanno giustificazioni economiche e organizzative, come la diminuzione del personale di manutenzione nelle acciaierie che aumenta il rischio incidenti e infortuni".

    "ArcelorMittal - dice ancora Palombella - ha ormai deciso di rompere definitivamente per arrivare alla fermata dello stabilimento. Il Governo ne prenda atto e intervenga urgentemente”. Palombella dichiara infine che “la multinazionale sta provando a creare uno scontro con i lavoratori per addossargli la responsabilità della fermata del sito di Taranto” ma, conclude, “non vogliamo essere correi di incidenti e infortuni”.