Giovedì, 10 Settembre 2020 15:30

L’APPUNTAMENTO/ Storie di Taranto, Massimo Cimaglia narra l’Annibale tradito In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

La storia di Annibale con il suo ingresso nella città antica interpretata dall’attore e regista Massimo Cimaglia. Domenica 13 l’attesissimo nuovo appuntamento con “Storie di Taranto”, viaggi tra arte, archeologia e tradizioni. Un tuffo nel passato dell’antica Taras, dalla necropoli alle mura greche complice la visita guidata tematica a cura della cooperativa Polisviluppo arricchita da una suggestiva narrazione teatrale dell’artista Cimaglia, di origini tarantine, conosciuto a livello nazionale.

L’evento rientra nel ricco programma messo a punto dalla Polisviluppo con il supporto dell’amministrazione comunale di Taranto. Archeologi e guide turistiche condurranno il visitatore lungo un percorso tematico ricco di sorprese: dalla Tomba a semicamera di via Alto Adige- poco nota al grande pubblico e risalente al III secolo a.C- fino al parco archeologico delle Mura Greche. Qui, tra i resti dei blocchi delle mura di cinta, andrà in scena la narrazione “Annibale Tradito”, ad opera dell’attore Massimo Cimaglia. Frammenti di un racconto storico con protagonista il grande condottiero cartaginese che, con astuzia e la complicità del popolo, riuscì a sottrarre temporaneamente Taranto ai romani.

Una performance ricca di pathos in quella che, anticamente, veniva chiamata la “città dei morti” per la convivenza dei vivi con i defunti all’interno delle grandi mura, che dal V secolo a.C. proteggevano per circa 11 chilometri la città fondata da Falanto. Mura che s’innalzavano maestose, segnando un limite quasi invalicabile per chi voleva espugnare la città con la sola forza delle armi. Non a caso, per conquistare Taranto e segnarne per sempre la sua storia, furono poi necessari inganno e tradimento.

La prenotazione è obbligatoria al 340.7641759. Orari partenza tour: 9:3010:30 e 11:30. Appuntamento presso la Tomba a semicamera di via Alto Adige, ticket 7 euro, gratuito per i bambini. In ottemperanza alla normativa anti-Covid, i gruppi saranno di massimo 20 persone ed è obbligatoria la mascherina. I partecipanti, inoltre, verranno omaggiati con una pergamena dedicata ad Annibale, in ricordo della giornata.

Prossimi appuntamenti per i quali è già possibile prenotarsi: il 19 settembre, sempre al mattino, con la Taranto romana e il culto dei defunti. La visita guidata si snoderà tra Sacello romano e giardini dell’ospedale Militare con la storia “Se qui Adamo avesse peccato…i vizi del Capecelatro” e il laboratorio archeologico sulla moneta romana. A seguire, sabato 26, il tour attraverserà il centro storico e gli ipogei comunali di via Cava con il percorso Taranto e il Medioevo, dai Bizantini ai Normanni, e un racconto sui Miracoli di San Cataldo.